Omelie riferite al libro: Vangelo secondo Marco, capitolo 9

don Alessandro Farano     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Video commento - II Domenica di Quaresima - Anno B

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Commento su Gen 22,1-2.9.10-13.15-18; Rm 8,31-34; Mc 9,2-10
Nel percorso quaresimale, la seconda domenica interroga ciascuno di noi sul tema della fede: quanto è grande la nostra fede in Dio? Ci fidiamo di Lui? Quando e in che modo?
Nella prima lettura entra nella storia un Dio nuovo, che si rivolge all'uomo in modo differente rispetto al passato e lo f ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Commento su Gen 22,1-2.9.10-13.15-18; Sal 115; Rm 8,31-34; Mc 9,2-10
L'episodio della trasfigurazione di Gesù, che Marco descrive nel nono capitolo del suo Vangelo e che la Chiesa propone al nostro ascolto in questa seconda domenica di Quaresima, può essere analizzato da varie prospettive. Da parte mia, non essendo un teologo, vorrei tralasciare almeno provvisoriamen ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Commento su Giac 3,16-4,3; Mc 9,30-37
Le letture di questa domenica sono quanto mai attuali, se guardiamo la situazione internazionale, e interrogano profondamente noi cristiani: chi sono i giusti, qual è il comportamento giusto?

L'uomo sembra naturalmente portato verso l'ingiustizia e il male: san Giacomo ci elenca le ragioni della ...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Da Padre a padre
Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? (Rm 8,31b) Abbiamo bisogno di armarci di questa frase di Paolo per affrontare la difficile pagina odierna tratta del libro della Genesi: In quei giorni, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: "Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco, e offrilo i ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Commento su Marco 9, 30-37
Collocazione del brano all'interno del Vangelo di Marco
Questo brano si colloca dopo la trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor e dopo che Gesù stesso, sceso dal monte aveva guarito un bambino posseduto da uno spirito muto. Il padre del bambino si era rivolto ai discepoli ma loro non era ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Commento su Marco 9, 30-37
Collocazione del brano all'interno del Vangelo di Marco
Questo brano si colloca dopo la trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor e dopo che Gesù stesso, sceso dal monte aveva guarito un bambino posseduto da uno spirito muto. Il padre del bambino si era rivolto ai discepoli ma loro non era ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Febbraio 2012)
Commento su Marco 9,14-29
Si sono leggermente montati la testa, i discepoli, ora che hanno capito che Gesù è il Messia, ora che hanno accettato (?) la logica della croce, ora che sono saliti sul Tabor e hanno visto la bellezza di Dio sono pronti anche persino a fare i miracoli! Illusi. Quante volte anche noi, come loro!, pen ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Maggio 2013)
Commento su Mc 9,14-29
D'accordo, hanno ricevuto lo Spirito. È stata un'esperienza straordinaria, galvanizzante, bellissima, finanche eccessiva. Hanno visto come si muove il Signore, cosa dice, come agisce. E si sentono pronti. Illusi: il loro primo tentativo di miracolo è un clamoroso fallimento. Sai che novità. Certo, a ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Febbraio 2014)

Brutta figura, diciamolo chiaramente. Anzi: pessima. Gli apostoli hanno seguito Gesù nei territori pagani per imparare la compassione. E forse qualcosa hanno capito. Ma quando tornano in Galilea escono fuori altri evidentissimi loro (e nostri) limiti. Pensano ormai di avere capito, di essere capaci, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16 Maggio 2016)
Commento su Mc 9,24
«Credo, Signore; aiuta la mia incredulità.».
Mc 9,24

Come vivere questa Parola?
Un padre chiede con fiducia e con umiltà di guarire il figlio tormentato da una grave malattia, considerata come possessione diabolica. Gesù interviene con la sua bontà e la sua potenza dopo c ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20 Febbraio 2017)
Commento Mc, 9, 24
«Credo, Signore; aiuta la mia incredulità»
Mc, 9, 24

Come vivere questa Parola?
Un povero padre presenta a Gesù il suo figlio in preda a convulsioni e tormentato da una grave malattia e lo prega di aiutarlo (il padre aveva già sollecitato i discepoli di Gesù, ma essi non ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21 Maggio 2018)
Commento su Mc 9,29
«Questa specie di demoni non si può scacciare in alcun modo, se non con la preghiera»
Mc 9,29

Come vivere questa Parola?
Gli apostoli sono depressi. Si è presentato a loro un padre con un figlio, posseduto da uno spirito muto, che da anni soffre di convulsioni e ?quando ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Febbraio 2019)
Commento su Mc 9,14-20
«E subito tutta la folla, al vederlo, fu presa da meraviglia e corse a salutarlo. Ed egli li interrogò: «Di che cosa discutete con loro?». E dalla folla uno gli rispose: «Maestro, ho portato da te mio figlio, che ha uno spirito muto. Dovunque lo afferri, lo getta a terra ed egli schiuma, digrigna ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 20 Maggio 2013)
Fede e preghiera

Quando mancano questi due elementi essenziali per la nostra vita cristiana, si aprono, si spalancano a satana le finestre della nostra anima. Così s'impossessa delle nostre anime e la fa da padrone. Spesso alla sofferenza spirituale si aggiunge il male fisico, dato che il nostro c ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Maggio 2013)
Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?

Con la Pentecoste, celebrata ieri, finisce il tempo di Pasqua, durante il quale si legge il Vangelo secondo Giovanni, riprende il tempo ordinario e con esso il Vangelo secondo Marco, la cui lettura è stata interrotta il giorno prima del Mercoledì delle Ceneri. Gesù è appena sce ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Febbraio 2014)
Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?

Gesù ha dato ai suoi discepoli il potere di scacciare i demòni. Esso non è un potere assoluto e neanche magico. È un potere la cui sorgente di efficacia rimane sempre nel cuore di Padre celeste. Loro possono, a condizione che di volta in volta, con somma umiltà, senza alcuna presu ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16 Maggio 2016)
Tutto è possibile per chi crede
Gesù aveva dato ai suoi apostoli il potere di scacciare i demoni. Un padre porta loro il suo figlioletto ed essi non riescono a liberarlo dallo spirito impuro. Perché? Ogni dono di Dio non agisce per magia, automatismo, inerzia. Esso agisce sempre dal cuore di Dio, dalla sua onnipotenza, verità, vol ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Febbraio 2017)
Di che cosa discutete con loro?
Possiamo affermare che Gesù, sempre perché mosso e guidato dalla sapienza, saggezza, intelligenza dello Spirito Santo, sa come entrare in dialogo con i cuori. A Lui è sufficiente porre una sola domanda. Dalla risposta è Lui poi che guida la storia verso il compimento che Lui vuole che essa abbia. Qu ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Maggio 2018)
Credo; aiuta la mia incredulità!
Fede è credere che la Parola di Dio è la sola sulla quale possiamo costruire il nostro presente e futuro di vera vita. Si crede nella verità della Parola, si obbedisce alla Parola della verità. Nella fede che diviene obbedienza è la vita. Tutte le tentazioni vogliono separarci dalla verità della Par ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 20 Maggio 2013)
Ho portato da te mio figlio, posseduto da uno spirito muto
Immaginatevi la scena. Voi siete in cucina a preparare il pranzo, vostra figlia è nella sala a guardare la tv con i suoi due figli di tre e sei anni che fino a poco prima vi saltavano sulle ginocchia chiedendo la vostra attenzione. Ad un certo punto entrate in sala e vi accorgete che i nipotini non ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 20 Maggio 2013)
Ho portato da te mio figlio, posseduto da uno spirito muto
Immaginatevi la scena. Voi siete in cucina a preparare il pranzo, vostra figlia è nella sala a guardare la tv con i suoi due figli di tre e sei anni che fino a poco prima vi saltavano sulle ginocchia chiedendo la vostra attenzione. Ad un certo punto entrate in sala e vi accorgete che i nipotini non ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Video commento a Mc 9,2-10

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 04 Marzo 2012)
Commento su Marco 9,2-10
Iniziamo la quaresima guardando al Tabor. Iniziamo la purificazione dei nostri cuori guardando a questa piccola collina poco distante da Nazareth. Gesù porta con sé, per una bella passeggiata, i suoi amici più stretti. E lì, sul monte battuto dal vento, accade.
Per la prima volta gli ap ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Video commento a Mc 9,2-10

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Nello splendore di Dio
E' la domenica quaresimale della trasfigurazione di Gesù sul monte: un fatto straordinario con un significato particolare nell'esperienza dei tre apostoli che sono stati ammessi a contemplare il volto glorioso di Cristo. Lo stesso significato entra nella vita delle persone: dei credenti, della Chies ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 25 Febbraio 2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Lucia Piemontese Nella seconda domenica di quaresima la liturgia ci propone sempre il Vangelo della Trasfigurazione del Signore. Quest'anno l'ascoltiamo nella versione di Marco. Il racconto comincia con la notazione temporale ?sei giorni d ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 06 Agosto 2012)
Commento su Marco 9,2-10
Senza bellezza non possiamo vivere. Lo sappiamo. Bellezza della natura, bellezza dell'arte, bellezza dei gesti e dell'affetto degli amici. Bellezza che ci porta, in qualche modo verso Dio. E oggi, nel cuore dell'estate, celebriamo la bellezza di Dio, così essenziale per diventare credenti. Marco, ne ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Video commento a Mc 9,2-10

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Video commento a Mc 9,2-10

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 06 Agosto 2015)

Nel cuore dell'estate saliamo sul Tabor, ammiriamo la bellezza di Dio. Perché solo la bellezza salverà il mondo. Un sei agosto Hiroshima venne rasa al suolo. Un sei agosto san Paolo VI incontrò il suo Cristo per sempre. Siete già saliti sul Tabor nella vostra esperienza di fede? Dio ci dona ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Così il Signore ha sognato il volto dell'uomo
Dall'abisso di pietre al monte della luce, dalle tentazioni nel deserto alla trasfigurazione. Le prime due domeniche di Quaresima offrono la sintesi del percorso che la vita spirituale di ciascuno deve affrontare: evangelizzare le nostre zone d'ombra e di durezza, liberare tutta la luce sepolta in n ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
L'ineffabile luce di Dio per noi mendicanti di senso
La Quaresima ci sorprende con il Vangelo della Trasfigurazione, pieno di sole e di luce, che mette ali alla nostra speranza. Una pagina di teologia per immagini: si tratta di vedere Gesù come il sole della nostra vita, e la nostra vita muoversi sotto il sole di Dio. Gesù chiama di nuovo con sé i pri ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Commento su Mc 9,2-10
Collocazione del brano
Leggiamo oggi il secondo e ultimo brano di Marco previsto per il periodo di Quaresima: la trasfigurazione di Gesù. Si tratta di un episodio importante per capire la passione e la morte del Signore. Tutti i Sinottici riportano questo episodio. Gesù mentre sta compie ...

