Omelie riferite al libro: Vangelo secondo Matteo, capitolo 3

don Giorgio Zevini     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Video Commento a Mt 3, 1-12

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Commento su Is 11,1-10; Sal 71; Rm 15,4-9; Mt 3,1-12
Il periodo di Avvento ci viene proposto come preparazione alla venuta del Signore che si incarna in una donna per la nostra salvezza. Grande momento per l'uomo per rivedere il percorso della propria vita e "pulire da tutto ciò che non è perfetto e lasciarla libera per il Cristo che scende fra noi co ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
La pazienza che ci salva
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane, disponibile online presso questo link https://goo.gl/NWRzYo ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Commento su Isaia 42,1-4.6-7; Salmo 28; Atti 10,34-38; Matteo 3,13-17
Siamo sulle rive del Giordano. Un profeta sta battezzando, sta cioè immergendo nelle acque del Giordano coloro che vengono a lui, che lo cercano, che lo seguono. Un rito di purificazione, una promessa di cambiamento di mentalità, l'attesa di una liberazione... Chi è un profeta? Uno che prevede il fu ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Commento su Isaia 42,1-4.6-7; Salmo 28; Atti degli Apostoli 10,34-38; Matteo 3,13-17
Introduzione
Gesù chiede a Giovanni di battezzarlo, ma non ha bisogno alcuno di tale battesimo di penitenza perché, dall'inizio, tutto si realizzi e perché si manifesti la Santa Trinità che egli è venuto a rivelare. Giovanni invitava il popolo a prepararsi alla venuta imminente del Mess ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 23 Novembre 2014)
Commento su Is 51,7-12a; Rm 15, 15-21; Mt 3,1-12
Is 51, 7-12a Con il capitolo 51 inizia il grande poema della restaurazione di Sion, annunciata ancora durante il periodo dell'esilio in Babilonia dal "DeuteroIsaia (secondo Isaia)". Sono i testi della speranza e della consolazione, ma iniziano con i richiami alla responsabilità e alla operosità: "A ...
(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Commento su Is 55,4-7; Efesini 2,13-22; Matteo 3,13-17
Is 55,4-7
In questo testo il profeta intravede il tempo della liberazione e parla ad un popolo che vive a Babilonia, scoraggiato dal lungo esilio e deluso che il Signore non sappia o non voglia provvedere.
In questo testo c'è un invito ad un banchetto nei primi versetti: "O voi tut ...

(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
I sentieri di Dio
Lupo e agnello, leopardo e capretto, vitello e leoncello, un fanciullo... Mucca e orsa e i loro piccoli, leone e bue, un bambino... ci sarà pace, Lui sarà la Pace. Sono queste le parole grandi del profeta. Ma come tutto questo, se ancora oggi l'umanità soffre di tante guerre, se l'uomo compie viole ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Video commento a Mt 3,1-12

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 00 0000)
Profeti e profezie
Sono due i profeti che si confrontano, oggi. Due giganti della fede, due pilastri della spiritualità, due servi della Parola. Il rude Giovanni e l'incantato Isaia. Così diversi nel loro modo di profetizzare, cioè di leggere il presente, eppure così autentici ed attuali. Isaia parla ad un popolo ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Video commento a Mt 3,1-12

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Il nuovo Battesimo è l'immersione nel mare di Dio
Giovanni il Battista predicava nel deserto della Giudea dicendo: convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino (Mt 3,2). Gesù cominciò a predicare lo stesso annuncio: convertitevi perché il regno dei cieli è vicino (Mt 4,17). Tutti i profeti hanno gli occhi fissi nel sogno, nel regno dei cieli c ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 05 Dicembre 2010)
Video commento su Mt 3,1-12

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Video commento su Mt 3,1-12

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Convertitevi, perché Dio è vicino
Nel cammino verso il Natale, Dio ci chiede un cambiamento totale. Conosciamo tutti per esperienza come è facile oscurare Dio in noi, fino quasi ad ignorarne la Presenza.
A volte la nostra debolezza, che si manifesta nel peccato o in uno stile di vita puramente umana, ma senza la fede che ci ele ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Commento su Mt 3,1-2
In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino
Mt 3,1-2

Come vivere questa Parola?
La conversione è il centro della predicazione dei profeti.
Con-vestirsi, con-vergere verso ...

