Omelie riferite al libro: Vangelo secondo Matteo, capitolo 28

don Giorgio Zevini     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Video commento su Matteo 28,16-20


(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Commento su At 1,1-11; Mt 28,16-20
Nell'arco di non pochi giorni i discepoli del Signore sono passati dalla disperazione alla speranza, dall'angoscia alla gioia. Prima, quella pietra rotolata dal sepolcro, e il grido disperato di Maria di Magdala: Hanno rubato il mio Signore; poi, l'annuncio dell'angelo: Gesù è risorto e vi aspetta i ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Una presenza nuova
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane. Clicca qui ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Una presenza nuova
Quale non sarebbe la forza della nostra fede se potessimo fare la stessa esperienza degli apostoli. Hanno conosciuto Gesù, vissuto con lui, lo hanno sentito predicare. Alcuni, come Giovanni, hanno fatto anche l'esperienza della sua amicizia. Dopo la morte e la resurrezione di Gesù, lo hanno visto ri ...
(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 27 Ottobre 2013)
Commento su Atti 13, 1-5; Romani. 15, 15-20; Matteo 28, 16-20
Atti degli Apostoli. 13, 1-5a
Ad Antiochia si è già fatto l'esperimento della convivenza di ebrei e pagani convertiti: essi vivono insieme con attenzione e rispetto reciproco, consapevoli di avere alle spalle una cultura diversa che però va continuamente verificata sulla Parola di Gesù, ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Commento su Dt 4,32-34.39-40; Sal 32; Rm 8,14-17; Mt 28,16-20
La liturgia di domenica scorsa si improntava sul mistero della morte e risurrezione di Cristo che è sempre presente nella Chiesa per opera dello Spirito Santo che agisce costantemente in essa.
Tutta la liturgia presentava il Padre che diffondeva sulla sua Chiesa, sino ai confini della terra, i ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Commento su Deuteronomio 4,32-34.39-40; Salmo 32; Romani 8,14-17; Matteo 28,16-20
Il mistero della Trinità apre ai nostri occhi la novità del Dio del cristianesimo, come si rivela nel percorso e nel compimento delle Scritture.
Né un Dio lontano nei cieli, immane trascendenza che non possiamo neppure figurarci, né un Dio antropomorfico, scimmiottamento di una figura umana con ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Commento su Dt 4,32-34.39-40; Sal 32; Rm 8,14-17; Mt 28,16-20
Terminato il tempo di Pasqua la liturgia, sulla scia degli eventi pasquali, ci propone ancora due domeniche, questa e la prossima, centrate sulla figura del Cristo risorto. Quella di oggi ci propone di fermarci a riflettere sul grande mistero della trinità
Nella prima lettura troviamo Mosè che ...

(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 27 Maggio 2018)
L'immersione che ci illumina
Alla fine del prologo al suo vangelo Giovanni afferma: Dio nessuno lo ha mai visto (Gv 1,18). Non si tratta di un'affermazione relativa al passato, ma che vale ancora oggi: Dio resta non evidente, inaccessibile, invisibile, anche quando Gesù ce lo rivela, ce lo fa conoscere. A volte si dice che Ges ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19 Aprile 2014)

Durante il sabato santo la Chiesa ferma ogni sua attività, aspettando la veglia pasquale, la madre di tutte le veglie, il cuore della nostra fede. Durante questa notte faremo memoria della resurrezione. Per arrivare fino a qui ci siamo lungamente preparati. Abbiamo camminato nel deserto con ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 20 Aprile 2014)
La notte delle antitesi
In un giardino era avvenuta la rovina con la disobbedienza di Adamo; in un giardino avviene l'Obbedienza estrema del Nuovo Adamo, Cristo, che si consegna per volere del Padre. Di notte si descrive avvenuta presumibilmente l'incarnazione del Figlio di Dio; di notte lo stesso Figlio Signore viene cat ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 19 Aprile 2014)
Una veglia che ti risveglia alla vita e alla speranza
La Pasqua liturgicamente vissuta inizia con la veglia, definita appunto pasquale, perché si svolge nel contesto della Pasqua annuale e che prosegue con le varie celebrazioni durante la Domenica della Risurrezione della Settimana in Albis. Con la Domenica in Albis o della Divina Misericordia si concl ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 19 Aprile 2014)

Anche noi sulla soglia del sepolcro, affacciati insieme alle due Marie. È l'inizio del giorno dopo il sabato, è il nuovo tempo, la nuova storia. Maria e l'altra Maria non pensano all'unzione del corpo di Gesù; la loro è solo una visita alla tomba. Torna il terremoto dopo quello al momento del ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 00 0000)
Omelia Veglia Pasquale 2014
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 20 Aprile 2014)
Terremoto pasquale
Clicca qui per la vignetta della settimana. È così difficile trovare le parole difronte ad una situazione di morte e di lutto che è ancora più difficile parlare e dire qualcosa della resurrezione. Di un morto ritorna in vita al ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 15 Aprile 2017)
Video commento su Mt 28,1-10

...
(continua)

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 19 Aprile 2014)
Commento su Mt 28,1-10
Lectio
Il racconto della passione e morte di Gesù si conclude con la sua sepoltura a opera di Giuseppe di Arimatea. Subito dopo però si ricorda la sollecitudine dei sommi sacerdoti che chiedono a Pilato di mettere delle guardie al sepolcro per evitare che i discepoli di Gesù lo portasse ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Aprile 2014)
Il suo aspetto era come folgore
Il Signore non vuole che l'evento della risurrezione sia alterato dal pensiero dell'uomo, che non conoscendo le cose, pone sempre fantasia e immaginazione a servizio della sua mente sovente creatrice di una realtà, anziché perfetta lettrice di quanto avviene nella storia. È questo il vero male dell' ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Aprile 2017)
So che cercate Gesù, il crocifisso. Non è qui
Una verità che emerge in tutta evidenza nella narrazione della risurrezione di Gesù è l'assenza dei discepoli dal sepolcro. Altra evidenza che illumina il giorno dopo il Sabato ci rivela che le donne si recano presso la tomba di Gesù per ragioni di umana tradizione. Esse vanno per completare il rito ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 19 Aprile 2014)
Galilea di risorti
Qual è la meta della storia della salvezza? Qual è il centro che ne raccoglie tutte le tracce più luminose, che si sono accese una dopo l'altra nella meravigliosa notte di veglia del popolo riunito attorno alla Parola? La meta è la Galilea delle genti! Il centro è il bagliore del Risorto che torna ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 19 Aprile 2014)
Andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea
Gesù non ha alcuna fretta di vedere i suoi discepoli. Lui è il grande pedagogo. Vuole che essi giungano alla fede non attraverso la visione, bensì attraverso la testimonianza. Non però ad una testimonianza che venga data loro da persone ragguardevoli, altolocate, persone formate nella conoscenza del ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 03 Giugno 2012)
La famiglia: un riflesso terreno della Trinità
Noi siamo stati battezzati nella Trinità, nel nome - cioè nell'amore - del Padre del Figlio dello Spirito Santo. La Chiesa crede nella Trinità perché questa verità le è stata rivelata da Cristo. La difficoltà di comprendere il mistero della Trinità è un argomento a favore, non contro la sua verità. ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Ascensione del Signore - Mese di Maggio, dedicato a Maria Ss.
Gesù ordinò agli apostoli di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere lo Spirito Santo. "Riceverete la forza dello Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria fino ai confini della terra". Poi fu elevato in alto e una nube lo sot ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Video commento a Mt 28, 16-20

