Omelie riferite al libro: Vangelo secondo Matteo, capitolo 22

don Raffaello Ciccone     (Omelia del 21 Luglio 2013)
Commento su Primo Samuele 16, 1-13; Seconda Timoteo 2, 8-13; Matteo 22, 41-46.
Samuele 16, 1-13
"Il Signore si è già scelto un uomo secondo il suo cuore e gli comanderà di essere capo del suo popolo, perché tu non hai osservato quanto ti aveva comandato il Signore". Questa è la parola di Samuele a Saul che aveva disobbedito a Dio. E' tempo di cercare un nuovo re e ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 14 Luglio 2013)
Commento su Primo Samuele 8, 1-22a; Prima Timoteo 2, 1-8; Matteo 22, 15-22
1Samuele 8, 1-22a
Samuele ha coraggiosamente e lucidamente retto il suo ruolo di giudice, difendendo le diverse tribù dalla rapine e invadenze dei popoli vicini. Si trova però ad una svolta importante nella storia politica e religiosa d'Israele. Il santuario dell'arca di Silo è stato dis ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 28 Settembre 2014)
Commento su Dt 6,4-12; Gal 5,1-14; Mt 22,34-40
Deuteronomio 6, 4-12
Mosè si è avvicinato a Dio per ascoltare quello che il suo popolo deve capire e praticare all'inizio della sua esistenza liberata ed autonoma, avendo avuto il dono della emancipazione dalla schiavitù, per una scelta privilegiata da parte di Dio a preferenza degli alt ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Video Commento a Mt 22, 34-40

...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Il segreto della fecondità
La lettera di Paolo apostolo ai Tessalonicesi che la liturgia ci propone come seconda lettura in queste ultime domeniche del tempo ordinario è relativamente corta, ma molto suggestiva. Si apre con un sentito elogio della fede, della speranza e della carità di questa comunità che si traduce in uno st ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Il segreto della fecondità
La lettera di Paolo apostolo ai Tessalonicesi che la liturgia ci propone come seconda lettura in queste ultime domeniche del tempo ordinario è relativamente corta, ma molto suggestiva. Si apre con un sentito elogio della fede, della speranza e della carità di questa comunità che si traduce in uno st ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Commento su Es 22,20-26; Sal 17; 1Ts 1,5-10; Mt 22,34-40
L'uomo, immagine di Dio che l'ha creato, possono collaborare insieme per realizzare il grande e unico progetto del creatore, che è il progetto d'amore pensato da secoli e rivelato ad Israele che, al Sinai, accetta l'alleanza che Dio gli propone. La proposta di Dio, il Signore in assoluto, è un invit ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 17 Giugno 2018)
Ma quelli non se ne curarono
Il profeta Isaia canta la verità del suo Dio. Questo non è solo il Dio d'Israele, ma il Dio di ogni uomo. Per tutti i popoli egli preparerà sul suo monte santo un banchetto di vita e di benedizione. Tutti i popoli vi potranno salire e gustare la cena del loro Signore.

Signore, tu sei il mio D ...
(continua)

don Raffaello Ciccone     (Omelia del 03 Novembre 2013)
Commento su Isaia 25, 6-10a; Romani 4, 18-25; Matteo 22, 1-14
Is 25,6-10a
Isaia sogna la conclusione del tempo della fatica, della guerra e della fame. Le attese sono solamente della potenza di Dio che finalmente mette fine al tempo e conclude con un raduno di pace e con un banchetto che sancisce il patto di armonia che finalmente è esploso sul mo ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Video Commento a Mt 22, 1 - 14

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Commento su Is 25,6-10a; Sal 22; Fil 4,12-14.19-20; Mt 22,1-14
La liturgia d domenica scorsa ci ricordava, attraverso le parole del profeta Isaia, il difficile rapporto che è sempre esistito fra il Signore e il suo amato popolo. Il popolo è paragonato ad una vigna e il Signore è il vignaiolo.
Un uomo possedeva un terreno, lo curò, lo attrezzò al fine di fa ...

(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Ancora bisognosi di sperare
Il re di cui parla il vangelo di oggi è il Signore. I servi che egli invia, sono in modo particolare gli apostoli e i loro successori, i ministri della Chiesa, coloro ai quali il Signore, alla fine del Vangelo di Matteo dice: Andate, e di tutte le nazioni fate i miei discepoli. Questo è l'invito all ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Ancora bisognosi di sperare
Il re di cui parla il vangelo di oggi è il Signore. I servi che egli invia, sono in modo particolare gli apostoli e i loro successori, i ministri della Chiesa, coloro ai quali il Signore, alla fine del Vangelo di Matteo dice: Andate, e di tutte le nazioni fate i miei discepoli. Questo è l'invito all ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Commento su Is 25,6-10a; Fil 4,12-14.19-20; Mt 22,1-14
ISAIA 25,6-10
Versetti improntati sul banchetto divino. Convocato sul monte del Signore, monte considerato luogo centrale per il mondo, dove sono invitati tutti i popoli. Dalla descrizione dell'abbondanza di vini e vivande possiamo capire quanto questa festa sia importante considerando i ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento su Is 45,1.4-6; Sal 95; 1Ts 1,1-5; Mt 22,15-21
La liturgia di domenica scorsa ci ha presentato un re che fa una festa di nozze per il figlio. Alla festa vengono invitati i privilegiati, ma questi non accolgono l'invito perché occupati in altri lavori. Vengono allora invitati alle nozze tutti coloro che si trovano per strada, a condizione che abb ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Dare per gioia
Con la frase Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio, in maniera lapidaria e brillante, Gesù espone il principio fondamentale della relazione del cristiano nei confronti dell'autorità civile. La fede cristiana non dispensa dall'obbedienza nei confronti dell'autorit ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Dare per gioia
Con la frase Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio, in maniera lapidaria e brillante, Gesù espone il principio fondamentale della relazione del cristiano nei confronti dell'autorità civile. La fede cristiana non dispensa dall'obbedienza nei confronti dell'autorit ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Commento su Matteo 22, 1-14

...
(continua)

Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 22 Agosto 2013)
Il banchetto e l'abito nuziale

Nasce da un bisogno irrefrenabile di comunione da parte di Dio nei nostri confronti l'invito al suo banchetto. Vuole renderci partecipe dei suoi beni, ci vuole come suoi commensali. Per questo ci ha fatto somiglianti a sé con un innato desiderio di essere sfamati e dissetati nel c ...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Video Commento a Mt 22,15-21

...
(continua)

Ileana Mortari - rito ambrosiano     (Omelia del 21 Luglio 2013)
Chi è il Messia?
Il brano evangelico proposto dalla liturgia odierna è tratto dal cap.22 di Matteo e si colloca dopo tre controversie tra Gesù e i giudei: sul tributo a Cesare, sulla resurrezione dai morti e su quello che è il maggior comandamento della Legge. Questa volta, però, è il Nazareno a porre la domanda ai ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Andate, chiamate, invitate....
"Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio". Un grande annuncio di speranza e di gioia percorre la parola di Dio di questa Messa: è un messaggio di consolazione di Dio al suo popolo. Isaia dice: Dio toglierà il velo del lutto, farà scomparire la morte, asc ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Agosto 2012)
Commento su Matteo 22,1-14
La pagina che abbiamo letto è, probabilmente, un collage di diverse parabole di Gesù che Matteo mette insieme. Così ci dicono gli studiosi ad un attento esame della struttura letteraria. Certamente al centro c'è la parabola dell'invito alle nozze rifiutato, che troviamo anche in Marco, poi un detto ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 22,1-14

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Video commento a Mt 22,1-14

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Agosto 2014)

Cosa abbiamo di meglio da fare che essere felici? E scoprirci amati e al centro di un grandioso progetto di salvezza di cui possiamo essere protagonisti? Cosa abbiamo di meglio da fare del cercare nel nostro intimo la presenza di Dio? E, una volta trovatala, lasciarla dilagare in noi? Nulla, in teor ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15 Ottobre 2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Padre Alvise Bellinato IL BANCHETTO PREPARATO DA DIO ? L'immagine del banchetto è centrale nelle letture ascoltate oggi (salmo incluso): Preparerà il Signore degli eserciti per tutti i popoli, su questo monte, un banchetto ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 22,1-14

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 22,1-14

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Agosto 2015)

La parabola raccolta da Matteo mischia diversi piani, salta subito agli occhi, inserzioni derivanti, probabilmente, da altri detti di Gesù. La prima parte racconta del rifiuto degli invitati, troppo occupati dalle cose di questo mondo per pensare seriamente a Dio. Anche noi corriamo il rischio di es ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Video commento a Mt 22,1-14