(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Video commento su Mc 9,2-10

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Video commento su Mc 9,2-10

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Il valore del sacrificio
Quaresima, tempo di rinnovamento interiore e di radicale trasformazione, coincide con il tempo della prova e della sopportazione. Per prova non si intende solamente la "provocazione" per cui si è sospinti ad abbandonare la fede o a non perseverare nei nostri propositi, ma anche la particolare richie ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 04 Marzo 2012)
Questi è il Figlio mio, l'amato
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
La gloria prefigurata dell'obbedienza
?Obbedisco? fu la laconica risposta di Garibaldi al generale La Marmora che, durante la terza guerra d'indipendenza, gli intimava di interrompere l'avanzata che con successo stava guidando in Trentino contro gli Austriaci nella terza guerra d'indipendenza. L'?eroe dei due mondi? si trovò improvvisam ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Questi è il Figlio mio, l'amato
Questo passaggio della lettera di san Paolo apostolo ai Romani, questo breve estratto che ci offre la liturgia di oggi, e? uno dei passaggi piu? struggenti di tutto il Nuovo Testamento. E' uno di questi slanci lirici nei quali Paolo e? come sopraffatto dal pensiero dell'amore di Cristo, dell'amore d ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Video commento a Mc 9, 2-10

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 01 Marzo 2015)
La fede ci trasfigura nel Cristo Redentore
Il vangelo della seconda domenica di Quaresima ci presenta Gesù che sale sul monte Tabor dove, davanti ai suoi tre discepoli Pietro, Giacomo e Giovanni, si trasfigura, cambia sembianze risplendendo ai loro occhi di luce incommensurabile e di una bellezza unica. La bellezza della gloria dei cieli, de ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Video commento su Marco 9,2-10

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 06 Agosto 2015)
Trasfigurarsi con la preghiera
Il 6 agosto di ogni anno, con data fissa, celebriamo la festa della Trasfigurazione di nostro Signore Gesù Cristo sul Monte Tabor, davanti a testimoni come Elia e Mosè e davanti agli apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni. Questa festa è meglio conosciuta come la festa del SS. Salvatore e in alcune zon ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Video commento su Marco 9,2-10

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 01 Marzo 2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,2-10

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Contemplativi del monte Tabor
La parola di Dio di questa seconda domenica del tempo quaresimale ci invita a salire con Cristo sul monte Tabor per contemplare la sua gloria. Siamo invitati a fare la stessa esperienza di fede dei tre discepoli, Pietro, Giacomo e Giovanni, frequentemente insieme a Gesù nei momenti più forti e signi ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,2-10

...
(continua)

don Lello Ponticelli     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Prediche senza Pulpito - Mc 9,2-10

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Commento su Mc 9, 9-10
«Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti."
Mc 9, 9-10

Come vivere questa Parola? ...
(continua)

don Lello Ponticelli     (Omelia del 08 Marzo 2015)
Prediche senza Pulpito - Vangelo di Gv 2,13-25

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 01 Marzo 2015)
La Parola - commento a Mc 9,2-10

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
La Parola - Commento al Vangelo Marco (Mc 9,2-10)

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Commento su Marco 9,2-10

...
(continua)

don Fabio Rosini     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Audio commento al Vangelo del 25 febbraio 2018

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Commento su Mc 9, 7-8
?Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.?
Mc 9, 7-8

Come vivere questa Parola?
Un gioco di luci e ...

(continua)

don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Audio commento al Vangelo - Mc 9,2-10

...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01 Marzo 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Giuseppe Di Stefano CHI CONDANNERÀ? La difficoltà più grande di annunciare il perdono di Dio tra la nostra gente sta nel fatto che tanti non credono che qualcuno mai li possa perdonare per ciò che hanno fatto. Ciò che è più diffi ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Commento su Marco 9,2-10
Sei giorni dopo la sorda incomprensione dei discepoli - che prima avevano discusso per la mancanza di pane e poi lo stesso Pietro aveva rimproverato Gesù per aver annunciato la propria passione, morte e resurrezione - il Signore si trasfigura dinanzi a loro. Il sesto è il giorno della manifes ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Commento su Marco 9,2-10
?Ho creduto anche quando dicevo: ?Sono troppo infelice'?. Le parole del Salmo tra le due letture della Messa possono ben esprimere lo stato d'animo di Abramo che, insieme al figlio Isacco, sale sul monte dove, per ordine di Dio, dovrà sacrificare il figlio, che, inconsapevole, porta sulle spa ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Dio è per noi
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Digiuniamo da critiche e lamentele
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 01 Marzo 2015)

In questa seconda domenica di Quaresima siamo invitati a partecipare alla straordinaria esperienza che vivono Pietro, Giacomo e Giovanni: la Trasfigurazione. L'evangelista Marco, probabilmente ha raccolto la narrazione di quanto è avvenuto, proprio dalle parole di Pietro ed infatti il suo Vangelo è ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 25 Febbraio 2018)

Il Vangelo di oggi ci parla di qualcosa di meraviglioso e ci lascia un messaggio da portare a casa altrettanto magnifico! Vediamo di scoprire insieme di cosa si tratta. Ci facciamo aiutare da un personaggio del brano di oggi: Pietro. Avete sentito cosa dice Pietro a Gesù? ?Rabbì, - che significa Ma ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Ogni vita donata è una vita che splende
Se domenica insieme a Gesù, da uomini e donne tentati, da condotti dallo Spirito siamo andati nel deserto, oggi ci lasciamo condurre sul monte da dove siamo chiamati ad avere uno sguardo differente sulle cose e sulla vita. È indubbio che dall'alto la prospettiva cambia, anche il modo di vedere cambi ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,2-10
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Avvolti dalla preghiera di Gesù
Clicca qui per la vignetta della settimana. Chi è Gesù? L'amato da Dio... Chi siamo noi? Gli amati da Dio... Qual è la nostra missione? Amare come Gesù... Questo amore che avvolge l'esistenza umana è come quella luce che a ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Mi fido, nonostante tutto
Clicca qui per la vignetta della settimana. In questi giorni un amico mi ha scritto dandomi la triste notizia della morte improvvisa di una giovane suora. Era alle soglie dei voti perpetui e la sua famiglia di sangue, gli amici ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Audio commento al Vangelo - Mc 9,2-10
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Una prospettiva in un mondo feroce
Gli atti barbari della guerra in corso poco lontano dal nostro Paese, atti di una ferocia quale mai si era vista, spudoratamente ostentati e ancor più spudoratamente compiuti in nome di una fede religiosa, hanno indignato il mondo. Non pare che il mondo faccia molto, per evitare che si ripetano; qua ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Videocommento su Mc 9,2-10

...
(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Non ha risparmiato il proprio figlio
Seconda domenica di quaresima: come ogni anno, la liturgia propone il passo della trasfigurazione di Gesù; quest'anno, nel racconto di Marco (9,2-10), comprendente una di quelle sue pittoresche annotazioni che rendono il suo vangelo così vivace. Gesù prende con sé gli apostoli Pietro, Giacomo e Giov ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Ascoltatelo!
Nella seconda domenica di Quaresima il Vangelo di Marco (Mc.9,2-10) ci rende partecipi dell'esperienza vissuta da Pietro, Giacomo e Giovanni, nella Trasigurazione di Gesù, in cui il mistero della sua persona si apre per svelarne tutta la novità e la ricchezza. Dopo l'invito di Gesù a seguirlo sulla ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01 Marzo 2015)
La tentazione non è finita
Certo, per noi è tutto più semplice, dal momento che conosciamo già il finale... È come guardare un film sapendo già come va a finire: perdi la passione, il pathos, quel coinvolgimento che ti immedesima col protagonista facendoti sperimentare ciò che lui sperimenta. Sapere già il finale non ti coinv ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Il popolo della montagna
Non posso assolutamente dire che non mi piaccia il mare, tutt'altro! Tra le mie numerose esperienze pastorali c'è pure una breve parentesi (poco più di un anno) come parroco in due piccole parrocchie della Liguria di Levante, ed è una delle esperienze che ricordo con maggior affetto e nostalgia. Apr ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06 Agosto 2012)
Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!

Oggi il Padre proclama adempiute le Antiche Scritture che proclamavano il Messia del Signore suo Figlio. Non è né in senso morale e né in senso allegorico che le profezie sull'Unto del Signore devono essere intese, bensì in senso reale. Figlio di Dio non è il popolo, è invece una ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!
Perché un altro ci conosca non solo è necessario che gli diciamo chi siamo secondo verità perfetta, è anche indispensabile che il nostro essere corrisponda al nostro dire. Dire e mostrare, parlare e far vedere, insegnare e attestare storicamente la nostra verità. Forse sul momento l'altro non compre ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 06 Agosto 2015)
Li condusse su un alto monte
Il monte nella Scrittura è il luogo dove si fonda la fede e anche dove si verifica, si rinnova, si rifonda, acquisisce la sua verità attuale. Mosè sul monte ricevette le parole della fede. il Signore gli diede le due tavole della Legge. Elia invece, dalla fede stanca e alquanto logora, a causa del s ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Fu trasfigurato davanti a loro
Mosè stette con il Signore sul monte per quaranta giorni. Discese in mezzo al suo popolo e il suo volto era raggiante. Chi lo guardava, rimaneva come folgorato. Per questo si copriva con un velo, che toglieva solo quando entrava nel santuario, presso il Signore. Non vi sono altri eventi simili. È l' ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 05 Agosto 2012)
Sono bellissimo. Fatemi una foto e pubblicatela
Come una foto da incorniciare. Ognuno, forse, custodisce nel cuore l'attimo in cui ebbe la sensazione di conoscere quell'amico, la sua donna, il suo sposo con una profondità inaspettata. Come se l'occhio fosse riuscito a poggiarsi sull'abisso della sua anima. E lì ha scattato una foto preziosa, la f ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Scusa la modestia: sono troppo bello per te
Con Mosè era stato chiaro. Eppure se c'era uno che meritava quella grazia era proprio lui. Perché svegliarsi una mattina per portare a spasso il gregge e scoprirsi nel mirino di Dio, non è mai cosa dalle dolci faccende; nemmeno sapersi fragili di lingua e vedersi al cospetto del faraone a con ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Compito a sorpresa e ripetizione in alta-quota
La lezione somigliò moltissimo ad un compito-a-sorpresa. Entri in classe che sei tranquillo: "Domani andiamo avanti con la spiegazione" hai sentito dire dalla professoressa ieri. Tu hai interpretato la frase a modo tuo - "Oggi non si studia!" - ma il giorno dopo, ecco lo sconcerto molesto, irritante ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 01 Marzo 2015)
Chiedendosi
Chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti Il brano termina con una questione non risolta. Per dir la verità l'evento della trasfigurazione è come incastonato tra due interrogativi simili: Pietro che non capisce e rimprovera il Signore ottenendone la risposta «Va' dietro a me, ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01 Marzo 2015)

Mi sono chiesto il motivo che ha convinto i liturgisti a scegliere questo Vangelo per la II Domenica di Quaresima. Ma anche le altre due letture fanno pensare! Del resto, l'ho già detto domenica scorsa, la Quaresima è il tempo della riflessione. Prima si riflette e poi si agisce: la riflessione è in ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Commento su Marco 9,2-10
?Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi??, scrive san Paolo: in altre parole, come poteva Dio chiedere in olocausto Isacco, se proprio Lui, Dio, lo aveva donato ad Abramo e Sara? Questo è il primo quesito. E il secondo è: per quale motivo la liturgia accosta il sacrificio ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Commento su Genesi 22,1-18; Marco 9,2-10
Dopo la prima domenica di quaresima, che è segnata dal vangelo delle tentazioni di Gesù, ogni seconda domenica di quaresima ripropone il vangelo della trasfigurazione, che leggeremo quest'anno nella versione di Marco: dopo aver presentato la scelta del Messia Gesù, la liturgia ribadisce la necessità ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Commento su Marco 9,2-10
Dal deserto di pietre al monte di luce.
Gesù si trasfigurò per infondere fiducia ai suoi discepoli, che di lì a breve avrebbero assistito al suo apparente ?fallimento?, con la sua passione e morte in croce. Gesù li incoraggia, manifestandogli chi è veramente, anticipandogli la vittoria della r ...