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Commento su Matteo 28,16-20
Gesù ci svela che Dio è Trinità. Ci dice che se noi vediamo "da fuori" che Dio è unico, in realtà questa unità è frutto della comunione del Padre col Figlio nello Spirito Santo. Talmente uniti da essere uno, talmente orientati l'uno verso l'altro da essere totalmente uniti.
Dio non è sol ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 01 Giugno 2014)
La comunità dei credenti accoglie la misericordia del Signore e l'annuncia gioiosamente a tutti
Celebriamo la solennità dell'Ascensione. "Il terzo giorno è risuscitato, è salito al cielo e siede alla destra del Padre" (dal Credo). Il Signore Gesù è salito al cielo. E' il compimento della sua missione, è la pienezza della sua gloria, cioè della sua bontà, della sua potenza, della sua grandezza. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Solennità della SS.ma TRINITÀ
Mi ha sempre fatto impressione visitare gli orfanotrofi o incontrare bambini che non hanno conosciuto i genitori o hanno dovuto lasciare mamma o papà... e sono tanti oggi, causa il male delle separazioni e del divorzio. Bambini che vanno e vengono, come pacchi postali, un tempo con mamma, un tempo c ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Dio è Trinità nell'amore
Chi può conoscere Dio, il Signore? Gesù ce lo ha rivelato, ce lo ha fatto conoscere. Lui ci ha detto che Dio è il Padre, Dio è il Figlio, Dio è lo Spirito Santo. Così lo conosco, certamente lo amo e cerco di vivere in un rapporto di amore con ogni Persona, contemplando e accogliendo il suo amore ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Essere solidali e amarsi
Il vangelo ci parla degli apostoli che pur avvicinandosi a Gesù risorto sul monte della Galilea, dubitano. La distanza tra Dio e l'uomo non è mai azzerabile, e rimane sempre quel margine di dubbio che in certi momenti si allarga e ci fa sentire Dio lontano e forse assente. Gesù invita i discepoli ad ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 31 Maggio 2015)
In compagnia della SS.Trinità per arrivare all'eternità
"La fede di tutti i cristiani si fonda sulla Trinità" (San Cesario d'Arles). Oggi, nella liturgia celebriamo il primo grande mistero della nostra fede: il mistero della Santissima Trinità. Tale mistero è il mistero centrale della fede e della vita cristiana. È il mistero di Dio in se stesso. È quin ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Un mistero d'amore infinito
Nell'annuale ricorrenza della solennità della Santissima Trinità, che, come sappiamo, si celebra la domenica successiva alla Pentecoste, a conclusione del lungo itinerario di spiritualità pasquale e sigillo di un cammino fatto nell'amore a Dio e ai fratelli, ritorna sistematica la domanda chi è ques ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 27 Maggio 2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Via Vitellia Dopo aver celebrato la Pasqua di Gesù in tutta la sua pienezza, fino all'effusione dello Spirito promesso, restiamo con stupore davanti alla rivelazione del nostro Dio, che è Padre, Figlio e Spirito Santo. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Matematica divina
Pericoloso, lo Spirito. Rischia di far diventare dei fifoni degli intrepidi. E dei litigiosi una comunione. Proporrei una novena solenne da fare in tutta Italia, per ridare fiato alla nostra gente stordita e rissosa, partigiana e piccina, così, per ricordarci cosa è essenziale e cosa è folkloristi ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 03 Giugno 2012)
E' la Forza più forte perché è la più debole
Oggi la chiesa celebra la festa della Trinità. Se noi prendiamo i vangeli non troviamo questa parola. Solamente molti anni dopo, verso la fine del II secolo, si iniziò ad usare questo termine. Gesù muore. Tutto finito? No, perché risorge. Gli apostoli nei primi anni annunciavano solo questo: "Quell ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Io sono con te
Lunedì- L'attaccamento impedisce di vedere il Signore Oggi la Chiesa celebra l'Ascensione del Signore. Mt non ha la descrizione dell'Ascensione come Lc e Mc, ma ha un brano equivalente dove si esprime la presenza di Gesù nel tempo (nella terra) anche se Lui non c'è più (perché ora è nei cieli). ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Io sono sempre con te perché sono inte
Oggi la Chiesa per commentare la festa della Trinità ci presenta la finale del vangelo di Matteo. 16 Gli undici discepoli, intanto, andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. GLI UNDICI=i discepoli non sono più dodici ma undici. Chi manca? Giuda! Dov'è finito? Giuda si è tolto ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Io sono sempre con te perché sono inte
Oggi la Chiesa per commentare la festa della Trinità ci presenta la finale del vangelo di Matteo. 16 Gli undici discepoli, intanto, andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. GLI UNDICI=i discepoli non sono più dodici ma undici. Chi manca? Giuda! Dov'è finito? Giuda si è tolto ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Video commento a Mt 28, 16-20

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 01 Giugno 2014)
In campo
Uomini di Galilea, perché continuate a guardare il cielo? Sono stupiti e amareggiati, i discepoli. Il Maestro se ne va proprio ora che, infine, avevano capito il grande disegno di Dio su Gesù, proprio ora che, finalmente, avevano superato il dolore e si erano convertiti alla gioia! Proprio o ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Video commento a Mt 28, 16-20

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Video commento a Mt 28, 16-20

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Dio c'è
Chissà se Dio c'è. E se ha a che fare con me. Chissà se, alla fine della fiera, la sua presenza potrebbe farci capire cosa siamo e cosa ci stiamo a fare su questa terra. Tutti insieme. Ma anche personalmente, io, me, adesso. Sono pensieri che, d'ogni tanto, riescono a far breccia nel caos della no ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Video commento a Mt 28,16-20

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Video commento su Mt 28,16-20