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Invitati
Il nostro Dio è generoso come il padrone della vigna che esce per chiamare dei braccianti a lavorare anche solo un'ora, per dar loro la possibilità di guadagnare il denaro sufficiente a mantenere la propria famiglia. È il Dio che affida alle nostre mani il Creato, la Storia, ma, che troppo spesso, r ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Siamo mendicanti d'amore invitati a una festa
Il regno dei cieli è simile a una festa. Eppure nella affannata città degli uomini nessuno sembra interessato: gli invitati non volevano venire... forse temono una festa senza cuore, il formalismo di tutti, l'indifferenza reciproca. Non volevano venire, forse perché presi dai loro affari, dalla lit ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Al banchetto del Re non persone perfette ma in cammino
C'è, nella città, una grande festa: si sposa il figlio del re, l'erede al trono, eppure nessuno sembra interessato; nessuna almeno delle persone importanti, quelli che possiedono terreni, buoi e botteghe. È la fotografia del fallimento del re. Che però non si arrende al primo rifiuto, e rilancia l'i ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Video commento su Mt 22,1-14

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Video commento su Mt 22,1-14

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Invitati al ?banchetto di Dio con l'abito nuziale'
Nella Parola di Dio appare il grande desiderio del Padre di averci con Sé: prima come ?vignaioli', nella Sua ?vigna' - e lo dovremmo essere nella vita della Sua Chiesa - e poi con l'immagine accattivante di oggi, ossia l'invito a partecipare al ?Suo banchetto', paragonando così la fede ad un vero in ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze
Il re di cui parla il vangelo di oggi è il Signore. I servi che egli invia sono in modo particolare gli apostoli e i loro successori, i ministri della Chiesa, coloro cioè ai quali il Signore, alla fine del Vangelo di Matteo ha detto: Andate, e di tutte le nazioni fate i miei discepoli. Questo ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
E' qui la festa?
Il Regno dei Cieli è adesso. Ce lo presenta nella sua attualità Dio Padre nelle parole e nelle opere, ordinarie e straordinarie di Gesù suo Figlio, le quali attestano a una realtà innovativa che in esso nulla attiene alla conquista dell'uomo. Solo Dio è capace di offrircelo come un fatto d'amore e d ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Sulla Tua Parola - Mt 22,1-14

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Corrispondere in tutto alla gioa
Da oltre dieci anni mi ritrovo (spero degnamente e con necessaria umiltà) a ricoprire il ruolo di Superiore e Rettore di chiesa in differenti realtà del mio Ordine e fra le varie responsabilità a cui mi trovo a far fronte capitano talora delle circostanze in cui devo assumere domestici o altri colla ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Sulla Tua Parola - Mt 22,1-14

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
#StradeDorate - Commento su Matteo 22,1-14

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
La Parola - Commento al Vangelo Matteo 22,1-14

...
(continua)

Carla Sprinzeles     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Commento su Isaia 25,6-10; Matteo 22,1-14
Oggi nella liturgia, come più volte e in molti passi della parola di Dio, ci viene presentato il sogno di Dio, innamorato dell'uomo, come un banchetto di nozze, dove lui è lo sposo e l?umanità la sposa! Uno sposo terribilmente preoccupato che tu, uomo o donna, faccia con lui un matrimonio di interes ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Commento su Mt 22,1-14
Introduzione
Come riuscirà la Chiesa, Sposa di Cristo, a presentare agli uomini del nostro mondo, della nostra società post-cristiana, l'incredibile invito del Padre alle nozze di suo Figlio? Come far sedere alla tavola di questo "banchetto di grasse vivande, di cibi succulenti, di vini ...

(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,1-14

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
La festa delle nozze eterne e gli invitati del Regno
In questa domenica ci viene presentata, nel testo del Vangelo, un'altra parabola sul Regno di Dio. E' la parabola della festa delle nozze, alla quale sono invitati tutti, ma non tutti erano degni di parteciparvi. Alla fine la selezione tra i degni e gli indegni avviene automaticamente, senza interve ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Tutti invitati, col lasciapassare della gratitudine e della gratuità
1: LA FESTA DI NOZZE, IMMAGINE SIMBOLICA DEL REGNO DI DIO.
Uno delle immagini più belle per paragonare il mondo nuovo del regno di Dio è l'immagine del banchetto di nozze, perché tutti abbiamo già fatto esperienza della bellezza di una festa di nozze e l'abbondanza di cibi e bevande che ...

(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Audio commento alla liturgia del 15 ottobre 2017

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Tutti siamo invitati alle nozze dell'amore di Dio nel tempo e nell'eternità
La parola di Dio di questa domenica XXVIII ci invita, nel Vangelo, a prendere parte alle nozze dell'Agnello, alle quali siamo tutti invitati, in modo degno, ben preparati, con le vesti spirituali ed interiori idonee, quelle che veramente contano per entrare a far parte di coloro che amano Dio e lo v ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Commento su Mt 22, 4-5; 8-9; 10-13
«?Ecco, ho preparato il mio pranzo... e tutto è pronto, venite alle nozze...?. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari... Poi disse ai suoi servi: ?La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ai crocicchi delle strade e tutti quel ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 12 Ottobre 2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Matarrese Ci è sicuramente capitato di trovarci di fronte un giovane che si innamora o una madre che aspetta un bambino e siamo rimasti stupiti perché il loro volto cambia, diventa più bello e luminoso; non solo, cambia anche il l ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 12 Ottobre 2014)

Indicando un paragone ("il regno dei cieli è simile a..."), la parabola può essere considerata come una provocazione, un forte appello. In questa, il regno dei cieli è simile "a un re che fa un banchetto di nozze per suo figlio". È simile, non ad un re, né ad un banchetto di nozze in sé, né a ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,1-14
Ancora il Regno dei cieli è il tema centrale della Messa di questa domenica, che, nel brano di Isaia e nel Vangelo di Matteo, intende rispondere a una domanda fondamentale: cosa sarà il Regno di Dio? A chi è destinato e chi potrà entrarci? Una prima risposta la dà Isaia: il Regno di ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 12 Ottobre 2014)

Il vangelo di oggi ci parla di una festa. Credo che questa parola sia gioia per le vostre orecchie! Sono certa, infatti, che nelle feste vi divertite, giocate, mangiate un po' di tutto, anche quelle cose che a volte la mamma non vi permette di mangiare... Allora, alzi la mano chi si è rifiutato di ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 15 Ottobre 2017)

ABITERO' PER SEMPRE NELLA CASA DEL SIGNORE Oggi Gesù ci racconta una storia... perché sa che a noi piace ascoltare le storie e soprattutto perché le storie ci aiutano a capire tantissime cose! Nella storia si parla di abiti nuziali.... Noi come ci vestiamo se siamo invitati ad un matrimonio? Cert ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Cattivi e buoni
Il vangelo anche questa domenica marca una forte differenza tra quelli che sono i pensieri di Dio e i pensieri dell'uomo; e se domenica scorsa vi dicevo che in cima ai pensieri di Dio sta la condivisione e in cima ai pensieri dell'uomo sta il possedere, l'appropriarsi dell'eredità, oggi ci viene det ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
La drammatica storia della salvezza
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Chiesa per tutti, esclusi compresi!
Clicca qui per la vignetta della settimana. La comunione eucaristica può essere data o no a coloro che sono divorziati e risposati? Attorno a questa domanda sembra ruotare l'aspettativa di tutti nei confronti del Sinodo sulla f ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
L'abito giusto per la messa
Clicca qui per la vignetta della settimana. Mi ricordo che quando sono stato in Africa la prima volta, in visita missionaria, ho fatto un bellissimo viaggio in Guinea Bissau con un gruppo di giovani della Diocesi. Fu un viaggio ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Storia di salvezza e di delusioni
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Un festoso banchetto cui tutti sono invitati
Un re, racconta Gesù, allestì una festa di nozze per suo figlio, e mandò ripetutamente i suoi servi a chiamare gli invitati, i quali però non vollero partecipare, preferendo occuparsi dei fatti loro. Allora mandò i servi per le strade, a invitare tutti quanti avrebbero incontrato, buoni e cattivi, e ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Tutti sono invitati alla festa
Si ricorderà la parabola di domenica scorsa, sul passaggio dal popolo d'Israele al nuovo popolo di Dio che è la Chiesa, cioè dall'antico al nuovo testamento. Oggi un'altra parabola (Matteo 22,1-14) sviluppa lo stesso argomento. Un re, racconta Gesù, allestì una festa di nozze per suo figlio, e mand ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Audio commento alla liturgia - Mt 22,1-14
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Venite alle nozze!
Dopo quella dei due figli e dei vignaioli omicidi, quella degli invitati alla festa di nozze (Matt.22,1-14), è la terza parabola con cui Gesù risponde ai capi del popolo, religiosi e civili, che contestano la sua autorità: è un crescendo nell'annuncio della novità della presenza del Regno dei cieli ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Video commento su Mt 22,1-14

