Omelie riferite al libro: Vangelo secondo Marco, capitolo 14

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Commento su Es 24,3-8; Eb 9,11-15; Mc 14,12-16.22-26
Il tema della liturgia di oggi è il tema dell'Alleanza, cioè del nostro rapporto con Dio. È anche un invito a ripensare alla vita di Gesù, ai suoi gesti, al suo cammino verso il compimento del regno di Dio, qui tra noi già oggi ("In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fi ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Commento su Es 24,3-8; Sal 115; Eb 9,11-15; Mc 14,12-16.22-26
C'è, nelle letture di questa domenica - che la sapienza della Chiesa vuole dedicata al Corpo e al Sangue di Cristo (festa più nota un tempo come ?Corpus Domini?) - un disegno logico che occorre mettere in evidenza.
Dio e il suo popolo Israele hanno stretto un patto di alleanza. Questo patto vi ...

(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Voci e silenzio
La proclamazione liturgica del vangelo della passione di Gesù è normalmente distribuita tra più lettori che mettono in scena tre voci: quella del cronista, quella di Gesù e quella che tradizionalmente si chiamava in latino turba, cioè tutti gli altri personaggi. Quando la Passione è cantata secondo ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Is 50,4-7; Sal 21; Fil 2,6-11; Mc 14,1-15,47
La Domenica delle Palme nella tradizione liturgica è dedicata alla lettura del racconto della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo; il ricordo di questo evento centrale per la nostra fede merita tutta la nostra attenzione e la nostra meditazione sulla sofferenza di Gesù accettata per amore degli u ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Video commento a Mc 14, 1-15,47

...
(continua)

padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Sulla Tua Parola - Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 01 Aprile 2012)
Commento su Marco 14,1 - 15,47
In una stessa domenica la liturgia ci invita a fare memoria dell'ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme e delle ultime ore della sua vita. Entriamo nella grande settimana che segna la nostra fede, la settimana santa.
È felice la folla, applaude, strappa i rami dagli ulivi che circondan ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Video commento a Mc 14,1-15.47

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Video commento a Mc 14,1-15,47

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Gesù nella nostra città, nella nostra vita
Gesù entra in Gerusalemme. La folla dei discepoli lo accompagna in festa, i mantelli sono stesi davanti a Lui, si parla di prodigi che ha compiuto, un grido di lode si leva: «Benedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore. Pace in cielo e gloria nel più alto dei cieli». Folla, festa, lode ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 29 Marzo 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Mons. Remo Bonola La Liturgia della Domenica delle Palme è come un grande 'portale' perché immette nella solenne celebrazione del Mistero Pasquale del Triduo sacro della Settimana Santa. Così come è strutturata la Liturgia di questa Domeni ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 29 Marzo 2015)
«Davvero era figlio di Dio». La Croce capovolge la storia
In questa settimana santa, il ritmo dell'anno liturgico rallenta: sono i giorni del nostro destino e sembrano venirci incontro piano, ad uno ad uno, ognuno generoso di segni, di simboli, di luce. La cosa più bella che possiamo fare è sostare accanto alla santità delle lacrime, presso le infinite cro ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Video commento a Mc 14,1-15.47

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Video commento a Mc 14,1-15,47

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Guardare la croce con gli occhi del centurione
Gesù entra a Gerusalemme, non solo un evento storico, ma una parabola in azione. Di più: una trappola d'amore perché la città lo accolga, perché io lo accolga. Dio corteggia la sua città, in molti modi. Viene come un re bisognoso, così povero da non possedere neanche la più povera bestia da soma. Un ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Video commento su Mc 14,1-15,47

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Una sintesi vitale di passione e di gloria
Cosa si prova a sentirsi umiliati dopo un periodo di gran successo, dopo che ci si vedeva esaltati e il proprio nome era sempre sulla bocca di tutti? Semplicemente ci si deprime e ci si demotiva, avendo la sensazione del fallimento e dell'inutilità. Ciò soprattutto quando il successo ci aveva gonfia ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 25 Marzo 2018)

...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 01 Aprile 2012)
La passione del Signore
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Umiltà e umiliazione
Come tutti gli anni, il brano evangelico di questa Domenica è particolarmente articolato e lungo. Ci invita a riflettere non su un solo argomento o su un tema, ma su una serie di eventi che effettivamente potrebbero commentarsi da soli. Il primo è un evento di gloria e di esultanza che interessa Ge ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 29 Marzo 2015)
La passione del Signore
Siamo giunti alla domenica della passione e della morte del Signore nostro Gesù Cristo. L'aspetto principale della liturgia odierna è la processione delle palme, che riviviamo ogni anno per misurare fino in fondo la contraddizione profonda del nostro cuore, per non dimenticare la tragica capacità ch ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Video commento su Marco 14,1-15,47

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Osanna al Figlio di Davide, crocifisso per Amore
La domenica delle palme è in verità la domenica della passione di Cristo. La liturgia, di oggi, oltre a fare memoria dell'ingresso di Gesù in Gerusalemme, ci fa meditare, con la lettura del Passio, che oggi è quella del Vangelo di Marco, sul mistero del processo a Gesù Cristo, della sua condanna a m ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Video commento su Marco 14,1-15,47

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Video commento su Marco 14,1-15,47

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 29 Marzo 2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 14,1-15,47

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Palme e croce i segni distintivi della Domenica di Passione
La domenica delle Palme è un giorno speciale per tutti i cristiani, per quanti credono ancora nel valore del perdono, nella riconciliazione e in Colui questa riconciliazione l'ha operata con la sua morte in croce: Gesù Cristo.

