LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 27 Ottobre 2014 <

Sabato 25 Ottobre 2014

Domenica 26 Ottobre 2014

Lunedì 27 Ottobre 2014

Martedì 28 Ottobre 2014

Mercoledì 29 Ottobre 2014

Giovedì 30 Ottobre 2014

Venerdì 31 Ottobre 2014

Sabato 1 Novembre 2014

Domenica 2 Novembre 2014

Lunedì 3 Novembre 2014


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  Lunedì della XXX settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Verde
PO301 ;
La parola di Gesù, il suo insegnamento, è forza di vita. Essa raddrizza tutto ciò che, nell’essere umano, è storto.
Guarisce tutto ciò che si oppone alla pienezza della vita. La donna inferma, incapace di alzarsi, e il capo della sinagoga, indignato per la misericordia di Gesù, sono tutti e due, per ragioni diverse, chiusi nella gioia della lode. La donna è piegata sul suo corpo, annientata da una sofferenza che le impedisce di stare in piedi davanti a Dio. Ma per mezzo del suo sguardo e della sua parola, Gesù le presta, a lei sola, la stessa attenzione che presta a tutta l’assemblea del giorno di sabato, e la ristabilisce nella gioia di vivere. Il capo della sinagoga è piegato dalla durezza del suo cuore. Se egli stesse in piedi, davanti a Dio, a viso scoperto, non riconoscerebbe forse nella guarigione di questa donna la bontà di Dio? “Ipocriti!”. Gesù non si rivolge solo a lui. Egli desidera sciogliere ogni resistenza alla pienezza in tutti i cuori umani. Egli è venuto a liberare la bontà umana da ciò che la ostacola, perché nell’amore senza limiti l’essere umano ritrovi Dio.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Gioisca il cuore di chi cerca il Signore.
Cercate il Signore e la sua potenza,
cercate sempre il suo volto. (Sal 104,3-4)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
accresci in noi la fede, la speranza e la carità,
e perché possiamo ottenere ciò che prometti,
fa’ che amiamo ciò che comandi.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Ef 4,32-5,8
Camminate nella carità, nel modo in cui anche Cristo ci ha amato.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

Fratelli, siate benevoli gli uni verso gli altri, misericordiosi, perdonandovi a vicenda come Dio ha perdonato a voi in Cristo.
Fatevi dunque imitatori di Dio, quali figli carissimi, e camminate nella carità, nel modo in cui anche Cristo ci ha amato e ha dato se stesso per noi, offrendosi a Dio in sacrificio di soave odore.
Di fornicazione e di ogni specie di impurità o di cupidigia neppure si parli fra voi – come deve essere tra santi – né di volgarità, insulsaggini, trivialità, che sono cose sconvenienti. Piuttosto rendete grazie! Perché, sappiatelo bene, nessun fornicatore, o impuro, o avaro – cioè nessun idolatra – ha in eredità il regno di Cristo e di Dio.
Nessuno vi inganni con parole vuote: per queste cose infatti l’ira di Dio viene sopra coloro che gli disobbediscono. Non abbiate quindi niente in comune con loro. Un tempo infatti eravate tenebra, ora siete luce nel Signore. Comportatevi perciò come figli della luce.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 1

Facciamoci imitatori di Dio, quali figli carissimi.

Beato l’uomo che non entra nel consiglio dei malvagi,
non resta nella via dei peccatori
e non siede in compagnia degli arroganti,
ma nella legge del Signore trova la sua gioia,
la sua legge medita giorno e notte.

È come albero piantato lungo corsi d’acqua,
che dà frutto a suo tempo:
le sue foglie non appassiscono
e tutto quello che fa, riesce bene.

Non così, non così i malvagi,
ma come pula che il vento disperde.
Il Signore veglia sul cammino dei giusti,
mentre la via dei malvagi va in rovina.