...
(continua)

Ileana Mortari - rito ambrosiano     (Omelia del 03 Novembre 2013)
Amico, come hai potuto entrare qui senz'abito nuziale?
La parabola della lettura odierna è detta "della grande cena", perché ci presenta un sontuoso banchetto che un re ha imbandito per le nozze di suo figlio e a cui ha invitato molte persone ragguardevoli. Ma queste, nonostante due ripetuti e insistenti inviti, non vogliono andare, anzi alcuni se la pr ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 21 Giugno 2015)

Il Signore ci vuole commensali alle nozze eterne e non si stanca di chiamare tutti a questo banchetto. Non c'è un clan preferito da Gesù, ma c'è il desiderio che nessuna vengo escluso. Davanti al suo invito sta la nostra libertà di figli che ci mette davanti a due possibilità o accettare o rifiutare ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Una Chiesa "ai crocicchi delle strade"
Passiamo da un estremo all'altro. Ci sono momenti in cui avvertiamo lo stimolo della fame e momenti in cui non ne possiamo più del cibo; momenti in cui le nostre tavole sono imbandite di ogni ben di Dio e momenti in cui rientriamo in casa la sera e - soprattutto se viviamo da soli - assistiamo alla ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Le occasioni perdute
Quando guardo al mio passato, anche se si tratta solo di mezzo secolo di vita, mi vengono alla mente i volti e le storie delle persone che ho incontrato, i luoghi che ho visitato, le esperienze che ho vissuto...e questo è ciò che capita a ognuno di noi. Aprire il libro della nostra memoria storica è ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Commento su Mt 22,1-14
Lectio
Termina oggi la trilogia di parabole pronunciate da Gesù ai capi dei sacerdoti e agli anziani, nel tempio di Gerusalemme. Questo dialogo, lo ricordiamo, avvenne all'indomani dell'entrata trionfale di Gesù a Gerusalemme e qualche giorno prima della sua condanna a morte. Anche in qu ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 03 Novembre 2013)
Andate ora ai crocicchi delle strade
Nel regno di Dio si entra per invito. Ecco come la sapienza chiama ogni uomo a gustare la sua cena, a partecipare al suo banchetto, nel quale si riceve la vera vita.
La sapienza forse non chiama e l'intelligenza non fa udire la sua voce? In cima alle alture, lungo la via, nei crocicchi dell ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 21 Giugno 2015)
Ma quelli non se ne curarono
L'amore di Dio è tanto grande da risultare invincibile. Questa verità ha accompagnato tutto l'Antico Testamento. Così è rivelata dal Secondo Libro delle Cronache.

Anche tutti i capi di Giuda, i sacerdoti e il popolo moltiplicarono le loro infedeltà, imitando in tutto gli abomini degli altri ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 30 Ottobre 2016)
Come mai sei entrato qui senza l'abito nuziale?
Il Salmista chiede a Dio quali sono le condizioni perché si possa abitare nella tenda del Signore. La risposta è immediata. Abita nella tenda del Signore chi porta l'abito nuziale intessuto di Parola di Dio, fedeltà, integrità. Chi è lontano da ogni idolatria.

Signore, chi abiterà nella tua ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Agosto 2012)
Amico, come mai sei entrato qui senza l'abito nuziale?

Chi crede in Dio deve indossare la stessa veste che indossa Dio. Veste di Dio è ogni giustizia, misericordia, pietà, compassione, amore per la verità, zelo per il più grande bene. Dobbiamo essere ad immagine e a somiglianza di Dio dentro e fuori, nel corpo e nello spirito, da soli ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Agosto 2014)
Amico, come mai sei entrato qui senza l'abito nuziale?
Nel regno dei cieli si entra per invito, non per meriti. Entrando in esso vi sono però delle regole da osservare. Anzi si entra in esso per osservare certe regole. Senza regole osservate non vi è regno di Dio, mai vi potrà essere. Lo sfacelo del cristianesimo attuale è il frutto di un pensiero diabo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Ma quelli non se ne curarono
Quando la fede si trasforma in religione, è allora che si sfasa il nostro rapporto con Dio e con i fratelli e quasi sempre dalla vera adorazione si passa nell'idolatria e nell'empietà. Tutti i profeti dell'Antica Legge denunciano questo sfasamento. Essi sono mandati per riportare la vera fede nella ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Agosto 2015)
Molti sono chiamati, ma pochi eletti
L'invito alla festa di nozze per il figlio è un dono di grazia, è anche segno di grande stima, amore. Il re mi ha preso in considerazione. Avrebbe potuto non pensarmi e invece mi ha pensato. Mi ha invitato a partecipare alla festa da Lui preparata per il figlio suo. In verità Dio sempre stima l'uomo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18 Agosto 2016)
La sala delle nozze si riempì di commensali
Una verità che non entra nel cuore dell'uomo vuole che le regole del regno non le stabilisca l'uomo, ma il Signore. Tutto il Vangelo, ma prima ancora, tutta la Scrittura è regola di come si entra nel regno e in esso si vive. È anche regola della via da prendere perché si raggiunga il regno eterno di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Ma questi non volevano venire
Nella confusione che oggi avvolge il mondo, un po' di chiarezza evangelica è più che potente penicillina per un ammalato di broncopolmonite. Il mondo oggi è ammalato di broncopolmonite mentale, spirituale, religiosa, nella fede. Ha trasformato in purissima fede tutti i suoi pensieri. Oggi siamo gove ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Agosto 2018)
Il re entrò per vedere i commensali
Ogni relazione dell'uomo con Dio e dell'uomo con l'uomo è fatta di due volontà. Mentre tra uomo e uomo vi potrà essere accordo, tra Dio e l'uomo vi potrà essere solo obbedienza. Dio dona le regole per entrare in relazione di vita e di benedizione con Lui e l'uomo le può accogliere o rifiutare. Se le ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Questo Dio mai stanco di far festa
Un Dio esperto di feste: così ce lo tratteggiano alcune tra le più sublimi pagine dei Vangeli. Da Nazareth - che di tutta questa festa fu l'anticipo e il preludio - fino al mattino di Pasqua, la vita dell'Uomo di Nazareth altro non fu che un eterno festeggiare. D'altronde, come poteva ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Far festa tutti i santi giorni. Un Dio così è uno spasso
Cristo rincasa dai campi. Dopo tre domeniche passate tra i filari dei vigneti - a parlare di come funziona il Regno di lassù, dispiegandolo tra le pieghe delle storie di quaggiù - oggi indossa vestiti di festa. Come il nonno che, all'indomani della vendemmia o della mietitura - organizzava una gran ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Liberi di fare festa
Una festa di nozze per suo figlio C'è continuità, non soltanto con gli interlocutori, ma anche con le parabole del capitolo 21 che avevano come sfondo l'immagine della vigna, popolo di Dio. In questa parabola il tema del regno dei cieli trova come sfondo una festa di nozze, immagine dell'all ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Chiamati alla festa
Con parabole
Le parabole non sono frutto di una fervida fantasia, storie campate per aria ma storie tratte dall'esperienza; era normale nella realtà geopolitica del tempo che un pranzo di nozze per il figlio di un re fosse occasione per stabilire o rafforzare le alleanze con gli altri po ...

(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 23 Agosto 2012)
Venite alle nozze
Il Signore invita tutti alla vita eterna e ci promette gioia e felicità, ma in molti non credono possa esistere qualcosa dopo la morte e non ascoltano l'invito perché troppo indaffarati nella quotidianità terrena per poter solo stare a pensare a cose spirituali. Anzi, taluni si ribellano anche in ma ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 12 Ottobre 2014)

L'inizio del Vangelo di oggi è quanto di più promettente si possa desiderare... Apprendere che il Regno dei Cieli è come un banchetto di nozze è notizia a dir poco eccitante...soprattutto per gli amanti della buona tavola! Coloro che invece soffrono di gastrite, o sono comunque condannati a diete f ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,1-14
La scorsa domenica abbiamo riflettuto sul regno dei Cieli, a partire dalla famosa parabola dei vignaioli omicidi; oggi è la volta di un'altra parabola, famosa anche questa, del banchetto allestito da un re per le nozze del figlio. Come al solito, il racconto è volontariamente forzato nei toni: il ba ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 12 Ottobre 2014)
Una festa condivisa
?Tutto è pronto!' Si alza forte il grido dei servi, mandati dal re a chiamare gli invitati. ?Tutto è pronto!' Corrono entusiasti e felici, perché si è preparata una festa e una festa grande: le nozze del figlio del re! ?Tutto è pronto!' Trabocca la gioia, desiderando ardentemente che sia condivisa, ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 15 Ottobre 2017)

Nella parabola di oggi Gesù ci parla di un Re che fa un banchetto e manda a chiamare gli invitati.
Ora, chi mai rifiuterebbe l'invito di un re o di un personaggio importante? Eppure nel Vangelo assistiamo all'assurdo rifiuto degli invitati, alcuni senza alcun motivo. Ma quante volte facciamo l ...