Due i simboli di questo giorno: la palma e la croce. Per un certo ver ...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Commento su Mc 11,9; Mc 15,14
«Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore!»
Mc 11,9

«Essi gridarono più forte: "Crocifiggilo!"»
Mc 15,14

Come vivere questa Parola?
Iniziamo oggi la settimana detta per eccellenza "santa", in cui rivivremo gli ultimi giorni della vita di Gesù ...

(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 25 Marzo 2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 14,1-15,47

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Mc 14,3-5
«Gesù si trovava a Betania, nella casa di Simone il lebbroso. Mentre era a tavola, giunse una donna che aveva un vaso di alabastro, pieno di profumo di puro nardo, di grande valore. Ella ruppe il vaso di alabastro e versò il profumo sul suo capo. 4Ci furono alcuni, fra loro, che si indignarono: « ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Prediche senza Pulpito - Mc 14,1-15,47

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 29 Marzo 2015)
La Parola - commento a Mc 14,1-15,47

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 25 Marzo 2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 14,15-47)

...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 25 Marzo 2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Eduard Patrascu Veramente, quest'uomo era Figlio di Dio. Non credo ci sia qualche altro testo nella letteratura che abbia provocato tanti pensieri, riflessioni, conversioni come la Passione di Gesù. Mi viene in mente un articolo ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Marco 14,1-15,47

...
(continua)

don Fabio Rosini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Audio commento al Vangelo del 25 marzo 2018

...
(continua)

Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Il trionfo che dura per l'eternità
Le palme in segno di vittoria, i mantelli stesi a terra, i festosi osanna dei bambini e del popolo, la trionfale processione che acclama Cristo Gesù, re dei re e Signore dei signori! Viene spontaneo a tutti noi aggregarci a quella folla festosa, associarci a quei canti, partecipare a quel trionfo. F ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Marco 14,1-15,47
?Preludio alla Pasqua del Signore, alla quale ci stiamo preparando?: con queste parole viene definita, dalla liturgia, la celebrazione odierna, a pochi giorni dal Triduo Pasquale, ?culmine e fonte? dell'intero anno liturgico. Nella Domenica delle Palme si celebra anzitutto il momento di ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Le lacrime liberatorie di Pietro
Clicca qui per la vignetta della settimana. Il pianto di Pietro è forse di liberazione. Finalmente si rende conto della propria durezza di cuore, che simbolicamente porta anche nel nome, Pietro. Mi ricorda la testimonianza di ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Audio commento al Vangelo della Domenica delle Palme (anno B - Mc 14,1-15,47)

...
(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 29 Marzo 2015)

Non so se capita anche a voi, ma per me, la Domenica delle Palme, dopo aver ascoltato il Vangelo lunghissimo che ci fa ripercorrere tutta la Passione di Gesù, viene voglia solo di silenzio. Niente parole: ne abbiamo ascoltate tante, dalla voce degli evangelisti! Più che commentare, quindi, la Parol ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 25 Marzo 2018)

Questa è proprio una domenica strana! Oggi la Parola di Dio ci fa passare dalla gioia dell'ingresso di Gesù a Gerusalemme osannato da un'immensa folla festosa, alla triste e orrenda morte di Gesù, inchiodato ad una croce come un delinquente e abbandonato da tutti. Oggi faremo comunque un gioco per ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Lo seguiva un ragazzo con un lenzuolo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 25 Marzo 2018)
La fede da chi meno te l'aspetti
Clicca qui per la vignetta della settimana. Perché ci sono 4 Vangeli? Non ne basterebbe solamente uno per raccontare l'unica storia? Non si rischia che le differenze tra i 4 (differenze che a volte appaiono chiare) portino a pen ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Gli assurdi contrasti dell'evento più tragico
Oggi, domenica delle Palme, dov'è possibile la Messa è preceduta da un rito che rievoca l'ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, pochi giorni prima della sua Pasqua di morte e risurrezione. Il vangelo è invece di tutt'altro segno: è il resoconto (quest'anno nella versione di Marco, capitoli 14 e ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 14,1-15,47
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Comincia oggi la grande settimana
Questa domenica che dà inizio alla ?grande settimana?, durante la quale si ripercorrono gli ultimi giorni della vita terrena di Gesù, è tradizionalmente accompagnata dalla benedizione e distribuzione di rami di palma o d'ulivo. Quei rami richiamano la folla osannante al suo ingresso nella città sant ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Audio commento al Vangelo - Mc 14,1-15,47
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Veramente quest'uomo era il Figlio di Dio
Il racconto della "Passione" di Gesù è considerato dalla Chiesa un tesoro da conservare gelosamente e da tramandare nella sua purezza. Lo stile di Marco, sempre veloce, essenziale, incalzante, qui rallenta ed abbonda in particolari: secondo alcuni commentatori il Vangelo è il racconto della "Passion ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Davvero quest'uomo era Figlio di Dio!
La liturgia romana della Domenica delle Palme ha come vangelo la lettura dell'intera Passione di Cristo (dall'istituzione dell'Eucarestia alla sepoltura del corpo di Gesù) in uno dei tre sinottici, quest'anno Marco. Si tratta del testo evangelico più lungo dell'anno liturgico, un testo particolare, ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Dove vuole scendere Gesù?
Nella domenica delle Palme il ?personaggio? più importante, requisito da Gesù stesso per fare la sua entrata in Gerusalemme, è l'asino Tutti gli imperatori a partire da Alessandro Magno arrivavano a cavallo, trionfanti su un prode destriero. Gesù non sa che farsene di un cavallo, ha bisogno di un as ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Videocommento su Mc 11,1-11