(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
The true news: Gesù
Vorrei commentare il vangelo di questa 2a domenica di quaresima ricorrendo al messaggio inviato dal papa per il tempo liturgico che stiamo vivendo. Molto significativo il titolo scelto: Per il dilagare dell'iniquità, l'amore di molti si raffredderà (Mt 24,12). Il papa ci segnala di essere cir ...
(continua)
Vito Calella     (Omelia del 25 Febbraio 2018)
Il "perdere" vincente
Il ?perdere? vincente. Non c'è altra via se non quella della preghiera, cioè del ?salire il monte?, per assumere profondamente il cammino dell'umiltà, che ogni discepolo di Gesù è chiamato a contemplare seguendo i passi del Maestro verso Gerusalemme, verso la croce. Si, Gesù aveva ap ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18 Febbraio 2012)
Commento su Marco 9,2-13
È disposto a parlare del vero volto di Dio rischiando la propria vita, il Maestro Gesù, senza paura. E chiede a noi suoi discepoli di fare altrettanto, di non cedere alla logica del mondo, come fa Pietro, pensando di consigliare a Gesù come muoversi. Ci spaventa, questa logica, tanto. L'idea di dona ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18 Febbraio 2017)
Commento su Mc 9, 9
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.
Mc 9, 9

Come vivere questa Parola?< ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18 Febbraio 2017)
Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!
Mosè ed Elia sono quelli che conoscono il Signore. Essi sanno che Dio prima, con Mosè, si è rivelato come fuoco che brucia e non si consuma, fuoco immutabile, eterno. Poi si è manifestato come fuoco che purifica e rinnova, perdona ed è ricco di pietà. Il Signore disse a Mosè: «Va' dal popolo e s ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Imparare ad amare e a servire
Emerge un problema antico quanto il mondo. I di­scepoli che vivevano con Gesù prima della sua pasqua, si sen­tivano comunità e come ogni comunità, di allora e di oggi, non poteva evitare il problema su chi doveva presiedere, co­mandare. Certo, Gesù è il primo, ma dopo Gesù - anche in senso temporale ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9, 30-37

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Video commento a Mc 9,30-37

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Video commento a Mc 9,30-37

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Se qualcuno vuol venire dietro di me...
Negli anni passati erano numerose e frequenti le occasioni di incontrarmi per un dibattito con alunni dei vari livelli scolastici. E Dio sa quanto, soprattutto gli adolescenti abbiano bisogno di conoscere, sentire persone che con serietà offrano loro degli spunti, attraverso la loro esperienza di vi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Come bambini
Per strada rischiamo di perdere la direzione giusta. Comprensibile: poche indicazioni, molto traffico interiore, ostacoli visivi... e, soprattutto, guai a chiedere informazioni. Troppi vanno a caso, indicando luoghi senza esserci mai stati. E lo fanno con tale sfrontatezza e convinzione da apparire ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 20 Settembre 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Ottavio De Bertolis «Se uno vuole essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servitore di tutti». Sono parole a noi molto familiari, diventate quasi degli slogan nel mondo ecclesiastico; le cantiamo nelle liturgie e ci sentiamo buoni quand ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Il potere dell'amore è di non avere potere
Domenica scorsa abbiamo riflettuto sul primo annuncio della passione di Gesù. Oggi Gesù ne fa un altro. Perché un secondo annuncio? Beh, è molto semplice: perché il primo non aveva funzionato. Fu parecchio difficile per i suoi discepoli accettare che Gesù fosse così e non come loro speravano che lui ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Commento su Marco 9,30-37
Gesù, oggi, si confida con i suoi, parla delle sue preoccupazioni: ormai sa che le cose potrebbero precipitare. Non sono bastati i suoi discorsi, il suo modo nuovo e sereno di parlare di Dio, non sono bastati i segni eclatanti, non è bastato il suo volto sorridente.
La folla, dopo i prim ...

(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9, 30-37

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Febbraio 2012)
Commento su Marco 9,30-37
Ne parlano tutti i sinottici, quindi non solo è accaduto, ma è stato un momento importante per il percorso dei discepoli. Ne parlano senza vergogna, senza badare alla figuraccia che hanno fatto. Non hanno paura di ammettere, candidamente, di non avere capito nulla del discorso che ha fatto loro Gesù ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Maggio 2013)
Commento su Mc 9,30-37
Non solo gli apostoli cercano ingenuamente di sostituirsi al Maestro, ma peggiorano la situazione subito dopo. No, non hanno affatto capito l'intenzione di Gesù e mentre questi vede profilarsi all'orizzonte la sconfitta e la croce, loro ancora discutono su quali posti occupare nel nuovo Regno (tutto ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Video commento a Mc 9,30-37

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 25 Febbraio 2014)

Era stato Pietro, a Cesarea di Filippi, a redarguire Gesù che parlava di croce e di morte. Per la seconda volta, ora Gesù parla della sua passione. Gli storici discutono: è un'affermazione di Cristo o della comunità dopo la Pasqua? Probabilmente entrambe le cose: Gesù sapeva di attirarsi l'odio dei ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Video commento a Mc 9,30-37

...
(continua)

padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9, 30-37

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 20 Settembre 2015)
L'insegnamento di Gesù: chi vuol essere primo sia servo di tutti
Il Vangelo ci sorprende con parole inusuali, ci consegna tre nomi di Gesù che vanno controcorrente: ultimo, servitore, bambino, così lontani dall'idea di un Dio Onnipotente e Onnisciente quale l'abbiamo ereditata. Il contesto. Gesù sta parlando di cose assolute, di vita e di morte, sta raccontando ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Accogliere Dio in un bambino, il segreto della Vergine Maria
Gesù mette i dodici, e noi con loro, sotto il giudizio di quel limpidissimo e stravolgente pensiero: chi vuol essere il primo sia l'ultimo e il servo di tutti. Offre di se stesso tre definizioni, una più contromano dell'altra: ultimo, servitore, bambino. Chi è il più grande? Di questo avevano disc ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9,30-37

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Video commento su Mc 9,30-37

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Video commento su Mc 9,30-37

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 23 Settembre 2012)
La croce luogo di umiltà e di servizio
Accettare la croce per Gesù equivale a portare a compimento la vera rivelazione. In essa egli manifesta la vera potenza del suo messianismo di redentore e Salvatore universale, potenza che consiste nella profondità e nell'ampiezza dell'amore. In parole povere, Gesù nella croce ama il mondo intero in ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Febbraio 2014)
Commento su Mc 9.35-37
"Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servitore di tutti». E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accogli ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Il Figlio dell'uomo viene consegnato? Se uno vuole essere il primo, sia il servitore di tutti
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 20 Settembre 2015)
L'argomento risolutivo
Si insiste oggi sulla necessità della croce, in linea con gli argomenti della scorsa domenica. Il discorso più eloquente sull'argomento ci viene dato però, più che dal brano del Vangelo, dalla prima Lettura, tratta dal libro della Sapienza, che rivela una concretezza più unica che rara nelle parole ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Un bambino: sintesi di croce, umiltà e amore
E' necessario che Gesù proceda per Gerusalemme dove, dopo un ingresso trionfale di gloria e di esaltazione, dovrà subire l'umiliazione estrema e la condanna atroce. Il testo del vangelo di oggi dice che i suoi discepoli non comprendono il suo linguaggio, ma il destino inesorabile del Messia è quell ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Video Commento a Mc 9, 30-37

...
(continua)

padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Sulla Tua Parola - Mc 9, 30-37

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Video commento su Marco 9,30-37

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 20 Settembre 2015)
I primi e gli ultimi secondo l'insegnamento di Gesù
Il testo del Vangelo di Marco di questa XXV domenica del tempo ordinario ci racconta dei suoi viaggio nella Galilea e tra le altre cose che dice egli affronta il tema della sua sofferenza. In questi viaggi, gli apostoli che sono vicino a Gesù e che avrebbero dovuto capire, da tutta una serie di disc ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 20 Settembre 2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,30-37

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 23 Settembre 2018)
La classifica che conta davanti a Dio: alla serie A del Paradiso si arriva con l'umiltà
In questa XXV domenica del tempo ordinario, la nostra riflessione parte dal testo del Vangelo, che è quello di più immediata comprensione ed attualizzazione nella vita dei singoli, come della comunità ecclesiale, sociale ed umana.
L'idea di fondo che Gesù vuol far passare ai discepoli è quella ...

(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 23 Settembre 2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,30-37

...
(continua)

don Lello Ponticelli     (Omelia del 20 Settembre 2015)

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 17 Maggio 2016)
Commento su Mc 9,35
«Se uno vuole essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servitore di tutti».
Mc 9,35

Come vivere questa Parola?
I discepoli avevano discusso fra loro chi fosse il più grande nel regno dei cieli. Gesù con tanta bontà e mitezza li invita all'umiltà, pur facendo un servizi ...

(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 20 Settembre 2015)
La Parola - commento a Mc 9,30-37
Commento di don Giovanni Imbonati, parroco di Tezze di Arzignano e Pugnello. Registrato nella chiesa parrocchiale dei santi Sebastiano e Rocco di Pugnello (Arzignano)

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 23 Settembre 2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 9,30-37)

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Commento su Marco 9,30-37

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21 Febbraio 2017)
Commento Mc 9,35
«Se uno vuole essere il primo, sia il servitore di tutti»
Mc 9,35

Come vivere questa Parola?
Gesù ci dà un esemplare insegnamento per la nostra vita umana e cristiana: mettersi al servizio degli altri, aiutarli nelle loro difficoltà, comprenderli nei difficili avvenimenti ...