(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 15 Ottobre 2017)
Rivestitevi del Signore Gesù Cristo
Un re, non una persona qualunque, invita alle nozze del proprio figlio. I suoi servi eseguono l'ordine, ma gli invitati non vollero venire (Mt 22,2). Cosa può indurli a rifiutarsi di andare a quella festa? L'antipatia del re o di suo figlio? Una temuta noia per la possibile lungaggine delle c ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 30 Ottobre 2016)
La partecipazione delle genti alla salvezza
Il vangelo di Gesù è per tutti e non ammette esclusioni. Il titolo liturgico di questa domenica parla, infatti, della partecipazione delle genti alla salvezza. Papa Francesco, anche recentemente diceva, col suo linguaggio spesso così diretto e talvolta un po' destabilizzante, che "La Chiesa n ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 17 Giugno 2018)
Il Signore regna su tutte le nazioni
Il Vangelo di oggi comincia col dire che ?Gesù riprese a parlare loro con parabole?. Gesù sa che non sono certo i concetti astratti a farci sussultare. Piuttosto sono certe immagini, certe parabole, la poesia che ci sanno muovere dentro. Così continua a raccontarci del Regno dei cieli che è ? ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 30 Ottobre 2016)
La passione dei banchetti
Oggi, ancora una volta, il racconto del profeta Isaia, il racconto del grande banchetto sul monte. A questo, secondo il profeta, siamo destinati. E se uno mi chiedesse: "Verso dove stiamo andando?", mi verrebbe da rispondere: "Andiamo verso un grande banchetto". Non so di più. Non voglio teorizzare ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 17 Giugno 2018)
Storia di un vestito stonato?
Ci sono luci e ci sono ombre nei brani che oggi abbiamo ascoltato. E vi confesso apertamente che i miei pensieri, e di conseguenza il mio commento, lasceranno più di un'ombra, e più di una domanda, in voi che mi ascoltate. Potremmo partire dalla parabola, l'invito a nozze. C'è qualcosa - confessiamo ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 03 Novembre 2019)
Beati coloro che preparano banchetti
Penso sia una buona notizia questa: che il regno di Dio abbia a che fare con un banchetto, in particolare con un banchetto di nozze. ?Preparerà Il Signore per tutti i popoli un banchetto su questo monte?: così il profeta Isaia. Mi chiedo se in questo testo si parli del banchetto della fine dei te ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Video commento a Mt 22,15-21

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Tutti discepoli, tutti Missionari
Risplendete come astri nel mondo, tenendo salda la parola di vita, cioè la parola del Signore. Nelle letture bibliche viene presentato un re pagano, anche lui può diventare per Dio uno strumento di liberazione d esecutore della sua volontà. Nel vangelo abbiamo la celebre frase di Gesù: "date a Ce ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
E' lecito contribuire al bene comune?
Come Superiore e amministratore di un Convento, non posso che collocarmi dalla parte di chi lamenta l'aumento esponenziale e sempre più insostenibile delle tasse e dei tributi. Personalmente faccio anch'io l'esperienza dell'IMU, della TARSU, IRPEF, TASI le cui cifre da pagare ogni volta a breve scad ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 22,15-21

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Date a Cesare ciò che è di Cesare, date a Dio ciò che è di Dio
Questo vangelo ci illumina nel cammino della nostra comunità cristiana in questi anni: ?Cristiani adulti, cittadini responsabili?. Il cristiano diventa adulto quando è in grado di assumere le responsabilità tipiche degli adulti nella società e nella Chiesa. Nella sua vita di fede dentro la comunità ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Video commento a Mt 22,15-21

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 22,15-21

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
A Cesare le cose, a Dio la persona con il suo cuore
La trappola è ben congegnata: È lecito o no pagare il tributo a Roma? Fai gli interessi degli invasori o quelli della tua gente? Con qualsiasi risposta, Gesù avrebbe rischiato la vita, o per la spada dei Romani o per il pugnale degli Zeloti. Gesù non cade nella trappola: ipocriti, li chiama, cioè at ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Video commento su Mt 22,15-21

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
A Cesare ciò che è di Cesare. E noi siamo del Signore
La trappola è ben congegnata: È lecito o no pagare il tributo a Roma? Stai con gli invasori o con la tua gente? Con qualsiasi risposta Gesù avrebbe rischiato la vita, o per la spada dei Romani, come istigatore alla rivolta, o per il pugnale degli Zeloti, come sostenitore degli occupanti. Erodiani e ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Video commento su Mt 22,15-21

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Tutti chiamati ad essere missionari
Se c'è un aspetto nella nostra vita di cristiani, che ci rattrista, e tanto, è il ?silenzio' sulla Parola di Dio. Non è più ?di casa'. Pare che l'unica parola che domini in tante case e diventa poi ?il vangelo', o meglio ?l'antivangelo', siano i modelli di vita delle comunicazioni TV, che offrono id ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Sulla Tua Parola - Mt 22, 15-21

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Ciascuno il suo e a ciascuno il suo
Isaia preconizza l'esistenza di un solo Dio e Signore universale, accanto al quale non si ammettono altre divinità e al quale ciascun uomo deve mostrare riverenza e sottomissione. E se Dio è Uno e unico, occorre che tutti ci si predisponga a fare la sua volontà, a vivere secondo i suoi dettami anche ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Sulla Tua Parola - Mt 22,15-21

...
(continua)

don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Fatti un selfie e ti dirò chi sei!
Se io ti chiedessi "come stai" e poi giro la faccia senza attendere una risposta da te, sono interessato o no a sapere della tua salute? Facilmente si potrebbe dire che del tuo star bene o male non m'importa affatto.
Se io sto al telefono e, mentre parli, faccio altro, scrivo al PC, leggo i mes ...

(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Video commento su Matteo 22,15-21

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
#StradeDorate - Commento su Matteo 22,15-21

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
La Parola - Commento al Vangelo Matteo 22,15-21

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento su Mt. 22, 17- 21
?Essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: ?di chi è questa immagine e l'iscrizione?? Gli risposero: ?Di Cesare?. Allora disse loro: ?Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio?.?
Mt. 22, 17- 21

Come vivere questa Parola?
La trap ...

(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,15-21

...
(continua)

don Roberto Farruggio     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento alle letture - XXIX Domenica Del Tempo Ordinario (Anno A)

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
L'ipocrisia dei falsi giusti
La parola di Dio di questa domenica mette davanti a noi il tema dell'ipocrisia. Una parola e soprattutto un atteggiamento di vita ben conosciuto da tutte le culture e ben sostenuto al tempo di Gesù dai farisei e da coloro che volevano apparire giusti e perfetti e che non lo erano affatto. Nel Vange ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Audio commento alla liturgia del 22 ottobre 2017

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Il programma e progetto "politico" di Gesù
La Parola di Dio di questa XXIX domenica del tempo ordinario ci pone di fronte ad un altro dilemma: è giusto pagare o meno le tasse, ovvero, nel vangelo di oggi, il tributo a Cesare?
E' la domanda che pongono a Gesù alcuni discepoli dei farisei e alcuni erodiani per cogliere in fallo il divino ...