...
(continua)

padre Fernando Armellini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Videocommento su Mc 14,1-15,47

...
(continua)

don Alberto Brignoli     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Ne è valsa la pena!
Come ogni anno, anche quest'anno il Tempo di Quaresima è stato un tempo di grazia, non solo perché abbiamo potuto riscoprire maggiormente i valori dello spirito attraverso opere di penitenza e di ascesi, ma anche e soprattutto perché siamo stati aiutati a riscoprire la presenza di Dio nella nostra v ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Commento su Mc 14,1-10
Collocazione del brano
In questa domenica delle Palme viene letto per intero il Vangelo della Passione di Gesù. Di questo lungo brano abbiamo scelto la parte iniziale. In essa viene raccontata l'unzione di Betania, racchiusa da due sezioni redazionali che parlano dei sommi sacerdoti che ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29 Marzo 2015)
La mia anima è triste fino alla morte
Nell'Orto degli Ulivi Gesù rivela a Pietro, Giacomo e Giovanni lo stato della sua anima. Essa è triste. Lui stesso comincia a sentire paura ed angoscia. Se leggiamo questo momento particolare di Cristo Signore alla luce del Salmo, scopriamo che non si tratta di tristezza, paura e morte di un uomo se ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Introduzione alla passione secondo Marco
L'evangelista Marco inaugura il racconto della Passione di Gesù descrivendo un episodio accaduto alcuni giorni prima dell'ultima cena. L'episodio è conosciuto come "l'unzione di Betania". I Vangeli non sono concordi sui particolari del fatto: uno identifica la donna come una prostitut ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Sei tu il Cristo, il figlio del benedetto?
Gesù non può morire per accuse false. Dal giorno del suo concepimento fino all'ultimo istante vissuto sulla nostra terra nel suo corpo di carne, Lui è stato sempre dalla volontà del Padre nella volontà del Padre e per essa. Mai ha messo nulla di suo nella Parola della Scrittura, ma neanche ha messo ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Marco 14,1-15,47
Visto che questa domenica l'omelia non si può fare, ma un pensiero sì, dedico il mio pensiero alla donna che cosparse di profumo il capo del Signore, suscitando le ire dei commensali... Quanto siamo disposti a fare e a dare, per esprimere il nostro amore per Dio? In questi tempi di crisi ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Tante sfumature di rosso
Tra le diverse sfumature di rosso, quella della vita è la più bella. Rosso è il cielo quando il giorno volge al declino.
Rossi sono i primi colori del nuovo giorno.
Rosso è il colore della sera, quando il bel tempo si spera.
Rosso è l'amore dei nostri genitori che ci hanno messo al ...

(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Puledri, asini e cianfrusaglie varie: benvenuti a Gerusalemme
Agli appuntamenti con Cristo si va sempre di fretta: una volta giunti a Lui, poi, ci sarà tutto il tempo per riposarsi stando con Lui, per rimettersi in cammino dopo averlo incontrato, per riprendersi dopo lo stordimento di quella Bellezza inaudita, che lascia attoniti. Di corsa, poi si rallenta: è ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 25 Marzo 2018)
La passione e la pensione
Quando entra, la città in piedi gli si getta ai piedi: se uno sa dove andare, chi Lo incontra si fa da parte, gli lascia strada. A Gerusalemme Cristo è già stato svariate volte: le mura arrossate all'ora del tramonto, il farfugliare confuso della gente, la cianfrusaglia del mercato. Non c'è nulla di ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Alcune donne
Betania Il racconto della Passione secondo Marco inizia a Betania con un gesto di attenzione tutto femminile. Mentre era a tavola, giunse una donna che aveva un vaso di alabastro, pieno di profumo di puro nardo, di grande valore. Di lei non si dice niente se non il gesto che compie, ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 29 Marzo 2015)
Profumo e sputi, vino e aceto
Si può toccare il corpo lacerato di Gesù in tanti modi. C'è chi lo tocca con la delicatezza dell'amante. Una donna, prima che accada il dramma della passione, anticipa ciò che altre donne vorrebbero ma non riusciranno a fare sul corpo senza vita dell'Amato. Sparge profumo di nardo, unguento prezios ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 29 Marzo 2015)

La Domenica delle Palme segna l'inizio di una settimana importante, dirò di più: inizia con oggi la settimana centrale dell'anno liturgico che culminerà con il Triduo Pasquale. Oggi esultiamo insieme con Gesù per il suo ingresso trionfale in Gerusalemme. Nei prossimi giorni con Lui saremo invitati ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Isaia 50,4-7; Mc 14,1-15,47
Inizia la Settimana Santa. Volevo proporvi di percorrere le letture di oggi e per chi può vivere questa settimana insieme alla liturgia, come una nostra verità. Guardiamo a Gesù, a Isaia, non come degli estranei di cui veniamo a conoscere la storia, ma come un fatto che succede oggi.
Mi spiego: ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 25 Marzo 2018)