(continua)

don Fabio Rosini     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Audio commento al Vangelo del 23 settembre

...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Maggio 2018)
Commento su Mc 9,33-37
«Quando fu in casa chiese loro: ?Di che cosa stavate discutendo lungo la via. Essi tacevano. Per la via infatti avevano discusso tra loro chi fosse il più grande. Allora, sedutosi, chiamò a sé i Dodici e disse loro: Se uno vuol essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servo di tutti?. È preso ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Audio commento al Vangelo della Venticinquesima domenica del Tempo Ordinario (Anno B - Mc 9,30-37)

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26 Febbraio 2019)
Commento su Mc 9,33-35
«Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servitore di tutti».
Mc 9,33-35

Come vivere qu ...
(continua)

don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Solo il padrone può mettersi a servire

...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 23 Settembre 2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Talvolta succede anche nelle relazioni umane di non riuscire a digerire bocconi amari. E questo accade quando le dure vicende della vita impattano con le aspettative, sempre o quasi, orientate al bello, al facile, al tutto che d ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 23 Settembre 2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Nazzareno Marconi PRIMA LETTURA Dal libro della Sapienza (2,12.17-20) Il peccatore interpreta la legge a suo piacimento ed è indotto a ridicolizzarla perché propone uno stile di vita che non vuol accettare. Perciò giunge a ritenere il g ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Commento su Mc 9,30-37
Gesù sta andando a Gerusalemme per vivere la sua Pasqua di morte e resurrezione. È la seconda volta che lo ha annunciato. E loro, i discepoli, cosa fanno? Discutono su chi sia il più grande tra di loro. La Pasqua di Gesù è l'ultimo avvenimento nel tempo ma il primo nel valore per la vita. I d ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Commento su Marco 9,30-37
In questa parte del racconto di Marco si vede bene come tra Gesù e i discepoli ci sia una profonda distanza; i discorsi del Maestro non vengono compresi, o in modo inadeguato. Pietro, dopo aver dichiarato la fede in Gesù, lo rimprovera quando ascolta l'annuncio della passione; i discepoli dis ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 21 Maggio 2013)
Per essere il primo

Spesso il vangelo ci riserva dei violenti contrasti. L'evangelista Marco li predilige e li sottolinea perché giustamente li ritiene particolarmente efficaci per la sua comunità fatta di gente proveniente dal paganesimo. Oggi ascoltiamo prima Gesù che per la seconda volta preannunc ...
(continua)

Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Avevano discusso tra loro chi fosse il più grande
Gesù ha scelto gente comune tra i suoi discepoli. Persone che hanno tutte le ambizioni umane, che non sono ancora completamente partecipi del suo Mistero d'amore. In loro prevale ancora una mentalità legata all'individualismo. Non era in loro la piena comprensione del messianismo di Gesù che oltrepa ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 20 Settembre 2015)
La sapienza di Dio ci insegna a vincere le passioni
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 23 Settembre 2012)

Come la scorsa domenica, il Vangelo di Marco riporta l'annuncio della morte e risurrezione di Gesù. Gesù prepara i suoi amici spiegando ciò che sente nel suo intimo. Avverte che alcune persone non gradiscono la sua presenza e le sue parole a sostegno dei più deboli; intuisce i pensieri e i ragioname ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Una divisione insanabile?
La liturgia della parola di questa domenica, in continuità con quella di domenica scorsa, evidenzia la distanza che separa Gesù dai suoi più stretti collaboratori. Il Vangelo candidamente confessa che non lo capiscono, Gesù dice cose che vengono ignorate e si finisce per parlare di chi è il più gran ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 20 Settembre 2015)

Settembre è un mese particolare, perché abbiamo addosso ancora il profumo delle vacanze, la voglia di essere spensierati, di non concentrarci troppo sulle cose serie... Ma siamo in buona compagnia, perché nel Vangelo di oggi scopriamo che anche gli Apostoli fanno fatica a prestare ascolto al Maestro ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Audio commento su Mc 9,30-37
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 23 Settembre 2018)

Cari bambini, avete sentito? Questa domenica Gesù ci stravolge un po' le idee... vediamo un po' di capire meglio. Siamo nella regione a nord della Palestina, la regione dove c'è Nazaret dove Gesù ha vissuto per circa 30 anni. Sappiamo che Gesù ha predicato un po' ovunque fino a raggiungere l'apice ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Accogliere i piccoli... accogliere Dio
L'autore del libro della Sapienza concede la parola ad un gruppo di malvagi i quali esprimono bene la loro filosofia di vita parlando di un giusto anonimo che viene da loro descritto e condannato senza neppure concedergli il diritto di replica o di difesa. Del resto, è questo il messaggio che l'auto ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Chi non vive per servire, non serve per vivere
Sono sempre tante le suggestioni che nascono ascoltando insieme il vangelo e condividendo quanto la parola di Dio suscita nei cuori di chi la ascolta. Come quella che viene dal fatto che Gesù era in cammino, stava attraversando la Galilea; il vangelo, ci dice Marco è per le strade (che Gesù percorre ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 23 Settembre 2012)
L'abbraccio provocatorio di Gesù
Clicca qui per la vignetta della settimana Quello che più mi ha colpito del viaggio in Terra Santa, fatto con i giovani nel mese di agosto, non è stata la visita ai luoghi tradizionali e archeologici della vita di Gesù. Sicura ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,30-37
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Vangelo Antipaura
Clicca qui per la vignetta della settimana. ?... è importante avere un'idea vera di Dio. Non dobbiamo pensare che Egli sia un padrone cattivo, duro e severo che vuole punirci. Se dentro di noi c'è questa immagine sbagliata di Di ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,30-37
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Il piccolo Aylan e tutti gli altri
Abbiamo tutti negli occhi le foto strazianti del piccolo Aylan, diventato simbolo delle tragedie che accompagnano l'esodo in corso verso l'Europa. Ma possiamo, quell'innocente, considerarlo anche il simbolo delle violenze d'ogni sorta cui sono sottoposti in tutto il mondo tanti bambini: e a questa i ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Videocommento su Mc 9,30-37

...
(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Un metro per misurare chi è il più grande
L'abbiamo sentito domenica scorsa: Gesù ha chiamato addirittura ?satana? l'apostolo Pietro che invece di ?pensare secondo Dio? inseguiva suoi calcoli umani Ma non è bastato: nel vangelo odierno (Marco 9,30-37) ritroviamo Gesù intento a istruire gli apostoli, in particolare preparandoli agli eventi p ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 23 Settembre 2012)
La grandezza del servire
Il Vangelo di Marco continua la predizione della passione da parte di Gesù. E' la seconda delle tre predizioni della passione. Il verbo fondamentale in tale annuncio è "consegnare". E' Dio che entra in azione e lascia che il Figlio sia consegnato nelle mani degli uomini. La passione è vi ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Se uno vuole essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servo di tutti
Nella domenica XXV del tempo ordinario, omettendo Mc.8,25-9,29, leggiamo il brano di Mc.9,30-37: l'evangelista che ha costruito il suo Vangelo in modo tanto accurato, potrebbe a buon diritto protestare con i liturgisti che, con i loro tagli, sconvolgono il suo testo. La Liturgia congiunge questo bra ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Il Figlio dell'uomo sta per essere consegnato
Abbiamo già avuto modo di incontrare (nei vangeli della 12° domen. C, 22° A e 24° B) un tema caratteristico dei sinottici: i cosiddetti "annunci" (o "predizioni") della Passione, morte e resurrezione di Gesù; sono in tutto cinque: tre in forma abbastanza sviluppata (Mc.8,31-33 e paralleli; Mc.9,30-3 ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Per via li istruiva

Se domenica scorsa Gesù, interrogava i discepoli per via oggi, per via, li istruisce. E li mette al corrente dei tragici avvenimenti che sarebbero presto accaduti: "Il Figlio dell'uomo sta per essere consegnato in mano agli uomini e lo uccideranno, ma una volta ucciso, dopo tre gi ...
(continua)

Giovani Missioitalia     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Che bello capire la nostra missione!

Il Vangelo di questa domenica fa vedere Gesù che tenta invano di spiegare ai suoi discepoli il vero significato della sua missione: incontrare la vita nuova della Risurrezione donando la propria vita sulla croce. I suoi discepoli infatti non capiscono niente e addirittura pensano ...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Che fatica diventar piccoli!
Tutto il Vangelo di Marco è un cammino dei discepoli col Maestro che non è un rapporto di alunni col prof., ma un seguire il modo di vivere del Maestro. Camminano con Lui, ma sono ancora molto lontani dal capirlo veramente. Lo seguono con i piedi, ma la testa è altrove .I discepoli erano ancora trib ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Non c'è fede senza prova
"Mettiamolo alla prova con violenze e tormenti": il cristiano è sempre un provato. Ma egli, il provato, ha una certezza: il Signore sostiene la sua vita. Il provato, cioè il cristiano autentico, è sempre in mezzo a gelosie e spirito di contesa. Il provato, cioè l'uomo del Vangelo, è tra guerre e lit ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Autorità è servizio
La politica mi ha sempre appassionato, ma - devo essere sincero - non so se ci ho mai capito qualcosa. Comunque, per quel poco che mi è dato di capire, mi pare di intuire che - in occasione di importanti scadenze elettorali - un leader politico inizia una fase di preparazione delle strategie da attu ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Un'altra logica
Ci sono momenti, nella storia di un rapporto di amicizia, di amore o anche solo di collaborazione, in cui non c'è verso di capirsi. E questo, non perché non ci si voglia bene o perché non si vada d'accordo: semplicemente, perché non si riesce a comprendersi, perché si parlano linguaggi differenti o ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Lasciamo che i bambini facciano i bambini!
Nei giorni scorsi, parlavo con un dirigente di una dilettantistica squadra locale di calcio della categoria pulcini, una di quelle davvero senza grandi ambizioni, da oratorio nel senso più genuino del termine, dove lo stesso Oronzo Canà di banfiana memoria sarebbe un allenatore con i fiocchi; una di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Se uno vuole essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servitore di tutti

San Paolo sa qual è il mistero della sua vocazione. Il Signore ha scelto per lui l'ultimo posto, quello del servo di tutti, per amore. Il suo ministero è vero servizio al Vangelo. Ognuno ci consideri come servi di Cristo e amministratori dei misteri di Dio. Ora, ciò che si r ...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Video commento su Marco 9,30-37


(continua)

Riccardo Ripoli     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me
In questo passo del Vangelo c'è l'inno all'affido. Se qualche volta ci sentiamo scoraggiati, lasciati soli dagli amici, abbandonati dalle istituzioni, pensierosi per le lotte da affrontare ricordiamoci le parole di Gesù. Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me; chi accoglie me ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Maggio 2013)
Di che cosa stavate discutendo per la strada?

L'uomo è ammalato di superbia. Satana ha iniettato nel suo spirito questo virus contro il quale non vi sono rimedi tratti dalla natura. Questo virus subito si manifesta in Adamo. La donna è per lui oggetto di disprezzo, una cosa da usare a suo esclusivo arbitrio. Questo avviene gi ...
(continua)

don Domenico Bruno     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Dio è un bambino
Sin da piccolo mi ha sempre incuriosito la vita dei gemelli perché era un mistero stabilire chi fosse il più grande, finché qualcuno mi disse che il più grande è quello nato per ultimo. Il motivo? Ha aiutato il primo ad uscire. Mi sono subito innamorato di questa idea. Sempre da piccolo mi capitò ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Febbraio 2014)
Di che cosa stavate discutendo per la strada?