(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 19 Ottobre 2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti E' uno degli episodi più cari agli esattori delle tasse... la risposta di Gesù, però, supera di molto il limite di una domanda pettegola come questa, posta dai discepoli dei farisei. E' singolare notare che i capi dei farisei av ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 22 Ottobre 2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Massimo Cautero Il pensiero limitato dell'uomo mostra sempre la sua pochezza e la scarsità di orizzonti quando si vende alla logica della ?contrapposizione?. All'uomo piace la ?contrapposizione?, il conflitto, e a colui che del conflit ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 19 Ottobre 2014)

I farisei e gli erodiani dicono di Gesù che "non guardi in faccia a nessuno" e invece il Signore guarda in profondità e fino in fondo il mistero di ogni persona; anche quando evita di entrare in argomenti giuridici o politici, le sue parole ripropongono incessantemente il tema del rapporto tr ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,15-21
Quale il rapporto tra il Regno di Dio e i regni della terra? È il tema centrale dei testi biblici di questa Messa. Il brano di Isaia, ci riporta al 538 avanti Cristo. L'imperatore persiano Ciro ha, da un anno, conquistato Babilonia. Tra i suoi primi editti c'è quello della libertà per gli ebr ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 19 Ottobre 2014)

Che pagina entusiasmante abbiamo ascoltato oggi! Non stupisce che l'evangelista Matteo l'abbia raccontata con tanti dettagli e con una suspance crescente: è un episodio che lascia ammirati per l'intelligenza che il giovane Rabbi dimostra nell'affrontare i suoi avversari. E sono convinta che tutti ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 22 Ottobre 2017)

Buongiorno e buona domenica a tutti. Eccoci qui in ascolto del Signore che Parla. Questa Parola è la luce necessaria al nostro cammino. Vi chiederete:? Ma che cammino facciamo??. C'è un cammino fatto con le gambe, come quello che compiamo per andare a scuola, in oratorio, allo sport, a casa, a trov ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Restituiamo a Dio tutta la nostra vita
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
La moneta di Dio
Clicca qui per la vignetta della settimana. ?cosa pagherei per...? è una espressione che usiamo tante volte per dire una cosa che vorremmo con tutto il cuore ma che risulta impossibile. E pensiamo che se avessimo tanti soldi que ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Il Signore è l'unico che guida la storia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Apparteniamo a Colui di cui siamo immagine
Una delle conquiste fondamentali portate dai moderni regimi democratici sta nel fatto che ai cittadini è assicurata la libertà di pensiero e di opinione, con la conseguenza di poter praticare la religione che si vuole. In passato tale libertà era negata, come lo è tuttora in tante parti del mondo: n ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Apparteniamo a colui di cui siamo immagine
I moderni regimi democratici assicurano ai loro cittadini libertà di pensiero e di opinione, con la conseguenza tra le altre di poter praticare la religione che si vuole. In passato tale libertà era negata, come lo è tuttora in tante parti del mondo: non di rado negata sino alla persecuzione. Di qui ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Audio commento alla liturgia - Mt 22,15-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Quello che è di Cesare datelo a Cesare, ma a Dio quello che è di Dio
Dopo le tre parabole, ancora nel Tempio, Matteo presenta quattro controversie tra Gesù e i suoi avversari: è una disputa-scontro tra maestri, i dottori della Legge e Gesù, "maestro" la cui autorità è nuova, fondata sulla sua relazione personale con Dio. Gli avversari di Gesù affrontano questioni viv ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Cos'è che è di Dio?
Il clima si fa incandescente! Dopo le parabole elettroshock rivolte ai farisei nel tentativo di farli rinsavire, questi partono al contrattacco con lo scopo di cogliere in fallo Gesù. Ormai è guerra dichiarata, le ostilità sono aperte. I farisei avevano capito molto bene che la parabola dei vignai ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Video commento su Mt 22,15-21

...
(continua)

don Alberto Brignoli     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Il Vangelo della Gioia, missione della Chiesa
La figura di papa Francesco, da quando abbiamo iniziato a conoscerla, suscita in ognuno di noi, credenti e no, sensazioni e sentimenti molto belli e profondi, e non credo sia esagerato affermare che ha riacceso in tante persone il desiderio delle cose di Dio e soprattutto la gioia di credere. Perché ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Reddite pauperibus
Non c'è niente da fare: quando c'è di mezzo il denaro, saltano tutti gli schemi e tutti i valori umani. Anche nella migliore delle ipotesi, e con le migliori intenzioni del cuore, quando lo strumento per realizzare un'intenzione è il denaro, e solo il denaro, ne esce sempre un danno. E anche quando ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Commento su Mt 22,15-21
Collocazione del brano
Matteo continua a raccontarci cosa sia avvenuto nell'ultima settimana che Gesù ha trascorso su questa terra. Dopo le tre parabole che egli aveva dedicato ai capi dei sacerdoti e agli anziani, vi sono tre dispute architettate per cogliere in fallo Gesù. La prima, qu ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Ipocriti, perché volete mettermi alla prova?
L'ipocrita, essendo falso di cuore, è anche falso nei pensieri. Usa la lingua per adulare, ma la sua adulazione è falsa, mentitrice, ingannatrice. Non si potrà mai usare bene la lingua secondo verità quando il cuore è falso, cattivo, malvagio. L'uomo saggio, conoscendo la sua verità, all'istante è i ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Tu non hai soggezione di alcuno
Spesso con una parola di pace, lode, esaltazione si preparano grandi misfatti. Eud uccise Eglon, re di Moab, appartandosi con lui per riferirgli una parola da parte di Dio. Gli Israeliti furono servi di Eglon, re di Moab, per diciotto anni. Poi gridarono al Signore ed egli fece sorgere per loro ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Null'altro che maschere. Smascherate
La loro vita è stata tutta una trappola, un tenderGli delle trappole: trappole che li hanno poi intrappolati. L'imbarazzo inaudito di chi in Lui s'imbatté. Tant'è che se nei suoi anni di vita quaggiù Dio - nelle sembianze di Gesù di Nazareth - quando s'è visto costretto a polemizzare, o tutt'al più ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Ridatemi l'uomo. Il resto datelo pure a chi volete
Malfidenti--nati. Gente espertissima a fare gli attori: i farisei, tra quelli che si son messi di frammezzo a Cristo, erano gli esperti dei corsi di recitazione. Loro unico scopo - giacché, da subito, Lui mostrò d'essere il rivale più accreditato al loro noioso conversare sulla felicità - era quello ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Commento su Matteo 22,15-21
La sfida che le letture di questa domenica pongono al nostro cammino di fede è molteplice. Innanzitutto esse mettono in crisi il nostro modo di ragionare schematico e tendente a giudicare per evidenze. La Parola di Dio non ci invita a concordare con una verità una situazione particolare della vita, ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
L'ikona
Di' a noi il tuo parere Quando un detto evangelico viene strappato dal contesto e trasformato in un aforisma, c'è da farsi venire qualche perplessità sul senso che comunemente gli viene dato. Così l'espressione finale del nostro testo viene citata per avvalorare la tesi della separazione fra ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
L'immagine della servitù o della libertà
Di chi è l'immagine
Gesù chiede che fosse mostrata la moneta del tributo, non è che non la conoscesse, ma voleva che fosse messa nel mezzo, testimone muta e loquace di quel fatto.
Così dalle borse di chi aveva posto la questione uscì quella moneta; eppure non era lecito ad un ebreo ...

(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Cosa rendere a Dio?
Ecco l'ennesimo tranello teso a Gesù, uomo molto scomodo a quel tempo, che con pacatezza non le manda di certo a dire a sacerdoti, farisei e dottori della legge. Per tutta questa settimana, infatti, il Vangelo ha visto il Figlio di Dio ammonire e mettere in guardia su questa categoria di persone: "G ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 19 Ottobre 2014)

Domenica abbiamo riflettuto sul regno dei cieli, presentato da Gesù come un banchetto di nozze, al quale tutti possono sedere, purché siano rivestiti dell'abito da festa. Oggi si ritorna con i piedi per terra: insomma, parliamo di soldi! il Vangelo affronta il delicato tema delle tasse e dei signori ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
A chi apparteniamo?
La frase che Gesù pronuncia, come risposta al tentativo di ?coglierlo in fallo' da parte dei farisei, rigidi osservanti della Legge, e degli erodiani, seguaci del fanatico tetrarca della Giudea, è divenuta una ?sentenza' famosa e utilizzata - più o meno appropriatamente - nel linguaggio comune. D'al ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Rendiamo a Dio i cuori e la storia
"Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio': Gesù non ha mai voluto immischiarsi in diatribe legate a questioni strettamente partitiche. Non sono gli ordinamenti sociali e amministrativi l'ambito della sua predicazione, tanto meno Egli ha pensato di avvallare o di condannar ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento su Isaia 45,1.4-6; Matteo 22,15-21
Il messaggio della liturgia di oggi è centrato su una delle verità fondamentali della nostra sequela di Gesù, cioè la presenza costante di Dio nella nostra vita. Gesù ci richiama la centralità di Dio: in tutte le azioni che compiamo, anche quando diamo ai fratelli un dono di vita, dobbiamo essere co ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,15-21
Il tributo era uno dei segni più odiosi per far sentire al popolo d'Israele la sua condizione di schiavitù: si trattava di un denaro a testa (census) che tutti dovevano versare all'Impero romano, tranne bambini e anziani.
La domanda posta a Gesù non era mossa da sincera ricerca della ve ...