Gesù viene osannato e acclamato: il Messia entra in Gerusalemme in groppa ad un asinello, mite ed umile, come profetizzato in Zaccaria. Tutti sventolano rami d'ulivo per acclamare il liberatore, il salvatore; ma non lo sarà secondo le attese umane, infatti quasi tutti lo abbandoneranno nell'ora dell ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Dio su un asino, Dio come un asino
Non so voi, ma devo dirvi che sono rimasto presto sorpreso, riguardo gli insegnamenti ricevuti sulla nostra fede, dalla presenza dell'asino nella vita di Gesù. C'è un asino probabilmente già nella sua vita intrauterina (viaggio di Giuseppe e Maria a Betlemme per il censimento), secondo tradizione c' ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Oggi è il giorno dello sguardo
Oggi è il giorno dello sguardo, di uno sguardo che sa andare in profondità, sa andare oltre la cruda descrizione dei fatti. All' abbondanza di parole del racconto della passione di Gesù deve corrispondere l'abbondanza di silenzio, per far spazio allo sguardo del cuore, al vedere non soltanto con il ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Sta in silenzio davanti al Signore presente nell'Eucarestia e spera in Lui
Una riflessione sul valore del culto eucaristico, in particolare dell'adorazione del Santissimo Sacramento. E' l'esperienza che anche oggi tanti vivono con la processione col Ss. Sacramento, prima, durante e al suo termine. E' molto importante riconoscere la centralità della celebrazione, in cui ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Video commento a Mc 14, 12-16.22-26

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Video commento a Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Commento su Marco 14,12-16.22-26
Oggi celebriamo il Mistero della presenza reale, concreta, attuale, salvifica di Cristo nell'Eucarestia: il Rabbì si rende accessibile, incontrabile, si fa pane del cammino, diventa cibo per l'uomo stremato.
Rabbrividisco di fronte alla poca fede mia e delle nostre comunità. Il problema ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Video commento a Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Solennità del Corpus Domini
Dobbiamo prendere atto che la Solennità del Corpus Domini, un tempo celebrata anche con uno splendido apparato esterno, oggi, per varie ragioni, è vissuta in tono minore, almeno in molte comunità. Si adducono motivi di ordine pubblico, come il traffico da limitare, o altri più o meno validi, ma di f ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Presenza continua dell'Asceso vivificante
Come si rilevava nella Domenica dell'Ascensione del Signore, la presenza di Cristo nel tempo della Chiesa (quello iniziato a Pentecoste e che avrà il suo compimento alla fine dei tempi) è misteriosa, silente e tuttavia appagante e assolutamente certa, quando ci si disponga a volerla percepire nella ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10 Giugno 2012)
La stanza
Di quanto Spirito abbiamo bisogno per potere capire che Dio è comunione? Di quanto Spirito abbiamo bisogno per smetterla di litiga e imitare la Trinità? Di quanto Spirito abbiamo bisogno per superare questo momento tragico, lo spettacolo che diamo al mondo di un gruppo di discepoli che si fanno la ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Gesù, donaci anime eucaristiche, capaci di offrire come Te la loro vita.
La solennità del Corpus Domini, del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo ci impegna in un modo del tutto singolare nel meditare su questo grande mistero della fede: Gesù come Egli stesso ci ha detto, nell'ultima cena, è presente in mezzo a noi con il sacramento dell'eucaristia, per accompagnarci nel ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 07 Giugno 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Alvise Bellinato ALLEATI, NON PIÙ NEMICI Oggi, se guardiamo il telegiornale, possiamo vedere che l'alleanza tra due stati viene fatta normalmente attraverso una cerimonia pubblica in cui due capi di stato firmano un documen ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Un dono di amore per tutti
Oggi la chiesa celebra la festa del Corpo e Sangue di Cristo. E cos'è il Corpo e Sangue di Cristo? Per noi tutti è l'eucarestia e infatti il vangelo di oggi è l'istituzione dell'eucarestia secondo Mc. La festa nasce dal miracolo di Bolsena a cui dobbiamo il duomo di Orvieto. Un sacerdote dubita dell ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Video commento a Mc 14, 12-16.22-26

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 10 Giugno 2012)
È tutta l'umanità la carne di Dio
Prendete, questo è il mio corpo. La parola ini­ziale è precisa e nitida come un ordine: prendete. Incalzante come una di­chiarazione: nelle mani, nel­la bocca, nell'intimo tuo vo­glio stare, come pane. Qui è il miracolo, il batti­cuore, lo scopo: prendete. Gesù non chiede ai disce­poli di adorare ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Video commento a Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Festa delle comunione, Dio dona se stesso
Nella cornice di una cena, la novità di Gesù: Dio non si propone più di governare l'uomo attraverso un codice di leggi esterne, ma di trasformare l'uomo immettendogli la sua stessa vita. La novità di un Dio che non spezza nessuno, spezza se stesso; non chiede sacrifici, sacrifica se stesso; non vers ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Video commento a Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Video commento a Mc 14, 12-16.22-26

