LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 5 Dicembre 2012 <

Lunedì 3 Dicembre 2012

Martedì 4 Dicembre 2012

Mercoledì 5 Dicembre 2012

Giovedì 6 Dicembre 2012

Venerdì 7 Dicembre 2012

Sabato 8 Dicembre 2012

Domenica 9 Dicembre 2012

Lunedì 10 Dicembre 2012

Martedì 11 Dicembre 2012

Mercoledì 12 Dicembre 2012


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  Mercoledì della I settimana di Avvento

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Viola
EA013 ;
Gesù, di ritorno in Galilea da una predicazione nelle regioni di Tiro e Sidone, oltre i confini della Palestina, moltiplica nuovamente i pani (cf. Mt 14,13-21). Questa volta i destinatari non sono solo gli ebrei, ma anche i pagani scesi con lui in Galilea. L’evangelista annota, infatti, che, dopo la moltiplicazione dei pani, i presenti hanno glorificato il Dio del popolo d’Israele. Lo scopo del miracolo è di far capire che tutti, indistintamente, possono beneficiare della salvezza.
Anche i discepoli sembrano avere intuito la sproporzione del compito che, in prospettiva futura, sarebbe stato loro affidato. “Dove troveremo tutto il pane per sfamare tanta gente?”. Come faremo ora che i confini della Palestina sono stati infranti e culture diverse sono state incluse da Cristo nell’orizzonte della salvezza?
La domanda posta dai discepoli a Gesù è la stessa che l’uomo pone a Dio, dall’abisso della sua povertà. È la consapevolezza, che affiora spesso in noi, che senza di lui non possiamo fare nulla.
All’arduo lavoro per la conversione di noi stessi, al compito di testimoniare la nostra fede agli altri e di annunciare il vangelo a tutto il mondo che ci circonda, si pone come ostacolo la sproporzione delle nostre forze: dove troveremo, Signore, la capacità e il coraggio per dare una risposta al bisogno di verità, di giustizia, di amore dell’umanità intera?
Il nostro operare nel mondo può svolgersi secondo il disegno del Padre, senza provocare violenze e soprusi, solo se nel cuore sappiamo mantenere un atteggiamento profondamente religioso: quello di sapere che abbiamo sempre bisogno dell’aiuto del Signore.

Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore viene,
non tarderà:
svelerà i segreti delle tenebre,
si farà conoscere a tutti i popoli. (cf. Ab 2,3; 1Cor 4,5)


Colletta
Dio grande e misericordioso,
prepara con la tua potenza il nostro cuore
a incontrare il Cristo che viene,
perché ci trovi degni di partecipare al banchetto della vita
e ci serva egli stesso nel suo avvento glorioso.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 25,6-10a
Il Signore invita tutti al suo banchetto e asciuga le lacrime su ogni volto.

Dal libro del profeta Isaìa

In quel giorno,
preparerà il Signore degli eserciti
per tutti i popoli, su questo monte,
un banchetto di grasse vivande,
un banchetto di vini eccellenti,
di cibi succulenti, di vini raffinati.
Egli strapperà su questo monte
il velo che copriva la faccia di tutti i popoli
e la coltre distesa su tutte le nazioni.
Eliminerà la morte per sempre.
Il Signore Dio asciugherà le lacrime su ogni volto,
l’ignominia del suo popolo
farà scomparire da tutta la terra,
poiché il Signore ha parlato.
E si dirà in quel giorno: «Ecco il nostro Dio;
in lui abbiamo sperato perché ci salvasse.
Questi è il Signore in cui abbiamo sperato;
rallegriamoci, esultiamo per la sua salvezza,
poiché la mano del Signore si poserà su questo monte».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Salmo 22

Abiterò nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita.

Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla.
Su pascoli erbosi mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce.
Rinfranca l’anima mia.

Mi guida per il giusto cammino
a motivo del suo nome.
Anche se vado per una valle oscura,
non temo alcun male, perché tu sei con me.
Il tuo bastone e il tuo vincastro
mi danno sicurezza.

Davanti a me tu prepari una mensa
sotto gli occhi dei miei nemici.
Ungi di olio il mio capo;
il mio calice trabocca.

Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne
tutti i giorni della mia vita,
abiterò ancora nella casa del Signore
per lunghi giorni.

Canto al Vangelo ()
Alleluia, alleluia.
Ecco, viene il Signore a salvare il suo popolo:
beati coloro che sono preparati all’incontro.
Alleluia.

>

Vangelo

Mt 15,29-37
Gesù guarisce molti malati e moltiplica i pani.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele.
Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?».
Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla.
Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Nessuna sofferenza umana è nascosta agli occhi di Dio. Rendendoci voce di ogni gemito e di ogni ferita dei fratelli, preghiamo dicendo:
Vieni in nostro aiuto, Signore.