(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 05 Dicembre 2010)
Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!
E' chiaro perché la liturgia propone nella seconda domenica di Avvento, ogni anno, la figura di Giovanni il Battista: è lui che ha annunciato la venuta del Signore, lui che lo ha riconosciuto, è lui che ha detto: Ecco l'agnello di Dio. Ecco colui che toglie i peccati del mondo. Gesù ha cominciato ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Il preambolo della fede
La personalità che maggiormente emerge in questa liturgia di Avvento è senz'altro quella del Battista, la cui comparsa e la cui opera costituiscono quello che viene definito "l'inizio terreno di Gesù Messia" (Bordoni). E' infatti grazie a Giovanni che noi possiamo concepire la figura di Cristo e la ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Sulla Tua Parola - Mt 3,1-12

...
(continua)

don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Giovanni il Battista: pochi peli sulla lingua!
A me capita spesso di camminare per una strada e di chiedermi di colpo: avrò chiuso a chiave? Avrò spento la luce (questo sarebbe il danno minimo), avrò spento il fornello del gas (e qua sono guai!)? Unica soluzione è: tornare indietro, controllare, rimettere a posto la testa che stavi lasciando per ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
#StradeDorate - Commento su Matteo 3,1-12

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
La Parola - commento a Mt 3,1-12
Commento a cura di suor Lucia Scerra, delle Suore della Divina Volontà.

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Commento su Matteo 3,1-12

...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 04 Dicembre 2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Un dettaglio che colpisce nella sobria narrazione dell'evangelista Matteo della missione del Battista è quello dell'accorrere di tantissima gente per "farsi battezzare". Come si spiega questo accorrere di tanta gente? Un accorr ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Oggi sale in cattedra Giovanni Battista: il maestro dell'Avvento
Nella seconda domenica di Avvento, la parola di Dio, nel testo del Vangelo, ci presenta l'eminentissima figura del precursore di Gesù, Giovanni il Battista, tra l'altro anche cugino del Signore.
Nel breve testo del Vangelo di Matteo, il Battista, pur essendo una persona estremamente umile, appa ...

(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Video commento alla liturgia - Mt 3,1-12

...
(continua)

don Roberto Farruggio     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Video commento alla liturgia con i ragazzi - Mt 3,1-12

...
(continua)

Agenzia SIR     (Omelia del 04 Dicembre 2016)

Come lo scalpello nella pietra, le parole di Giovanni - rivolte a tutti - dicono cosa e come: convertirsi è dare buoni frutti: fare il proprio dovere con serietà e onestamente, spartire e non accaparrare, pregare e dividere il pane. Giovanni precede il Signore per prepararci il cuore ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
C'è ancora speranza!
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 04 Dicembre 2016)

Buon giorno ragazzi! Eccoci alla seconda domenica di Avvento. Come sempre, la Parola di Dio guida i nostri passi e ci aiuta a vedere la vita secondo il suo progetto. Avete ascoltato le letture di oggi, vero? Vi è piaciuta la prima lettura? Penso proprio di si! Quando l'ho ascoltata, a me sembrav ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
La fede si fa carne
Clicca qui per la vignetta della settimana. "Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare" recita un proverbio famoso. Giovanni il battista potrebbe forse modificare il proverbio dicendo "...c'è di mezzo il fiume Giordano". Giovann ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Audio commento alla liturgia - Mt 3,1-12
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Non è un sogno ma una prospettiva
L'Avvento, cominciato domenica scorsa, è il tempo dell'anno predisposto per rivivere la lunga attesa del popolo d'Israele in vista dell'annunciato arrivo del Messia. Protagonista ne è, con il profeta Isaia e la Vergine Maria, san Giovanni Battista, che il vangelo odierno (Matteo 3,1-12) presenta al ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Video commento su Mt 3,1-12

...
(continua)

don Alberto Brignoli     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Ci voleva, un Dio così... o no?
Il cammino di Avvento si è avviato da poco, ma l'abbiamo già intrapreso in maniera abbastanza decisa. E la meta che ci siamo proposti, è stata sin dall'inizio abbastanza ambiziosa: andare alla scoperta di Dio, capire come si manifesta nella nostra vita. Siamo partiti - com'è bene che sia - con alcun ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 23 Novembre 2014)
Rattristato per la durezza dei loro cuori
La falsa profezia rattrista il cuore del giusto. Gesù è il Giusto del Signore e sempre viene rattristato dalla falsa profezia con la quale viene nutrito il suo popolo. Niente è più triste della falsa profezia. Con essa si inquina il popolo di tenebre e lo si priva della sua vera speranza, che nasce ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 19 Novembre 2017)
Abbiamo Abramo per padre!
I veri profeti sempre hanno combattuto contro le false sicurezze. Ascoltando Giovanni il Battista parlare a farisei e a sadducei sembra di ascoltare il profeta Geremia.