...
(continua)

mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Prendete, questo è il mio corpo
Nella festa del Corpus Domini la Liturgia ci fa leggere il brano del Vangelo di Marco (14,12-16.22-26), nel quale è narrata l'istituzione dell'Eucaristia. I liturgisti, purtroppo, hanno omesso alcuni versetti (14,17-21), concentrando tutta l'attenzione sull'essenziale, ma cancellando la tensione dra ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Il suo sangue nelle nostre vene. Così l'eucarestia ci trasforma
Prendete, questo è il mio corpo. Il verbo è preciso e nitido come un ordine: prendete. Stringente e senza alibi. Gesù non chiede agli Apostoli di adorare, contemplare, venerare quel Pane, dice molto di più: io voglio stare nelle tue mani come dono, nella tua bocca come pane, nell'intimo tuo come san ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Un impegno non facile
La festa del Corpus Domini, più che ai grandi discorsi e alle nostalgiche processioni, ci deve spronare a un impegno serio per far sì che la Messa faccia trasparire la grandezza della sua realtà, in modo che essa sia una reale e fruttuosa partecipazione all'opera redentrice di Gesù. Stiamo bene a ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Video commento a Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 07 Giugno 2015)
IL CORPUS DOMINI - GESÙ IN NOI: L'EUCARESTIA
Domenica scorsa con la solennità della SS.ma Trinità abbiamo potuto contemplare il Mistero di amore che è il nostro Dio. Come ha detto Papa Francesco all'Angelus: "La Trinità è comunione di Persone divine le quali sono una con l'altra, una per l'altra, una nell'altra: questa comunione è la vita di D ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Video commento su Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Video commento su Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

don Marco Pozza     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Bello come un Dio
Tutto era pronto. La vita di famiglia, trent'anni, aveva avuto luogo. La vita pubblica, tre anni, aveva avuto luogo. La vita di casa, il banco di lavoro e la morsa, la sega e la pialla, era finito, questo era stato fatto. La vita di popolo, la montagna e la pianura, e il lago di Tiberiade, la predic ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Il Sacrificio e il pane di vita
Il popolo d'Israele, peccatore, riceve la Parola di Dio, alla quale si sottomette con religioso ossequio prestando attenzione ed esprimendo il proposito di osservare quanto ascoltato. Il sangue di un giovenco, versato in parte sull'altare e in parte sul popolo sottende all'affrancamento dal peccato ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Questo è il mio corpo. Questo è il mio sangue
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Questo è il mio corpo. Questo è il mio sangue
Nel libro dell'Esodo Mosè asperge il popolo con del sangue di animali dichiarando: Ecco il sangue dell'alleanza che il Signore ha concluso con voi. Questa stessa frase si trova nel Nuovo Testamento, pronunciata da Gesù stesso, ma con una variante significativa. Gesù non dice semplicemente: questo è ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Video Commento a Mc 14, 12-16,22-26

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Presenza illuminante del Risorto
Lo Spirito Santo attualizza la presenza di Gesù Risorto fra di noi, in modo che noi ne riscontriamo la presenza certa e attiva. Segni visibili della presenza ineffabile e invisibile di Gesù sono i Sacramenti. In ciascuno di essi, sempre in forza dello Spirito Santo, Gesù presenzia e agisce, mutando ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Video commento su Marco 14,12-16.22-26

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 07 Giugno 2015)
L'Eucaristia, il nostro vero ed eterno banchetto
La liturgia della solennità di questa giornata del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, in latino, solennità del Corpus Domini, inizia con la preghiera di tutta la comunità ecclesiale, convocata, nel giorno del Signore, intorno alla mensa della parola e dell'eucaristia, con questa bellissima e signi ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 07 Giugno 2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 14,12-16.22-26

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Commento su Mc 14,22-24
«Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell'alleanza, che è versato per molti»
Mc 14,22-24
Come vivere questa Parola?
Oggi celebriamo il mistero dell'Eucaristia: Gesù che h ...

(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 03 Giugno 2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 14,12-16.22-26

...
(continua)

don Lello Ponticelli     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Prediche senza Pulpito - di Vangelo Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Commento su Mc 14,22-24
«Mentre mangiavano Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: "Prendete, questo è il mio corpo". Poi prese il calice e rese grazie, lo diede loro, ne bevvero tutti. E disse: "Questo è il mio sangue, il sangue dell'alleanza versato per molti.»
Mc 1 ...

(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 10 Giugno 2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Mauro Manganozzi La prima lettura di questa solennità nell'anno B propone un brano dell'Esodo (24,3-8). Questa pericope parla dell'alleanza stipulata con le parole («Quanto ha detto il Signore, lo eseguiremo e vi presteremo ascolto»), ma anche attra ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 07 Giugno 2015)
La Parola - commento a Mc 14, 12-16.22-26
Commento di don Flavio Grendele, delegato vescovile per le Aggregazioni laicali. Registrato nella chiesa parrocchiale di san Pio X, Vicenza.