Ti preghiamo per chi ti nega o è indifferente:
Ti preghiamo per chi si è lasciato accecare dall'odio:
Ti preghiamo per chi usa prepotenza:
Ti preghiamo per chi vive costantemente nel peccato:
Ti preghiamo per chi tratta gli altri come oggetti:
Ti supplichiamo per chi si scopre affetto dal cancro:
Ti supplichiamo per chi nasce con deformazioni e menomazioni:
Ti supplichiamo per chi è leso da incidenti stradali:
Ti supplichiamo per chi subisce infortuni sul lavoro:
Ti supplichiamo per gli ammalati di cuore:
Ti preghiamo per chi soffre la fame e la sete:
Ti preghiamo per chi è vittima di terremoti e di alluvioni:
Ti preghiamo per chi non ha casa:
Ti preghiamo per chi è senza lavoro:
Ti preghiamo per chi vive il dramma della guerra:
Ti supplichiamo per i tossicodipendenti e gli alcolizzati:
Ti supplichiamo per i tanti poveri ed emarginati:
Ti supplichiamo per gli sfrattati:
Ti supplichiamo per le vittime di violenza e di imbroglio:
Ti supplichiamo per chi, per debolezza, entra nel giro del male:

O Padre, che salvi tutti gli uomini e non vuoi che nessuno perisca e vada perduto, spandi su tutti la tua misericordia e a tutti fa' sentire il tuo amore paterno. Per Cristo nostro fratello e Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Sempre si rinnovi, Signore,
l’offerta di questo sacrificio,
che attua il santo mistero da te istituito,
e con la sua divina potenza
renda efficace in noi l’opera della salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
L’offerta che ti presentiamo, Signore,
dia gloria al tuo nome
e ottenga a noi il perdono e la pace.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELL’AVVENTO I
La duplice venuta del Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
Al suo primo avvento
nell’umiltà della nostra natura umana
egli portò a compimento la promessa antica,
e ci aprì la via dell’eterna salvezza.
Verrà di nuovo nello splendore della gloria,
e ci chiamerà a possedere il regno promesso
che ora osiamo sperare vigilanti nell’attesa.
E noi, uniti agli Angeli e alla moltitudine dei Cori celesti,
cantiamo con gioia l’inno della tua lode: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DELL’AVVENTO I/A
Cristo, Signore e giudice della storia

È veramente giusto renderti grazie
e innalzare a te l’inno di benedizione e di lode,
Padre onnipotente, principio e fine di tutte le cose.
Tu ci hai nascosto il giorno e l’ora,
in cui il Cristo tuo Figlio, Signore e giudice della storia,
apparirà sulle nubi del cielo
rivestito di potenza e splendore.
In quel giorno tremendo e glorioso
passerà il mondo presente
e sorgeranno cieli nuovi e terra nuova.
Ora egli viene incontro a noi in ogni uomo e in ogni tempo,
perché lo accogliamo nella fede
e testimoniamo nell’amore la beata speranza del suo regno.
Nell’attesa del suo ultimo avvento,
insieme agli angeli e ai santi,
cantiamo unanimi l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Il Signore nostro Dio verrà con potenza
e riempirà di luce i suoi fedeli. (Is 40,10; cf. 34,5)

Oppure:
“Sento compassione di questa folla:
non voglio rimandarli digiuni,
perché non svengano lungo la strada”. (Mt 15,32)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, nostro Padre,
la forza di questo sacramento
ci liberi dal peccato
e ci prepari alle feste del Natale.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
O Padre,
che ci hai nutriti con il corpo e sangue del tuo Figlio,
fa’ che rimaniamo nel tuo amore,
viviamo della tua vita
e camminiamo verso la tua pace.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03-12-2014)
Sento compassione per la folla
Oggi Gesù si rivela come il compassionevole, il pietoso, il ricco di bontà e di misericordia. Il suo però non è un amore inefficace, di sole parole come il nostro. Il suo è sempre efficace, risolutore, apportatore di pace, vita, abbondanza, conforto, sostegno, gioia, vera speranza, consolazione, sal ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03-12-2014)
Commento su Mt 15, 32
«Sento compassione per la folla» Mt 15, 32 Come vivere questa Parola? Questa frase può essere una chiave di lettura per capire l'incarnazione, la venuta di Dio nel mondo. Di fronte ad una folla affamata, oppressa dall'indigenza, il cuore del Signore non resta indifferente, ma interviene, si prend ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 04-12-2013)
Un rimedio contro la crisi che ci sta attanagliando
Non voglio rimandarli digiuni, perché non svengano lungo la strada La crisi economica di questi ultimi tempi sta portando molte famiglie alla fame, persone che si ritrovano a dormire in auto o sotto i portici. Ma la fame ha radici lontane, la pancia vuota purtroppo l'uomo l'ha da prima della cris ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-12-2013)
Commento su Isaia 25,9b
Questi è il Signore in cui abbiamo sperato; rallegriamoci, esultiamo per la sua salvezza... Is 25,9b Come vivere questa Parola? All'interno del grande inno di ringraziamento per la salvezza che il Signore elargisce sul popolo colpito dalle sventure, Isaia colloca un brano dalle consolanti dimen ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-12-2013)
Sento compassione per la folla
La compassione è in Dio una forza irresistibile che lo spinge ad amare la sua creatura, quella da Lui fatta a sua immagine e somiglianza, di un amore infinito, senza tregua, sosta, ininterrottamente, senza mai stancarsi. La compassione di Dio la possiamo paragonare al fuoco che aggredisce la paglia. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-12-2012)
Commento su Matteo 15,29-37
Ha compassione della folla, il Maestro. Non sono numeri, o casi clinici, non li analizza come possibili consumatori, non li ritiene delle risorse o dei problemi. Sono persone, singoli individui conosciuti ed amati. Ascolta le loro ferire, sente e condivide il loro dolore, guarisce e consola, risana ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 05-12-2012)
E la folla era piena di stupore nel vedere...
Siamo pieni di amici oggigiorno, su facebook, nelle comitive, nei gruppi di ragazzi, alle feste, alle manifestazioni, così pieni che ci ubriachiamo e non sappiamo a chi dar retta. Parole come Amore, Aiuto, Bellezza interiore e complimenti vari si sprecano in ogni dove più e più volte al giorno. Ne a ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05-12-2012)
Commento su Isaia 25,6
Preparerà il Signore degli eserciti per tutti i popoli, su questo monte, un banchetto di grasse vivande, un banchetto di vini eccellenti, di cibi succulenti, di vini raffinati Is 25,6. Come vivere questa Parola? Nel libro dell'Esodo si narra che, al momento della stipulazione dell'alleanza, i cap ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 05-12-2012)
Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare
Gesù viene sulla nostra terra per sfamare l'umanità di Dio, per dissetarla della sua conoscenza, per ricostituirla con la sua grazia, per rimodellarla con la sua verità. Urge per questo leggere in chiave Cristologica l'antica profezia e il Libro dei Proverbi. O voi tutti assetati, venite all'acqu ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-12-2010)

