Omelie riferite al libro: Vangelo di Luca, capitolo 1

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Commento su 2Sam 7,1-5.8-12.14.16; Sal 88; Rm 16,25-27; Lc 1,26-38
Questa domenica è l'ultima tappa del cammino del tempo d'avvento prima della celebrazione del Natale, avvento che ha il compito di introdurci al mistero dell'Incarnazione e al suo significato profondo, come compimento delle promesse dell'AT.

La prima lettura cita la promessa fatta a Davide che i ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Agosto 2012)
Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola

Gesù è il Re dell'universo. La sua regalità l'ha conquista sulla croce, il suo vero trono. "Regnavit a ligno Deus". Il Salmo canta il giorno della sua intronizzazione, il giorno della sua gloria. È un canto che va saggiamente meditato e santamente interpretato. Liete parole ...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Commento su Ap 11,19; 12,1-6.10; Sal 44; 1Cor 15,20-27a; Lc 1,39-56
Eccoci, anche quest'anno, a celebrare il ricordo dell'Assunzione della Beata Vergine Maria in anima e corpo, ed accolta dalla santissima trinità come la regina del cielo.
L'Assunzione è una delle tante feste dedicate, specialmente in Italia, alla Madre del Salvatore.
La devozione dei fede ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 16 Agosto 2015)
Video commento a Gv 6, 51-58

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15 Agosto 2012)
Commento su Apocalisse 11,19;12,1-6.10; Salmo 44; Prima Corinzi 15,20-26; Luca 1,39-56
La festa dell'Assunta, che si posiziona nel cuore delle vacanze estive, ha una duplice veste: laica legata alla festa di ferragosto (tradizione antica pagana) e religiosa di più recente istituzione, ma che ha radici popolari di antichissima tradizione. Possiamo accogliere questo invito, discreto ed ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Commento su Apocalisse 11,19a; 12,1-6a.10ab; Salmo 44; Prima Corinzi 15,20-27a; Luca 1,39-56
In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda Lc 1,39
La tradizione (risalente al VI secolo) vuole che questa località sia il villaggio di Ain Karim, sei chilometri ad ovest di Gerusalemme. Il viaggio che Maria compie non è di poco ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Commento su Gen 3,9-15.20; Sal 97; Ef 1,3-6.11-12; Lc 1,26-38
La liturgia oggi ci invita a contemplare Maria, la "piena di grazia.
Quando si parla di concezione (concepimento) immacolata, ci troviamo spesso a dover scegliere (almeno) fra tre tipi di reazioni.
La prima, che definirei "saccente", tipica di un mondo secolarizzato qual è quello in cui a ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Video Commento della Solennità dell?imacolata Concezione della Beata Vergine Maria

...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Video commento a Lc 3, 10-18

...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Video Commento a Mt 11, 2 - 11

...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Video Commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

don Maurizio Prandi     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Misericordia, dono, lontananza-vicinanza
Dio dona continuamente la sua misericordia: è l'idea che ci ha guidato in questa celebrazione per cercare di "capire qualcosa" del significato di questa solennità. Cosa vuol dire Immacolata Concezione? Difficile risposta, troppo difficile almeno per me, semplice prete (che oggi festeggia i su ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Commento su Gen 3,9-15.20; Lc 1,26-38
Nella nostra coppia c'è una consuetudine che ci accompagna dal tempo del fidanzamento. Ogni volta che giungiamo in un paese, in una città, in Italia o all'estero, visitando grandi cattedrali o piccole chiese di campagna, ci fermiamo davanti all'altare, di fronte ad una immagine della Madonna, ci dia ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Commento su Genesi 3,9-15.20; Salmo 97, 1-4; Efesini 1,3-6.11-12; Luca 1,26-38
Al cuore del tempo di Avvento celebriamo oggi la festa che ricorda l'inizio della vita di colei che Luca ci dice: sarebbe diventata la madre del Signore. È attraverso la sua disponibilità e alla sua obbedienza alla parola di Dio che la promessa fata ai padri si compie: la venuta del Figlio di Dio ne ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Commento su Genesi 3,9-15.20; Salmo 97; Efesini 1,3-6.11-12; Luca 1,26-38
Oggi il calendario liturgico prevede la solennità dell'Immacolata Concezione di Maria. Maria è il modello del credente che accoglie la Parola e la vive ogni giorno, che con la fede diventa una creatura nuova, capace di superare le contraddizioni della vita e che porta nel mondo testimonianza di luce ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Dove sei?
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane, disponibile online presso questo link https://goo.gl/NWRzYoClicca qui per scaricare i ...
(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Commento su Isaia. 62, 10 - 63, 3b; Filippesi. 4, 4-9; Luca. 1, 26-38a
Lettura del profeta Isaia. 62, 10 - 63, 3b
Il testo di Isaia, che leggiamo oggi, fanno parte di alcuni brani, a iniziare dal capitolo 60, che proclamano lo splendore di Sion che il Signore riveste di luce (60,1). Tornano i popoli, ritorna il popolo d'Israele. Avrà forze sufficienti per r ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Commento su Is 62,10-63,3b; Fil 4,4.9; Lc 1,26-38
Is 62,10-63,3b
Il capitolo 62 è il canto dello Sposo per la sposa, il canto della giustizia e della salvezza che brillano come stella e come lampada. "Per amore di Sion non tacerò, per amore di Gerusalemme non mi concederò riposo, finché non sorga come aurora la sua giustizia e la sua sa ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 22 Dicembre 2013)
Commento su Isaia 62,10-63,3b; Filippesi 4,4.9; Luca 1,26-38a
Isaia 62, 10 - 63, 3b
Tutto il capitolo 62 è il canto dello sposo e della sposa. Lo sposo è il Signore mentre la sposa è Gerusalemme. Il profeta vede rifiorire la sua città e ne interpreta la sua forza e la sua bellezza come il dono di Dio. "Sarai una magnifica corona nella mano del Sign ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Commento su Isaia 62, 10 - 63, 3b; Filippesi 4, 4-9; Luca 1, 26-38a
Lettura del profeta Isaia Isaia 62, 10 - 63, 3b
Siamo al canto del ritorno, della gloria del popolo finalmente splendido e salvato, della scoperta della bellezza della sua elezione da parte di Dio che ha scelto Gerusalemme come sposa. I primi versetti del capitolo 62 celebrano questa bel ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Videocommento a Lc 1,26-38

...
(continua)

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 20 Dicembre 2009)
Commento su Luca 1, 39-45
Lectio
Contesto
La quarta domenica di Avvento ci presenta la figura di Maria, anche se mantiene sullo sfondo quella di Giovanni il precursore di Gesù. L'incontro della Madre di Dio con Elisabetta si inserisce nel testo di Luca e appare come la conclusione delle due annunciazi ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Dicembre 2011)
Commento su Luca 1, 46
Allora Maria disse: L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio Salvatore. Lc 1, 46
Come vivere questa parola?
Man mano che ci avviciniamo a Natale la liturgia ci fa entrare nella gioia crescente di Maria: la Gioia che è Dio-Amore che abita ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Giugno 2013)
Commento su Luca 1,57-58
"Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei". Lc 1, 57-58
Come vivere questa Parola?
L'evangelista Luca narra un av ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Dicembre 2015)
Commento su Lc 1, 67-79
"Zaccaria, suo padre, fu colmato di Spirito Santo e profetò dicendo: «Benedetto il Signore, Dio d'Israele, perché ha visitato e redento il suo popolo, e ha suscitato per noi un Salvatore potente nella casa di Davide, suo servo, come aveva detto per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo: salvezz ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Video commento a Lc 1, 1-4; 4, 14-21

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Video commento a Lc 1,1-4;4,14-21

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Lo Spirito del Signore è sopra di me
Il Vangelo di oggi ci descrive la prima comparsa in pubblico di Gesù, la sua prima ?predica', proprio a Nazareth, sua città natale. Gesù ha forse voluto scegliere, tra tutto il popolo eletto che era venuto a salvare, il pulpito più ?povero': sì, perché Nazareth era considerata allora dai Giudei la c ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Sono venuto perché abbiano la vita
Inizia con questa domenica la lettura del vangelo di Luca, che ci accompagnerà durante questo anno. Luca, medico, è uno storico puntiglioso e appassionato; dedica molto tempo ad ascoltare i testimoni diretti e a redigere uno splendido vangelo, il vangelo della mansuetudine di Cristo, della te ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Il Signore ci ha fatti popolo di Dio e Corpo di Cristo
La liturgia di oggi mette in luce l'identità profonda della Chiesa: noi siamo un popolo radunato attorno dalla Parola di Dio e costituito in unità dalla Parola di Dio; siamo un popolo salvato dalla presenza vera di Cristo che "oggi" (come in ogni Eucarestia) è in mezzo a noi come Messia e Salvatore. ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Io sono quello che voi aspettate
Nel vangelo di oggi Gesù torna a Nazaret. Dov'era stato finora? Gesù è stato nel deserto (Lc 4,1-13) dove ha incontrato il diavolo nelle tentazioni ma soprattutto ha aderito al movimento del Battista. Il Battista è ritenuto santo e anche un po' fanatico dal popolo; sicuramente è mal visto dalle aut ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Domani no, oggi sì
Il vangelo di oggi è un po' incomprensibile perché i liturgisti hanno preso due brani che non centrano niente fra di loro e li hanno messi assieme. Infatti abbiamo i primi quattro versetti del prologo di Lc, che è l'introduzione di tutta la sua opera, e poi Gesù a Nazaret in un discorso della sinago ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Video commento a Lc 1, 1-4; 4, 14-21

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Video commento a Lc 1,1-4;4,14-21

...
(continua)

padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Video commento a Lc 1, 1-4; 4, 14-21

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Cose serie
La quotidianità è piena di Dio, ribolle di gioia come durante una bella festa di matrimonio, riempie il cuore di gioia come quando ci si innamora. Se la nostra fede si è pietrificata, se la nostra vita è annacquata, lo Sposo ci dona il vino nuovo della sua presenza. Con il segno numero uno, a Cana ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Commento su Lc 1,1-4; 4,14-21
Collocazione del brano
Con questa domenica si comincia la lettura cursiva del vangelo di Luca. Il brano che leggiamo oggi si apre con il prologo di Luca (1,1-4), salta i vangeli dell'infanzia, del ministero di Giovanni e della tentazione del deserto, per continuare con gli inizi del min ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Commento su Lc 1,1-4; 4,14-21
Luca ha a cuore la sua serietà di storico, ci tiene a confermare la fede in cui è rimasto coinvolto: non sono favole quelle in cui ha creduto, né pie elucubrazioni. Ha dato del tempo, Luca, a questa ricerca e ci tiene a precisarlo.