Questa parola fu rivolta dal Signore a Geremia: «Férmati alla porta del tempio del Signore e là pronuncia questo discorso: A ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!
Viene Gesù per stipulare con l'intero universo la Nuova Alleanza nel suo sangue, sul fondamento della sua Parola. Ogni uomo, Giudeo o Greco, dell'oriente o dell'occidente, del settentrione o del meridione, di ogni longitudine e latitudine, del polo Nord o del polo Sud, deve essere chiamato a far par ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 04 Dicembre 2016)

L'Avvento, tempo di preparazione al Natale, è caratterizzato dalla presenza di due compagni di viaggio che rendono questo cammino più piacevole. Questi due compagni sono Maria e Giovanni Battista.
Di Maria si parlerà abbondantemente in occasione della solennità dell'Immacolata, il ...

(continua)
don Simone Salvadore     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Fate dunque un frutto degno della conversione
"Convertitevi perché il regno dei cieli è vicino!"(Mt 3,2): così inizia il Vangelo di questa domenica.
E' come se ci dicesse: "ritornate ad amare veramente" senza presumere o pretendere di conoscere a priori come questo si possa realizzare. Non ponete delle condizioni, non accampate diritti o p ...

(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Non di respiri, ma di attimi che tolgono il respiro
Era l'ultima speranza di un popolo disperato: tra tutti, nessun popolo ha mai avuto tante avvisaglie come Israele. Del numero di profeti a lui mandati, si è perduto presto il conteggio. Quella dei profeti e dei precursori, tra l'altro, è per davvero una triste storia: sanno ma non vedranno, preparan ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Una via raddrizzata
Voce
Matteo identifica Giovanni Battista con la Voce di Isaia; non una parola capace di contenere un pensiero, una ideologia o una filosofia ma una semplice voce, un semplice suono, come se fosse senza contenuto il cui messaggio risiede quasi esclusivamente nel gridare.
...

(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Commento su Matteo 3,1-12
"Noi abbiamo Abramo per padre!":  i e i sadducei, due fazioni religiose, ma anche due antagonisti politici, che si avvicendavano alla guida spirituale del popolo, entrambi vantavano la discendenza da Abramo e, con essa, il diritto di ereditare il Regno dei Ciel ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Sentieri diritti per incontrare Dio
I sentieri pieni di curve e di tornanti vanno bene in montagna. Quando si sale, la fatica è minore se si allunga il cammino attraverso ante che smorzano il pendio ripido. Ma se si cammina in pianura, e tanto più nel deserto, più la via è diritta e più diviene corto l'itinerario, meno dura la fatica. ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 23 Novembre 2014)

Questa domenica d'Avvento ci deve aiutare nel nostro cammino di incontro con il Signore che viene nella nostra storia a interrogarci sul nostro rapporto con Lui. Siamo aiutati dalla ricchezza della Liturgia della Parola. Ci viene presentato un personaggio particolare quello del Battista. Da Lui imp ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Commento su Isaia 11,1-10; Matteo 3,1-12
Oggi cerchiamo di mettere in luce la nostra vita, chiediamoci se è proprio vero che la nostra fiducia la riponiamo in Dio o se lo riconosciamo solo esteriormente, ma in realtà ci poggiamo sulle nostre sicurezze, sulle nostre capacità operative, sui nostri denari, sulla struttura a cui apparteniamo.< ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 04 Dicembre 2016)

Il tempo di Avvento è un tempo in cui siamo chiamati a svegliarci, a prepararci non solo al Natale, ma a ciò che esso significa: l'incontro con Dio, che ci visita negli eventi di ogni giorno e soprattutto nell'ora della morte.
Il Battista ci invita a prepararci alla visita del Signore: già nel ...