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 03 Giugno 2012)
All'origine c'è un legame d'amore
Sulla teologia della Tri­nità il Vangelo non of­fre formule o teorie, ma il racconto del monte ano­nimo di Galilea e dell'ultima missione affidata da Gesù a­gli apostoli. Tra i quali però alcuni anco­ra dubitavano. E la reazio­ne di Gesù alla difficoltà, al­la fatica dei suoi è bellissi­ma: non li ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Video commento su Mt 28,16-20

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Gesù è con noi sino alla fine del mondo
Chi è colui che sale al cielo? Il Dio che ha preso per sé la croce per offrirmi in ogni mio patire scintille di risurrezione, per aprire crepe nei muri delle mie prigioni: mio Dio, esperto di evasioni! Gesù lascia sulla terra il quasi niente: undici uomini impauriti e confusi, un piccolo nucleo di ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Vivere, per Dio e l'uomo, è essere in comunione
Dogma della Trinità, ovvero quando il racconto di Dio diventa il racconto dell'uomo. La dottrina di Dio che è Padre, Figlio e Spirito Santo non racchiude un freddo distillato di pensieri, ma tutta una sapienza del vivere, colma di indicazioni esistenziali che illuminano la mia vita. Infatti Adamo è ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Video commento su Mt 28,16-20

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Video commento su Mt 28,16-20

...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 05 Giugno 2011)
Come il Padre ha mandato me anch'io mando voi
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Un Dio che se ne va per restare ancora più vicino
L'ultimo appuntamento di Gesù ai suoi è su di un monte in Galilea, la terra dove tutto ha avuto inizio. I monti sono come indici puntati verso l'infinito, la terra che si addentra nel cielo, sgabello per i piedi di Dio, dimora della rivelazione della luce: sui monti si posa infatti il primo raggio d ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Un Dio che si fa vicino per non allontanarsi mai più
Ci sono andati tutti all'ultimo appuntamento sul monte di Galilea. Sono andati tutti, anche quelli che dubitavano ancora, portando i frammenti d'oro della loro fede dentro vasi d'argilla: sono una comunità ferita che ha conosciuto il tradimento, l'abbandono, la sorte tragica di Giuda; una comunità c ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Battezzate tutti i popoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Battezzate tutti i popoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo
E' naturale chiedersi in questo giorno se Dio si chiami veramente Trinità, se questo davvero sia il suo nome. Trinità è un termine che non si trova nella Bibbia, ma è stato elaborato nella storia della teologia. Esso ha certo la sua utilità dal punto di vista teologico ma è spesso stato osservato qu ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Gesù ascende al Cielo
Gesù, il Maestro, aveva definitivamente spazzato via il senso di fallimento e di abbandono dei Suoi, suscitando stupore e gioia grande, perché era RISORTO e, quindi, meravigliosamente VIVO. Abbiamo letto, nella Domenica di Pasqua, come Gesù ?andava e veniva', nei modi più strepitosi, sempre sorprend ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Sulla Tua Parola - Mt 28,16-20

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Video commento su Matteo 28,16-20

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Solennità della SS.ma Trinità
La Chiesa, quasi ripercorrendo il continuo cammino della storia dell'amore che Dio ha per ciascuno di noi, dopo averci narrato l'amore di Gesù, Figlio del Padre, dato a noi per la nostra salvezza, la Presenza vivificante dello Spirito Santo con la Pentecoste, oggi, ci presenta quella che è stata def ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Video commento su Matteo 28,16-20

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Fra individualità e collettività. Amore cioè Trinità
Di Dio come Padre si era già parlato in più occasioni nel corso dell'anno liturgico; di Dio Figlio si è trattato in tema di Incarnazione (Natale) al Battesimo di Gesù al Giordano e alla Resurrezione (Pasqua) nonché all'Ascensione al Cielo. Dello Spirito Santo, Dio come il Padre e il Figlio si è parl ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 31 Maggio 2015)
#StradeDorate - Commento su Matteo 28,16-20

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 28 Maggio 2017)
#StradeDorate - Commento su Matteo 28,16-20

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 27 Maggio 2018)
#StradeDorate - Commento su Matteo 28,16-20

...
(continua)

don Marco Pratesi     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 33,6 (SS. Trinità, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 33 (Vulgata / liturgia 32),6 (SS. Trinità, anno B) CEI Dalla parola del Signore furono fatti i cieli, dal soffio della sua bocca ogni loro schiera. TILC La parola del Signore creò il cielo e il soffio della sua bocca, tutte le stelle. Romani 8,14 Tutti quelli che so ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Prediche senza Pulpito - Mt 28,16-20

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Non il vivo ma il Vivente
Quello che sta succedendo a Gesù di fronte agli sguardi attoniti dei suoi apostoli non ha nulla a che fare con uno sparire nella stratosfera o con un perdersi fra gli astri della volta celeste. Non riguarda un partire come un razzo da una rampa di lancio mentre il volo viene accompagnato dall'infitt ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 31 Maggio 2015)
La Parola - commento a Mt 28, 16-20
Commento a cura di Daniele Cavedon, diacono Unità Pastorale Val Restena. Registrato nella chiesa Madonna di Monte Berico, Restena di Arzignano.

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 28 Maggio 2017)
La Parola - commento a Mt 28, 16-20

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 27 Maggio 2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Matteo (Mt 28,16-20)

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Commento su Matteo 28,16-20

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Necessario e conveniente
Con il dono dello Spirito Santo comunicato agli apostoli e diffuso per la nostra salvezza e per la remissione dei peccati, Gesù ci ha manifestato il vero Dio. In Cristo Questi si è infatti rivelato totalmente, comunicando interamente se stesso all'uomo e facendosi conoscere nel modo più appropriato. ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Commento su Matteo 28,16-20

...
(continua)

don Roberto Farruggio     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Commento alle letture - Ascensione del Signore (Anno A)

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Il dono irrinunciabile della fede
Dopo 40 giorni di gioia commista a stupore in compagnia del Signore Risorto, adesso per gli apostoli comincia la "prova del nove", perché dovranno dimostrare di prendere sul serio, trasferendole nel vissuto pieno, le parole del loro maestro: "Ecco io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del m ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Commento alle letture con i ragazzi - Ascensione del Signore (Anno A)

...
(continua)

don Fabio Rosini     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Audio commento al Vangelo del 27 maggio 2018

...
(continua)

don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Audio commento al Vangelo della Santissima Trinità (Anno B - Mt 28,16-20)