Viviamo brutti tempi: il vangelo è e resta uno splendido ...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Video commento a Lc 1,1-4; 4,14-21

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Video commento su Lc 1,1-4; 4,14-21

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Dio è sempre dalla parte dell'uomo
Un racconto di una modernità unica, do­ve Luca, il migliore scrittore del Nuovo Testa­mento crea una tensione, u­na aspettativa con questo magistrale racconto, che si di­pana come al rallentatore: Riavvolse il rotolo, lo riconse­gnò e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lu ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Da Nazaret arriva l'annuncio della vera liberazione
Luca, il migliore scrittore del Nuovo Testamento, sa creare una tensione, una aspettativa con questo magistrale racconto che si dipana come al rallentatore: Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. E seguono le prime parole ufficiali di ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Sulla Tua Parola - Lc 4,18-21

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Video commento su Luca 1,1-4; 4,14-21

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Intorno all'altare cadevano le ombre della povertà
Nota: Credo faccia piacere, a chi mi segue nelle riflessioni settimanali, sapere che nelle librerie, è possibile trovare un libro a mia firma. È stato voluto dall'editrice Mondadori e racchiude alcune delle ultime brevi riflessioni che ho proposto ogni venerdì alla radio. Il titolo è quello della st ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
#StradeDorate - Commento su Luca 1,1-4; 4,14-21

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
La Parola - commento a Lc 1,1-4; 4,14-21
Commento a cura di don Giovanni Battista Borsato. Registrato nella chiesa parrocchiale di san Giovanni Battista, Longa di Schiavon, Vicenza.

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
A chi dire il nostro "amen"
"Amen, amen". Questa espressione vuol dire letteralmente "Certamente", "E' vero", "In verità" che per esteso può anche intendersi "Accetto" e che anche Gesù, in un certo qual modo, utilizza in tante sue espressioni: "In verità, in verità vi dico..." Il popolo di Israele, rientrato dall'esilio di Bab ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Quale è veramente: Parola di Dio
Esdra è uno scriba di Gerusalemme che ha ricondotto in patria gli esuli dell'esilio di Babilonia, che ora si accinge a ricostruire le mura della città e a riprendere la consueta vita di sempre. Nella circostanza della ricostruzione, raduna però l'intero popolo e dà lettura pubblica del libro della L ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Ruminare i Salmi - Salmo 19,8 (III Domenica del tempo ordinario, anno C)
Ruminare i Salmi - Salmo 19,8 (III Domenica del tempo ordinario, anno C) Salmo 19,8 CEI La legge del Signore è perfetta, rinfranca l'anima. TILC La parola del Signore è perfetta: ridà la vita. NV Lex Domini immaculata, reficiens animam. 1Corinzi 12,13 tutti siamo stati dissetati da un solo Spir ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Gesù, giubileo della misericordia del Padre
Nell'anno giubilare della misericordia, in questa terza domenica del tempo ordinario dell'anno liturgico, risuona con particolare significato la parola di Dio che ascoltiamo nella liturgia della santa messa di oggi. E' nel testo del vangelo di Luca, che ci racconta della presenza di Gesù a Nazaret, ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 27 Gennaio 2013)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Rocco Pezzimenti 1. A volte abbiamo la tentazione di pensare che quello che crediamo sia una bella favola, utile a farci stare sereni, un po' come le belle favole che si raccontano ai bambini per tenerli buoni o farli addormentare. Per questo, ogni t ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 24 Gennaio 2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Alvise Bellinato SENTIRE INSIEME "L'empatia è la capacità di comprendere a pieno lo stato d'animo altrui, sia che si tratti di gioia, che di dolore. Empatia significa "sentire dentro", ad esempio "mettersi nei ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Commento su Lc 1,1-4; 4,14-21
In una sola frase Luca parla del motivo, del contenuto, delle fonti, del metodo e del fine del suo Vangelo. La sua fonte è la tradizione della Chiesa, che risale ai testimoni oculari divenuti poi ministri della Parola. Attraverso quelli che hanno visto, possiamo entrare in comunione "con il P ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Commento su Luca 1,1-4; 4,14-21
Gesù entra quattro volte in una sinagoga, ci dice il Vangelo di Luca; ogni volta subisce ostilità. In quella ricordata oggi, addirittura rischia di essere ammazzato. Perché? Dopo aver descritto i fatti che altri hanno già narrato e dopo le tentazioni del deserto, Luca presenta Gesù che "inseg ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Compimento
Nella narrazione del Vangelo di Luca, per quattro volte Gesù entra in una sinagoga e ogni volta si trova a dover affrontare situazione di conflitto. Quello che la liturgia di propone oggi - cucendolo subito dopo il solenne prologo - è il primo dei quattro ingressi, che si chiude addirittura con la d ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 24 Gennaio 2016)

Il brano di questa domenica forma un collage di due testi "appiccicati" tra loro... epperò non è a caso che viene fatta questo collegamento, perché la premessa che fa Luca è importante per comprendere il resto del testo! Innanzitutto abbiamo l'evangelista Luca (assai colto, sembra fosse un medico!) ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Si può giocare a calcio senza pallone?
Clicca qui per la vignetta della settimana. Anche ieri all'inizio dell'ora di catechismo con i ragazzi di terza media, che si stanno preparando al sacramento della Confermazione tra meno di un mese, ho chiesto se tutti avevano p ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Siamo il corpo di Cristo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Vangelo sempre in tasca
Clicca qui per la vignetta della settimana. Qualche mese fa ho conosciuto un giovane carabiniere, con il quale è nata subito una amicizia e anche un bel confronto di vita e di fede. Una sera sono andato a trovarlo in caserma dov ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
La domenica, festa degli amici di Dio
Gerusalemme, anno 444 a.C.: avviata la faticosa ripresa della vita in patria da parte dei tornati dalla deportazione in Babilonia, il sacerdote Esdra e il governatore Neemia convocano l'assemblea del popolo, per rinverdire la fede comune alla luce della Parola di Dio. Comincia Esdra, che benedice il ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 24 Gennaio 2010)
Audio commento a Lc 1,1-4; 4,14-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Un libro scritto per ogni Teòfilo
Anzitutto è da ricordare, per le ragioni dette domenica scorsa, che questa domenica cade durante l'annuale Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: è un caldo invito a tutti quelli che si riconoscono tali, perché si affretti il giorno della piena unità tra tutte le Chiese che prendono nome ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Audio commento a Lc 1,1-4; 4,14-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Oggi si è compiuta questa Scrittura
Il Vangelo odierno è costituito da due parti chiaramente distinte: il prologo e l'inizio del ministero pubblico di Gesù. Il prologo (1,1-4) è un tratto originale di Luca, l'unico tra gli evangelisti a nominare un destinatario preciso e a premettere ragguagli sulla formazione e finalità del suo te ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Lo Spirito del Signore è sopra di me
Con il testo evangelico di questa terza domenica del tempo ordinario ha inizio, stando al vangelo di Luca che ci accompagnerà durante questo anno liturgico, la narrazione dell'attività pubblica di Gesù. Il terzo evangelista colloca l'inizio del ministero di Gesù a Nazaret, tra i suoi concittadini, d ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Audio commento alla liturgia - Lc 1,1-4; 4,14-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 24 Gennaio 2010)
La storia non ha dubbi su Gesù Cristo
Nel brano evangelico di questa domenica troviamo due testi del Vangelo di Luca: il prologo che presenta il metodo seguito da Luca per scrivere il suo Vangelo e l'inizio della predicazione di Gesù a Nazareth. Siccome questa seconda parte la ritroveremo anche domenica prossima, mi soffermo sulla prima ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Video commento su Lc 1,1-4; 4,14-21