(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Cercati un deserto
La prima domenica di Avvento ci ha dato una scossa, non per riempirci di angoscia e paralizzarci, ma per riportare i nostri cuori alla sola speranza che regge all'urto della storia e di ogni tragico, inevitabile evento in cui ci imbattiamo, siano essi rivolgimenti della natura o fatti provocati dagl ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 19 Novembre 2017)
I figli del Regno
In questo tempo di Avvento, di attesa, la liturgia ci ripresenta la figura austera di Giovanni Battista. Come un grande faro che illumina la strada che abbiamo intrapreso per andare incontro al Signore che viene. Da qualsiasi angolatura lo guardi, il Battista è sempre scomodo, ma con lui non puoi no ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 19 Novembre 2017)
E chi mi fa stare in piedi?
Attendere. Attendere dove? Attendere come. E la liturgia ci porta nel deserto, anche noi questa mattina ci spostiamo. Andiamo da Giovanni nel deserto. Anche noi, nascosti tra quelli che, "da Gerusalemme, da tutta la Giudea, da tutta la zona lungo il Giordano, accorrevano a lui". Ci spostiamo: vi ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 04 Dicembre 2016)
Commento su Mt 3,1-12
Lectio
In questa seconda domenica di Avvento ci viene proposto il brano che apre di fatto il vangelo di Matteo, dopo i primi due capitoli dedicati alla nascita e all'infanzia di Gesù. La predicazione di Gesù (che comincerà in Mt 4,12, dopo il suo battesimo e le tentazioni del deserto) f ...

(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Portatori di una speranza nuova
Celebriamo il Battesimo del Signore. Questo mistero della vita di Cristo mostra che la sua venuta nella carne è l'atto sublime di amore delle Tre Persone divine. Possiamo dire che da questo solenne avvenimento l'azione creatrice, redentrice e santificatrice della Santissima Trinità sarà sempre più m ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Video commento a Mt 3,13-17

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Video commento a Mt 3,13-17

...
(continua)

don Marco Pedron     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Tu sei l'amato. Vivilo
La festa di oggi, il Battesimo di Gesù, chiude il tempo natalizio. Domenica prossima incomincerà il tempo ordinario fino alla Quaresima. Il vangelo di oggi ci presenta il Battesimo di Gesù. Gesù certamente è stato battezzato dal Battista. Per i primi cristiani questo era un episodio imbarazzante ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Video commento a Mt 3,13-17

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Video commento a Mt 3,13-17

...
(continua)

padre Paul Devreux     (Omelia del 08 Gennaio 2017)

Oggi festeggiamo il battesimo del Signore, che possiamo considerare una seconda Epifania in quanto Epifania significa Teofania: manifestazione pubblica di Dio all'uomo.
Si svolge nel punto più basso della Terra Santa, vicino al Mar Morto.
Gesù ha fatto un lungo pellegrinaggio da casa sua ...

(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Ognuno di noi è figlio prediletto di Dio
Gesù si mette in fila con i peccatori, lui che era il puro di Dio, in fila, come l'ultimo di tutti. Ed entra nel mondo dal punto più basso, perché nessuno lo sen­ta lontano, nessuno si senta escluso. Gesù tra i peccatori appare fuori posto, co­me se fosse saltato l'ordine normale delle co­se. Giova ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Video commento a Mt 3,13-17

...
(continua)

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Commento su Matteo 3,13-17
Lectio
Questa domenica fa da raccordo tra il tempo di Natale e il tempo ordinario. In questa domenica ricordiamo il battesimo di Gesù ad opera di Giovanni. Comincia la vita pubblica, la missione che Gesù è stato incaricato di compiere. Matteo dopo aver dedicato i primi due capitoli all' ...

(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Battesimo di Gesù, il cielo si apre e nessuno lo richiuderà
Gesù, ricevuto il Battesimo, stava in preghiera ed ecco il cielo si aprì. Il Battesimo è raccontato come un semplice inciso; al centro è posto l'aprirsi del cielo. Come si apre una breccia nelle mura, una porta al sole, come si aprono le braccia agli amici, all'amato, ai figli, ai poveri. Il cielo s ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 09 Gennaio 2011)
Video commento su Mt 3,13-17

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Il Battesimo di Gesù
Leggendo il Vangelo che la Chiesa ci offre da meditare, credo che molti si chiederanno come mai il battesimo veniva amministrato da Giovanni Battista, prima di Gesù. Cosa voleva allora ed oggi essere battezzati? Che senso ha il mio battesimo? Sappiamo che nel piano di salvezza di Dio, Giovanni il ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Video commento su Mt 3,13-17