Gesù è il vero maestro, che insegna all'uomo non da un libro, ma dalla profondità del suo cuore che è umile, mite, sa scendere negli abissi dell'amore fino all'annientamento di se stesso. È l'umiltà la sua vera grandezza, la sua essenza più nobile e santa. Ma cos'è l'umiltà? Come ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Se uno vuole essere il primo
I discepoli di Gesù sono ancora troppo carnali, pensano secondo la carne, progettano secondo la carne, litigano secondo la carne. Nel regno di Dio invece si deve vivere da esseri spirituali, pensando secondo lo Spirito, agendo secondo lo Spirito, litigando secondo lo Spirito per le sole cose dello S ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 17 Maggio 2016)
Di che cosa stavate discutendo per la strada?
Chi vive secondo la carne, pensa secondo la carne, agisce secondo la carne, discute e si relaziona secondo la carne, produce frutti secondo la carne. San Paolo insegna a Galati e Corinzi che se non si vive da esseri spirituali, mai si potranno produrre frutti secondo lo Spirito. Se si è carne, si pr ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Febbraio 2017)
Di che cosa stavate discutendo per la strada?
Per un buon dialogo, un'ottima discussione è necessario conoscere la verità di Dio, di Cristo, dello Spirito Santo, dei discepoli, di ogni membro della Chiesa. Senza conoscenza della verità ci si bisticcia, si litiga, si fa la guerra, mai si entra in dialogo. È quanto avveniva nella comunità di Cori ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Maggio 2018)
Se uno vuole essere il primo
Il regno di Dio è infinitamente differente da ogni regno degli uomini esistente sulla terra. È anche infinitamente diverso da ogni altra forma dell'esercizio del potere, compresa anche la forma della democrazia, sotto qualsiasi forma o modalità venga essa esercitata. Nei regni e nei governi del mond ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Il figlio dell'uomo viene consegnato
Se leggiamo tutte le profezie antiche sul Messia del Signore, appare in tutte una sola verità: il Cristo Dio è l'uomo della sofferenza, del dolore. Urge però non prendere secondo la lettera quanto è scritto, ma sempre secondo lo Spirito Santo. Ecco come il Capitolo Terzo della Lamentazioni parla del ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Quando uno scoop arriva in ritardo
Giuda non era uno stupido e tanto meno uno sprovveduto: dell'intuito e dell'intelligenza fece discutibile uso ma il suo fiuto era da primi della classe. In direzione di Tiro - appena dopo Cafarnao e poco prima di scendere verso Sidone - non si curò che tutta la truppa fosse nel mezzo della strada. L ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 20 Settembre 2015)
L'apostolo codardo è un uomo-struzzo
E' una codardia che non conosce eguali quella smascherata sulle labbra dei discepoli: «Essi tacevano». A domanda, non hanno nemmeno il coraggio di rispondere, l'ardimento d'essere uomini: «Di che cosa stavate discutendo lungo la via?». Anche allora, come oggi: ci si preoccupa dei capel ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 23 Settembre 2018)
D'ora innanzi la statura non si misurerà più in centimetri
Non li avesse scelti Lui, gli apostoli, verrebbe voglia di scommettere che fossero usciti dal genio di qualche fumettista, di un vignettista che sogna di fare cappottare dalle risate i suoi affezionatissimi lettori. Invece son usciti dal cuore di Cristo, dunque ci sono padri-nella-fede. Non per ques ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Primo o ultimo non importa
Oggi la sorgente della Scrittura consegna ai credenti un messaggio luminoso: chi, per pura concessione dell'Alto, decide di seguire il Signore, non deve più percorrere la strada dell'ozio spirituale, ma combattere contro tutto ciò che dentro di noi si oppone alla logica della Parola e il cui nucleo, ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Una sapienza potente
Essi però non capivano queste parole Come è possibile capire? Solo i delinquenti vengono consegnati nelle mani di chi li ucciderà, o forse anche un giusto che va controcorrente, che non sa rispettare chi è al potere e "rinfaccia le trasgressioni contro l'educazione ricevuta" (Sap 2,12 ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 20 Settembre 2015)
L'abbraccio del cuore
Non capivano Gesù, lungo la strada della Galilea, con i discepoli stava insegnando loro il senso e la missione del Messia; non è tanto un annuncio della sua passione quanto un insegnamento che avrebbe dovuto illuminare l'animo dei discepoli, lo fa utilizzando le parole che troviamo nel libro ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Il servitore di tutti
Per la strada
Leggendo il brano del Vangelo, capace di rivelare l'uomo di ogni tempo, scopriamo che gli apostoli non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo. Le parole del Signore scivolano via, non comprese; sembra che non ci sia neppure il desiderio di capire, ci ...

(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Se uno vuol essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servo di tutti
Ognuno di noi ha l'indole innata di voler primeggiare. Chi da bambino non avrebbe voluto essere il primo della classe, ricevere il voto migliore dalla maestra insieme alle sue attenzioni, avere il regalo più bello a Natale da mostrare agli amici. Da grandi non avete mai voluto essere quelli con la m ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 21 Maggio 2013)
Essi però non comprendevano queste parole e avevano timore di chiedergli spiegazioni
Le incomprensioni sono all'ordine del giorno. Si interpretano parole, a volte sguardi, in maniera negativa arrivando a pensare che una persona possa avere qualcosa contro di noi, ed una nostra reazione potrebbe scatenare un conflitto nel rapporto. A volte si preferisce tacere, ma anche questo è gene ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Commento su Marco 9,30-37
Evidentemente gli Apostoli sono persone dallo spiccato senso pratico... Appena saputo che Gesù sarebbe morto da lì a poco, stanno già preparando la successione alla guida del gruppo. Chi è il più grande? chi possiede le caratteristiche del leader? Meglio un intellettuale del calibro d ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Commento su Marco 9,30-37
In questi tempi abbracciare un bambino è pericoloso, assai assai! Se poi sei un prete, meglio evitare... Non è facile, per non dire impossibile, difendersi da un'accusa di pedofilia... Lo scandalo dei preti che hanno abusato sessualmente di minori - pochi casi per la verità, ma quanto basta ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Di che cosa parlavate lungo la via?
?Di che cosa stavate discutendo per la strada?'. Colpisce questa domanda di Gesù fatta ai suoi discepoli nell'intimità della casa. Nel segreto della loro amicizia, aveva parlato loro di morte e di resurrezione. Non avevano capito molto, e non avevano ancora la confidenza di fare domande. Perché per ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 20 Settembre 2015)

Gesù ha appena esposto il disegno del Padre che passa per la dimensione della sofferenza e Pietro non vuol sentire dire ciò, ma Gesù lo respinge.
La sequela a Cristo passa attraverso la croce.
Don Bosco fu chiaro sempre con i suoi salesiani: In paradiso non si va in carrozza.
Il disc ...

(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Commento su Sap 2,12.17-20; Mc 9,30-37
Oggi ci poniamo una domanda: perché il giusto viene perseguitato?
Mi sento sovente porre la domanda da amici: perché chi si comporta bene viene perseguitato e invece chi non ha scrupoli sembra che la vita lo premi!
Oggi ascoltando e meditando le letture troviamo una risposta a questa doman ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 23 Settembre 2018)

Gesù è in cammino con i suoi discepoli e parla loro in segreto della sua passione ormai prossima.
Mentre Gesù parla di passione, di dare la sua vita per la nostra salvezza, i suoi discepoli anziché ascoltarlo, parlano tra loro chiedendosi chi sia il più grande tra loro. E quando Gesù chiede lo ...

(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Quel primato cosi indesiderato
Domenica scorsa dicevamo che se qualcuno vuole seguire Gesù intanto deve sapere che non è obbligato, ma soprattutto deve lavorare nel proprio cuore per lasciarsi raggiungere dalla scandalosa parola della Croce. E questo non è un evento indolore, non è qualcosa che possa lasciare sulla nostra bocca u ...
(continua)
Vito Calella     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Ospitati da Gesù crocifisso, ospitanti degli ultimi, per diventare comunità ospitale
Siamo tutti ospitati in Gesù crocifisso. Domenica scorsa abbiamo ascoltato il primo annuncio della passione, morte e risurrezione, pronunciato apertamente da Gesù mentre era in cammino verso Gerusalemme, assieme ai suoi discepoli. Custodendo in noi questo secondo annuncio contempliamo il cro ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Facciamo la pelle all'amico di Dio
Non esiste persona più scomoda di chi è amico di Dio e come Dio ama e dice la verità. La verità fa liberi. Per questo motivo le persone libere sono le più inquietanti che possano esistere. Sono imprevedibili. Incontrollabili. Riescono sempre a mettere in crisi coloro che tramano la menzogna, la fals ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Preso un bambino, lo pose in mezzo a loro
Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Il cammino ordinario, quotidiano e nascosto è quello più difficile. E' facile e appagante fare l'album delle foto il giorno del matrimonio, della professione religiosa, dell'ordinazione sacerd ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Se uno vuole essere il primo, sia il servitore di tutti
Il libro della Sapienza riporta alcuni passaggi del discorso in cui gli empi espongono la loro scelta esistenziale, caratterizzata dalla ricerca del piacere e dalla persecuzione del giusto. Una serie di espressioni descrive il loro proposito: «tendiamo insidie, vediamo, proviamo, mettiamolo alla ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Commento su Marco 9,36-37a
Gesù, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me...» Mc 9,36-37a
Gesù, secondo il racconto di Marco, prosegue sulla strada verso Gerusalemme, verso il compimento della sua missione, v ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Maggio 2013)
Commento su Mc 9,38-40
I guaritori del tempo invocavano l'aiuto di grandi uomini del passato per cercare di sanare chi si rivolgeva alla loro preghiera. Gesti magici e scaramantici accompagnavano la scena in una cultura che legava strettamente la malattia all'opera del maligno. Qualcuno fra questi santoni, probabilmente, ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26 Febbraio 2014)

i guaritori dell'epoca si avvicinavano all'ammalato e cominciavano a praticare strani gesti taumaturgici, invocando l'aiuto di grandi uomini del passato, Salomone, fra tutti, e del presente. Il fatto che qualche guaritore avesse iniziato a citare Gesù ci rivela quanto la sua fama si stesse diffonden ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26 Febbraio 2014)
Commento su Mc 9,40
"Chi non è contro di noi, è per noi" Mc 9,40
Come vivere questa Parola?
Per capire il senso di questo aforisma di Gesù è indispensabile cogliere il senso, nel suo preciso contesto. L'apostolo Giovanni, irruente figlio di Zebedeo, esprime il suo risentimento dicendo: ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18 Maggio 2016)
Commento su Mc 9,40
«Chi non è contro di noi è per noi».
Mc 9,40