...
(continua)

don Alberto Brignoli     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
La religione del libro
"Niente di meglio della lettura di un buon libro". È una frase che diciamo spesso, o che perlomeno sentiamo pronunciare, soprattutto quando abbiamo a disposizione momenti di tranquillità, di calma, di relax, tempi morti che ci permettono di dedicarci con la dovuta attenzione e concentrazione a lettu ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Tutt'occhi e tutto orecchi
Vi confesso che anche per me, a volte, è una fatica riuscire a stare attento durante la messa, e in particolare durante la Liturgia della Parola. Certamente, mi riferisco alle volte in cui non sto presiedendo l'Eucarestia e quindi, concelebrando o semplicemente assistendo, non sono "al centro della ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Commento su Luca 1,1-4; 4,14-21
Oggi la fonte della Scrittura ci propone la coesistenza di due passi del Vangelo di san Luca. Il primo (Lc 1,1-4) è tratto dal prologo dell'intera opera lucana; mentre il secondo (4,14-21) propone la narrazione dell'inizio del ministero pubblico di Gesù. La combinazione dei due passi sembra condurci ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Oggi
«Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato». Se ci guardiamo intorno non riusciamo a vedere concretizzata tutta l'istanza di liberazione che Isaia ha annunciato e che Gesù ha proclamato come giunta a compimento. Non sappiamo quando Gesù aprì quel rotolo, quale data fosse p ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito
Seguendo le antiche regole della redazione di un racconto, Luca è il solo che premette un'introduzione al suo Libro. Lui agisce sul modello del Libro del Siracide e del Secondo Libro dei Maccabei, i quali premettono un breve proemio al loro scritto. Molti e importanti insegnamenti ci sono dati ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Oggi si è compiuta questa Scrittura
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
La Chiesa: l'oggi di Cristo
A Nazaret si compie la Scrittura e, in Gesù, diventa un oggi. Gesù riceve il rotolo della Scrittura, si alza e legge il passo di Isaia. Poi riavvolge il rotolo, lo riconsegna all'inserviente e si siede. Egli è il Maestro, inviato dal Padre nella forza dello Spirito Santo. Il rotolo è tutto "srotolat ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui
Quando una persona parla con autorità, con amore, con cognizione di causa tutti lo ascoltano. E' bello stare a sentire chi ti spiega, ti riempie il cuore di gioia, ti insegna a comportarti bene nelle diverse situazioni della vita. Ascoltare Gesù ed il Vangelo riempie la vita e i cuori di principi e ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Fare ricerche accurate su ogni circostanza
Quando ero bambino mi domandavo come mai si leggesse il Vangelo ripetutamente, come mai certe letture venissero fatte più volte durante l'anno e come mai ogni tre anni venisse letto tutto il Vangelo per poi ricominciare. Non bastava leggerlo, magari studiarlo al catechismo, per poi saperlo e non dov ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia
Ogni re e principe di questo mondo, quando inizia il suo mandato, di solito manifesta al suo popolo, i principi fondamentali del suo governo. Sono le sue indicazioni solo di principio, di orientamento. La storia poi camminerà per suo conto, perché nessun uomo sa cosa avverrà fra un secondo e sopratt ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Oggi la Scrittura si adempie
E' chiaro come il primo pensiero va al giorno della memoria. Non possiamo scordare ciò che è successo in quel periodo storico e lo sterminio degli ebrei. La giornata del ricordo ci aiuta oggi a vivere in altro modo la vita, affinché quella tragedia non si ripeta più. ?Luca, nel Vangelo, ci presenta ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
L'autostima di Dio: niente male come inizio
Era entrato perché tutti avevano diritto d'entrarvi; non solo d'entrare, ma anche di leggere e di parlare su quello che s'era letto poc'anzi. Forse una stanza nuda, una semplice casa, uno spazio spoglio: là dentro ci si dava appuntamento, si ragionava d'Iddio, in compagnia e tra fratelli forse si so ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
È partito. "Ti abbandono, Signore. Tu, non abbandonarmi"
L'Uomo è partito: inizia ora il conto-alla-rovescia per arrestarlo. Quando lo faranno? Lui sa bene dove andare e il mondo intero, quando capita, si fa da parte all'incontro con un uomo che sa dove debba andare. E' partito, forse, per prendere i lontani e farseli vicini? Macché, questo ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Con la potenza dello Spirito
Con la potenza dello Spirito
Lo Spirito Santo che era disceso su Gesù in forma corporea, come una colomba (Lc 3,22), accompagna il Signore e in lui manifesta tutta la sua potenza. Luca aveva raccontato l'esperienza nel deserto: Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Gio ...

(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Chi è colui che è "sceso" nell'umanità!

All'inizio del Vangelo di Luca troviamo un biglietto da visita, una card, un "profile" che dice di chi si parlerà, della sua storia, di cosa farà e del perché è ?sceso' in umanità. L'evangelista Luca ?dipinge' Gesù che si presenta alle persone a cui appartiene dal punto di ...
(continua)

fr. Massimo Rossi     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Commento su Luca 1,1-4; 4,14-21
...E dopo la parentesi di domenica scorsa, nella quale abbiamo ascoltato il Vangelo di Giovanni, oggi ritorniamo a san Luca, l'evangelista che ci sta accompagnando in questo nuovo anno liturgico. Dopo il cappello iniziale, che introduce l'intera opera del terzo evangelista e spiega i motivi di qu ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Parola, comunità, poveri
Gesù inizia la sua azione pubblica ?dove era cresciuto' e si presenta come il Servo, inviato a portare a compimento ciò che la Scrittura ha annunciato. L'Assemblea convocata in Israele trova in Lui la pienezza: l'Atteso è venuto, il passato di lacrime del popolo diviene un ?oggi' di salvezza. Son ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 24 Gennaio 2016)

L'anno liturgico ci vede impegnati a meditare il Vangelo di Luca. Luca è l'evangelista della misericordia, della mansuetudine. E' proprio Luca che ci insegna dai primi versetti tutta la tensione a narrare la misericordia.
D'altra parte la misericordia va raccontata è importante raccontarla e na ...

(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Commento su Luca 1,1-4; 4,14-21
Proseguiamo con il tempo "ordinario" tempo in cui guardiamo bene in faccia a cosa crediamo, a prendere sul serio la nostra fede, a non avere delle idee molto approssimative su Gesù, sul Vangelo, sulle Scritture.
La liturgia di oggi è centrata su due riti, uno dell'Antico Testamento, uno del Nuo ...

(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 24 Gennaio 2016)

La prima lettura ed il vangelo si snodano intorno al libro, alla lettura liturgica, all'ascolto di una parola che fa comunità e che svela l'opera di Dio. La seconda lettura approfondisce, attraverso la metafora del corpo, l'unione tra le membra della comunità e la loro sintonia in Gesù.
L'atte ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 24 Gennaio 2016)

La prima parte del testo ci dice perché Luca ha scritto questo Vangelo: è indirizzato a un certo Teofilo, nome che significa "amico di Dio"; possiamo allora vedere in questo destinatario ognuno di noi, chiunque voglia essere amico di Dio e che cerca la verità, perciò si preoccupa di conoscerl ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Gesù, l'opera scritta e compiuta di Dio
Non ho mai nascosto la mia predilezione per Luca evangelista, per come ci racconta la storia di Gesù, per il profilo della personalità che ne emerge. De gustibus. Sappiamo che era medico e anche pittore. Forse queste due attività aguzzarono per bene il suo orecchio, il suo occhio e la sua mano, poi ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 24 Gennaio 2010)
Commento su Luca 1,1-4;4,14-21
Lectio
Contesto
Concluso il tempo Natalizio e la presentazione delle manifestazioni del Signore Gesù (Epifania, Battesimo, nozze di Cana) con questa domenica inizia la lettura corsiva del testo di san Luca che ci accompagnerà per tutto il Tempo Ordinario.
Con una scelta ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19 Dicembre 2011)
Commento su Luca 1,20
Ed ecco, tu sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, che si compiranno a loro tempo. Lc 1,20
Come vivere questa parola?
Ieri la liturgia ci ha messo dinanzi l'annuncio del Salvatore e oggi ...

(continua)
don Romeo Maggioni     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Eva e Maria
La figura della donna è emblematica nella vicenda umana, per capirne l'avventura e cogliere molto della sua intrinseca condizione esistenziale. Il dittico Eva-Maria, a fianco del primo e secondo Adamo, descrive bene la storia dell'uomo, vissuto tra grandezza, caduta e rinnovamento. Anche le letture ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te
L'Angelo invita la Vergine Maria a rallegrarsi. Chiediamoci: quali sono i motivi di un così forte invito alla gioia o di un saluto che inizia proprio con questo richiamo alla grande esultanza? Eccoli: "Tu sei piena di grazia. Il Signore è con te". La Vergine Maria è piena di grazia. È piena di graz ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Commento su Luca 1,26-32
Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te ...concepirai un figlio ... Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo ... e il suo regno non avrà fine! Lc 1,26-32
Come vivere questa parola?
La liturgia di oggi ci apre sul grande orizzonte del disegno di Di ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Donna tutta di Dio
Contemplare il mistero dell'Immacolata concezione di Maria alla luce degli orientamenti pastorali dei Vescovi italiani, «Educare alla vita buona del Vangelo», è scoprire in Maria quella pienezza di umanità a cui tutti siamo chiamati, quell'impronta unica e singolare che Dio ha impresso nell'uomo, ca ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Ecco concepirai un figlio e lo chiamerai Gesù
In questa domenica possiamo definire gli atteggiamenti giusti per poter ripensare e rivivere il Natale del Signore. E non possiamo trovare strada miglio­re di quella di Maria: perché è la strada, che Dio stesso ha scelto per venire tra noi. Maria di Nazareth, infatti, è la creatura ideale davanti a ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Video commento a Lc 1,26-38