...
(continua)

Agenzia SIR     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Commento su Mc 14,12-16.22-26
Mentre Giuda impasta il tradimento e si consuma la corruzione dei capi dei sacerdoti e degli scribi, due discepoli preparano la Pasqua come fosse un atto liturgico. I capi del popolo vogliono eliminare Gesù, ma la storia è nelle mani di Dio; anche le nostre storie sbagliate sono "dentro" l'un ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 03 Giugno 2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 14,12-16.22-26)

...
(continua)

Carla Sprinzeles     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Commento su Es 24,3-8 e Mc 14,12-16.22-26
Oggi celebriamo una festa che è fondamentale per la nostra vita, ma occorre chiarirci le idee. Molte volte si parla della presenza eucaristica in senso spaziale, cioè come se fosse l'applicazione delle dimensioni del corpo di Cristo al luogo, allo spazio. E' una cosa assurda, il corpo glorioso di ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 03 Giugno 2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Eduard Patrascu ?Questo è il mio corpo... questo è il mio sangue? Quest'anno la festa del Corpo del Signore mi coglie un po' impreparato. È una festa a cui ci tengo moltissimo perché all'Eucaristia è legata la mia vocaz ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Commento su Marco 14,12-16.22.26

...
(continua)

diac. Vito Calella     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Gratitudine per il "sangue" di gratuità
Se volessimo custodire nel cuore una sola parola, tra tutte quelle ascoltate oggi, proclamate dal Cristo risorto, che ci ha appena parlato, ebbene, la parola potrebbe essere «sangue». Abbiamo ascoltato il rito della prima alleanza compiuto da Mosè, attestato nel libro dell'Esodo. Quel «san ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Audio commento al Vangelo del 3 giugno 2018

...
(continua)

Agenzia SIR     (Omelia del 07 Giugno 2015)

L'istituzione dell'Eucaristia avvenne alla vigilia della Pasqua di passione, morte e resurrezione di Gesù: dopo quell'ultima Cena, insieme ai discepoli, si avviò al monte degli Ulivi. Le circostanze precipitano: il sudore di sangue, l'arresto, il giudizio, l'umiliazione, la condanna, il viagg ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Video commento - Domenica del Corpus Domini - Anno B

...
(continua)

don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Audio commento al Vangelo della solennità del S.S. Corpo e Sangue di Cristo (Anno B - Mc 14,12-16.22-26)

...
(continua)

Suor Giuseppina Pisano o.p.     (Omelia del 10 Giugno 2012)
In memoria di me
Aveva detto ai suoi: "...Fate questo in memoria di me...." (Lc 22,19); una memoria che non è semplicemente ricordo iscritto nella mente, ma potenza dell'amore riconoscente e fedele che rende vivo e attuale sempre il dono che Cristo fa di sè. Era quel giovedì che precedeva la sua morte e Gesù ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Commento sull'Eucarestia
L'Eucaristia è il sacramento che significa molto di più di quanto noi apprezziamo con i nostri sensi. Ciò che che i nostri occhi vedono sono pane e vino, "frutto del lavoro dell'uomo" che il Cristo ci offre come alimento e che noi riceviamo. Ma ciò che crediamo è qualcosa di ben più grande e diversa ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 10 Giugno 2012)

Ciao bambini! Sentite questo racconto... "Una volta un cardellino fu ferito ad un'ala da un cacciatore. Per qualche tempo riuscì a sopravvivere con quello che trovava per terra, poi arrivò l'inverno... Un freddo mattino il cardellino si posò su uno spaventapasseri: era molto distinto ed era ami ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 07 Giugno 2015)

Oggi è la festa del Corpus Domini. In questa domenica festeggiamo in modo solenne la presenza vera e concreta del Corpo di Cristo nell'Eucarestia: Gesù si fa incontrare, si fa pane, diventa cibo per noi. Ma ci pensate, bambini, a quanto grande è l'amore del Padre? Ci ha donato il suo unico Figlio ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Solo Lui
In questi ultimi giorni mi sono arrivate centinaia di mail e messaggi su FaceBook da parte di amici e lettori che mi assicurano la loro preghiera e la loro amicizia per questa nuova esperienza missionaria in Perù che mi preparo a vivere. Mi è davvero impossibile rispondere a ciascuno, quindi "sfrut ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 03 Giugno 2018)

Oggi è la solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo. Già nel dire la parola ?solennità? noi capiamo che questa è una domenica importante, solenne, che non è una festa come le altre. Tutte le domeniche sono importanti perché sono il giorno che noi dedichiamo al Signore... ma dire solennità c ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Gesù è... una tenda!
Celebriamo una bella festa... bella perché legata a quanto di più umanamente nostro possa esserci: il corpo. E' la celebrazione del Corpo del Signore Gesù che giovedì sera abbiamo portato in processione nel segno del pane. E' stato un gesto di grande importanza perché ha visto coinvolti in un modo u ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Eucarestia, fusione di corpi
Clicca qui per la vignetta della settimana Al museo del Castello Sforzesco di Milano è conservata l'ultima opera scultorea di Michelangelo Buonarroti, la Pietà Rondanini. Il nome di questo gruppo scultoreo viene dai marchesi R ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Gesù non è un fantasma
Clicca qui per la vignetta della settimana. I fantasmi fanno sempre paura, e anche quando il cinema ha provato a farci qualche film commedia, l'elemento paura c'è sempre anche tra una risata e l'altra. I fantasmi sono spesso ra ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Gesù è sacerdote, mediatore della nuova alleanza
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Dal terremoto una lezione di umiltà
Continua, in Emilia come in terra mantovana, l'emergenza-terremoto, con il suo immane cumulo di dolori, disagi e danni, non solo materiali. Forse anche perché da noi ci si riteneva immuni da tali calamità, di fronte a tanta rovina si resta smarriti, senza parole; qui, a differenza di quanto accaduto ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 10 Giugno 2012)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Nutrire il pianeta non di solo pane
Quest'anno la festa del Corpus Domini cade nel corso di quella manifestazione straordinaria che è l'Esposizione Universale, l'EXPO, intitolata "Nutrire il pianeta". Milioni di visitatori, non so quanti padiglioni, convegni e dibattiti, affronteranno nel corso di sei mesi i vari aspetti relativi al c ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 14,12-16.22-26
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Dal terremoto una lezione sempre d'attualità
Pochi giorni fa mi è accaduto di celebrare la Messa in una città dell'Emilia, entro un salone rimediato per sostituire alla bell'e meglio la cattedrale, tuttora in fase di ricupero, a distanza ormai di non pochi anni dal terremoto. Mi è venuto spontaneo allora collegare quel venerando monumento ai t ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Audio commento alla liturgia - Mc 14,12-16.22-26
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Questo è il mio sangue, versato per molti
La terza lettura della solennità del Corpus Domini è tratta dal vangelo di Marco (che viene letto nell'anno liturgico B) e presenta uno dei racconti-testimonianze del Nuovo Testamento relativi all'istituzione dell'Eucarestia. E' questo il principale mistero che, insieme alla Trinità - celebrata la s ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Pane spezzato