...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 09 Gennaio 2011)
Appena battezzato, Gesù vide lo Spirito di Dio venire su di lui
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Umiltà ordinaria prima che straordinaria
Riti di abluzione esteriore con acqua erano tipici anche al di fuori dal cristianesimo in tutti i tempi antichi, e anche quella di Giovanni era una prescrizione puramente formale, che prevedeva l'avvenuto ravvedimento dai peccati. Il Battista prevedeva infatti che chi si avvicinava a lui avesse già ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Umiltà e umiliazione
"Gli ultimi saranno i primi"(Mt 20, 16)."Chiunque si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato" (Lc 14, 11). Il binomio umiliazione - innalzamento è una costante della vita terrena di Gesù, e se consideriamo la sua Divinità preesistente, anche del suo stesso essere Dio assieme al Padre e al ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Sulla Tua Parola - Mt 3,13-17

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Commento su Mt 3, 17
«Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l'amato: in lui ho posto il mio compiacimento».
Mt 3, 17

Come vivere questa Parola?
Oggi celebriamo la festa del Battesimo di Gesù: egli si è identificato con noi uomini ed ha accettato di farsi battezzare, ...

(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
#StradeDorate - Commento su Matteo 3,13-17

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Commento su Matteo 3,13-17

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Ascoltiamo il Figlio di Dio che parla a noi nell'oggi della chiesa e del mondo
L'ascolto è fondamentale in ogni vera comunicazione. Chi non ascolta non conosce il pensiero e il cuore dell'altro. Nella festa odierna del Battesimo di Gesù al Giordano, per la mano santa e purificatrice di Giovanni il Battista, viene rivelata la natura di Gesù Cristo, definito qui il Figlio amato ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Commento alle letture - Battesimo del Signore (Anno A)

...
(continua)

don Roberto Farruggio     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Commento alle letture con i ragazzi - Battesimo del Signore (Anno A)

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Fedeli imitatori del Figlio di Dio
A pochi della solennità dell'Epifania, ci ritroviamo, nuovamente insieme a pregare in occasione della festa liturgica del Battesimo del Signore, che celebriamo in questa seconda domenica del nuovo anno solare 2017 e lo facciamo con la preghiera iniziale della celebrazione eucaristica di questo giorn ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Commento su Matteo 3,14
«Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Mt 3, 14
Come vivere questa Parola?
Molti di noi, il proprio battesimo non riescono nemmeno a ricordarsel ...

(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 12 Gennaio 2014)

Al fiume Giordano s'incontrano i due vertici della storia della salvezza: la preparazione (Giovanni il Battista) e il suo adempimento (Gesù), la profezia e l'evento. Gesù è fortemente deciso a farsi battezzare da Giovanni insieme ai peccatori, consapevole dell'opera di salvezza che è venuto a ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 12 Gennaio 2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Mauro Manganozzi «Appena battezzato, Gesù uscì dall'acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: "Questi è il Figlio ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Gennaio 2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. Il brano evangelico odierno, nella sua scarna semplicità, può apparire davvero sorprendente. Si apre con l'affermazione che Gesù, volontariamente, ricerca il Battista, manifestando la ferma volontà di essere batte ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 12 Gennaio 2014)

Il Battesimo di Gesù al Giordano, è narrato da tutti e quattro gli evangelisti (anche se il Vangelo di Giovanni vi allude soltanto), segno evidente dell'importanza di questo evento. Non dobbiamo pensare a questo Battesimo come quello che abbiamo ricevuto noi, cioè come il Sacramento che ci unisce al ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 08 Gennaio 2017)