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
L'angelo del Signore portò l'annunzio a Maria
Ci sono eventi nella storia dell'uomo che segnano come l'inizio della Storia per l'Umanità: un inizio, in questo caso, che ha nome Salvezza. Bisogna risalire alla nostra creazione, quando i nostri progenitori, creati da Dio con il solo fine di partecipare alla Sua felicità per sempre, dicendo "sì" ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Solennità dell'Immacolata
"O Donna bellissima, Maria, attraverso te vogliamo ringraziare il Signore per il Mistero della tua bellezza. Egli l'ha disseminata qua e là sulla terra, perché lungo la strada tenga deste nel nostro cuore di viandanti l'insopprimibile nostalgia del cielo .. Santa Maria, donna bellissima, bellissima ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Maria, la mamma!
Era stata annunciata all'inizio dei tempi: "Porrò inimicizia tra te e la Donna, tra la tua e la sua discendenza, essa ti schiaccerà il capo"; "Ecco una Vergine concepirà e darà alla luce un figlio, che sarà chiamato Emmanuele, Dio con noi". Poi i fatti: "l'angelo del Signore portò l'annuncio a Maria ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
La vera libertà in Maria Santissima
Il card. Comastri riporta alcune affermazioni di Norberto Bobbio, filosofo scomparso alcuni anni fa, un ateo accanito e irriducibile. Egli un gior­no confidò: «La storia rassomiglia a un mattatoio: è una continua catena di guerre e di violenze. C'è un disordine, c'è un'infezione, c'è un germe di fol ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Dicembre 2013)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Davide Arcangeli La risposta di Maria alle parole dell'angelo sembra inizialmente essere dubbiosa. Leggiamo nella traduzione: "com'è possibile, dal momento che non conosco uomo?". Maria sembrerebbe incredula, come era già accaduto a Zac ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 31 Marzo 2008)

Nella luce radiosa del tempo pasquale celebriamo oggi l'inizio della salvezza, quando un angelo bussa alla porta di una ragazza adolescente folle di Dio. È in una minuscola casa di un minuscolo paese addossato ad un declivio roccioso, da cui la gente aveva ricavato nelle grotte naturali de ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
L'incontro, tra dono e responsabilità
(Condivido per questa Solennità, quanto abbiamo meditato insieme ai seminaristi che il giorno dell'Immacolata verranno ordinati Diaconi) Il brano di Vangelo che ascolterete anche il giorno della vostra ordinazione diaconale (anche io ho ricevuto l'ordinazione diaconale il giorno dell'Immacolata e ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 25 Marzo 2010)
La donna della nuova alleanza
Ecco, concepirai e darai alla luce un figlio Linguaggio chiaro e semplice, messaggio ricco e profondo: l'evangelista Luca non si smentisce mai. Ma c'è una domanda che forse ci intriga: chissà cosa deve aver pensato l'illustre Teofilo nel leggere per la prima volta questa pagina che l'amico ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Dire si, vivere e solo poi scoprirne il senso
E' la quarta domenica di avvento e, come quindici giorni fa', il vangelo ci presenta l'Annunciazione. Il vangelo si apre e si chiude con un angelo. Si apre con "In quel tempo l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città"; si chiude con "L'angelo partì da lei". L'angelo è il segno di Dio; rappres ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Il costo di dirgli di sì
La liturgia, l'8 di dicembre, celebra la festa dell'Immacolata. E' una festa difficile da capire. La festa dice: "Maria, in vista di Cristo e della sua nascita, è stata concepita senza peccato originale". Cosa vuol dire per noi tutto questo? Cosa vuol dire che Maria è pura perché doveva nascere, ven ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Gioisci Maria, piena di grazia!
E' la solennità dell'Immacolata Concezione di Maria. Nella Liturgia di questa festa viene proclamato il Vangelo dell'Annunciazione, che contiene appunto il dialogo tra l'angelo Gabriele e la Vergine. "Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te" - dice il messaggero di Dio, e in questo m ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Eppure....
Siamo nel vangelo di Lc. Prima di questo brano c'è l'episodio di Zaccaria (Lc 1,5-25). Zaccaria ed Elisabetta non hanno figli, li vogliono, ma quando Dio annuncia che il loro desiderio è stato soddisfatto Zaccaria si mette a ridere della cosa. E per questo diverrà muto. Desiderare una cosa non è cr ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
MI fido di Te
Oggi la chiesa celebra la festa dell'Immacolata Concezione. Il vangelo, come ogni anno, è quello dell'Annunciazione e cerchiamo di addentrarci un po'. Prima di questo vangelo Dio si era proposto nientemeno che ad un sacerdote: Zaccaria. Zaccaria è un "giusto": i giusti nella Bibbia sono coloro che ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 09 Dicembre 2012)
Lui viene perché tu divenga
Maria e Giovanni Battista sono le due figure che ci accompagnano al Natale. L'8 dicembre e la IV domenica d'Avvento Maria; oggi e domenica prossima il Battista. Giovanni Battista fu una figura fondamentale per Gesù. Fu il suo iniziatore e probabilmente anche un suo discepolo. Storicamente Gesù cons ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Metanoeo
ATTENZIONE: il commento si riferisce a Mt 3.1-12 - 2a domenica di Avvento A mentre oggi la liturgia prevede il Vangelo della solennità dell'Immacolata Concezione. Il capitolo 3 del vangelo di Mt inizia con l'indicazione: "In quei giorni..." (Mt 3,1). E' l'unica volta che in Mt troviamo quest'indi ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Dicembre 2008)

Tra le figure di spicco del percorso di avvento, insieme al Battista e a Giuseppe, troviamo Maria di Nazareth, la protagonista dell'incarnazione, la piccola adolescente capace di contenere l'immesnità di Dio... In ciascuno di noi esiste un piccolo assassino e un violento che impariamo a t ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Dicembre 2008)

O chiave di Davide, che apri le porte del regno dei cieli: vieni, e libera chi giace nelle tenebre del male. Eccoli di fronte. Un arcangelo, il più potente, l'angelo speciale che Dio usa per inviare i suoi messaggi più scottanti, l'arcangelo che suscita timore e la ragazzina, l'acerba adol ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Dicembre 2008)

O Astro che sorgi, splendore di luce eterna e sole di giustizia: vieni, e illumina chi giace nelle tenebre e nell'ombra di morte. Arriva il Natale. Forse non siamo riusciti a prepararci un granché. Pazienza. Dio non ne fa un problema, noi, spesso, sì. Come il re Davide, che, dopo avere con ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Video commento a Lc 1,26-38

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Video commento a Lc 1,26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 25 Marzo 2009)

Oggi rileggiamo l'incontro di un misterioso e garbato angelo che parla alla pari con una ragazzina di Nazareth e scopriamo la grandezza del pensiero di Dio. Perché in quella minuscola casa di questo minuscolo paese accade Dio. Dio sceglie di farsi uomo, parole, lacrime, sorriso, tono di vo ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Dicembre 2009)

Tre figure giganteggiano durante il tempo di avvento: Giovanni il profeta, Giuseppe il giusto, Maria la bella. Oggi, all'inizio del percorso, ci è proposta la fede cristallina e senza macchia dell'adolescente di Nazareth. Maria è immacolata, cioè preservata dal peccato originale: questo di ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Video commento a Lc 1, 26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Come nasce Dio in noi
Far nascere Dio. Farlo rinascere. Lasciare che sia lui a illuminare le nostre vite, le nostre quotidianità, le nostri crisi finanziare previste o meno. Non per fuggire una realtà sempre più tenebrosa, ma per darle un nuovo orizzonte. Abbiamo già sperimentato una vita basata sull'apparenza, sulla c ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Santi e immacolati nell'Amore
Quando il Beato Pio IX, l'8 dicembre 1854 (era un venerdì) proclamava il Dogma dell'Immacolata Concezione di Maria, non stava facendo nulla di così straordinario o avulso dalla mentalità dei cristiani come si potrebbe pensare, dal momento che già da secoli (come lui stesso ricorda nel documento uffi ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Commento Luca 1,26-38
Contesto
Anche per la IV domenica di Avvento il lezionario del ciclo B, dedicato a Marco, prende in prestito il vangelo, questa volta da Luca, proponendo alla nostra meditazione il celebre brano dell'annuncio a Maria della nascita di Gesù ( Lc 1,26-38). Il testo è abbinato alla p ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Commento su Luca 1,26-38
Lectio
L'annuncio a Maria è inserito nei capitoli 1 e 2 di Luca, tutti dedicati ai fatti legati alla nascita e all'infanzia di Giovanni Battista e di Gesù, in un clima che si ispira all'Antico Testamento e alle profezie riguardanti il Messia.
26 Al sesto mese, l'angelo Gabri ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Commento su Lc 1,26-38
Collocazione del brano
L'immacolata concezione di Maria non è un fatto che sia stato narrato nel Vangelo perciò oggi leggiamo insieme il primo brano evangelico in cui si parla di Maria e si vede la sua piena disponibilità a partecipare al piano della salvezza. Questo brano è l'annunciazi ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,26-38
In questo tempo di avvento ci è proposta come modello la madre del Signore. La prima cosa che dobbiamo fare è ricondurla alla Maria dei Vangeli, all'acerba adolescente fidanzata con Giuseppe che riceve da Dio la richiesta di diventare la porta d'ingresso per Dio nel mondo. In quel paesino perso nel ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26 Marzo 2012)
Commento su Luca 1,26-38
A nove mesi dal Natale la liturgia apre una parentesi gioiosa nell'austero cammino di quaresima. Celebrando la festa dell'annunciazione mettiamo insieme i diversi misteri che stiamo per celebrare.
Il Gesù che sta per essere consegnato, quel Gesù che, consapevole di essere un chicco di fr ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Agosto 2012)
Commento su Luca 1,26-38
La festa di Maria regina ci fa sorridere per la sua forza popolare che forse si distanzia dalla nostra sensibilità. Di questi tempi i re non vanno di gran moda e non sono dei grandi esempi di virtù! Ma al di là dell'immagine forse poco efficace, è il concetto che rappresenta ad essere interessante; ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,26-38
Maria dialoga con l'angelo. Ma dai. Solo! Se ieri abbiamo letto l'incontro fra l'angelo e Zaccaria, nella solenne cornice del rinato tempio, vicino al gigantesco altare degli incensi, in un contesto che farebbe tremare i polsi anche al più temerario, qui, invece, è tutta un'altra atmosfera. Certo: l ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Video commento a Lc 1,26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
La ragazza e il profeta
Quest'anno la nostra seconda domenica di avvento si sovrappone alla festa dell'Immacolata Concezione; due fra i personaggi principali dell'avvento, Maria e Giovanni, ci insegnano il corretto atteggiamento dell'attesa. Natale arriva in fretta e corriamo il rischio di non prepararci con verità, a non ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Dicembre 2014)

Eccolo, arriva, il Natale E noi qui a chiederci se lo vogliamo ancora, un Dio così. se abbiamo ancora voglia di metterci in gioco, di svegliarci, di stupirci e di stupire. Dio continua a nascere, a venire, a provocarci, a chiedere ospitalità e accoglienza. Basta che non facciamo il madornale erro ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Aprile 2013)
Commento su Lc 1,26-38
Celebriamo oggi, con qualche settimana di ritardo, la festa dell'annunciazione, convenzionalmente fissata nove mesi prima di Natale. Il richiamo all'inizio dell'avventura di Gesù ci permette di riflettere sulla volontà salvifica che da subito desidera per l'uomo la salvezza. Incarnazione e resurrezi ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Video commento su Lc 1,26-38

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Video commento su Lc 1,26-38

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Commento su Lc 1,26-38
Con un giorno di ritardo celebriamo la festa dell'Immacolata: mettiamo al centro del nostro percorso la piccola Maria.