Come vivere questa Parola?
Il Vangelo racconta di una persona che scacciava i demoni nel nome di Gesù e gli apostoli vorrebbero impedirglielo perché non apparteneva al loro gruppo, ma Gesù li invita a non ostacolare tale attivi ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Maggio 2018)
Commento su Gc 4, 14-15
«Ma che è mai la vostra vita? Siete come vapore che appare per un istante e poi scompare. Dovreste dire invece: Se il Signore vorrà, vivremo e faremo questo o quello. Ora invece vi vantate nella vostra arroganza; ogni vanto di questo genere è iniquo. Chi dunque sa fare il bene e non lo compie com ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27 Febbraio 2019)
Commento su Mc 9,38-40
?In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c'è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contr ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 22 Maggio 2013)
Nel nome di Gesù

Molto spesso essere credenti può significare essere settari. Capita, con una certa frequenza di creare intorno alla nostra fede, mal compresa e mal vissuta, dei profondi fossati o delle alte mura praticamente invalicabili. Significa interpretare l'ovile come una fortezza da difend ...
(continua)

Riccardo Ripoli     (Omelia del 22 Maggio 2013)
Chi non è contro di noi è per noi.
Qualche tempo fa abbiamo organizzato una conferenza sull'affido in una città diversa dalla nostra. Noi abbiamo provveduto a diramare gli inviti tra i nostri conoscenti, mentre l'ente che ci supportava nell'organizzazione ha mandato gli inviti istituzionali chiedendo al comune di riferimento di esten ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Maggio 2013)
Chi non è contro di noi è per noi

Ogni vero bene viene sempre dal Signore. Possiamo applicare al bene, la stessa legge che vale per la Sapienza. Ecco cosa ci insegna il Libro del Siracide. Ogni sapienza viene dal Signore e con lui rimane per sempre. La sabbia del mare, le gocce della pioggia e i giorni dei s ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26 Febbraio 2014)
Non glielo impedite

La saggezza della lingua è sempre saggezza del cuore. Un cuore saggio proferisce parole sapienti, un cuore stolto, empio, falso, di pietra, mai potrà proferire parole di verità. Sempre dalla bocca si riconosce il cuore. Essa ne è lo specchio. Tutto viene manifestato, rivelato, mes ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18 Maggio 2016)
Chi non è contro di noi è per noi
Il solo evento che mi viene in mente dalla Scrittura Antica, come aiuto perché si rifletta e si comprenda bene quanto Gesù vuole significare ai suoi discepoli con le sue parole: "Chi non è contro di noi è per noi", è la richiesta fatta da Mosè a Sicon, re degli Amorrei. A costui chiese di non ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Maggio 2018)
Non glielo impedite
La Legge del Signore proibisce ad ogni uomo di fare il male. Il male è morte dell'anima, dello spirito, del corpo. Esso va sempre evitato. Ad ogni uomo va insegnato cosa è il male perché non lo faccia, ma anche cosa è il bene perché si dedichi ad esso con tutto il cuore, la mente, i pensieri, l'anim ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Tutti profeti!
In un momento in cui Mosè è chiamato ad un discernimento, su quali persone contare, per accogliere la grazia che lo Spirito di Dio dona alle persone, mentre Giosuè non comprende e vorrebbe fosse impedito a due dell'accampamento che di fatto non era non nel numero dei settanta anziani. Mosè esclama: ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9, 38-43.45.47-48

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Fossero tutti profeti?!
"Maestro abbiamo visto un tale che scacciava i demoni nel tuo nome, abbiamo cercato di impedirglielo, perché non è dei nostri". Se guardiamo oltre i confini della comunità cristiana, della Chiesa, ci accorgeremo che c'è tanta gente che fa del bene o perché è già in qualche modo sotto l'influsso cris ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Video commento a Mc 9,38-43.45.48-48

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Video commento a Mc 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Guai a chi scandalizza i piccoli
Dicevamo alcune domeniche fa', parlando del cuore dell'uomo, sede delle scelte da compiere e luogo sacro delle responsabilità, che chi sa educare il cuore di un bambino, compie la più grande opera di carità, davanti a Dio e agli uomini. Ognuno, nascendo alla vita, è come il bambino di cui parla ogg ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Ecumenismo a partire da un bicchier d'acqua
Che la Chiesa Cattolica sia l'unica Comunità voluta dal Signore Gesù Cristo per la salvezza degli uomini è indiscutibile e non va smentita la centralità del primato assoluto del papa come Vicario di Cristo. L'unica vera Chiesa, depositaria della verità, nella quale ci si salva e nella quale si trova ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 27 Settembre 2015)
La prudenza e il dialogo
Quale atteggiamento assumere nei confronti delle altre religioni o dei movimenti che inviano i loro "missionari" o "apostoli" nelle nostre case a propinarci la loro dottrina? Come comportarci di fronte ai credenti di altre religioni? Per rispondere adeguatamente occorre fare parecchie distinzioni fr ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Qualcosa da tagliare
Il libro dei Numeri, dal quale è tratto il brano che abbiamo ascoltato nella prima lettura, racconta il seguito e la fine dell'esodo dall'Egitto. In particolare qui ci si riferisce alla partenza degli israeliti dal monte Sinai. Il popolo comincia a lamentarsi per i disagi del viaggio e ricorda con n ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Ciò che si ha da fare si ha da fare, costi quello che costi
Domenica scorsa Gesù aveva annunciato per la seconda volta la sua passione e morte (Mc 9,30-32). I discepoli non avevano capito niente e infatti, belli belli, se ne discutevano su chi era il più grande (Mc 9,33-34). Proprio per questo Gesù aveva dovuto un'altra volta riprenderli (Mc 9,35-37): "Non g ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Chi è fedele a sé conoscerà la vera pace
Gesù aveva dato ai suoi discepoli la capacità di liberare dai demoni, cioè di liberare da quelle ideologie che impediscono di accogliere la buona notizia. Ebbene, non solo non ne sono capaci ma tentano, con arroganza, di impedirlo a coloro che lo fanno. 9,38 Giovanni gli disse: «Maestro, abbiamo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
"Non è dei nostri": quante volte l'ho sentito dire nei paesi, tra i tifosi, in ambito politico, riguardo alla spinosa questione dell'immigrazione... e, ahimè, quante volte l'ho sentito dire anche tra le comunità dei discepoli del Signore Gesù.
"Non è dei nostri": abbiamo bisogno di conn ...

(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9, 38-43.45.47-48

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Video commento a Mc 9,38-43.45.48-48

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Video commento a Mc 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Si può essere di Cristo senza appartenere al gruppo dei Dodici
Maestro, c'era uno che scacciava demoni e volevamo impedirglielo, perché non era dei nostri. Un uomo, che liberava altri dal male e li restituiva alla vita, viene bloccato dai seguaci di Gesù. Giovanni si fa portavoce di una mentalità gretta, fatta di barriere e di muri, per la quale non conta la v ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9, 38-43.45.47-48

...
(continua)

Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Chi non è contro di noi, è per noi
Il brano evangelico odierno si colloca nella seconda parte del testo di Marco, scandita dagli "annunci" della Passione e da una sorta di "catechesi" che Gesù sviluppa attraverso dialoghi con i suoi dicepoli ed insegnamenti specifici per la vita della comunità. I vv.38-41, in particolare, si rifer ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Collocazione del brano
Il brano di Vangelo di questa domenica segue immediatamente quello di domenica scorsa. Comincia qui una piccola raccolta di insegnamenti di Gesù di diversa natura. Il tema dominante sembra essere l'appartenenza alla comunità e la sollecitudine verso i membri più pi ...

(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Se tutto il Vangelo sta in un bicchiere d'acqua
Maestro, quell'uomo guariva e liberava, ma non era dei nostri, non era in regola, e noi glielo abbiamo impedito. Come se dicessero: i malati non sono un problema nostro, si arrangino, prima le regole. I miracoli, la salute, la libertà, il dolore dell'uomo possono attendere. Non era, non sono dei no ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Video commento a Mc 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Video commento su Mc 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Guai a chi dà scandalo!
Dicevamo alcune domeniche fa, che il cuore dell'uomo è la sede delle scelte da compiere e luogo sacro delle responsabilità. Il Vangelo di Marco di oggi inizia con una bella apertura di orizzonte: "In quel tempo, Giovanni rispose a Gesù dicendo: ?Maestro abbiamo visto uno che scacciava i demoni nel ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Video commento su Mc 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Chi non è contro di noi è per noi. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Lo Spirito del dialogo e dell'apertura
E' risaputo che tante volte, quando vediamo gli altri migliori di noi o più fortunati di noi possiamo essere colti da invidia e dal desiderio di possedere qualità che sono proprie di altri e di cui noi vorremmo disporre. Anche nell'ambito della medesima professione che si svolge possiamo usare gelos ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Video Commento a Mc 9,38-43.47-48

...
(continua)

padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Sulla Tua Parola - Mc 9,42

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Video commento su Marco 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Essere dalla parte di Cristo e vivere il Vangelo concretamente
La bellissima liturgia della parola di Dio di questa XXVI domenica del tempo ordinario, ci impegna a riflettere su alcuni importanti temi del nostro essere religiosi e credenti, che richiedono una nostra disponibilità personale e spirituale a lasciarci interpellare da simile parola. Se il nostro cuo ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 27 Settembre 2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 30 Settembre 2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Consacrati per evangelizzare
La parola di Dio di questa domenica 26esima è incentrata sul significato e valore della profezia, sia nell'Antico Testamento che nel Nuovo Testamento.
La prima lettura di oggi, tratta dal Libro dei Numeri e il Vangelo di Marco ci fanno riflettere, infatti, su questo aspetto dell'essere credenti ...

(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 27 Settembre 2015)
La Parola - commento a Mc 9,38-43.45.47-48
Commento di don Giovanni Imbonati, parroco di Tezze di Arzignano e Pugnello.

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 30 Settembre 2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 9,38-43.45.47-48)

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

don Fabio Rosini     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Audio commento al Vangelo del 30 settembre

...
(continua)

don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Audio commento al Vangelo della Ventiseiesima domenica del Tempo Ordinario (Anno B - Mc 9,38-43.45.47-48)

...
(continua)

don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Tutto in un bicchier d'acqua

...
(continua)

Luca Rubin     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Non perderà la sua ricompensa
Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva».