Canto al Vangelo (Gv 17,17)
Alleluia, alleluia.
La tua parola, Signore, è verità;
consacraci nella verità.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 13,10-17
Questa figlia di Abramo non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù stava insegnando in una sinagoga in giorno di sabato. C’era là una donna che uno spirito teneva inferma da diciotto anni; era curva e non riusciva in alcun modo a stare diritta.
Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei liberata dalla tua malattia». Impose le mani su di lei e subito quella si raddrizzò e glorificava Dio.
Ma il capo della sinagoga, sdegnato perché Gesù aveva operato quella guarigione di sabato, prese la parola e disse alla folla: «Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi guarire e non in giorno di sabato».
Il Signore gli replicò: «Ipocriti, non è forse vero che, di sabato, ciascuno di voi slega il suo bue o l’asino dalla mangiatoia, per condurlo ad abbeverarsi? E questa figlia di Abramo, che Satana ha tenuto prigioniera per ben diciotto anni, non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?».
Quando egli diceva queste cose, tutti i suoi avversari si vergognavano, mentre la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Con il battesimo abbiamo ricevuto uno spirito da figli adottivi, per mezzo del quale possiamo rivolgerci a Dio chiamandolo Padre. Per questo, con fiducia rivolgiamo al Signore le nostre preghiere. Diciamo insieme:
Padre, ascoltaci.

- Perché la Chiesa superi con la libertà della fede, qualsiasi tradizione che offusca lo spirito evangelico e indichi ai fedeli il vero volto di Dio. Preghiamo:
- Perché gli uomini siano liberati dalla tentazione di crearsi una propria e riduttiva immagine di Dio, ma lo scoprano come egli si è rivelato in Gesù Cristo. Preghiamo:
- Perché nessuna legge o istituzione sia di impedimento al compimento del bene, ma su tutto prevalga il comandamento dell'amore. Preghiamo:
- Perché tutti i datori di lavoro si impegnino fattivamente a rispettare la dignità della persona, che viene prima di ogni interesse e profitto economico. Preghiamo:
- Perché l'amore verso Dio ci aiuti a vivere la nostra sessualità come dono, che ci rende conformi alla sua immagine. Preghiamo:
- Perché la nostra festa sia segno di salvezza.
- Per un maggiore dialogo della scienza medica con i principi della fede.

Dio di infinita bontà, che nella croce del tuo Cristo hai liberato l'uomo da qualsiasi schiavitù, donaci di vivere sempre in rendimento di grazie e di manifestare al mondo la gioia della salvezza. Per lo stesso Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Guarda, Signore, i doni che ti presentiamo:
quest’offerta,
espressione del nostro servizio sacerdotale,
salga fino a te e renda gloria al tuo nome.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Esulteremo per la tua salvezza
e gioiremo nel nome del Signore, nostro Dio. (Sal 20,6)

Oppure:
Cristo ci ha amati: per noi ha sacrificato se stesso,
offrendosi a Dio in sacrificio di soave profumo. (Ef 5,2)


Preghiera dopo la comunione
Signore, questo sacramento della nostra fede
compia in noi ciò che esprime
e ci ottenga il possesso delle realtà eterne,
che ora celebriamo nel mistero.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-10-2018)
Commento su Lc 13,10-13
«In quel tempo, Gesù stava insegnando in una sinagoga il giorno di sabato. C'era là una donna che aveva da diciotto anni uno spirito che la teneva inferma; era curva e non poteva drizzarsi in nessun modo. Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: ?Donna, sei libera dalla tua infermità», e le impose l ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29-10-2018)
Donna, sei liberata dalla tua malattia
È giusto chiedersi: perché solo per il terzo comandamento si ha un così grande terrore per la sua trasgressione da giungere fino a limitare o proibire anche le cose più lecite e più sante? La risposta viene a noi dal Secondo Libro delle Cronache. Il Signore, Dio dei loro padri, mandò premurosamente ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30-10-2017)
Commento su Lc 13.11-13
«C'era là una donna che aveva da diciotto anni uno spirito che la teneva inferma; era curva e non poteva drizzarsi in nessun modo. Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei libera dalla tua infermità», e le impose le mani. Subito quella si raddrizzò e glorificava Dio.» Lc 13.11-13 Come ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-10-2016)
Donna, sei liberata dalla tua malattia
Si legge nel primo Libro dei Maccabei che quanti si erano impegnati a lottare per liberare la terra dei figli di Israele dagli idolatri che l'avevano occupata e che stavano obbligando tutti con il terrore della morte a rinnegare la Legge del Signore, per non soccombere, presero la decisione di comba ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-10-2016)
Commento su Lc 13,10-13
«In quel tempo, Gesù stava insegnando in una sinagoga in giorno di sabato. C'era là una donna che aveva da diciotto anni uno spirito che la teneva inferma; era curva e non poteva drizzarsi in nessun modo. Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: "Donna, sei libera dalla tua infermità", e le impose l ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-10-2015)