Luca riprende lo schema delle tante "annunciazioni" presenti nella Bibbia. Poco importa come si siano svolti i fatti: così Luca ce li racconta. E ci stupisce. Non la mogl ...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Dicembre 2013)
Commento su Lc 1,26-38
Maria la bella abita a Nazareth, un piccolo villaggio sulle pendici del mondo, poco più di duecento abitanti fuori dalle rotte commerciali e dai grandi interessi. Nazareth non è mai citata nella Bibbia, primato poco invidiabile! Ma, secondo alcuni studiosi, a Nazareth vivono i Nazirei, una parte dei ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 08 Dicembre 2010)

La festa dell'immacolata, come tutte le feste che riguardano Maria, è anzitutto una festa bella perché ci parla di una persona che ha creduto in Dio ed è vissuta in profonda comunione con lui; questo la rende bella perché Dio è anzitutto bellezza. Il vangelo scelto per parlarcene è quello scritto ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 18 Dicembre 2011)

Entrando nella chiesa molto bella che oggi ricopre la casa di Maria e quindi il luogo dell'annunciazione, mi domandavo perché questo luogo è considerato cosi importante. Certamente è bello contemplare la disponibilità di Maria al progetto che l'angelo le illustra. Maria si stupisce, fa domande, ma ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
La Madonna fa la lavatrice: quanto bella sei!?
Ogni volta che la guardo, m'incanta. Dorme pochissimo, lavora all'inverosimile, attende tantissimo. Dall'aurora al tramonto inanella una serie impressionante di azioni, degna delle migliori prestazioni atletiche: pulisce, lava, cucina, prepara, stira, sbraita, s'arrabbia, s'addolcisce, telefona, gui ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Commento su Luca 1,26-38
"Entrando" nella casa dove abitava Maria, l'angelo Gabriele le disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te» (Lc 1,28). Le parole dell'angelo rivelano alla Chiesa che in Maria si compie anticipatamente l'evento di Pasqua, la morte e la risurrezione di Cristo, nel senso che ella è present ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Un rinnovato segno di Grazia
Poche feste hanno una collocazione così felice nell'anno liturgico come la "solennità dell'Immacolata Concezione della B.Vergine Maria": così la festa odierna è chiamata nel calendario ecclesiastico. Nell'Immacolata Dio ci pone davanti la caparra della nostra salvezza, cominciata il giorno in cui l ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Nella vita quotidiana Dio parla il linguaggio della gioia
L'annunciazione si apre con l'e­lenco di sette nomi propri di luoghi e persone (Gabriele, Dio, Galilea, Nazaret, Maria, Giuseppe, Da­vide) per indicare, attraverso il numero sette che simboleggia la pienezza, la to­talità della vita. Non ai margini, ma al centro della vita Dio viene, come even­to e ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Con lo sguardo alla Madre
Il cammino dell'Avvento si intreccia e coincide con il cammino di Maria, Terra di Avvento. Come attendere il Signore? Come accogliere il Signore? Come portarlo nella mente, nel cuore e nel grembo? Andiamo alla scuola di Maria benedetta per accogliere il Frutto benedetto del suo seno. Impariamo da ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Dio ci chiama ad aprirci alla gioia
Il Vangelo di Luca sviluppa il racconto dell'annuncio a Maria come la zoomata di una cinepresa: parte dall'immensità dei cieli, restringe progressivamente lo sguardo fino ad un piccolo villaggio, poi ad una casa, al primo piano di una ragazza tra le tante, occupata nelle sue faccende e nei suoi pens ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Sulla Tua Parola - Lc 1, 26-38

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Video commento su Luca 1,26-38

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 08 Dicembre 2010)

In questa settimana la Chiesa celebra la Solennità dell'Immacolata Concezione, ossia di come avremmo potuto essere tutti dal concepimento se... i nostri progenitori non avessero ceduto alla tentazione della superbia, macchiandosi quello che chiamiamo peccato originale: la spina che ci portiamo addos ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Video commento su Luca 1,26-38

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
#StradeDorate - Commento su Lc 1,26-38

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Tutta bella sei, o Maria
Quest'anno la Festa dell'Immacolata coincide con la II Domenica di Avvento, ma la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha concesso che la solennità dell'Immacolata Concezione della beata Vergine Maria possa essere celebrata in tutte le Diocesi d'Italia nel giorno proprio, ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
La Parola - commento a Lc 1,26-38

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
La Parola - commento a Lc 1,26-38
Commento a cura di suor Lucia Scerra, delle Suore della Divina Volontà.

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Maria Immacolata donna d'Avvento
Se non celebrassimo la solennità di Maria Immacolata mancheremmo di attribuire splendore e risalto al tempo di Avvento che abbiamo appena iniziato ad intraprendere. L'inizio del nuovo Anno Liturgico ci ragguaglia infatti che noi ci troviamo nella fervorosa attesa di Qualcuno che sta per venire, del ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Un Avvento prettamente mariano
Mentre abbiamo iniziato il percorso dell'attesa e della speranza per il quale andiamo incontro con sollecitudine al Signore che viene, ecco che il nostro itinerario viene incoraggiato da una figura illuminante e persuasiva, che ci si offre come archetipo, sprone e motivazione. Maria ha vissuto infat ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Alle porte del Mistero
Il Signore annuncia a Davide, per mezzo del profeta Natan, che si adempiranno le antiche promesse di liberazione e di salvezza per mezzo di un discendente che uscirà dalle sue viscere, che avrà dimora in mezzo al suo popolo e che consoliderà il Regno stesso di Davide. Una promessa rassicurante che i ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Una donna decisa in tempo di avvento
"Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo". Con queste parole l'angelo Gabriele, il cui nome significa "forza di Dio", annuncia a Maria quale sarà il suo prossimo avvenire, delineandole la novità assoluta (per lei) di un parto s ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Il Kekaritomène e l'Avvento
Straordinariamente quest'anno la II Domenica di Avvento viene concessa alla Concezione Immacolata della Vergine e questo ci da' l'occasione di ravvivare ulteriormente il tempo dell'attesa del Signore, perché appunto la "Piena di grazia" ci esorta al rinnovamento interiore e alle aspettative della gi ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Immacolatezza e aspirazioni umane
Giovanni Battista viene esaltato da Gesù come l'uomo più perfetto: "Fra i nati di donna non vi è alcuno più grande di Giovanni" (Lc 7, 26), destinato a diventare appunto il più importante degli uomini per la sua missione di precursore del Messia. Giovanni però era stato soggetto al peccato di Adamo? ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Vero Dio e vero uomo per noi
Maria ci si ripresenta adesso, alla vigilia del suo parto prodigioso, dopo che ci si era proposta alla nostra riflessione come Vergine Immacolata. E infatti è proprio il prodigio della purezza di questa donna il vero protagonista del Natale, perché la grandiosità dell'evento di Betlemme risiede nel ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Con Maria Dio è il Veniente
Avvento vuol dire venuta di Dio non soltanto nella celebrazione liturgica del 25 Dicembre, ma anche e soprattutto nella prospettiva di vita passata, presente e futura. Noi attendiamo infatti la venuta di un Dio misericordioso che è già venuto una volta nell'incarnazione di Cristo oltre duemila anni ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Donna di conversione, di fede... di Avvento
Mentre ancora riflettiamo sulla figura e sul messaggio di Giovanni Battista, che alcuni giorni fa ci invitava alla conversione, oggi apprendiamo che questo itinerario spirituale ci viene facilitato dalla presenza e dall'intercessione della Vergine Maria. Nel tempo di Avvento infatti Maria compare co ...
(continua)
don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Immacolato io? Ma mi faccia il piacere!
Maria ha trovato grazia presso Dio. Lei, l'immacolata donna concepirà l'Immacolato. Questo mistero grandioso ci invita oggi a rendere grazie a Dio per la sua "grazia" che si è riversata su Maria. Immacolatezza è essere sempre di Dio. Anche io sono un "immacolato" se sono di Dio. Il battesimo prima, ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Audio commento su Luca 1,26-38
"...Quando le strade del Signore ci appaiono difficili, non paganti, perdenti rispetto a quelle che l'inganno degli occhi e la grancassa luccicante e fragorosa dei mass media ci fanno sembrare buone, belle e desiderabili, non dimentichiamo che Maria è pronta a correre da noi, come da Elisabetta, per ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Maria è la strada diritta
La liturgia è come la Bibbia. Non ci parla per concetti, per ragionamenti complicati, ma con gli avvenimenti e i personaggi. Ed ecco Maria che ci viene proposta come colei che ha raddrizzato la strada al Signore nel modo più alto e generoso,"schiacciando la testa al serpente" in modo risoluto e defi ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
La casa di Dio non ha pareti
Davide, così come ci racconta la Scrittura, vorrebbe costruire un tempio per il Signore che si trova in una precaria tenda, come dai tempi dell'Esodo. Dietro questo desiderio di costruire un luogo sacro per Dio ci sta forse una inconscia volontà di delimitarlo e controllarlo, arrivando a pensare che ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce
Mentre si avvicina il Natale, la liturgia ci viene incontro con questa festa in onore della Madre di Gesù. La Vergine Maria diviene per noi un esempio di come vivere questo tempo di Avvento, di come attendere il Signore che sta per nascere in mezzo a noi. Il Vangelo di Luca ci presenta una ragazza d ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Commento su Immacolata Concezione
Introduzione
Abramo concepì Isacco per la fede nella promessa di Dio "e divenne padre di molti popoli" (cf. Rm 4,18-22). Ugualmente Maria concepì Gesù per mezzo della fede. La concezione verginale di Gesù fu opera dello Spirito Santo, ma per mezzo della fede di Maria. È sempre Dio che op ...