Abbiamo visto che essere Trinità è essere versato l'uno nell'altro. Se Dio fosse solo uno e non trino (come vorrebbero le religioni stramonoteiste), sarebbe una monade solitaria. Nella storia dei Concili prima di stabilire il dogma della Trinità si è dovuto stabilire la divinità d ...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 08 Giugno 2018)
Sacratissimo Cuore di Gesù
La devozione al Sacro Cuore non risale solo al XVII secolo: già i salmi, nell'A.T., ne parlavano e nel Vangelo, il grande diffusore di questa devozione è san Giovanni che posò addirittura il suo capo sul cuore di Gesù. Poi, dopo sviluppi successivi dovuti a S. Jean Eudes, vennero le dodici promesse, ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Videocommento su Mc 14,12-16.22-26

...
(continua)

Gaetano Salvati     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Dono gratuito di sè
"Prendete, questo è il mio corpo... questo è il sangue dell'alleanza" (Mc 14,22). Le Parole di Gesù, pronunciate durante la Cena Pasquale, annunciano al mondo e a ciascuno di noi che l'Eterno ha avuto tempo per l'uomo, tanto da farsi storia e consentire alla condizione umana di divenire dimora di Di ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 10 Giugno 2012)
"E uscirono verso il monte degli Ulivi"
"Dopo aver cantato l'inno, uscirono verso il monte degli Ulivi": con le parole di questa lapidaria frase si è conclusa la lettura del Vangelo di quest'oggi che ci ha riportati al momento fondante del Mistero che celebriamo nella Liturgia. È una frase che all'apparenza pare avere come unico significa ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Vino nuovo
«Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?» È iniziata la Pasqua, i discepoli non si sottraggono ai riti antichi che celebrano l'Alleanza: quello legato al mondo agricolo con il pane azimo e quello legato al mondo nomade dei pastori con l'immolazione dell'agnello ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Eucaristia, rito e missione
Nonostante la brevità del racconto dell'Ultima Cena nella versione di Marco, la dovizia e la cura di particolari dedicata alla descrizione del momento dell'istituzione dell'Eucaristia denotano la centralità di un tema come questo nell'economia del suo Vangelo. "Non potrebbe essere altrimenti", ci ve ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Gesù ci ha messo la faccia. E il Corpo.
Le letture che abbiamo ascoltato (mi riferisco in particolare alla prima lettura e al Vangelo) hanno un elemento in comune: ed è il verbo ?prendere?, riferito - come azione - ai due protagonisti dei testi proposti dalla Liturgia, ossia Mosè e Gesù. Entrambi stanno compiendo un rito: quello a conclus ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Spezziamo realmente il pane

Ascoltando le parole di Gesù cosa avranno pensato i discepoli? Quali strane parole stava pronunciando il Maestro? Come avrebbero potuto, loro, mangiare del suo corpo e bere del suo sangue? Anche noi, come i discepoli, restiamo perplessi di fronte all'offerta di Gesù: "Come può co ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Questo è il mio sangue dell'alleanza, che è versato per molti

Gesù è insieme Agnello della Pasqua e Sangue dell'Alleanza. Tutto questo lo sarà dalla croce, secondo il grande insegnamento, la grande rivelazione che ci offre l'Apostolo Giovanni nel suo Vangelo. Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sull ...
(continua)

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 10 Giugno 2012)
La Trinità essenza del Creato
La liturgia è maestra di vita perché ci conduce per mano "dalla tavola del cielo" alla mensa delle nostre Chiese: il mistero della Trinità che abbiamo contemplato diventa un pezzo di pane ed un po' di vino. Tutto il mistero pasquale che abbiamo celebrato si condensa e si ritrova sulla tavola eucaris ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Video commento su Marco 14,12-16.22-26