È curva la donna che chiede aiuto al Signore. Curva per una qualche grave forma di malattia alla schiena. Ma anche curva sotto il peso di quello che, chi le sta attorno, le chiede. Una donna dev'essere sottomessa ed obbediente al maschio di casa. Al padre, prima, al marito, poi. Era una consuetudine ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26-10-2015)
Tutti i suoi avversari si vergognavano
Nessuna cosa è più stolta di una legge, una prescrizione, un regolamento, una norma vissuta senza sapienza. Ancora cosa più stolta oggi è che norme, regolamenti, istruzioni, leggi sono scritti senza alcuna sapienza. D'altronde non potrebbe essere se non così. Un uomo stolto, che ha decretato l'esili ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-10-2015)
Commento su Lc 13, 11-14
"C'era là una donna che uno spirito teneva inferma da diciotto anni; era curva e non riusciva in alcun modo a stare diritta. Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: "Donna, sei liberata dalla tua malattia". Impose le mani su di lei e subito quella si raddrizzò e glorificava Dio. Ma il capo della si ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27-10-2014)

Perché l'uomo è cosi diabolicamente abile nello stravolgere la Legge di Dio? Una legge donata per la libertà, per la crescita, per l'armonia che noi, spesso, allora e oggi, facciamo diventare un'esasperante gabbia che soffoca? La legge ci è donata da Dio come indicazione verso la felicità, non come ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27-10-2014)
Commento su Lc 13,16
«Questa figlia di Abramo, che Satana ha tenuto prigioniera per ben diciotto anni, non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?» Lc 13,16 Come vivere questa Parola? Gesù vede una donna che non poteva starsene dritta da diciotto anni, ha pietà del suo male e la risana anche in ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27-10-2014)
Donna, sei liberata dalla tua malattia
L'osservanza della Legge del Signore, di ogni suo precetto, statuto, norma, è consegnata dallo stesso Dio in modo perenne alla sapienza e saggezza dello Spirito Santo. È lo Spirito di Dio la verità della divina volontà. Senza di Lui facciamo della Scrittura, della Legge, dello stesso Vangelo, uno st ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29-10-2012)
Commento su Luca 13,10-17
Si vergognano, i detentori del potere religioso, arrossiscono davanti alle loro assurde elucubrazioni, le loro sconclusionate riflessioni teologiche che presentano un Dio feroce e incomprensibile. E fanno benissimo a vergognarsi. Esulta, la folla, perché finalmente vede il vero volto di Dio. Non un ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 29-10-2012)
Tutti i suoi avversari si vergognavano, mentre la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute
Avete mai notato quanta fantasia hanno le persone. E' incredibile la quantità di sciocchezze che riescono a tirare fuori dal cilindro pur di avvallare le loro contorte ipotesi ed arrivare a creare una ragnatela contro di voi. Per fortuna sono fili leggeri, tessuti su banali scuse e opinioni legate a ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29-10-2012)
La folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute
La giusta, perfetta interpretazione della Legge è solo dallo Spirito Santo nell'uomo e dall'uomo nello Spirito Santo. Nella Chiesa di Dio essa è il frutto del lavorio di tutta la comunità credente, sotto la guida degli Apostoli, in comunione con Pietro, al quale spetta per diritto divino l'ultima pa ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-10-2012)
Commento su Luca 13,12
Gesù la vide, le chiamò a sé e le disse: "Donna, sei liberata dalla tua malattia" Lc 13,12 Come vivere questa Parola? Spesso Gesù dona i suoi insegnamenti all'aperto. Questa volta no. È all'interno della Sinagoga che immagineremo, come di solito, gremita di gente. Era infatti sabato: il giorno pe ...
(continua)