(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Commento su Lc 1,26-38
Introduzione
Dopo la testimonianza di Giovanni Battista, ecco la testimonianza di Maria, madre di Dio, che ha serbato preziosamente in cuor suo le grandi cose che il Signore aveva fatto per lei. Il concepimento verginale di Cristo, così chiaramente esposto nel vangelo di oggi (Lc 1,34-35 ...

(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 18 Dicembre 2011)

Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre ... quel re che quando si fu stabilito nella sua casa e viveva nel riposo sentì di dover costruire una casa per il Signore. Se Lui abitava una casa di cedro, non poteva permettere che il Signore restasse sotto una tenda. Un desiderio sincero e nob ...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
La sua ombra
Tota pulchra es, Maria... parole che nei secoli hanno elevato i cuori a Maria, l'unica creatura capace di estrarre dal tuo cuore l'attrazione per il candore della vita, la nostalgia dell'innocenza interiore e il desiderio di una trasparenza senza ombre. La festa di oggi ci riconduca sui sentieri ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Un cuore puro come Maria
La solennità dell'Immacolata Concezione richiama alla nostra attenzione uno dei valori fondamentali della vita etica cristiana: la purezza del cuore e dei sentimenti. Maria, preservata dal peccato originale e da tutti i peccati, per un singolare privilegio in vista della redenzione di Cristo, è un m ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Marzo 2011)

Dalla Parola del giorno Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Come vivere questa Parola? il Vangelo di oggi parla di un momento decisivo per la storia dell'umanità, ha inizio una realtà straordinaria: le nozze fra Dio e ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Tutta bella sei Maria
La solennità dell'Immacolata concezione è sicuramente tra le feste mariane più sentite dal popolo di Dio e più vissuta da piccoli e grandi. Sicuramente la bellezza spirituale della Madonna porta quasi istintivamente a rivolgerci a Lei, Madre di Dio e Madre della Chiesa, soprattutto nei momenti diffi ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Maria, sorriso di Dio
Quando si rivolge lo sguardo ad un'opera d'arte, bellissima, ti viene spontaneo il sorriso di gratitudine e di gioia. In questo giorno della solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria è legittimo pensare che quando Maria è stata concepita, il sorriso di Dio si è acceso su quella ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù
Al centro della parola di Dio di questa quarta domenica di Avvento c'è una persona a noi molto cara e alla quale ci appoggiamo sempre, ma soprattutto nelle difficoltà: e' la Beata Vergine Maria. Alla vigilia del Natale, la liturgia ci dice con chiarezza che Maria è il tramite immediato, anche tempor ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Maria Immacolata, Madre di misericordia e di perdono
La solennità dell'Immacolata Concezione di quest'anno 2015 assume un particolare significato per tutti i cristiani e per quanti, anche al di fuori della religione cristiana, venerano la Vergine Santissima. E' una festa speciale, in quanto oggi inizia il Giubileo della Misericordia, indetto da Papa F ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Tutta bella sei Maria, madre della purezza e della tenerezza
Tutta bella sei Maria, macchia di peccato non è assolutamente in te, per un singolare privilegio che il Signore ha riservato a te, umile ancella, in vista della nascita del Redentore. Proprio perché sei senza peccato originalle e lontana da ogni altro peccato, tu per noi sei la madre della purezza e ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20 Dicembre 2012)
Commento su Quarta Antifona Maggiore
O Chiave di Davide, scettro della casa d'Israele, che apri e nessuno può chiudere, chiudi e nessuno può aprire: vieni, libera l'uomo prigioniero che giace nelle tenebre e nell'ombra di morte. Quarta Antifona Maggiore
Come vivere questa Parola?
Chiave e scettro: due ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Aprile 2013)
Commento su Luca 1,26-27
Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria Lc 1,26-27
Come vivere questa Parola?
Siamo nell'ora più sole ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20 Dicembre 2014)
Commento su Lc 1, 38
«Allora Maria disse: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". E l'angelo si allontanò da lei».
Lc 1, 38

Come vivere questa Parola?
Il Vangelo di questa feria di Avvento ci riporta il celebre brano dell'Annunciazione a Maria, molto conosciuto e ch ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Commento su Lc 1, 28
«Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te».
Lc 1, 28

Come vivere questa Parola?
Gioisci, Amata da Dio, non sei più sola: Lui è con te! Parole rivolte a Maria, ma rivolte anche a ciascuno di noi, da quando la Bella Notizia del Vangelo è entrata nella nostra vita. ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04 Aprile 2016)
Commento su Lc 1,27-29
«Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo».
Lc 1,27-29

Come vivere questa Parola?
La Vergine, al cui nome ha vibrato la voce di poeti e di artist ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Commento su Lc 1,30
«L'angelo le disse: Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio».
Lc 1,30

Come vivere questa Parola?
"Non temere" è una tra le più comuni rassicurazioni che l'uomo può esprimere. Fa parte dell'esperienza comune constatare quanto lo stato di timore convive dent ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20 Dicembre 2016)
Commento su Lc 1, 38
«Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola».
Lc 1, 38

Come vivere questa Parola?
Davanti a Dio che parla non possiamo rimanere zitti. Bisogna rispondere, è urgente rispondere.
Dio parla sempre, la nostra vita è piena dei suoi messaggi di amore, ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Marzo 2017)
Commento su Lc. 1,26-29
"Al sesto mese l'Angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea chiamata Nazaret a una Vergine promessa sposa a un uomo della casa di Davide chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da Lei disse: Rallegrati, piena di Grazia, il Signore è con te. A queste parole ella ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Dicembre 2010)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Benoni Ambarus Celebriamo oggi come comunità ecclesiale il mistero dell'Immacolata Concezione di Maria; e con questo intendiamo che Maria entra, prima ancora del Battesimo nel nome della Trinità, sotto l'effetto dello stesso Battesimo. Lei, fin dal ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Dicembre 2011)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Rocco Pezzimenti Celebriamo oggi come comunità ecclesiale il mistero dell'Immacolata Concezione di Maria; e con questo intendiamo che Maria entra, prima ancora del Battesimo nel nome della Trinità, sotto l'effetto dello stesso Battesimo. Lei, fin da ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 18 Dicembre 2011)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di padre Gianmarco Paris La liturgia ci propone un itinerario, un cammino fatto a tappe, con i suoi momenti di preparazione e di conclusione: l'obiettivo, che si rinnova ogni anno, è entrare sempre più in profondità nel mistero di Cristo, o - che è la ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Dicembre 2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Paolo Matarrese "la bellezza salverà il mondo", questa celebre frase di Dostoevskij ci aiuta ad entrare in questa solennità dell'Immacolata Concezione. La bellezza infatti è la capacità di incarnare e vivere il dono che Dio ci ha fatto cr ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Commento su Lc 1,26-38
"Eccomi, sono l'ancella di Dio, in me si compia la tua parola". Tu sei la terra obbediente, Maria, la creazione che ama e adora. Tu sei la figlia fedele di Sion, radice santa che genera il fiore da tutti atteso invocato sperato, fiore di luce nel nostro deserto. Così la Chiesa ogni giorno rip ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Dicembre 2014)