(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Restituire come "liberarsi" e come "servire"
1: Il trabocchetto per incastrare Gesù, usando la questione delle tasse da pagare.
C'è un clima di tensione tra Gesù e i farisei. Fecero un incontro per trovare le modalità per coglierlo in fallo nei suoi discorsi e accusarlo pubblicamente davanti al popolo e davanti alle autorità religi ...

(continua)
don Franco Manzi     (Omelia del 04 Agosto 2019)
Commento su Matteo 22,15-22

...
(continua)

Ileana Mortari - rito ambrosiano     (Omelia del 14 Luglio 2013)
Vangelo Mt 22,15 - 22
Al tempo di Gesù la Palestina era diventata quasi da 100 anni una provincia dell'impero romano e si parlava spesso di una questione cruciale: "E' lecito o no pagare il tributo a Cesare?". Non tutti la pensavano allo stesso modo: sadducei ed erodiani, simpatizzavano per i Romani ed erano favorevol ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 14 Luglio 2013)
Ipocriti, perché volete mettermi alla prova?
Dinanzi a Gesù le armi si pongono solo con la conversione e il ritorno nella più pura verità della fede. Si possono anche deporre con l'indifferenza e il percorrere la propria strada, senza per nulla interessarsi al suo messaggio di salvezza. Alcuni però queste armi non le vogliono deporre. Dichiara ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 10 Luglio 2016)
Ipocriti, perché volete mettermi alla prova?
I farisei non vogliono che Gesù viva. Loro hanno deciso per la sua morte e morte dovrà essere. Gesù ha dichiarato falsa tutta la loro religione impostata su precetti esteriori vissuti unicamente per nascondere la loro idolatria e immoralità devastanti la vera fede.

Guai a voi, scribi e faris ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 04 Agosto 2019)
Mostratemi la moneta del tributo
San Paolo ricorda ai discepoli di Gesù che essi sono nel mondo, non fuori di esso. Essendo nel mondo si devono assoggettare alle leggi degli uomini, purché esse non siano in contrasto con la Legge del Signore. Quando vi è contrasto, si osserva la Legge di Dio anche a prezzo della nostra vita. In tut ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 10 Luglio 2016)
Commento su Matteo 22,15-22
Domenica scorsa a Sichem il popolo d'Israele aveva rinnovato l'alleanza. Prima di operare l'ingresso nella terra promessa necessitava ristabilire quel rapporto con quel Dio che aveva operato meraviglie.
Dopo l'esperienza dei Giudici, Israele prende coscienza che solo l'unione stabile delle dodi ...

(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 04 Agosto 2019)
Commento su Matteo 22,15-22
Ancora una volta abbiamo una provocazione nei confronti di Gesù. Diversi sono coloro che lo osteggiano. E' giusto guardare al panorama di coloro che contrastano il Maestro.
I farisei sono quelli più citati e sono coloro che attribuivano la massima importanza a tutto quanto fosse collegato all'o ...

(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 10 Luglio 2016)
Sei tu, Signore, la guida del tuo popolo
Alla domanda di chi vuole metterlo alla prova con malizia Gesù risponde giocando al rialzo, com'era solito fare. Tutto questo nel contesto della Parola di questa domenica che invita a guardare ai potenti e ai re delle nazioni con minor sospetto, ma piuttosto con una buona dose di benevolenza. Come f ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 04 Agosto 2019)

Alla domanda di chi voleva metterLo alla prova con malizia Gesù risponde giocando al rialzo. Come in occasione dell'episodio descritto dal Vangelo di questa domenica. Quasi un invito a guardare ai potenti e ai re delle nazioni con benevolenza che con sospetto. Come Paolo che nell'epistola invita Tim ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 04 Agosto 2019)
La passione del bene comune
Il clima, dico il clima, di questo racconto, è un clima arroventato. Matteo ha appena finito di scrivere che i capi dei sacerdoti e i farisei avevano intuito che i destinatari di quelle parabole urticanti di Gesù erano proprio loro. Di qui la loro decisione di catturarlo. La domanda sul tributo è du ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Video Commento a Mt 22, 34-40

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Agosto 2013)
Commento su Mt 22,34-40
Ci si può avvicinare alla fede col cuore stretto e piccino, con astuzia e malevolenza. Così, spesso, gli evangelisti riportano di persone che, in assoluta buona fede!, tendono tranelli a Gesù, cercano il modo di metterlo in difficoltà. Gesù scontenta molti: i farisei che si sentono giudicati e presi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Video commento a Mt 22,34-40

...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Commento alla liturgia
A cura di Alvise Bellinato PRIMA LETTURA Amerai il prossimo tuo come tu sei stato amato da Dio Nel Capitolo 11 del Vangelo di Luca, Gesù in segna ai suoi amici come pregare. «Quando pregate, dite: "Padre, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; dacci ogni giorno ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 29 Ottobre 2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Lucia Piemontese Il Vangelo ci presenta Gesù che vive il confronto-scontro con i capi dei Giudei a Gerusalemme. I farisei, in particolare, cercano ripetutamente di coglierlo in errore per poterlo denunciare alle autorità. In questo caso, l ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 22,34-40

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Come amo il Signore? Come amo i fratelli?
"Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutte le forze. Amerai il prossimo tuo come te stesso". Di fronte e queste parole così semplici e profonde si accumulano molti sentimenti. Innanzitutto vergogna e pentimento di amare tanto poco. Me lo chiedo e anche ciascuno di ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Agosto 2014)

Si fa a gara per mettere in difficoltà il Nazareno. I sadducei sono stati ampiamente umiliati. Ora tocca ai perushim, ai puri, i farisei, che mandano a interrogare Gesù nientemeno che un dottore della Legge, uno che ha studiato. Non come il falegname che si è improvvisato profeta, senza titoli di st ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 11,34-40

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Video commento a Mt 22,34-40

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Video commento a Mt 22,34-40

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Agosto 2015)

Ormai è diventata una gara, un gioco. Sporco e inopportuno, ma chi se ne avvede? I farisei hanno saputo che quel falegname venuto dal nulla ha chiuso la bocca ai sadducei. Ai sadducei! Gli aristocratici di Gerusalemme, alieni alle novità, capaci di adattarsi ad ogni situazione, anche sfavorevole, co ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Amare con tutto noi stessi è necessario per vivere
Qual è, nella Legge, il grande comandamento? Lo sapevano tutti qual era: il terzo, quello del Sabato, perché anche Dio lo osserva. La risposta di Gesù, come al solito, sorprende e va oltre: non cita nessuno dei Dieci Comandamenti, mette invece al cuore del suo annuncio la stessa cosa che sta al cuor ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Un cuore che ama il Signore si dilata per amare gli altri
Qual è, nella Legge, il grande comandamento? Lo sapevano tutti qual era: secondo i rabbini d'Israele era il terzo, quello che prescrive di santificare il Sabato, perché anche Dio lo aveva osservato («e il settimo giorno si riposò», Genesi 2,2). La risposta di Gesù, come al solito, spiazza e va oltr ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Video commento su Mt 22,34-40

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Video commento su Mt 22,34-40

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
L'Amore è Gesù in noi e tra di noi
Ci sono piccoli brani della Sacra Scrittura - e uno di questi è nel Vangelo di Matteo di oggi - che basterebbero per capire chi siamo, ciò a cui siamo chiamati, ciò che svela la bellezza della vita. Scrive l'apostolo Matteo: "I farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducei, si r ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Amore universalmente esplicito
L'intero capitolo 22 del Libro dell'Esodo, da cui è tratta la Prima Lettura, espone il "diritto di proprietà" sancito per il popolo d'Israele, considerandone tutti gli aspetti e delineando i casi particolari, anche quelli più insoliti e improponibili. Gli elementi fondamentali di questo diritto rigu ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Sulla Tua Parola - Mt 22,34-40

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
L'amore e il senso della vita
Una canzone famosa di Vasco Rossi così si esprime: ?Voglio trovare un senso a questa vita, anche se questa vita un senso non ce l'ha.? Sembra fondamentalmente il grido disperato di ogni uomo che, per quanto non sempre ci appaia evidente, non vuole arrendersi alla vacuità della sua esistenza e alla p ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Sulla Tua Parola - Mt 22,34-40

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Commento su Mt 22,37-39
«Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: Amerai il tuo prossimo come te stesso»
Mt 22,37-39
Come vivere questa Parola?
Gesù risponde a ...

(continua)
don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Se ami Dio con tutto il cuore.... si vede!
Mi fa sorridere l'espressione del vangelo che dice che Gesù ha chiuso la bocca ai sadducei!
Gliel'aveva chiusa sul problema della Risurrezione. In pratica questi non credendo nella Risurrezione finale gli posero il caso di una donna che era andata in moglie a 7 fratelli, e che erano tutti morti ...