Buon giorno ragazzi! Con questa festa del Battesimo di Gesù terminiamo il tempo del Natale. Tempo di gioia grande perché Dio si fa uomo, sta con noi, vive con noi. Abbiamo ascoltato, in queste feste, come Gesù sia la luce che viene a rischiarare le tenebre del mondo, sia il volto dell'amore del P ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Bisognosi di volti
Ogni anno, il giorno della festa del Battesimo di Gesù ricordiamo che questa è una delle Epifanie, una delle manifestazioni del Signore. Trovo sempre bello il fatto che Dio si manifesti, nel senso che sia suo desiderio il farsi conoscere; da parte mia sento questa urgenza, questa necessità: ho bisog ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Battezzati perché immersi in Gesù
Clicca qui per la vignetta della settimana. Questa domenica sono invitato a partecipare ad un battesimo. E' la prima figlia di una coppia di carissimi amici, che mi hanno chiesto, non solo di esser presente al rito, ma di prepar ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
L'investitura di Gesù Servo del Signore
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Audio commento a Mt 3,13-17
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
In vista dell'incontro di maggio a Gerusalemme
"Dalla Galilea", cioè dal villaggio di Nazaret dov'era vissuto sino ad allora, Gesù, ormai adulto (i biblisti ritengono avesse trentatré o trentaquattro anni), "andò al Giordano da Giovanni per farsi battezzare da lui". Fu l'esordio della sua vita pubblica, che dopo tre anni si sarebbe conclusa con ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Audio commento alla liturgia - Mt 3,13-17
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 06 Gennaio 2017)
Dal battesimo di Gesù al battesimo dei cristiani
Dopo le celebrazioni connesse con la nascita di Gesù, la liturgia (come peraltro fanno i vangeli) ci porta di colpo al Gesù adulto, quando egli (i biblisti ritengono avesse trentatré o trentaquattro anni) diede inizio alla sua vita pubblica, conclusa dopo tre anni con la sua morte e risurrezione. Il ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
E si aprirono per lui i cieli
In questa domenica, prima del tempo ordinario, la Liturgia ci invita a celebrare il Battesimo di Gesù prolungando il mistero dell'Epifania, manifestazione al mondo del Figlio di Dio. Celebrando il Battesimo di Gesù, siamo invitati a ricomprendere e a rivivere il nostro Battesimo come partecipazione ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Servi del Dio della Vita
Non ho alcun motivo di dubitare che chiunque, nella Chiesa, accetti di vivere in maniera attiva la propria testimonianza di fede in virtù del Battesimo che ha ricevuto, lo faccia con uno spirito di servizio e non certo di comando. Che poi riesca ad essere servo più che padrone, o umile discepolo più ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Video commento su Mt 3,13-17

...
(continua)

don Alberto Brignoli     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Non solo Figli di Dio senza peccato originale
Celebrando la festa del Battesimo di Gesù, inevitabilmente il pensiero va al nostro Battesimo, al giorno in cui - come il catechismo ci ha insegnato - ci è stato cancellato il peccato originale e siamo divenuti figli di Dio. E su questi due elementi teologici - sacrosanti, per carità - il mio modo d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
In lui ho posto il mio compiacimento
Nel battesimo di Gesù occorre separare due momenti fondamentali, essenziali: la discesa nelle acque del Giordano e la sua risalita. Nelle acque Gesù dona al Padre sua volontà, tutta la sua volontà, senza nulla tenersi per Lui. Gesù accetta di essere il Messia, il Salvatore, il Redentore dell'uomo se ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Perché conviene che adempiamo ogni giustizia
Vi è una giustizia scritta e una non scritta. Giovanni conosce la giustizia scritta. Gesù è giusto e non si deve sottoporre al suo battesimo. Gesù è il Santo di Dio, non ha bisogno di conversione. La giustizia scritta è l'osservanza di ogni norma del Signore.

Questi sono i comandi, le leggi ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Conviene che adempiamo ogni giustizia

La giustizia, cui Gesù è chiamato a sottoporsi, è la consegna della sua volontà a Dio. Non si tratta però di una consegna momentanea, passeggera, occasionale e neanche per un periodo più o men lungo della sua vita. Questa consegna deve essere totale, non parziale, per sempre e non ...
(continua)

Giovani Missioitalia     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Figlio Mio Amato

Ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui così viene istituito il sacramento del Battesimo, il segno attraverso cui anche noi siamo chiamati "figli". Fino allora Giovanni battezzava con acqua: chi l ...
(continua)