Uno dei cristiani più suggestivi di questo nostro secolo, padre Charles De Foucauld, ha scritto: «Non appena ho creduto che c'era un Dio, ho capito che non potevo far altro che vivere per lui». Una logica implacabile, vertiginosa, che ci assicura che il Padre ci ama, che anche se il nostro cuore ci ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Un Dio in cerca di famiglia
COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Padre Gianmarco Paris La quarta domenica di Avvento segna l'ultima tappa del cammino che ci porta a celebrare l'incarnazione di Dio. La pagina evangelica che dà il tono a questa domenica ci presenta la scena del dialogo tra l'angelo Gabri ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Dicembre 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Ottavio De Bertolis "Dove sei?": questa è la prima parola rivolta all'uomo che Dio pronuncia. Si potrebbe dire che tutto ciò che viene dopo questo versetto, quindi tutta quanta la Scrittura, ne è un prolungamento, e come una conseguenza. ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 08 Dicembre 2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Alvise Bellinato PREPARIAMOCI A DIRE "SÌ" Oggi, mentre celebriamo la festa di Maria, attualmente conosciuta nell'Occidente cristiano come la festa dell'Immacolata Concezione e nell'Oriente cristiano come la Maternità di S. Anna, vorr ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Commento su Lc 1,26-38
Per annunciare la nascita di Giovanni l'angelo Gabriele va al tempio di Gerusalemme; per quella di Gesù va a Nazaret, terra secondaria e luogo dove finora "non era sorto alcun profeta". Dio sceglie ciò che è umile. La legge dell'incarnazione resta sempre quella del "Carmen Christo", l'inno Cr ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Commento su Lc 1,26-38
Prima di Maria, mai una donna è stata salutata così da Dio. Un saluto nuovo e inaudito perché tale è la novità portata agli uomini dal concepimento e dalla nascita di Gesù. Maria resta turbata, come e più di Zaccaria nel Santuario all'apparizione dell'angelo. Maria è turbata dalla parola più ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Commento su Lc 1,26-38
La solennità dell'Immacolata cade nel periodo di Avvento-Natale, unendo l'attesa del Messia e della salvezza con la venuta di Cristo nella carne dell'uomo e incastonando fra loro la memoria della Madre, la tutta santa. Il Vangelo di oggi mette in relazione la maternità verginale di Maria con ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 08 Dicembre 2013)

Quello di Maria è il primo "Sì" a Dio. Lei è l'umanità nuova, la Chiesa. Vale anche per noi, figli suoi: ogni volta che diciamo "Sì" a una parola del Vangelo, questa diventa carne della nostra carne. L'annunciazione a Zaccaria (marito di Elisabetta e padre di Giovanni il Battista) e ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 21 Dicembre 2014)

Una donna salutata da Dio. Un saluto portato da un angelo. Una novità assoluta e unica nella storia. Ancor più il contenuto del messaggio: Dio è con te e per questo tu sei traboccante della sua grazia. Tutto questo invita a riconoscere la sconfinata novità che è il concepimento e il natale di ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 08 Dicembre 2014)

Una vergine (parthenos). Si può discutere quanto si vuole, ma nel Vangelo è incastonata, come nella roccia, questa perla: l'angelo del Signore fu mandato da Dio a una vergine"; così comincia il Vangelo della festa dell'Immacolata Concezione. Dio ha scelto la verginità per rifare un nuovo iniz ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 08 Dicembre 2015)

Mai, prima di Maria una donna è stata salutata così da Dio. Un saluto inaudito che annuncia l'assoluta novità portataci da quel concepimento e dalla nascita di Gesù. Maria è scossa da questa parola che l'ha raggiunta nella sua casa, perché le dà peso e si chiede cosa vuole dirle questo saluto ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 20 Dicembre 2010)
Ti saluto, Maria!
Tutta la nostra attenzione oggi è rivolta sulla visita che l'Angelo Gabriele fa alla vergine Maria a Nazaret. Di questa ragazza non sappiamo nulla e i vangeli tacciono completamente sia della famiglia sia della sua età o condizione sociale. I vangeli apocrifi ci informano sui genitori, Gioacchino ed ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 25 Marzo 2011)
Solennità dell'Annunciazione
Ci torna spontaneo quest'oggi il ricordo del primo peccato. Facciamo memoria della triste situazione che ha coinvolto l'umanità intera, lontana da Dio e priva di grazia. Ci giunge come un annuncio di gioia il saluto che l'Angelo porge a Maria, lo sentiamo anche nostro. Una umile fanciulla viene fina ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
La fedeltà di Dio nel candore della Madre
La prima lettura di questa solennità, in cui celebriamo "La piena di Grazia", la Vergine Immacolata, ci riporta al momento tragico di quel "principio", quando l'uomo e la donna, creati a immagine di Dio, quindi perfetti nella loro specie e felici nell'habitat che il buon Dio aveva loro assegnato, tr ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
La Vergine concepirà
Talvolta per noi, legati alla fugacità del tempo, pare che le profezie e con esse le promesse divine, quasi si perdano e svaniscano nel buio, come fossero dimenticate e inghiottite dagli eventi degli uomini. Altre volte, per i limiti insuperabili della intelligenza umana, perfino l'avverarsi delle s ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 20 Dicembre 2011)
"Eccomi"!
Lo sguardo misericordioso di Dio Padre, dopo aver visto lo stato miserevole in cui la nostra umanità si era ridotto, si posa sull'uomo fuori del paradiso terrestre, nudo, spaurito e sfregiato gravemente dal peccato e preannuncia la redenzione e la vittoria della Vergine sull'antico avversario. Dio, ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
La festa in cielo
Sono due i motivi che ci inducono a rassicurare la nostra vita in mezzo alle vicende a volte piene di dubbi e incertezze: Dio mi vuole salvo. Egli non gode della mia dannazione eterna, né del mio abbandono del suo amore. Se dovessi smarrirmi nella vita, egli viene a cercarmi come farebbe un buon pas ...
(continua)
Suor Giuseppina Pisano o.p.     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
L'Immacolata: il portale principale da cui entrerà nel mondo il Figlio di Dio redentore
"Sia benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo... in Lui ci ha scelti, prima della creazione del mondo, per essere santi e immacolati, al suo cospetto, nell'amore..."(Ef 1); questo ci ricorda oggi Paolo, nel passo della Lettera agli Efesini che la liturgia eucaristica propone come seconda ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Non temere
A metà del nostro cammino di Avvento, la liturgia sapiente della Chiesa ci invita ad una sosta in compagnia di Maria. Lei, donna dell'attesa e dell'accoglienza, è modello del discepolo che si prepara alla venuta del Signore. La solennità dell'Immacolata è un invito forte a mettere al centro della n ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Non temere
A metà del nostro cammino di Avvento, la liturgia sapiente della Chiesa ci invita ad una sosta in compagnia di Maria. Lei, donna dell'attesa e dell'accoglienza, è modello del discepolo che si prepara alla venuta del Signore. La solennità dell'Immacolata è un invito forte a mettere al centro della n ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Maria di Nazareth
Ultima domenica prima di Natale. Ormai ci siamo, mancano pochi giorni e poi saremo tutti lì, davanti al presepe per contemplare quel cucciolo d'uomo, il piccolo Gesù, il Figlio di Dio. Oggi la liturgia ci fa puntare tutta la nostra attenzione su Maria di Nazareth e ci butta indietro di nove mesi. ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 18 Dicembre 2011)

Siamo giunti alla quarta Domenica d'Avvento, cioè alla quarta settimana di attesa, attesa di Gesù che nasce, di Dio che si fa vicino a noi. Come viviamo questa attesa? Cosa davvero attendiamo, magari che la nostra vita sia più ricca? Oppure che finalmente una nostra preghiera sia esaudita dal Signor ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 08 Dicembre 2013)

Un vangelo, quello di oggi, ascoltato tante e tante volte. Si legge nella festa di Maria Immacolata. Le feste cristiane non servono solo a onorare, lodare, a riconoscere le cose grandi che il Signore compie nelle persone come Maria e i santi, non servono solo a riconoscere il loro impegno per rispo ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 21 Dicembre 2014)

Il Vangelo di oggi lo conosciamo molto bene, perché lo ascoltiamo uguale tutti gli anni. Proprio perché lo ricordiamo così bene, corriamo il rischio di dedicargli poca attenzione: tanto sappiamo già cosa succede! Se ve lo domandessi, in poche parole mi sapreste fare il riassunto. In realtà bastano ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 08 Dicembre 2015)

Ogni anno rileggiamo questo Vangelo e c'è il rischio di farci l'abitudine. Quando sappiamo già di cosa parla un testo, rischiamo di metterci poca attenzione, di lasciarci sfuggire tante sfumature e dettagli, perché "il succo" del discorso lo conosciamo. Si finisce con il leggere in fretta, oppure c ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 08 Dicembre 2016)

Oggi è una festa grandissima: la festa di Maria Immacolata. Penso che tutti voi sappiate che cosa significa la parola "immacolata": significa un qualcosa che è senza macchia, perfettamente bianco, pulito, candido. Forse l'avete sentita dire dalla mamma quando, ad esempio, togliendo dalla lavatrice ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
La Parola e la Casa
Ancora stupiti dall'ascolto domenicale, che ci ha consegnato una volta di più il volto di un Dio che spiazza e che ribalta i criteri prettamente umani (l'incontro tra la Parola di Dio e l'uomo non avviene in luoghi speciali, particolari ma poveri, inconsueti), ci poniamo in ascolto dei brani che la ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Video commento a Lc 1, 26-38


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Le emozioni di Maria
Clicca qui per la vignetta della settimana Rallegrati Maria! Le lacrime improvvise del ministro Elsa Fornero con la parola che viene strozzata improvvisamente sulle labbra durante la presentazione del decreto "salva-Italia", ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
La casa di Dio non ha pareti?
Clicca qui per la vignetta della settimana
"o signore dell'universo ascolta questo figlio disperso che ha perso il filo e che non sa dov'e' e che non sa neanche piu' parlare con te..."
Inizia c ...

(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
La nostra umanità è ferita dal peccato
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Per dire "si" non bastano 5 minuti
Clicca qui per la vignetta della settimana. Quanto è durato questo incontro tra l'angelo e Maria? L'evangelista Luca ce lo racconta in modo breve ed essenziale, come dev'essere un racconto scritto o anche cinematografico, dove i ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Il mistero nascosto ora è rivelato
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Immacolata, credente, docile, obbediente... e sopratutto umana
Clicca qui per la vignetta della settimana. Immacolata...
Con questo aggettivo così solenne e particolare la Chiesa ci invita a guardare a Maria nella solennità a lei dedicata nel mezzo del cammino dell'Avvento, un c ...