(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
#StradeDorate - Commento su Matteo 22,34-40

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
La Parola - Commento al Vangelo Matteo 22,34-40

...
(continua)

Carla Sprinzeles     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Commento su Esodo 22,20-26; Matteo 22,34-40
Amici, torniamo a parlare di unità. Se mi avete ascoltato domenica scorsa, abbiamo detto che in noi non ci dev'essere scissione tra la nostra vita con Dio e la nostra vita quotidiana, rappresentata dalla moneta di Cesare. Oggi questo discorso viene ulteriormente approfondito.
Il messaggio dell ...

(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,34-40

...
(continua)

don Roberto Farruggio     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Commento alle letture - XXX Domenica Del Tempo Ordinario (Anno A)

...
(continua)

diac. Vito Calella     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
L'amore come "esperienza" e non più "dovere" per accumulare meriti
1: La gratitudine del mio cuore e la gioia dello Spirito Santo che abita in me.
Perché siamo qui riuniti in assemblea liturgica, per la Santa Messa?
Ciascuno potrebbe dare la sua risposta. La mia risposta ve la comunico a partire dalla Parola di Dio che abbiamo appena ricevuto in ...

(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Audio commento alla liturgia del 29 ottobre 2017

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Un Gesù sotto esame continuo da parte dei farisei
Anche nel Vangelo di oggi ci troviamo di fronte ad un Gesù che è sotto esame da parte dei farisei. Nel Vangelo di domenica scorsa Gesù veniva interrogato se era lecito o meno pagare il tributo a Cesare, oggi viene interrogato sulla gerarchia dei comandamenti. Diciamolo con estrema franchezza, come ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Un'etica che va oltre i dieci comandamenti e che esprime l'amore verso Dio e i fratelli
La parola di Dio di questa XXX domenica del tempo ordinario, che celebriamo a qualche giorno dalla solennità di Tutti i Santi e della Commemorazione dei fedeli defunti ci spinge ad andare oltre l'osservanza dei dieci comandamenti, indicando altri percorsi di moralità che un credente e specialmente u ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Commento su Matteo 22,34-40
È la vetta del Vangelo, il più grande comandamento. Tutto, parole e gesti di Gesù, trova sintesi e significato in questo comando. All'amore si risponde con l'amore e quello per l'altro è via per rendere a Dio il bene che riceviamo ogni giorno, anche attraverso il prossimo. Il secondo - l'amor ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 23 Agosto 2013)
Il comandamento dell'amore

Le interrogazioni degli scribi e dei farisei mirano sempre a "mettere alla prova" il Signore. Si ritenevano arbitri infallibili e insindacabili nei loro giudizi e nelle loro interpretazioni della legge e di conseguenza, ritenevano di poter giudicare lo stesso Cristo. Non si arrend ...
(continua)

Agenzia SIR     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,34-40
Il brano evangelico di oggi - come quelli delle domeniche scorse - ci riporta agli ultimi giorni della vita terrena di Gesù. I suoi nemici sono scatenati e cercano in ogni modo di ?metterlo alla prova? per farlo cadere in qualche tranello e poterlo accusare di tradimento nei confronti della l ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 26 Ottobre 2014)

In quest'ultima domenica di ottobre, questo tempo "ordinario" ci accompagna e ci aiuta a riflettere su quello che abbiamo e di cui qualche volta non ci rendiamo conto. Gesù ci dice: "Ama il prossimo tuo come te stesso", sembra una cosa semplice, sembra facile aver cura e dedicare tempo ed energie ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 29 Ottobre 2017)

Il Vangelo di oggi inizia parlando di farisei e di sadducei. Voi sapete chi sono gli uni e gli altri? Erano uomini che facevano parte della classe dirigente d'Israele ed erano in continuo conflitto con Gesù. I Sadducei erano aristocratici, occupavano posti di potere, erano in accordo con i Romani ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Se non ami non credi
Clicca qui per la vignetta della settimana. Una delle trappole retoriche delle prediche domenicali sono le frasi fatte... Chissà quante volte ci sono cascato anche io, ma per fortuna ogni tanto qualche paziente fedele me lo dic ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Convertiamoci dall'idolo dell'Io all'Amore vero
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Due comandamenti al prezzo di uno
Clicca qui per la vignetta della settimana. ?due al prezzo di uno!? E' il tipico slogan da supermercato che troviamo spesso davanti a certi prodotti che siamo invitati a comperare. Mi è balenato in mente appena finito di legg ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Non maltrattare il forestiero, l'orfano e la vedova
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Una moneta ha sempre due facce
Al tempo di Gesù i "dottori della Leggr", cioè gli esperti nelle norme religiose, tramandavano un elenco di precetti ricavati dalla Bibbia allora conosciuta (vale a dire quello che per noi è l'Antico Testamento). Un elenco lunghissimo: tra obblighi e divieti, i precetti che il buon israelita era ten ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Questo è il grande e primo comandamento
Il piccolo brano del Vangelo di Matteo che leggiamo nella domenica XXX del tempo ordinario (Matt.22,34-40) ci invita a riscoprire la novità dell'etica evangelica e verificare se la Parola di Gesù è davvero la luce per la nostra vita. Tutto parte da una questione dibattuta dai Farisei: "Maestro, qua ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Audio commento alla liturgia - Mt 22,34-40
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

padre Fernando Armellini     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Video commento su Mt 22,34-40

...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Dove sta il tranello?
Oggi abbiamo a che fare con due categorie di persone molto in auge ai tempi di Gesù. Farisei e sadducei erano nemici dichiarati tra di loro: i primi credevano nell'al di là, nella risurrezione dei morti, negli angeli e nelle realtà spirituali, mentre i secondi negavano tutto ciò e i farisei li co ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Una fede messa alla prova
"Un dottore della Legge lo interrogò per metterlo alla prova": questo atteggiamento, con cui il soggetto si presenta davanti a Gesù nel vangelo di questa domenica, mi fa un po' sorridere... Mi fa sorridere innanzitutto perché ci vuole un bel coraggio, tutto sommato, per "mettere alla prova" Gesù: ta ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Se non è amore, non è Dio
Ogni gruppo sociale, e non solamente gli Stati, ha le sue leggi e i suoi regolamenti. Gli Stati hanno l'obbligo di legiferare e di far rispettare le leggi; ma ogni aggregazione o istituzione, anche se non è retta da un'autorità politica che assicura il bene comune attraverso il rispetto delle leggi, ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Commento su Mt 22,34-40
Collocazione del brano
Nel racconto dell'ultima settimana di Gesù, la liturgia salta il discorso che Gesù fece con i sadducei (Mt 22,23-33). Si tratta della famosa questione della donna che aveva sposato uno dopo l'altro sette fratelli senza averne figli, questione direttamente collegata ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 28 Settembre 2014)
Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?
Amore di Dio e amore del prossimo sono la perfezione della Legge. Dio e l'uomo vanno però amati secondo la Legge del Signore, non secondo la legge degli uomini. Oggi tutti parlano di amore, tutto è amore, tutto è carità, benevolenza, misericordia, compassione, non però secondo la Legge di Dio, bensì ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 01 Ottobre 2017)
Il secondo poi è simile a quello
Chi vuole avere comprensione piena della Parola del Vangelo, deve di tempo in tempo fare un viaggio di esplorazione della Parola antica del Signore. Essa aiuta a liberare la mente da ogni falsa interpretazione di quanto il Signore dice con divina sapienza. Siamo nel Deuteronomio. Prima il Signore di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Agosto 2013)
Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?

