Omelie riferite al libro: Lettera ai Romani, capitolo 13

don Raffaello Ciccone     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Commento su Deuteronomio 6, 1-9; Romani 13,8-14a; Luca 10, 25-37
Lettura del libro del Deuteronomio. 6, 1-9
Il Deuteronomio ("seconda legge") è chiamato così per l'obbligo che il re aveva di tenere presso di sé una copia della Legge ( "una seconda Legge") come guida del suo governo e della sua condotta (Deut. 17,18). Il Deuteronomio è il libro per e ...

(continua)
don Cristiano Mauri     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Il bivio
Il volontarista, che afferma di credere, di fronte a brani così gongola. Lo Shemà Israel del Deutoronomio lo esalta. "Giusto - grida nel suo orgasmo efficentista - bisogna portare Dio in ogni luogo e in ogni situazione... Abbiamo il dovere di affermare la fede e proporla in tutti gli ambiti possib ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04 Settembre 2011)
Commento su Ezechiele 33, 7-9, Salmo 94, 2-2.6-7.8-9 Romani 13,8-10 Matto 18,15-20
La liturgia dell'odierna domenica è tutta pervasa dalla pedagogia divina sulla riconciliazione fraterna, dall'antifona d'ingresso fino all'antifona alla comunione. Correggere è un'arte difficile, ci vuole discrezione, autorità, misericordia, perché si corre il rischio di prevaricare l'altro, di rica ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 00 0000)
Commento su Isaia 2,1-5; Salmo: 121; Romani 13,11-14; Matteo 24,37-44
Iniziamo con questa domenica un nuovo anno liturgico, e con esso il tempo d'Avvento, in cui sarà il vangelo di Matteo ad offrirci la Parola che guida il nostro cammino di fede. L'avvento non può limitarsi alla semplice preparazione della festa del Natale, ma deve diventare un impegno a capire che co ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 01 Dicembre 2013)
Commento su Isaia 2,1-5; Salmo 121; Romani 13,11-14; Matteo 24,37-44
Introduzione
Questo testo non fa parte di quelli che si scelgono deliberatamente per trovarvi un conforto e risollevarsi il morale. Eppure la Chiesa mette un tale ostacolo all'inizio dell'anno liturgico. Si tratta di abbandonare il trantran, le abitudini, le usanze, di convertirsi e rip ...

(continua)
Eremo San Biagio     (Omelia del 06 Novembre 2013)
Commento su Romani 13, 8
Non siate debitori di nulla se non dell'amore vicendevole, perché chi ama l'altro ha adempiuto la Legge. Rm 13, 8
Come vivere questa Parola?
Adempiere la Legge era per gli uomini di fede contemporanei di Paolo il punto fermo e intoccabile. Ma con la Legge e le sue p ...

(continua)
Eremo San Biagio     (Omelia del 02 Dicembre 2007)

Dalla Parola del giorno È ormai tempo di svegliarvi dal sonno, perché la nostra salvezza è più vicina ora di quando diventammo credenti. La notte è avanzata, il giorno è vicino. Come vivere questa Parola? Con la liturgia odierna muoviamo i primi passi nel tempo dell ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 01 Dicembre 2013)
Commento su Romani 13,11-14a
Collocazione del brano
Questo brano fa parte degli ultimi capitoli della lettera ai Romani. Dopo aver spiegato in modo approfondito il rapporto tra la religione ebraica, con il suo attaccamento alla Legge e alle sue tradizioni, e la nuova vita in Cristo, Paolo passa alle conseguenze pra ...

(continua)
Eremo San Biagio     (Omelia del 07 Settembre 2008)

Dalla Parola del giorno Verso ciascuno non avete che questo debito: amatevi gli uni gli altri. Chi infatti ama l?altro, ha compiuto la Legge. Come vivere questa Parola? Dopo aver parlato del giusto comportamento che i credenti, come ogni altro cittadino, devono avere nel pi ...
(continua)
Eremo San Biagio     (Omelia del 04 Settembre 2011)
Commento su Romani 13,8-10
"Il precetto: Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non desiderare e qualsiasi altro comandamento, si riassume in queste parole: Amerai il prossimo tuo come te stesso" (Rm 13, 9).
Riprendiamo con gioia il cammino alla luce della Parola con una pericope della seconda letter ...

(continua)