C'è una sensazione che può diventare patologia, chiamata agorafobia, letteralmente significa paura della piaz ...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 30 Settembre 2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Gigi Avanti Succede spesso nella vita quotidiana di essere alle prese con il demone dell'invidia, un demone capace di infilarsi negli anfratti più nascosti della mente e del cuore e da lì lanciare i suoi attacchi all'anima intera. Il demone dell'inv ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Commento su Mc 9,38-43.45.47-48
C'è il rapporto con Gesù e quello con la comunità dei discepoli. Il rapporto decisivo e discriminante è quello con Lui: "Chi non è con me, è contro di me". Se qualcuno scaccia i demoni nel suo nome, è segno sicuro della comunione con il Signore. L'orizzonte della fede è più ampio di quello de ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 27 Settembre 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone Questa domenica proseguiamo il cammino di domenica scorsa: le letture sono forti, specialmente la lettera di S. Giacomo, e bisogna lasciare che ci lavorino dentro, un po' come una medicina che disinfetta e guarisce. Badate ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 27 Settembre 2015)

Liberare dal demonio è la cosa più importante. Non per gli apostoli, a quanto sembra, vista la loro preoccupazione: "Abbiamo visto uno che... non ci seguiva". Per loro il gruppo viene prima, l'ammalato e la sua felicità dopo. Non per Gesù. Una grande e profonda verità: si può essere di Cristo ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 30 Settembre 2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Alvise Bellinato Forse ci ricordiamo dai tempi del catechismo i Dieci Comandamenti. Essi delineano un percorso di libertà nel servizio di Dio, in due fasi: i primi tre riguardano la relazione con Dio, gli altri sette la relazione col ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Chi è il discepolo? Poco prima di questo episodio, Gesù ne aveva tracciato il profilo: uno che si fa ultimo e servo di tutti, che accoglie i piccoli perché tale si sente fra le braccia di Dio. Ora, in questa pagina, Gesù spiega meglio: il discepolo è colui che vive ogni cosa ?nel nome di G ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Il giudizio di Dio contro i ricchi disonesti
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Luca Orlando Russo     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Non glielo impedite
Il brano evangelico di oggi è composto di due parti: la prima ci presenta una reclamo di Giovanni e la risposta di Gesù, la seconda riguarda una serie di riflessioni di Gesù circa lo scandalo. Ci soffermeremo sulla prima parte. Il problema che pone Giovanni non è un problema secondario e, da molti, ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 30 Settembre 2012)

In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: "Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva". Così inizia il brano del Vangelo di oggi. Siamo a Cafarnao e vorrei provare, assieme a voi, ad immaginare Gesù che cammina per le strade di q ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 27 Settembre 2015)

Che strano leggere questo Vangelo dopo la prima settimana di scuola! L'attenzione si è posata su quella frase: "Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva". Ho subito pensato a quante volte alcuni miei alunni vengono da me a dire "M ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Audio commento su Mc 9,38-43.45.47-48
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 30 Settembre 2018)

(Chi non è contro di noi è per noi) Un giorno la mamma di Carolina decise di fare un dolce. Non aveva molti ingredienti nella dispensa ma la sua idea era semplice e gustosa: avrebbe preparato il salame al cioccolato. In casa lo amavano tutti; non richiedeva una preparazione troppo lunga o complicat ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 30 Settembre 2012)
I tagli salutari del Vangelo
Clicca qui per la vignetta della settimana Tra una decina di giorni la Chiesa celebrerà i 50 anni dall'apertura solenne del Concilio Vaticano Secondo, che per 3 anni, dal 1962 al 1965, radunò i vescovi di tutta la terra con lo ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,38-43.45.47-48
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Piccoli Nella Fede
Clicca qui per la vignetta della settimana. ?Perché chiedete il Battesimo per il vostro bambino o bambina??. È la prima domanda che faccio sempre quando mi trovo a preparare il Battesimo con quei genitori che me lo chiedono per ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Non importa da chi purché si faccia
Domenica scorsa Gesù parlava dei bambini, e si diceva a commento che in loro, fragili e poveri di risorse, si potevano vedere anche gli adulti in condizioni economiche, sociali, fisiche e psicologiche di debolezza. Il vangelo di oggi (Marco 9,38-48) torna sull'argomento parlando dei "piccoli", ch ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,38-43.45.47-48
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 27 Settembre 2015)
I cristiani e le altre religioni
Nel vangelo di oggi (Marco 9,38-48) l'apostolo Giovanni, riflettendo la mentalità corrente, esprime un atteggiamento bocciato già da Mosè (prima lettura, Numeri 11,25-29). Dice: "Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva" (cioè non è ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Videocommento su Mc 9,38-43.45.47-48

...
(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Chi non è contro di noi è per noi
Domenica scorsa Gesù parlava dei bambini, e si diceva a commento che in loro, fragili e poveri di risorse, si potevano vedere anche gli adulti in condizioni economiche, sociali, fisiche e psicologiche di debolezza. Il vangelo di oggi (Marco 9,38-48) torna sull'argomento parlando dei "piccoli", ch ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Lo scandalo della fede
Essere dei nostri. Quante volte le nostre comunità cristiane si chiudono in se stesse perché fanno fatica a vivere un cristianesimo limpido, aperto, dove ogni persona possa trovare la sua casa! La fede è un dono prezioso che però ha bisogno di molti elementi per maturare e crescere. La comunità cr ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Chi non è contro di noi, è per noi
Il brano del Vangelo di Marco che la Liturgia della domenica XXVI del tempo ordinario ci fa leggere (Mc.9,38-48), è l'immediata continuazione di quanto abbiamo letto la domenica precedente. Si tratta di una serie di insegnamenti, non strettamente collegati tra loro, con i quali Gesù continua ad ist ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Non abbiamo l'esclusiva su Dio
Da alcune domeniche, i vangeli ci presentano la "logica" di Dio. E viene quasi da dire che si tratta di una logica "illogica"... Prima la logica della croce, per la quale Dio Onnipotente si manifesta in tutto ciò che è debolezza, sofferenza e morte; poi la logica del servizio, per la quale chi vuole ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Una fede esclusiva crea esclusioni
La seconda lettura di oggi ci offre un assist talmente meraviglioso che è un peccato non "andare in goal", ovvero non farvi una profonda riflessione a partire da quella che noi attenti alla ricaduta, sull'ambito sociale, della Parola di Dio prendiamo come una pietra miliare, ovvero la frase del gran ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 30 Settembre 2018)
?Nel nome di Gesù?
?Don, scusa una cosa: come mai quella persona fa quell'attività qui in parrocchia da noi, che non è neppure di qui??; ?Don, come mai c'è gente che fa volontariato in oratorio e non li vedi mai a messa??; ?Don, ma questa attività non era programmata: come mai quelli che l'hanno organizzata non si met ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 30 Settembre 2012)
La Grazia può nascere anche nel deserto
Gelosi del dono di Dio! Sei tu geloso per me? Fossero tutti profeti nel popolo del Signore! Mosè, salvato dalle acque e dalla gelosia, sa riconoscere il dono di Dio. Mosè, salvato dall'egoismo, sa apprezzare l?altro, il fratello, il profeta. Mosè, salvato dall'idolatria dell'io, è un uomo libero e ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me

Sullo scandalo vale proprio la pena leggere una stupenda pagine tratta dal Secondo Libro dei Maccabei. Scopriamo cosa è la rettitudine o delicatezza di coscienza. Un tale Eleàzaro, uno degli scribi più stimati, uomo già avanti negli anni e molto dignitoso nell'aspetto della ...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Video commento su Marco 9,38-43.45.47-48


(continua)

don Domenico Bruno     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Da Ikea con Gesù
Ho pensato che Gesù stesse scherzando quando parlava di tagliare mani scandalose e cavare occhi peccaminosi... (cfr Mc 9,38-43.45.47-48), poi mi sono ricordato che nel Vangelo Gesù usa delle metafore per guidarci a una comprensione chiara. Tagliare, cavare e, più in generale, privarsi di una part ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Un bicchiere d'acqua nel mio nome
Gesù manda i suoi discepoli nel mondo, privi di ogni cosa, anche delle più necessarie. Essi avranno bisogno di tutto. Anche un bicchiere d'acqua essi dovranno chiedere per dissetarsi. Dio ha stabilito che ogni uomo sia provvidenza per loro. Possono ricevere il bene da chiunque. Possono chiedere un b ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Dove il loro verme non muore
L'antica escatologia sapeva ben distinguere le cose che avvenivano appena l'anima, lasciato il corpo, entrava nell'eternità. Subito si presentava al cospetto di Dio per il giudizio. Se essa era trovata giusta, in grazia di Dio, ma non perfetta quanto ad espiazione delle pene temporali dovute ai suoi ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 30 Settembre 2012)
La Chiesa tra incenso e gelosia
C'avevano provato ad imitare quel Rabbì-Maestro salito fortemente alla ribalta. Forse per quel presagio condiviso in tempi non sospetti - "voi farete cose più grandi di Me, voi sarete Me" - li aveva caricati oltre misura. C'han tentato qualche versetto prima ma non ci sono riusciti a liberare ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Una Chiesa "da mettersi le mani nei capelli"
Sanno di buono i Vangeli di queste ultime domeniche. Sono popolati da uomini così buoni, in quanto ad umano, che ti verrebbe quasi da dire: "Ma come siete belli, continuate a raccontarmi storie di voi, delle vostre balle, dei vostri limiti". Funziona così da una vita: quando tu sai di ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 30 Settembre 2018)
La gelosia dei
Pizzicati, anche stavolta, in fuorigioco. Goal annullato: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava dèmoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Fianco a fianco col loro Maestro, stanno diventando persone intelligenti i discepoli: fatica, tanta fatica, ma lentamente i ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Serve un certificato per essere cristiani?
Oggi la fonte della Parola invita a rigettare la gelosia, l'invidia, elementi che possono condurci ad interpretare il mistero d'amore di Dio, la partecipazione alla vita divina, come un previlegio o un evento riservato a pochi eletti, per farci assumere un comportamento disponibile, umile, verso tut ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Lo scandalo
Chi scandalizzerà Oggi siamo immersi negli scandali di ogni tipo, qualità, intensità, ampiezza, coinvolgimento. Lo scandalo sembra colpire ogni ambiente: politico, economico, sociale perfino quello ecclesiale, quasi ad arrivare a pensare che ormai gli scandali non scandalizzano più. Lettera ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Piccolezza
Non ci seguiva
La preoccupazione di Giovanni è anche lecita, quella di mantenere il gruppo dei discepoli unito, ma anche identificato e identificabile. Non c'era un ufficio brevetti in cui registrare un marchio o una idea, non esisteva il copyright, neanche si ipotizzava l'idea di una pr ...

(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 30 Settembre 2018)
A rischio di collasso
E' molto meglio per lui
?Oggi non si scandalizza più nessuno?, almeno così si dice eppure pensando a quanti vivono sullo scandalo non sembrerebbe. Ci sono riviste intere dedicato al ?gossip?, gli opinionisti, i politici sembrano attendere il prossimo scandalo per tirare l'acqua al propr ...