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Gesù, re umile e obbediente
Ecco il mio servo... il mio eletto, il mio spirito è su di lui... porterà il diritto alle nazioni senza gridare, senza alzare il tono, senza farsi sentire in piazza, senza spezzare la canna incrinata, senza spegnere la fiamma smorta... non si abbatterà e non verrà meno... egli è il Signore di tutti, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
In lui ho posto il mio compiacimento
Le profezie di Isaia parlano tutte di un Servo, al quale il Signore affida la missione della salvezza, chiamandolo ad essere luce delle genti ed anche a prendere su di sé tutte le colpe degli uomini per espiarle. Il Servo del Signore è un uomo. Da queste profezie non si intravede altro. Non si va ol ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Confusione all'ingresso
Il deserto l'aveva preparato a tutto. Ma forse non s'attendeva che quel gran Genio del suo Amico Gli capitasse un giorno sotto gli occhi travestito e aggrovigliato in mezzo ai pezzenti di Galilea. "Battezzami, Giovanni, ora è il mio turno!". Giovanni: l'uomo che addomesticava le antilopi, che reggev ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Mi piaci: sei il mio piacere
Ha lasciato che il mondo andasse com'era sempre andato. Per trent'anni accettò il mondo così come l'aveva trovato: impastato di perversa fatalità. Di straordinario non fece nulla: «(A Nazareth) Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini» (Lc 2,52). Visse accontentando ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Commento su Matteo 3,13-17
Nel battesimo di Gesù tutti noi, comunità credente, possiamo riconoscere l'inizio di una nuova storia per l'umanità. Quest'evento, infatti, conferma che nel profeta di Galilea, Dio si è fatto presente come Padre e come Figlio, che solo conosce il Padre e può rivelarlo (Mt 11,27). È il Padre che cost ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 12 Gennaio 2014)
Volare alto
Giovanni però voleva impedirglielo Nella prospettiva giudaica il Messia è uomo forte: Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile (Mt 3,12), non può mescolarsi ai peccatori, fare un gesto peniten ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Per lui, in lui e con lui
Dalla Galilea venne al Giordano
Matteo racconta due eventi che si intrecciano tra loro: la venuta di Giovanni il Battista e la venuta di Gesù. Ambedue sono introdotti dallo stesso verbo: venne.
Di Giovanni si dice che predicava con forza, senza peli sulla lingua, le sue erano ...

(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Commento su Matteo 3,13-17
Oggi termina il Tempo di Natale; la prossima domenica riprenderà il Tempo Ordinario: sette settimane, 50 giorni appena e si entra in Quaresima, tutti insieme appassionatamente: tempus fugit! Tre giorni fa, in occasione dell'Epifania del Signore, la liturgia prevedeva l'annuncio della ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Commento su Isaia 42,1-4.6-7; Matteo 3,13-17
Oggi vorrei chiedermi, insieme a voi, quale differenza c'era tra il battesimo di Giovanni e il battesimo di Gesù. La differenza non è nel rito, perché il rito è lo stesso, i discepoli di Gesù hanno continuato il rito di Giovanni. Hanno aggiunto presto l'unzione con l'olio che indicava l'azione dello ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 08 Gennaio 2017)

Ecco Gesù all'inizio della missione; dopo 30 anni di vita nascosta, si manifesta a tutti, ed è Dio Padre stesso a dirci chi è: Questi è il Figlio mio, l'amato, in cui ho posto il mio compiacimento! E chi è questo Figlio di Dio, della stessa natura del Padre? È il Dio-con-noi che si mette in fila ins ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 08 Gennaio 2017)

Giovanni Battista vede Gesù venire verso di Lui; illuminato dallo Spirito Santo, riconosce che è proprio Lui il Salvatore, e ne proclama la divinità: questi è l'agnello di Dio, colui che esiste da prima di me (= da sempre) ed è colui che battezza in Spirito Santo, cioè che immerge nella spiri ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Gloria e lode al tuo nome, Signore
Cari amici e care amiche,
la liturgia da sempre ha inteso il Battesimo del Signore come uno svelamento, una manifestazione importante di Dio. Dalla Bibbia sappiamo che quando Dio Si manifesta, si dice, è sempre sorprendete, persino sconcertante. Ma è poi così sconcertante vedere Gesù imm ...

(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 08 Gennaio 2017)
Donne e uomini di una nuova giustizia
Epifania, ovvero svelamento. La liturgia dopo lo svelamento del Messia ai pastori in una mangiatoia, dopo lo svelamento ai magi in una casa di Betlemme, oggi ricorda lo svelamento di Gesù nelle acque del Giordano. Il racconto quest'anno è secondo il vangelo di Matteo. Vorrei ricordare il contesto. ...
(continua)