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Un Dio avvincente
?Sta scritto: Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, queste ha preparato Dio per coloro che lo amano. Ma a noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito; lo Spirito infatti scruta ogni cosa, anche le profondità di Dio.?(1Cor 2, 9 - 10). In questo pass ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Perché fissare il cielo?
Nella domenica dell'ascensione dal cielo di nostro Signore Gesù Cristo, siamo inviati dallo stesso Signore a fare due cose: a fissare il cielo dove Cristo si è assiso alla destra del Padre e dove ci attende tutti, per condividere con noi la gioia del suo regno di luce e gioia eterna; a fissare la te ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Un posto in paradiso per noi e per tutti se seguiamo Cristo
La solennità dell'Ascensione di Gesù Cristo al cielo, che oggi ricordiamo nella liturgia di questa domenica conclusiva del mese di maggio 2017, ci riporta al destino ultimo di ogni essere umano, che è l'eternità, il Paradiso, dove Gesù è ritornato per proprio merito e per la sua natura divina da dov ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Commento su Mt 28, 18-20
"Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i gi ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Commento su Mt 28,16-20
«A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo». ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 03 Giugno 2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Padre Gianmarco Paris Avvolti dal mistero di Dio Dopo aver percorso le tappe principali della vita di Gesù, dalla nascita, alla vita pubblica, alla passione, morte e resurrezione, fino al ritorno a Padre insieme al quale invia ai suoi disc ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01 Giugno 2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Via Vitellia "Ecco, è ormai chiaro che per la grazia di Dio la più degna tra le creature, l'anima dell'uomo fedele, è più grande del cielo, poiché i cieli con tutte le altre creature non possono contenere il Creatore, mentre ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 31 Maggio 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Quando viviamo un evento o una situazione di vita importante e ci prende voglia di fare dei commenti o addirittura dei bilanci, solitamente ce ne usciamo con espressioni del genere: "E' proprio finita", "ha fatto una brutta fine ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 28 Maggio 2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone L'ascensione è l'ultima domenica del tempo di Pasqua prima della Pentecoste ed è una festa strana perché se da una parte c'è la gioia per Gesù che compie la sua opera - cioè la nostra umanità che era stata assunta dall'Inc ...
(continua)
Autori vari     (Omelia del 01 Giugno 2014)

Un pastore della chiesa riformata, il pastore Paolo Ricca, scrivendo in questi giorni dell'Ascensione, diceva che "un po' dappertutto l'Ascensione è diventata o tende a diventare la cenerentola delle feste cristiane". Ascensione, festa cenerentola. E si chiedeva perché, come mai? Eppure dell'A ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Commento su Mt 28,16-20
Siamo alla fine ed è un grande inizio. Chiude il Vangelo di Matteo con una scena intima e commovente. L'ultimo saluto del Signore, il dubbio dei discepoli, la forza delle promesse, il coraggio del mandato universale, il sigillo del Dio unico e trinitario, la consolazione che Gesù sale ma rest ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Commento su Matteo 28,16-20
Il Vangelo di Matteo termina con un apostolo in meno. Sono undici, non più dodici, i discepoli convocati sul monte per l'invio missionario sino ai confini della terra. La ferita nel collegio apostolico dice sempre la sproporzione tra la santità del compito e la povertà del mezzo; è la storia ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01 Giugno 2014)

Le ultime parole del Vangelo di Matteo, che ne contiene 18.278 (in greco) sono queste: "Io sono con voi". Eco di quelle alla nascita: "Emmanuele, Dio-con-noi". Sullo sfondo il monte, simbolo della montagna sacra, il Sinai. Dinanzi ai discepoli non c'è solo il Maestro, ma il Risorto: una "cris ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 28 Maggio 2017)

Gesù ascende al cielo e gli apostoli rimangono nella contemplazione del mistero. Negli Atti, gli angeli chiedono: "Perché state a guardare il cielo?". Come dire che l'ascensione ha, per conseguenza immediata, l'annuncio della buona notizia su tutta la terra. Terminata la missione di Gesù, ini ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Amati per amare
Nei giorni scorsi ho ricevuto la visita di un'amica che non vedevo da diverso tempo. All'inizio non mi sono accorto di nulla, anche se qualcosa mi "insospettiva"... Sono bastati pochi minuti e tutto è stato chiaro! Abbigliamento più curato, lenti a contatto, un velo di abbronzatura fuori stagione e ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 03 Giugno 2012)

Chissà quante volte vi sarete sentiti dire: "Ma tu sei il figlio di .... somigli tutto a tuo padre!". Oppure: "Sei la figlia di... hai lo stesso modo di fare di tua madre". Un figlio, infatti, il più delle volte porta i tratti dei suoi genitori, porta qualcosa che, anche se in modo vago, mostra le ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 01 Giugno 2014)

Continuiamo nel tempo di Pasqua a ripercorrere gli ultimi giorni di vita di Gesù, anche da Risorto. In particolare ci soffermiamo su dove è andato, dove si trova Gesù adesso e sullo speciale rapporto che aveva con gli apostoli. Tempo fa', mi è capitato di ascoltare una conversazione tra due fratell ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Siamo figli e assomigliamo al Padre
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 31 Maggio 2015)

Eccoci ad un passo dall'inizio di quello che sarà il secondo tempo ordinario, tempo che ci accompagnerà fino all'Avvento, introdotto da una solennità che racchiude il senso di tutta la nostra fede: la Trinità. Immagino che starete pensando "ma è appena finita Pasqua e già si parla di Avvento?!". In ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Gesù è l'Uomo che realizza il progetto divino
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 28 Maggio 2017)

Buona Domenica ragazzi! Oggi è la solennità dell'Ascensione, non una semplice festa, ma una festa solenne, importantissima: celebriamo l'Ascensione di Gesù al cielo! Gesù sale al cielo perché ha finito la sua missione qui sulla terra, missione che sarà continuata dagli apostoli e da tutta la chies ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 27 Maggio 2018)