(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Chi non è contro di noi è per noi
Il brano di Marco offerto dalla liturgia di oggi continua la riflessione sul discepolato e raccoglie una serie di detti sul tema del "nome di Gesu" (vv. 38- 41) e dello scandalo, occasione di peccato (vv.42- 48). 1. "Chi infatti non è contro di noi è per noi" (v. 40). Al tempo di Ge ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Chi non è contro di me, è con me
Ognuno di noi parla alle persone. C'è chi dialoga con il mondo intero, chi lo fa scrivendo libri, chi condividendo una sua poesia con amici e parenti, chi insegnando nelle scuole, negli oratori, nelle squadre sportive, chi all'interno delle mura domestiche. Ognuno di noi ha mille situazioni per esp ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Chi scandalizza uno di questi piccoli che credono
Scandalizzare con comportamenti sbagliati o addirittura dannosi verso altri è di per sé già un grosso errore, ma quando scandalizziamo un bambino che crede, l'errore diventa peccato gravissimo, specie se sappiamo che quella nostra azione possa portare dolore nel fisico o nella psiche di quel bambino ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Il Vangelo che abbiamo ascoltato è un vero e proprio "rosario" di detti del Signore, cuciti insieme senza un apparente criterio; tuttavia, come i grani di una corona, questi apoftegmi di Gesù sono accomunati da un'intima coerenza: potremmo identificarla, questa coerenza segreta, ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Due grandi massime il Signore pronuncia in questa breve pagina di Vangelo, che non passano mai di moda... La prima: ?Chi non è contro di noi è per noi.?. La seconda: ?Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli...?. Dunque: ?Chi non è contro di noi è con noi.?. ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Per non essere pietra d'inciampo
I discepoli di Gesù sembrano piuttosto preoccupati di non avere concorrenti in campo! Sono stati chiamati a seguire il Maestro, hanno lasciato tutto per rispondere alle esigenze della sequela, sono ormai da tempo i più intimi di questo sorprendente Rabbi, la cui fama si diffonde in tutta la Palestin ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Il popolo termina la sua permanenza nel Sinai e fra poco dovrà tornare a camminare per giungere alla terra promessa.
Come in tutte le comunità ci sono divisioni e quella degli Israeliti non è da meno.
Ci si rivolge a Mosè perché rimproveri alcuni profeti che vanno sorgendo qua e là negli a ...

(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Commento su Nm 11,25-29; Mc 9,38-43.45.47-48
Oggi cerchiamo di chiederci: cosa c'è di importante, di definitivo, nella nostra vita?
Gesù diceva: "una sola cosa è necessaria!"
Tutto il resto è secondario, funzionale.
Gesù parlava di un tesoro, di una perla preziosa che dobbiamo scoprire, una perla preziosa per cui essere disposti ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 30 Settembre 2018)

Dal Vangelo di oggi vogliamo trarre due grandi insegnamenti: se vogliamo davvero testimoniare il risorto e vivere la vita nuova che ci ha donato, è importante non chiudersi e non scandalizzare, ma aprirsi agli altri ed edificarli.

Primo punto: non chiudersi, ma aprirsi. I discepoli vedon ...
(continua)

don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Non buttarti via
NON BUTTARTI VIA Sembra che sin dai suoi albori la chiesa abbia subito sperimentato la tentazione di fare di se stessa il centro e il riferimento di ogni valutazione/decisione da prendere davanti a questioni teologiche, morali o di natura pastorale. Vediamo nel vangelo di oggi l'apostolo Giovanni ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Se lo Spirito ti sfugge di mano
Si è proprio nascosta la profezia o siamo talmente convinti di possederla in appalto stabile, da contestare Dio e il suo Spirito se la si trova anche in colui che nemmeno ci aspettiamo?
Una parte dello spirito che era in Mose è posta sopra settanta anziani ed essi profetizzano. Ma profetizzano ...

(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Chi non è contro di noi è per noi
L'Autore del libro dei Numeri narra un episodio collegato alla costituzione dei settanta destinati ad aiutare Mosè nella guida del popolo incamminato verso la terra promessa. Lo spirito di Mosè viene donato da Dio ai settanta anziani radunati, dallo stesso Mosè, intorno alla tenda, ma anche su due u ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Maggio 2013)
Commento su Mc 9,41-50
Il sale insipido non serve a niente, verissimo, non si riesce proprio a salare il sale. Un discepolo insipido non serve a niente, questo dice Gesù. Perciò chiede tanto, perciò è così esigente: noi discepoli possiamo diventare ostacolo, scandalizzare, offendere la Parola. La Chiesa, che vorrebbe esse ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27 Febbraio 2014)

Coloro che si avvicinano alla fede spesso sono scandalizzati dal comportamento di noi discepoli di lungo corso. Perché siamo poco coerenti, perché siamo come i farisei, perché non viviamo ciò che annunciamo. E questa incoerenza diventa un muro, un terribile ostacolo e una pesante responsabilità che ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27 Febbraio 2014)
Commento su Mc 9,43-47
"Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. [ 44] 45E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anz ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19 Maggio 2016)
Commento su Mc 9,43
«È meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna».
Mc 9,43

Come vivere questa Parola?
Lo scandalo ha una potenza devastatrice nei confronti del bene, ci presenta esempi di malvagità, o anche solo di indifferenza di fronte ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Febbraio 2017)
Commento Mc 9,50
«Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri»
Mc 9,50

Come vivere questa Parola?
Oggi celebriamo la memoria di san Policarpo, che fu discepolo dell'evangelista s. Giovanni, nominato vescovo di Smirne (attuale Izmir, Turchia), dove accolse sant'Ignazi ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Maggio 2018)
Commento su Mc 9,50
«Buona cosa il sale; ma se il sale diventa senza sapore, con che cosa lo salerete? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri.»
Mc 9,50

Come vivere questa Parola?
Il Maestro ha appena finito di parlare ai suoi discepoli sul tema dello scandalo e sull ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28 Febbraio 2019)
Commento su Mc 9,41-50
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Chiunque vi darà da bere un bicchiere d'acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa. Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 23 Maggio 2013)
Il male dello scandalo

La bontà e l'abituale mansuetudine di Cristo sembra quasi scompaiano dinanzi all'autore degli scandali soprattutto se perpetrati nei confronti dei "piccoli che credono". "È meglio per lui che gli si metta una macina da asino al collo e venga gettato nel mare", dice il Signore. Non ...
(continua)

Riccardo Ripoli     (Omelia del 23 Maggio 2013)
Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri
Inseguiamo il sogno del posto fisso, della ricchezza sconfinata, dell'amore eterno, della bellezza a tutti i costi, ma spesso non capiamo che il sale che dovremmo avere in noi stessi è ben altro. Dovremmo cercare di vivere la nostra vita cercando la pace con gli altri. Non già una facciata, un compr ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Maggio 2013)
Se la tua mano ti è motivo di scandalo

Nell'Antico Testamento Il più bel racconto sullo scandalo è di certo quello che troviamo narrato nel Secondo Libro dei Maccabei. È un episodio che rivela la nobiltà del cuore, la ricchezza dello spirito, il desiderio vero di bene per il mondo fragile della gioventù. Un tale ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27 Febbraio 2014)
Dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue

L'eternità del giudizio di Dio è verità già acquisita nell'Antico Testamento. Non solo l'eternità del giudizio, ma anche la duplice sorte, l'una per gli empi e l'altra per i giusti. Allora il giusto starà con grande fiducia di fronte a coloro che lo hanno perseguitato e a qu ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Maggio 2016)
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli
Un solo scandalo o di parola o di opera può distruggere un'intera generazione senza più rimedio. Più in alto, più influente, più nota, più universale è la persona e più universale sarà la sua azione o parola di scandalo. Lo scandalo di un papa può distruggere la Chiesa. Lo scandalo di un vescovo più ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Febbraio 2017)
Ognuno infatti sarà salato con il fuoco
Nell'eternità ogni uomo sarà o avvolto dal fuoco della vita di Dio o dal fuoco della morte dell'inferno. Dell'uno e dell'altro fuoco così parla l'Apocalisse. È verità eterna. Vidi allora la bestia e i re della terra con i loro eserciti, radunati per muovere guerra contro colui che era seduto sul ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Maggio 2018)
Abbiate sale in voi stessi
Il sale è quella sapienza attuale, dono sempre nuovo e immediato dello Spirito Santo, che ci fa vedere nella Parola di Gesù sia la verità che noi dobbiamo vivere che le perfette modalità di attuazione. Dobbiamo però confessare che la luce dello Spirito Santo, se chiesta con fede e con preghiera sgor ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28 Febbraio 2019)
Abbiate sale in voi stessi
Quando un uomo ha sale in se stesso? Quando ogni momento della sua vita è speso per il raggiungimento del vero fine per cui è stato creato, redento, salvato, incorporato in Cristo Gesù. Dobbiamo subito confessare che oggi il cristiano sta divenendo persona senza sale. Sta cambiando tutti i fini esse ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Video commento a Mc 9, 38-43,47-48

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 27 Settembre 2015)
Commento su Nm 11,25-29; Sal 18; Giac 5,1-6; Mc 9,38-43.45.47-48
Brigitte Pian nel racconto "La Farisea" così descrive: "Ella si dava sempre da fare per trovare qualche ragione che facesse apparire legittimo quel suo piacere (lo zelo che guarda dall'alto e con freddezza e scandalo i peccatori) e lo adattasse nel quadro della sua perfezione morale... Era una lo ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 30 Settembre 2018)
Commento su Nm 11,25-29; Sal 18; Giac 5,1-6; Mc 9,38-43.45.47-48
Avevo (ho) un amico, un caro amico, un regista astigiano morto qualche mese fa di SLA, al quale mi viene spontaneo pensare quando leggo la pagina di Vangelo di Marco (e lo splendido racconto di Numeri) su cui la comunità cristiana è chiamata a riflettere in questa 26.a domenica del tempo ordinario. ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 30 Settembre 2012)
Commento su Numeri 11,25-29; Salmo 18; Giacomo 5,1-6; Marco 9,38-43.45.47-48
La Chiesa, in questa 26a domenica del tempo ordinario, offre alla nostra riflessione un Ufficio delle letture particolarmente attuale. Siamo tutti interessati a quanto ha detto il Concilio Vaticano secondo, ma tutti sono interessati a interpretalo in funzione del loro tornaconto.
Col pretesto d ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 20 Settembre 2015)
Video commento a Mc 9, 30-37

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 23 Settembre 2018)
Commento su Sap 2,12.17-20; Sal 53; Giac 3,16-4,3; Mc 9,30-37
Letture sconcertanti, quelle della XXV domenica del tempo ordinario, anno B. Come tutta la Scrittura che va sempre presa sul serio e interiorizzata fino a darla diventare vita nascente.

«Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d'incomodo e si oppone alle nostre azioni...», ci avverte il ...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 23 Settembre 2012)
Commento su Sapienza 2,12.17-20; Salmo 53; Giacomo 3,16-4,3; Marco 9,30-37
La liturgia di questa domenica ci suggerisce che per entrare nel Regno è necessario l'amore verso Dio e verso il prossimo, che è immagine di Dio. Dio Padre ama tutti gli uomini senza distinzione alcuna perché siamo tutti sue creature; non ci sono gerarchie ordinarie valide ma gerarchie capovolte. La ...
(continua)