Dalla Parola del giorno Popolo di Sion, che abiti a Gerusalemme, tu non dovrai più piangere. A un tuo grido di supplica ti farà grazia; appena udrà, ti darà risposta. Come vivere questa Parola? O anima che ti struggi dal desiderio di Dio, ascolta: Dio è innamorato di te! Dio ti desidera, spia n ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 01-12-2010)
Il banchetto del Signore
Nella liturgia della Parola odierna possiamo vedere la figura e la sua realizzazione, l'annuncio e la realtà di eventi salvifici. Isaia vede un monte su cui è imbandita una succulenta mensa a cui tutti i popoli sono invitati. Alla gioia del convito si aggiunge la rimozione del velo di tristezza e di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01-12-2010)
Sento compassione per la folla
Non c'è vera celebrazione del Natale, se tutti gli "Attori" visibili che partecipano alla realizzazione storica, o attualizzazione del mistero della nascita di Cristo Gesù, non si rivestono della stessa motivazione per la quale Gesù è venuto sulla terra ed ha voluto nascere in mezzo a noi, facendosi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 02-12-2009)

Lo stupore è l'atteggiamento che scaturisce dall'incontro col Signore. Come la folla che lo cerca portandogli i propri ammalati, anche noi lo cerchiamo per guarire le nostre profonde ferite interiori, ed esultiamo, nel vedere i ciechi vedere e i muti parlare. È vero: molte persone che vivono nella c ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 02-12-2009)
Segno miracolante
NON C'E' SITUAZIONE UMANA CHE DIO NON POSSA MIRACOLARE Il miracolo di Dio è entrare nella storia umana attraverso il segno. Un segno che parte dalla disponibilità dell'uomo ad offrire a Dio questa "primizia" che diventa, nelle mani benedicenti del Cristo, occasione di abbondanza per tutti. Là ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02-12-2009)
Commento su Sl 23,5
Dalla Parola del giorno "Davanti a me tu prepari una mensa." Come vivere questa Parola? Questo versetto del salmo collega le due letture odierne, costruendo intorno ad esse una cornice di serena e pacata gioia. Al centro una mensa imbandita e servita dal Re-Pastore. Banchetto nuziale a cui sono ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03-12-2008)

Prega con noi oggi lo straordinario Francesco Saverio, uno dei dodici discepoli di sant'Ignazio di Lodola, fondatore della Compagnia di Gesù. Infiammato da Cristo, porterà il vangelo fino ai confini del mondo, in India, Giappone e Cina. Francesco Saverio realizza la splendida profezia di Isaia: i ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 03-12-2008)
Gesù invita al suo banchetto
Gesù, dopo avere rivelato la sua conoscenza e misericordia ai piccoli e ai poveri, ora li chiama a formare con lui una sola famiglia, una comunione profonda, una gioia infinita intorno al suo banchetto eucaristico, in cui scaturisce la vera guarigione. Quindi in questo banchetto, che è la moltiplica ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03-12-2008)
Commento a Mt 15,32
Dalla Parola del giorno ?Sento compassione di questa folla?. Come vivere questa Parola? In questa frase la chiave di lettura dell?incarnazione. Dio ha compassione dell?uomo, di questa folla sbandata che vaga senza meta, incapace di dare un senso alla propria vita. Questa folla oppressa dal male ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google