Buongiorno ragazzi! Oggi è la solennità della Santissima Trinità. Quindi non è soltanto una festa ma è una solennità: la parola stessa indica una festa importante, da sottolineare. È la solennità della Trinità: il nostro Dio che si esprime, che si mostra in tutta la sua intensità di amore per noi. ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 03 Giugno 2012)
L'amore più forte del terremoto
Clicca qui per la vignetta della settimana Il terremoto che ha sconvolto l'Emilia in questi giorni, ha demolito numerosissime chiese e fabbriche. Molte sono le case private rese inagibili, e tantissimi gli sfollati che hanno p ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 03 Giugno 2012)
? nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo
I vangeli non fanno una riflessione sulla Trinità e chi si mette alla ricerca di un qualche testo biblico per farsi un'idea teorica della Trinità, perde tempo. Quello che invece troviamo, ed è molto più interessante, è un continuo relazionarsi del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Scorrendo ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 03 Giugno 2012)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Il cielo in una vita
Clicca qui per la vignetta della settimana. Davvero difficile parlare di cielo e guardare in alto in questi giorni nei quali la violenza del terrorismo colpisce in modo così crudele dei giovanissimi ragazzi ad un concerto della ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Dio non è un'idea ma vita
Clicca qui per la vignetta della settimana. Dio non è una idea ma una esperienza. Parlare di Dio come Trinità in modo astratto, anche trovando gli argomenti più affascinanti e convincenti, rischia di non ottenere nulla e di port ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 05 Giugno 2011)
Rivelazione e osservanza - 2
"Se mi amate, osserverete i miei comandamenti" abbiamo ascoltato domenica scorsa in apertura del Vangelo e il discorso di Gesù si concludeva con le parole: "Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifeste ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 03 Giugno 2012)
La famiglia tra il lavoro e la festa
Concluso, con la Pentecoste, l'ampio ciclo pasquale, nella domenica subito seguente la liturgia invita a volgersi indietro, per considerare nel loro insieme i fatti appena richiamati con la quaresima, la settimana santa, la Pasqua, l'Ascensione e appunto la Pentecoste. Lo sguardo retrospettivo a que ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Audio commento alla liturgia - Mt 28,16-20
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 01 Giugno 2014)
E' asceso al cielo, ma è sempre qui
La festa dell'Ascensione è una di quelle che si capiscono subito, senza particolari spiegazioni: quaranta giorni dopo essere risorto dai morti, Gesù ha concluso la sua presenza terrena salendo al cielo, sotto gli occhi degli undici apostoli. E invece, indagando un po', il fatto riserva qualche sorpr ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Audio commento alla liturgia - Mt 28,16-20
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Non avete ricevuto uno spirito da schiavi
Voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi, ma lo Spirito (Santo) che rende figli adottivi di Dio (Padre) e coeredi di Cristo. Così, riassumendo, ricorda l'apostolo Paolo (Romani 8,14-17). E Gesù: "A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Audio commento alla liturgia - Mt 28,16-20
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Io sono con voi tutti i giorni
Festa dell'ascensione di Gesù al cielo. A prima vista, è una di quelle celebrazioni che si capiscono subito, che non richiedono tante spiegazioni: quaranta giorni dopo essere risorto dai morti, Gesù ha concluso la sua presenza terrena salendo al cielo, sotto gli occhi degli undici apostoli. E invece ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Cercando ciascuno il bene dell'altro
Il ciclo delle celebrazioni centrate sulla Pasqua, vale a dire la quaresima, la settimana santa, appunto la Pasqua e l'Ascensione, si è concluso la scorsa domenica con la Pentecoste. Nella domenica subito seguente, cioè oggi, la liturgia celebra la Santissima Trinità: quasi un invito a volgersi indi ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Video commento su Mt 28,16-20

...
(continua)

mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Io sono con voi tutti i giorni
Celebrare la festa della Ss.ma Trinità significa lasciarci condurre da Gesù nell'intimità più profonda della sua esperienza di Dio per gustarla, condividerla e viverla. La Liturgia ci fa rivivere l'incontro di Gesù risorto con gli Undici: Matt.28,16-20 conclusione del Vangelo, è il brano nel quale c ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Battezzate nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo
La terza lettura di oggi è costituita dagli ultimi versetti del Vangelo di Matteo, che concludono la missione terrena di Gesù con le sue stesse parole: "Mi è stato dato ogni potere........io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo" (vv.18-20). Il Nazareno affida agli apostoli ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Pellegrinaggio senza confini

L'Ascensione ci invitava a guardare in alto per seguire con lo sguardo Gesù che saliva oltre le nubi. La Santissima Trinità ci invita a guardare "dentro", nelle profondità del cuore dove Dio dimora in segreto. Oggi siamo invitati a fare un pellegrinaggio. Dove? Ecco il bello: in n ...
(continua)

padre Fernando Armellini     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Videocommento su Mt 28,16-20

...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Quante tappe ha la vita di Gesù?
Nella festa dell'Ascensione, vediamo una quarta tappa di vita umana vissuta da Gesù e solo da Lui. Possiamo riassumere la sua vita in queste quattro tappe: trent'anni di vita nascosta a Nazaret, tre anni di vita pubblica, tre giorni di vita sofferente e infine quaranta giorni di vita gloriosa. Ora ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 03 Giugno 2012)
La Trinità essenza dell'eterno
Andate e fate discepoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo... Il mistero grande: Trinità delle persone, unità della natura, uguaglianza nella maestà divina, riflessa in un po' di acqua, acqua battesimale, nella quale lo Spirito attesta al nostro spirito che siamo f ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Il Dio della Storia
"Interroga i tempi antichi che furono prima di te - dice Mosè al popolo d'Israele nel deserto -: dal giorno in cui Dio creò l'uomo sulla terra... vi fu mai cosa grande come questa e si udì mai cosa simile a questa?", ovvero una storia di profonda vicinanza tra Dio e l'uomo? Una vicinanza che non fa ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Con noi, tutti i giorni
Gesù, dopo che Dio lo ha risuscitato dalla morte, si è mostrato vivo ai suoi discepoli in varie opportunità e in momenti distinti: come dice Luca all'inizio degli Atti degli Apostoli, "si mostrò vivo, dopo la sua passione, con molte prove, durante quaranta giorni, apparendo loro e parlando delle cos ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Dio non è un hashtag
Guardare i dibattiti politici in tv mi appassiona parecchio, soprattutto in questo periodo di campagna elettorale, dove - devo ammetterlo - più che appassionarmi mi diverto. Mi diverto ad ascoltare proclami, slogan, promesse, frasi ad effetto, soprattutto perché so già di partenza che la maggior par ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Senza alcun dubbio
L'altra sera, nella speranza di crollare tra le braccia di Morfeo, ho acceso la televisione, pensando di trovare una di quelle trasmissioni di dibattito politico che hanno un incredibile effetto soporifero, almeno sul sottoscritto. Mi sono invece imbattuto in un film sulla fine del mondo che ha mant ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Un Dio che è la fine del mondo!
?La fine del mondo?: il brano di Vangelo di oggi termina con queste parole. Parole che in ognuno di noi evocano pensieri e sentimenti molto diversi tra di loro, e non necessariamente legati agli ultimi tempi. Pensiamo a quante volte usiamo questa espressione: ?È la fine del mondo?, ?È il finimondo?. ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Commento su Mt 28,16-20
Collocazione del brano
Ritorniamo per una domenica al vangelo di Matteo. Con il racconto dell'apparizione di Gesù agli Undici in Galilea Matteo pone fine al suo Vangelo. Si tratta perciò di un testo molto significativo, una sintesi di tutta la sua opera, in esso si trovano diversi eleme ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 08 Agosto 2014)
Commento su Mt 28,16-20
Collocazione del brano
Questo è uno dei tre brani a scelta proposti per la solennità di san Domenico. Si tratta del brano previsto anche nel giorno dell'Ascensione, anno A. Gesù dopo la sua risurrezione dà appuntamento ai suoi discepoli in Galilea, il luogo in cui aveva incominciato la ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 27 Ottobre 2013)
Fino alla fine del mondo
Chi vuole comprendere la presenza di Cristo Gesù non può non fare riferimento alla presenza di Dio con Mosè. Il Signore per Mosè era consigliere, luce, forza, onnipotenza salvatrice, liberatrice, soluzione per ogni difficoltà, guida sicura. Era Dio che operava tutto, sempre. Era Lui che conduceva il ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 23 Ottobre 2016)
Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli
La missione che Gesù conferisce ai suoi discepoli è circostanziata di universalità nel tempo e nello spazio, ma anche di precise, esatte modalità. Omesse queste caratteristiche, non c'è missione secondo Cristo, ma secondo gli uomini.
Andate. Gli Apostoli devono lasciare la loro terra. D ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06 Febbraio 2012)
Lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello
Se per un attimo facciamo la differenza dei miracoli narrati nell'Antico Testamento e quelli operati da Gesù Signore, emerge subito agli occhi che vi è una abissale distanza di santità. Leggiamo nel Primo Libro dei Re: "In seguito accadde che il figlio della padrona di casa si ammalò. La sua malatti ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03 Giugno 2012)
A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra

Con la sua gloriosa risurrezione Gesù viene intronizzato Signore del Cielo e della terra. Il Padre mette ogni potere nelle sue mani. Si compiono tutte le profezie. Perché le genti sono in tumulto e i popoli cospirano invano? Insorgono i re della terra e i prìncipi congiurano ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato
Dire e fare, annunziare ed operare, proclamare e vivere devono essere per i missionari del Vangelo una cosa sola. Vi è una grande differenza tra Gesù e Mosè. Mosè sale sul monte, riceve la Legge dal Signore. Scende dal monte, legge le Dieci Parole che il Signore aveva scritto sulle tavole di pietra, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo
Gli Apostoli sono mandati nel mondo affidando loro una missione che comporta tre azioni differenti, ma che sono l'una essenziale all'altra. L'una non può esistere senza l'altra. O stanno tutte e tre insieme o tutte e tre cadono, svaniscono, sono vane. Fate discepoli tutti i popoli. Gli Apostoli non ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli
Il comando di Gesù è di chiarezza e limpidezza divina: "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli". È giusto allora che ci chiediamo: Come i discepoli vanno portati a Cristo? Gesù nel Vangelo secondo Giovanni ci dice che è il Padre che attira ed è anche Lui che attira dalla croce. Questa ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Nel nome del Padre
Il Vangelo offerto alla nostra meditazione, posto da San Matteo a chiusura di tutta la vita di Gesù sulla terra nel suo corpo, prima visibile e poi risorto, richiede di essere preso in esame parola per parola. Niente di esso deve sfuggire alla nostra attenta, sapiente, intelligente riflessione, nell ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 03 Giugno 2012)
La famiglia di Dio
Oggi celebriamo la festa della Trinità. Quando sentiamo parlare di Trinità, pare si debba affrontare un tema della fede molto difficile. In realtà, parlare di Trinità è entrare nel cuore della nostra fede cristiana. Per un musulmano, la Trinità è inconcepibile, perché Dio deve essere uno e unico. ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Chiesa, quanto bella sei. O saresti.
In cucina una giovane mamma stava preparando la cena con la mente totalmente concentrata su ciò che stava facendo: preparare le patatine fritte. Stava lavorando sodo per preparare un piatto che i bambini avrebbero apprezzato molto: le patatine fritte erano il loro piatto preferito. Il bambino più pi ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 01 Giugno 2014)
La mia catechista e la ripresa di Gesù
Ci aveva provato lei, ma a pensarci adesso era parsa proprio ridicola la mia maestra di catechismo. Ci parlava dell'Ascensione - a noi bambini che andavamo a catechismo col pallone nello zaino - aggrappandosi ad un sentimentalismo di vecchia data, ormai scaduto e stanco, ad immagini consunte, disuse ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Dio apre la porta di casa. Il Maiale grugnisce
L'ultimo loro appuntamento è in montagna. Non è per caso che Dio, quando si mette in testa di raccontare qualcosa di intimo di Sé, chiami verso l'alto: chi più in alto sale, più lontano vedrà. Costretti ad arrampicarsi in verticale, dunque: per poi vivere da-Dio in basso, all'orizzonte della storia. ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 03 Giugno 2012)

Nella domenica dopo Pentecoste la liturgia della Parola ci invita a sostare al fonte battesimale: in questo luogo, saremo in grado di meditare l'origine della nostra nuova vita in Cristo e ci conformeremo all'Amore, vera essenza di Dio. Certamente, la maggior parte di noi non può ricordare il momen ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 03 Giugno 2012)
Tuffati nel nome
Gesù si avvicinò Gesù di fa vicino a quel gruppo di discepoli, - undici, dice il vangelo quasi a sottolineare la lacerazione e la povertà di quel piccolo gruppo segnato dal tradimento - un gruppo fragile nella sua umanità, prostrato davanti al Risorto ma contaminato dal dubbio. Ecco la chie ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Proprio perché incerti e deboli
Andarono in Galilea In Galilea Matteo porta a termine il racconto del suo Vangelo, e là, dove i discepoli hanno incontrato Gesù per la prima volta, lo incontrano per l'ultima. Da quell'incontro inizia il nuovo tempo della Chiesa. La Galilea è un luogo speciale, un luogo "lontano" dai ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Immersi
Sul monte
Il Monte che Gesù aveva indicato loro, pur indicato in modo determinativo è lasciato nella indeterminatezza proprio per richiamare le Beatitudini: Vedendo le folle, Gesù salì sul monte (Mt 5,1), come il tempo che Gesù dedicò alla preghiera: Congedata la folla, salì su ...

(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Andando, battezzando, insegnando
Ogni potere
Gli apostoli tornano in Galilea e in poche parole si descrive la precarietà e la debolezza della situazione: sono rimasti in undici, azzoppati dal tradimento di Giuda, feriti dal peccato di Pietro, segnati dalla paura che li ha resi fuggitivi davanti alla croce; la Galilea, t ...