L'amore per il nostro Dio necessariamente deve trasformarsi in amore verso l'uomo. Non verso un uomo in particolare, l'uomo di un popolo, una lingua, una razza, una tribù, una nazione, ma verso ogni uomo di ogni tempo, ogni luogo, ogni appartenenza. È l'uomo che deve essere amato, ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Agosto 2014)
Questo è il grande e primo comandamento
I farisei vogliono la morte di Gesù. Hanno però bisogno di un pretesto legale per poterlo accusare e toglierlo di mezzo. Per questo cercano di farlo cadere in qualche parola pronunciata dalla sua bocca. È sufficiente una sola frase considerata da loro blasfema per una immediata sentenza di lapidazio ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti
Per acquisire gioia e felicità l'uomo è disposto ad ogni sacrificio, ogni lavoro, anche sudicio, sporco, immorale. È pronto ad uccidere, rubare, dire falsa testimonianza. Per una vita migliore abortisce, divorzia, abbandona la famiglia. Tutta la vita è una ricerca di felicità. Oggi poi si giunge a c ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Agosto 2015)
Lo interrogò per metterlo alla prova
Il Signore si lascia interrogare da tutti: scribi, farisei, sommi sacerdoti, sadducei, anziani del popolo, sinedrio, Pilato, discepoli, persone semplici, ammalati, figli di Abramo e anche figli delle Genti. A tutti, anche a Pilato, il Governatore di Roma, Lui ha sempre risposto. Mai si è sottratto a ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Agosto 2016)
Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?
La domanda del dottore della legge, frutto di studio da parte dei farisei, per mettere alla prova Gesù, verte sul grande comandamento della Legge. Gesù risponde che è il primo dei Comandamenti del Decalogo, secondo l'interpretazione che dona lo stesso Signore Dio, attraverso il suo fedele servitore ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Agosto 2017)
Lo interrogò per metterlo alla prova
Nel nostro mondo contemporaneo, nel quale anche le nefandezze e gli abomini che fanno rabbrividire il cielo e la terra, vengono chiamate, definite, proclamate, dichiarate purissimo amore, proviamo a comprendere quanto Gesù dice al dottore della Legge sostituendo una sola parola. Al posto del ?Sig ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Lo interrogò per metterlo alla prova
L'Antico Testamento e il Nuovo una cosa sola insegnano: come amare Dio con tutto il cuore, tutta la mente e tutta l'anima e il prossimo come se stessi. C'è un solo modo per amare Dio e gli uomini: l'obbedienza perfetta, piena, perpetua ad ogni comando della Legge di Dio e di Cristo Gesù. Così come c ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Vogliono chiudergli la bocca. Lui li sorprende
Lo sapevano. Eccome lo sapevano. Perché da quand'erano nati avevano sempre sentito dire che il sabato - il terzo dei dieci, quello che parla della santificazione delle feste - era il più grande dei comandamenti. Così grande che anche Dio l'osservò. Lo sapevano, eppure anche stavolta Gli vogli ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Credo in un solo Dio. Che è il Dio della gelosia
Il fatto scatenante è tramandato a chiare-lettere: «Avendo udito che aveva chiuso la bocca ai sadducei». Percependolo rivestito d'una autorevolezza senza paragoni, vollero - per l'ennesima volta, non sarà l'ultima - tentare di trarlo in inganno, con domanda trabocchetto, la loro specialità. L ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Sottomettersi all'amore
Si riunirono insieme La società ebraica al tempo di Gesù era frammentata in gruppi sociali con idee e abitudini molto diverse in campo religioso, politico, economico, relazionale, spesso in avversione gli uni gli altri. Matteo ci racconta che, lasciate da parte le rivalità, farisei e sadduce ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Umanizzare l'umanità
Così dice il Signore
Mosè porta le tribù d'Israele liberate dall'Egitto ai piedi del Sinai dove lui aveva incontrato Dio nel roveto ardente secondo il comando ricevuto: quando avrai fatto uscire il popolo dall'Egitto, voi verrete ad adorarmi su questo monte (3,12). Il Sinai è pun ...

(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 23 Agosto 2013)
Amerai il prossimo tuo come te stesso
Mi ha colpito una frase di Richter "Donare a chi ci ama è gioia, ma donare a chi ci odia è amore", e quale dono c'è più grande se non quello di donare sé stessi per il prossimo? Spesso sento dire "non sono portato per fare il missionario, per prendere un bambino in affido, per fare volontariato, per ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 26 Ottobre 2014)

Dopo le tasse, dulcis in fundo, l'amore! Siamo quasi al termine dell'Anno Liturgico; ancora un mese e si riparte da zero - si fa per dire - con il tempo forte di Avvento. I due comandamenti dell'amore, sono in realtà un comandamento solo: l'amore per Dio non è soltanto il paradigma dell'amor ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Commento su Matteo 22,34-40
Eccoci in dirittura d'arrivo dell'anno liturgico; tra un mese inizierà l'Avvento. Domenica dopo domenica, il Vangelo ci presenta gli insegnamenti del Signore, una sorta di grande bersaglio, al cui centro sta lui, Gesù, l'Amore di Dio fatto persona. E al cuore del Vangelo di oggi c'è appunto l'amor ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
L'amore, il nostro cemento armato
Spesso ho pensato la storia della salvezza come un cantiere aperto, in cui il Signore - grande Architetto - guida e coordina i lavori per la costruzione di una grande casa, in cui tutti gli uomini e le donne possano trovare riparo, ristoro, custodia e famiglia. Immagino questo Capo cantiere in modo ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 28 Settembre 2014)

Mosè non può entrare nella Terra promessa e la potrà vedere da lontano. Jahvé gli affida il compito di trasmettere al popolo tutte le raccomandazioni utili perché una volta arrivati nella terra tanto attesa il popolo possa non perdere di vista la fedeltà al Dio delle promesse realizzate. C'è un ris ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 26 Ottobre 2014)

La grande lezione del Vangelo di oggi è proprio il comandamento dell'Amore: Amore per Dio e Amore per il prossimo. Attenzione questo comandamento non è scisso. Amore per Dio da solo farebbe cadere il nostro rapporto con Lui in idolatria. Amore per il prossimo da solo condurrebbe il tutto nella di ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 29 Ottobre 2017)

Qual è il cuore della legge di Dio? Gesù con la sua divina semplicità ci ricorda che il centro di tutto è l'amore: amare Dio con tutto il cuore e il prossimo come noi stessi: sono 2 facce di un'unica medaglia!
Amare non è un optional: è realmente questione di vita o di morte: Quel che occor ...

(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Dipendere dall'amore
Anche la domanda del dottore della legge di turno non è innocente, come non lo era quella dei farisei e degli erodiani del vangelo di domenica scorsa. C'è un avvicinarsi al Signore che è ricerca sincera, fiducia in Lui, apertura ad accogliere le novità della verità: perché la verità è immutabile, ma ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 01 Ottobre 2017)
Amo il Signore e ascolto la sua parola
Il Vangelo di questa domenica si risolve tutto nella domanda di un dottore della Legge e nella risposta di Gesù che ci riporta al primato dell'amore. Anche se noi poniamo domande alte ed esigenti, Gesù risponde riferendoSi all'unico orizzonte che giustifica la Sua esistenza, interamente attraversata ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 01 Ottobre 2017)
L'amore e il lungo viaggio
"Qual è il grande comandamento?" La domanda era stata posta a Gesù per metterlo in imbarazzo. Come avrebbe risposto lui, a proposito di una controversia che vedeva schierate diverse scuole rabbiniche del tempo, occupate a discernere tra prescrizioni e prescrizioni, se ne contavano seicentotredici. G ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 21 Luglio 2013)
Che cosa pensate del Cristo? Di chi è figlio?
L'Antica Scrittura dice tutto sul Messia del Signore. Non lo dice però attraverso un trattato completo o una intera parte di una summa teologica. Lo dice per profezie sparse lungo il corso dell'intera storia di Israele. Poiché le " figure" tratteggiate nelle profezie a volte sono molteplici e ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 17 Luglio 2016)
Che cosa pensate del Cristo? Di chi è figlio?
Uno degli errori fondamentali per chi legge la Scrittura Santa, anche tra coloro che sono obbligati per ministero, missione, professione, è quello di prendere un libro, un capitolo, un versetto isolatamente, separandolo da ogni altro libro, capitolo, versetto. La Scrittura Santa è la Parola ed è la ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 11 Agosto 2019)
Nessuno era in grado di rispondergli
La sapienza è dono attuale del Signore per chi vive in obbedienza alla sua Parola. Fuori della Parola Dio non elargisce la vera sapienza, perché la prima sapienza è la sua Legge, i suoi Comandamenti, la sua Parola. Daniele in Babilonia sceglie di rimanere fedele ai Comandamenti. Il Signore gli dona ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 17 Luglio 2016)
La tua mano, Signore, sostiene il tuo eletto
Anche Dio ha le sue domande. Mentre il Vangelo di Marco registra ben 61 domande di Gesù, Matteo ne conta 40, Luca 25 e Giovanni 48. Domande che sono come una provocazione di Gesù nei confronti dei Suoi interlocutori, nel tentativo di renderli sempre più partecipi della Sua storia di salvezza. ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 11 Agosto 2019)
Ricordati, ti ho preso dal gregge!
Che cosa sta prima e che cosa sta dopo il brano del vangelo di Matteo che ora abbiamo ascoltato. Prima Gesù aveva subito un attacco devastante, senza respiro, dalle autorità religiose e morali del tempo. A ondate scribi e farisei, poi gli erodiani e poi i sadducei e alla fine, buon ultimo, ancora un ...
(continua)