(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Prendete, questo è il mio corpo
Parlare dell'Eucaristia non è per nulla semplice. Essa è il mistero perfetto di Dio e dell'uomo. In esso la carità del Padre per l'uomo raggiunge il sommo, oltre il quale è impossibile pervenire. Anche se nel Paradiso l'uomo glorioso è immerso in Dio e Dio nell'uomo glorioso, immortale, spirituale, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Prendete, questo è il mio corpo
Nell'Eucaristia, il Padre, che è l'origine e la fonte di ogni santità, verità, onnipotenza, rivela tutto il suo amore, mandando lo Spirito Santo perché trasformi il pane in corpo di Cristo e il vino in suo sangue, per la mediazione sacramentale del sacerdote, che agisce in nome di Cristo Gesù. In qu ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Bambini, non si gioca con il pane
La nonna era una signora dai lineamenti garbati. Nacqui quando lei aveva sessant'anni e da quel giorno mi sembrò che nulla fosse più cambiato in lei. In lei e nei suoi racconti cuciti addosso: il dopoguerra e le risaie del Piemonte, i fratelli da sfamare e il nonno al fronte, la casa da costruire e ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Il "corpo di Cristo". Cristo, che corpo!
I suoi nemici vinsero una battaglia: sequestrarono il corpo di quell'Uomo così meditabondo d'apparire fastidioso agli intellettualoidi avversari: «Allora si fecero avanti, misero le mani addosso a Gesù, lo arrestarono» (Mt 26,50). L'avversario vinse una battaglia, ma perdette la guerra intera ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Sangue
Offrire olocausti e di sacrificare giovenchi È un testo complesso, questo dell'Esodo, che ingloba diverse tradizioni che nel tempo e nella storia d'Israele si sono sedimentate e intersecate. Ma non possiamo dimenticare che Dio parla all'uomo nella sua storia, nella sua cultura e continua a f ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Nascosto tra le parole
Perché tu possa
Una domanda, quella dei discepoli, che trascina delle distinzioni sottili: da una parte il ?noi? che si offre ad andare a preparare, dall'altra il ?tu? che celebra la Pasqua.
Nella contrapposizione del noi-tu c'è sicuramente la volontà di un servizio ma sembra sottol ...

(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Commento su Marco 14,12-16.22-26
La pagina della Lettera agli Ebrei che abbiamo or ora ascoltato richiama la liturgia istituita da Mosè, per ordine di Dio, come rendimento di grazie per il dono della Legge: il sangue di capri e vitelli, offerti in sacrificio, con il quale il sacerdote aspergeva l'altare e il popolo, purificav ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Commento su Marco 14,12-16.22-26
Nell'economia della Salvezza, il fatto raccontato nella prima lettura, tratta dal libro dell'Esodo, è di capitale importanza: si tratta della prima alleanza conclusa da Dio con il suo popolo e suggellata dal sangue dei giovenchi immolati come sacrificio di comunione. Il testo è chiaramente f ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 07 Giugno 2015)
Prendete, questo è il mio corpo!
A pensarci bene, se c'è qualcuno che avrebbe potuto legittimamente decidere di appropriarsi di sé e di tenersi stretto per sé ciò che è e ciò che ha, questo qualcuno sarebbe solamente Dio! Egli è l'Onnipotente, l'Altissimo, il Creatore di tutte le cose. Che cosa, dunque, gli impedirebbe di esercitar ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 03 Giugno 2018)
Commento su Marco 14,12-16.22-26
Eccoci alla festa del Corpus Domini, cioè del Corpo (e sangue) del Signore.
Oggi vogliamo semplicemente ridestare l'amore e lo stupore per quel grandioso miracolo che è l'Eucaristia, al quale molti non credono e al quale molti altri si son sciattamente abituati. Attraverso questo sacramento, G ...

(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 03 Giugno 2018)
La tavola è già apparecchiata
Come si può parlare di Gesù nostro Signore, realmente presente nel sacramento dell'Eucarestia? Se non invochiamo lo Spirito Santo, impossibile. Ma se lo invochiamo perché ci illumini, non credo ci neghi questo aiuto. Bisogna però coinvolgere tutte le facoltà. Perché se ne vuoi parlare solo con e all ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Mc 14,12-26
Lectio
12Il primo giorno degli Azzimi, quando si immolava la Pasqua, i suoi discepoli gli dissero: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?».
Il brano si apre con due indicazioni temporali. Nella festa di Pasqua si erano sovrapposte due celebra ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10 Giugno 2012)
Commento su Marco 14,22
Prendete, questo è il mio corpo... Questo è il mio sangue dell'alleanza, che è versato per molti. Mc 14,22
Come vivere questa parola?
Oggi la Chiesa è in festa! Celebriamo l'Eucaristia; il dono che Gesù ci ha lasciato: se stesso per essere nostro cibo e sostenerci e ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Mc 14,27-31
Lectio
27Gesù disse loro: «Tutti rimarrete scandalizzati, perché sta scritto: Percuoterò il pastore e le pecore saranno disperse.
Mentre si recano al monte degli Ulivi Gesù rivela ai Dodici il loro imminente fallimento. Si scandalizzeranno, cioè perderanno la fede. E' un ter ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Mc 14,32-42
Lectio
32Giunsero a un podere chiamato Getsèmani ed egli disse ai suoi discepoli: «Sedetevi qui, mentre io prego».
Durante tutta questa discussione Gesù e i suoi arrivano al Getsemani, luogo che viene definito chorion, cioè territorio rurale, campo, podere. Il suo nom ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25 Marzo 2018)
Commento su Mc 14,43-52
Lectio
43E subito, mentre ancora egli parlava, arrivò Giuda, uno dei Dodici, e con lui una folla con spade e bastoni, mandata dai capi dei sacerdoti, dagli scribi e dagli anziani.
Mentre Gesù sta ancora parlando e annunciando che il traditore si avvicina, arriva Giuda. Marco ...

(continua)