(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 05 Giugno 2011)
Ascensione del Signore (Anno A)
IO SONO CON VOI Andate! Il Vangelo di questa domenica ci urge ad andare a tutte le nazioni. Non ci invita, ci comanda, è imperativo! Il Signore Gesù raduna i suoi discepoli per una sola ragione, perché sappiano cosa devono fare da quel momento in poi: rivelare a tutte le genti l'attualizzazione ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 03 Giugno 2012)
1x1x1=1

Ci è stato insegnato dai nostri genitori ancora prima che imparassimo a pronunciare le parole più comuni, eppure rappresenta in sé la massima sintesi della nostra fede cristiana. Lo facciamo sempre entrando in chiesa oppure, più raramente, quando ci si siede a tavola prima di un p ...
(continua)

Giovani Missioitalia     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Dove incontrarlo?
Oggi è la domenica dell'Ascensione di Gesù. Noi però vogliamo soffermarci su un aspetto che potrebbe passare quasi inosservato: i discepoli incontrano per l'ultima volta Gesù e lo fanno sul monte che Lui stesso gli aveva indicato. Gesù dà appuntamenti! Le prime parole di questo vangelo sottolineano ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01 Giugno 2014)

Il Vangelo della scorsa domenica, si concludeva con la promessa fatta da Gesù, prima di salire in croce, che non ci avrebbe abbandonati. Oggi, passati i giorni tragici della passione, il Signore risorto ritorna a promettere che sarà con noi tutti i giorni, fino alla fine del mondo. La promes ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Commento su Matteo 28,16-20
Avete, notato, nel Vangelo ricorre per ben tre volte l'aggettivo ?tutto', ?tutti'... Totalità delle persone, tutto il Vangelo, tutti i giorni... Non c'è niente, non c'è nessuno che rimanga escluso dall'annuncio, escluso dalla salvezza, escluso dalla conoscenza della veri ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Commento su Matteo 28,16-20
Il racconto dell'Ascensione narrato da san Luca fa da sutura tra il Vangelo e gli Atti. E' verosimile pensare che i due libri siano nati come un libro solo: la prima parte - poi denominata Vangelo - racconta la vicende di Gesù di Nazareth; la seconda - gli Atti, appunto - celebra le gesta degli Apo ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Commento su Matteo 28,16-20
Nella lingua corrente non esisteva una parola che indicasse contemporaneamente ?uno' e ?tre'... Quando la teologia cristiana cominciò a raccogliere le idee sull'identità di Dio, non poté far altro che inventare un nuovo termine, per esprimere che il nostro Dio è uno solo, ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 01 Giugno 2014)
Il potere di costruire ponti
?Non si va in Cielo salendo scale, ma costruendo ponti'. L'espressione è di don Tonino Bello, testimone credibile del nostro tempo. L'insegnamento è antico come la Chiesa, in cui i suoi ?pontefici' (dal latino pontifex, cioè ?costruttori di ponti') sono i primi garanti dell'eredità lasciataci da Ges ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Partire per poter restare
Afferma Romano Guardini che probabilmente l'ascensione di Gesù al Cielo manifesta il modo più autentico di Dio di stare, oggi, al mondo. Dio, infatti, c'è; ma non si lascia possedere mai. Egli parte, affinché possa ritornare presente in ciascuno. Rimane, con la forza del suo Spirito che si prepara a ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 31 Maggio 2015)

Dopo aver percorso insieme il periodo forte della Quaresima che ci ha immersi nel grande disegno del Padre attraverso la Passione del Figlio che ha così portato a compimento la Kenosis. Dopo aver contemplato il Risorto con gli apostoli che vanno nel mondo ad annunciare forti dell'ascensione e dello ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 23 Ottobre 2016)
Commento su Matteo 28,16-20
La giornata del mandato missionario dovrebbe incoraggiarci e nello stesso tempo dovrebbe scuoterci su come è il grado del nostro annuncio. Svuotiamo il campo dall'idea che questa giornata sia dedicata solo a coloro che nel mondo annunciano il Vangelo in terre lontane. Ci sta anche questo, ma non dev ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 31 Maggio 2015)

Amici, diciamo subito che la festa della Trinità non ha la presunzione di celebrare la realtà di Dio in sé, che noi non conosciamo. Se noi sapessimo cos'è Dio, non sarebbe Dio, perché sarebbe all'altezza delle nostre immagini, dei nostri pensieri. Occorre che ci facciamo un'immagine di Dio, per re ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 28 Maggio 2017)
Commento su Atti 1,1-11; Matteo 28,16-20
Amici,, oggi è la festa dell'interiorità, del cielo che abbiamo dentro.
Noi in ogni gesto che facciamo riveliamo noi stessi: la volontà di apparire, di richiamare l'attenzione degli altri o la volontà di offrire doni di vita e di accogliere il dono che gli altri ci offrono. Guardiamo dove siamo ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 28 Maggio 2017)

Oggi contempliamo Gesù che ascende al cielo e siede alla destra del Padre.
Quando diciamo che Dio è in cielo, usiamo un'immagine, un modo di dire che non significa che Dio è in un luogo fisico lontano, oltre le nuvole. Dire che Dio è in cielo significa dire che Dio è nella gloria, in un'altra ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 27 Maggio 2018)

Eccoci alla festa della Ss. Trinità, che con l'incarnazione di Gesù, vero Dio e vero uomo, è uno dei due misteri centrali della nostra fede cristiana. Secondo molti la Trinità è una dottrina astrusa e lontana dalla vita: invece ci dice che il nostro Dio non è un Dio ?spray?, è concreto, non è un ast ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 23 Ottobre 2016)
Il mandato missionario
Siamo quasi al termine dell'anno liturgico e in questa domenica, detta del mandato missionario, la Chiesa è invitata a riflettere sul significato della missione, della sua missione nel mondo. Cercare di capire cos'è oggi la missione significa raggiungere il cuore della Chiesa. Il motivo per i ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 23 Ottobre 2016)
Chiamati a raccontare
Le parole di Matteo, che ora abbiamo ascoltato, sono le ultime del suo vangelo. Lo chiudono. E, paradossalmente, lo aprono. Sono le ultime e le prime. Non chiudono la vicenda di Gesù. Come vorrebbe la morte. Come se le parole parlassero al passato. Ecco sorprendentemente il presente: "Ecco, io sono ...
(continua)
Vito Calella     (Omelia del 27 Maggio 2018)
Dalla resistenza alla resa, come figli adottati
Sarebbe bello che, ogni volta che facciamo il segno della croce, all'inizio di ogni celebrazione liturgica, ci ricordessimo del nostro battesimo. Non è scontato. La parole di Gesù, in questo giorno della solennità della Santa Trinità, ci parlano di battesimo: «Battezzate tutte le nazioni, nel nom ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 31 Maggio 2015)
Sulla Tua Parola - Mt 28, 16-20

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 09 Aprile 2012)
Commento su Matteo 28,8-15
Abbandoniamo il sepolcro in fretta, con gioia grande e non abbiamo paura, come ci suggerisce l'angelo in questo lunedì che segue la Pasqua. Non è facile abbandonare il sepolcro, superare il dolore, lasciarci alle spalle una visione dolente della fede cristiana. Ci sentiamo molto più coinvolti dalla ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01 Aprile 2013)
Commento su Mt 28,8-15
Che bel pesce d'aprile! Questa giornata è tutta giocata sul filo dell'incomprensione... Le donne pensano di andare ad imbalsamare un cadavere e trovano una tomba vuota, gli apostoli, maschilisti come conviene all'epoca, non credono alla testimonianza emotiva delle donne, il sinedrio si trova davanti ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Aprile 2014)

Se la quaresima è durata quaranta giorni, il tempo pasquale ne dura cinquanta! Forse perché la gioia è dilagante o forse perché siamo tendenzialmente cocciuti e fatichiamo a convertirci alla gioia. Tant'è: da qui in avanti leggeremo e mediteremo lungamente sui vangeli della resurrezione a partire da ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 06 Aprile 2015)

Può succedere di essere un po' storditi alla notizia della resurrezione del maestro Gesù. Non abbiamo di che preoccuparci, la Chiesa nella sua immensa saggezza ci dona la possibilità, nei prossimi 50 giorni di convertirci alla grande notizia che abbiamo ricevuto. Se la quaresima è durata 40 giorni d ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21 Aprile 2014)
Commento su Mt 28,9-10
«Ed ecco, Gesù venne loro [= alle donne] incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno»
Mt 9-10
Come vivere ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06 Aprile 2015)
Commento su Mt 28, 8b - 9
«Le donne corsero a dare l'annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono."
Mt 28, 8b - 9

Come vivere questa Parola?
In tutta questa settimana ci accompagnano le app ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28 Marzo 2016)
Commento su Mt 28,8-15
«In quel tempo, abbandonato il sepolcro, con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l'annunzio ai suoi discepoli. Ed ecco Gesù venne loro incontro dicendo: "Salute a voi". Ed esse avvicinatesi, gli strinsero i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: "non temete; andate ad annunziare ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02 Aprile 2018)
Commento su Mt 28, 12-14
«Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: ?I suoi discepoli sono venuti di notte e l'hanno rubato, mentre noi dormivamo?. E se mai la cosa venisse all'orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e v ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 17 Aprile 2017)
Commento su Mt 28,8-13
«Abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l'annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: "Salute a voi!". Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: "Non temete; andate ad annunci ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 09 Aprile 2012)
Non ci batteva il cuore?

L'episodio dei discepoli di Emmaus è molto significativo. Vi è la presenza di Gesù Risorto che appare a due discepoli sconsolati ed afflitti, nella sera della Pasqua. Si avvicina a loro, percorre la loro strada di sfiducia, cena con loro ed è riconosciuto nel gesto dello spezzare ...
(continua)

Riccardo Ripoli     (Omelia del 01 Aprile 2013)
Gesù venne loro incontro dicendo: «Salute a voi»
A tutti noi piace farsi cercare, desiderare, ma quando veniamo corteggiati ci fa piacere uscire allo scoperto e andare incontro alle persone che ci vogliono bene. E' un atteggiamento che ho trovato spesso negli altri, anche nei miei ragazzi, ed ho imparato ad andare sempre verso di loro, anche quand ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 09 Aprile 2012)
Andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno

La menzogna non è la contraffazione di una verità distante da noi. È la trasformazione della storia. Si dice storia ciò che storia non è. Si proclamata avvenuto ciò che avvenuto non è. Si dice non storia, ciò che invece è purissimo fatto. Si proclama non evento ciò che invece si è ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01 Aprile 2013)
Diedero una buona somma di denaro ai soldati

Il denaro è vera lebbra dell'anima e dello spirito. Chi si lascia afferrare il cuore da esso, è capace di qualsiasi delitto, trasgressione, cattiveria, malvagità, delinquenza. La lebbra del denaro oggi sta distruggendo il mondo, perché sta annientando il corpo dell'uomo, lo sta mo ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Aprile 2014)
Diedero una buona somma di denaro ai soldati
Il denaro è la cosa più santa inventata dall'uomo, se il cuore non si attacca ad esso. Mentre è la cosa più diabolica, infernale, nefasta quando il cuore vi si attacca. La rivelazione sia dell'Antico testamento che del Nuovo è chiarissima circa il denaro. Presta denaro senza fare usura, e non ac ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06 Aprile 2015)
Diedero una buona somma di denaro ai soldati
La differenza tra il vero credente in Dio e colui che non crede è una sola: il credente in Dio mai si vende la verità, né quella storica e né quella di fede, né la sua né quella degli altri. Non solo non vende, ma neanche compra la verità pagando il silenzio degli altri. Comprare e vendere la verità ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28 Marzo 2016)
Fecero secondo le istruzioni ricevute
La verità della risurrezione di Gesù si rivela dai molti, piccoli, quasi insignificanti dettagli che accompagnano la sua sepoltura. Ogni notizia degli Evangelisti altro non fa' che porre sul candelabro della storia l'evento che ha sconvolto e dato nuova vita all'intera creazione. La materia è stata ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 17 Aprile 2017)
Diedero una buona somma di denaro ai soldati
Un uomo potrà comprarsi il silenzio dell'intero universo, mai potrà comprarsi la voce del Signore, del Creatore, del Redentore dell'uomo. Dio entra con divina onnipotenza nella storia e svela i pensieri dei cuori. Non c'è uomo sulla terra che possa oscurare la luce che risplende dal corpo glorioso d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 02 Aprile 2018)
Diedero una buona somma di denaro
Nel Vangelo secondo Matteo, alla rivelazione dell'Angelo che annunzia alle donne la risurrezione, si aggiunge la visione. Gesù si fa vedere. Il gesto compiuto dalle donne verso il Risorto: ?Gli abbracciarono i piedi?, indica profonda umiltà. È la prostrazione del servo verso il suo Signore, d ...
(continua)
don Cristiano Mauri     (Omelia del 02 Aprile 2018)
Commento su Matteo 28,8-15
Senza fare domande, senza indugiare un istante, svelte e ubbidienti (eseguono infatti l'ordine dell'angelo: «Presto, andate a dire ai suoi discepoli: "È risorto dai morti, ed ecco, vi precede in Galilea; là lo vedrete?». Mt 28, 7) le donne prendono subito la via del ritorno. Non è una fuga come nel ...
(continua)