(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Dio ci ha scelti per essere santi e immacolati
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
La strada in salita
Clicca qui per la vignetta della settimana. Per scendere tra gli uomini, Dio ha scelto una strada tutta in salita. Ma si è rivelata la strada migliore, quella preferita da Dio. Già Nell'annunciazione narrata da Luca vediamo le ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Anche noi chiamati ad essere santi e immacolati
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Daniele Muraro     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Vincere il male
È motivo di consolazione e di grande speranza contemplare in Maria santissima la donna restituita alla Grazia, la creatura nella sua felicità primitiva e nella sua fioritura finale. Ineffabilmente intatta perché madre di Gesù Cristo, lo sguardo rivolto verso di lei trova le vie del cuore e fa sgorga ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Una tenda, una casa, un cuore
Mille anni prima di Cristo, nella terra d'Israele, accadde una serie di eventi che portarono un semplice pastorello a divenire il re del suo popolo. E' il grande Davide, di cui parla la prima lettura (2Samuele 7,1-16): conquistata Gerusalemme e costruitasi la propria reggia, egli si mise in animo di ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Il Signore è con te

(continua)

don Luca Orlando Russo     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
«Eccomi, sono la serva del Signore»
Sullo sfondo di questo brano evangelico ci sono non pochi riferimenti all'Antico Testamento e, in particolare, a storie molto note della tradizione veterotestamentaria. La storia che ci viene descritta nella prima lettura dà la prospettiva alla solennità odierna. Maria risalta per il contrasto che s ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 09 Dicembre 2012)
Avvento, ovvero costruire autostrade
"Nell'anno quindicesimo dell'impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea e Filippo, suo fratello, tetrarca dell'Iturea e della Traconitide, e Lisania tetrarca dell'Abilene, sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa', la parola di Dio venne su ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Avvenga per me secondo la tua parola
Il testo dell'Annunciazione, nella teologia di Luca e dell'intera tradizione biblica, non lascia dubbi: Colui che è annunciato ha delle caratteristiche uniche. La stessa scelta di Dio che ricade su Maria, una ragazza vergine, ha una suo significato. Maria, a differenza di Elisabetta o di Sara, mogli ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Una festa rivelatrice di un piano grandioso
La serie delle domeniche di Avvento si interrompe, per la coincidenza della seconda con la solennità dell'Immacolata. Peraltro, questa festa non modifica il senso e lo spirito dell'Avvento, in cui anzi si iscrive benissimo: il tempo che precede il Natale richiama anche i fatti che hanno preceduto la ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Il Natale significa riflettere sulla libertà
La prima lettura cita la promessa fatta a Davide, che il suo regno non avrebbe avuto fine: promessa adempiuta con Gesù, discendente di Davide e Re per sempre. Nel tempo di Avvento, che precede la celebrazione del Natale, la liturgia richiama questo e i tanti altri eventi che hanno preparato l'ingres ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 13 Dicembre 2015)
Da Dio all'uomo Dall'uomo ai suoi simili
Dopo il papa in San Pietro lo scorso martedì, oggi tutti i vescovi del mondo aprono la Porta Santa nella rispettiva cattedrale. E' un gesto per dire, nell'anno della misericordia, che la misericordia di Dio abbraccia il mondo intero, l'intera umanità. La misericordia su cui questo anno santo richia ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18 Dicembre 2011)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Audio commento a Lc 1,26-38
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Non temere, Maria: hai trovato grazia presso Dio
Il racconto dell' "Annunciazione" dell'Angelo a Maria, che leggiamo nella quarta domenica di Avvento (Lc.1,26-38) è certamente uno dei brani evangelici più noti, dei più letti nella Liturgia, dei più studiati e commentati dagli antichi Padri della Chiesa e dagli esegeti moderni eppure la sua ricchez ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Rallegrati, piena di grazia!
La festa dell'Immacolata Concezione di Maria, si colloca molto bene nel tempo liturgico dell'Avvento nel quale siamo invitati a risvegliare in noi lo stupore per un Dio che viene in noi, nella nostra vita, nella nostra storia con un amore che supera ogni nostro desiderio. Maria ha vissuto in pienez ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Il Signore è con te
Siamo in cammino verso Betlemme. Come i personaggi del presepe presenti che cominciamo a mettere il giorno dell'Immacolata. Da bambini si giocava spesso a spostare i personaggi più o meno vicino alla capanna... fino alla notte santa quando tutti erano vicini simbolicamente. Tutti erano lì, compresi ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Rallègrati, piena di grazia
Il brano evangelico dell'odierna liturgia è di fondamentale importanza per la nostra fede, perché contiene una sorta di sintesi di Cristologia e mariologia, che rischia di passare inosservata, se ci lasciamo troppo affascinare dalla bellezza letteraria e accattivante del racconto, non a caso uno dei ...
(continua)
Ileana Mortari - rito ambrosiano     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Rallègrati, piena di grazia
Il brano evangelico dell'odierna liturgia è di fondamentale importanza per la nostra fede, perché contiene una sorta di sintesi di Cristologia e mariologia, che rischia di passare inosservata, se ci lasciamo troppo affascinare dalla bellezza letteraria e accattivante del racconto, non a caso uno dei ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Video commento su Lc 1,26-38

...
(continua)

padre Fernando Armellini     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Video commento su Lc 1,26-38

...
(continua)

padre Fernando Armellini     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Video commento su Lc 1,26-38

...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Accendiamo le nostre anime
In Avvento, ci sono tre personaggi tipici che ci aiutano a preparare la venuta del Signore: Isaia, il profeta lontano, vissuto circa 7 secoli prima del Messia, che lo annuncia da molto lontano; Giovanni Battista, il profeta vicino, che lo indica come già presente e ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
L' Onnipotente per grazia

In questo inizio di Avvento e precisamente nella seconda domenica, noi cattolici celebriamo Maria Santissima e la celebriamo come Immacolata Concezione, cioè come Colei che ha dato inizio alla nostra storia di redenti.

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
L'Angeli Gabriele appare alla Vergine Maria e la invita a rallegrarsi. Perché Maria deve rallegrarsi? Qual è il motivo di tanta gioia che deve sprigionarsi dal suo cuore e invadere l'umanità intera? I motivi sono tanti. Perché Maria è piena di grazia. La grazia è Dio. Maria è piana di Dio nella sua ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Dove sei?
"Dove sei, Dio?". Quante volte, con la bocca o anche solo nel nostro cuore, ripetiamo o addirittura urliamo questa frase al cielo. E ne abbiamo ben di che pronunciarla... è sufficiente aprire le pagine di un quotidiano, ascoltare i titoli di un notiziario radio televisivo, navigare in internet, per ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Il cammino di fede di Maria
Ci avviamo in maniera decisa verso la conclusione del cammino di preparazione al Natale. In una sorta di particolare coincidenza, come già era avvenuto per la Pasqua di quest'anno, celebrata molto avanti nel calendario e quindi lasciandoci tutto il tempo per assimilare bene il cammino di penitenza q ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Assumiamoci le nostre responsabilità!
Uno degli atteggiamenti che mi pare abbastanza ricorrente nel nostro modo di fare è quello di evitare di assumerci le nostre responsabilità di fronte agli errori commessi o agli insuccessi nelle attività che svolgiamo. A volte non lo facciamo nemmeno con cattiveria: ci viene quasi spontaneo dire "No ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
No, il male non ce la fa...
Il male è l'eterna insidia dell'umanità. Se vogliamo rileggere la storia di un popolo attraverso i secoli, in ogni epoca avremo sempre due costanti: l'uomo e il male. È assurdo pensare di costruire la storia dell'umanità a prescindere dall'umanità stessa; e so bene quanto un'affermazione simile sia ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Una dimora per Dio? Ci pensa lui
C'erano una volta i papà che costruivano le case per i loro figli. No, non è una favola che inizia bene e finisce ancora meglio, e neppure riguarda la categoria dei cosiddetti figli di papà: è la realtà di ciò che avveniva in molte famiglie del ceto medio fino a una quindicina di anni fa. Molti geni ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Dicembre 2010)
Colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio
Nessuno potrà mai celebrare con santità il Natale se non entra nella sua verità. Questa verità deve essere posseduta in pienezza, alla perfezione. Niente ci deve sfuggire di essa. Tutto invece deve essere conosciuto. Oggi invece si constata la grande ignoranza. Non solo. Molti addirittura negano la ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù
Giovanni il Battista è l'ultima e la più grande opera di Dio dell'Antico Testamento. La Vergine Maria invece è la prima e la più grande opera del Signore per tutto il Nuovo Testamento. Giovanni il Battista chiude l'Antica Alleanza, la Vergine Maria inizia il Nuovo Patto, non per suo merito, ma in pr ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
La potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra
Abramo è fortemente preoccupato. Deve dare al figlio Isacco una sposa fedele al suo Dio. Non può lui sposare una donna idolatra, che vive nell'ignoranza del vero Dio. Abramo era ormai vecchio, avanti negli anni, e il Signore lo aveva benedetto in tutto. Allora Abramo disse al suo servo, il più a ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
La Vergine Maria è salutata dall'Angelo Gabriele con delle parole che nessuno mai, neanche in Paradiso, riuscirà a cogliere in tutta la loro portata di verità, luce, essenza divina. Sono parole sulle quali si potrà meditare per l'eternità, senza mai afferrarne tutto il loro significato, la realtà in ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Marzo 2011)
Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola
Una giovane donna, di uno sperduto villaggio di questo mondo, viene messa dinanzi ad un mistero eterno che deve compiersi nella sua vita. Lei dovrà essere la Madre del Figlio dell'Altissimo. Il Figlio di Dio dovrà prendere carne e sangue nel suo seno. Dovrà in Lei farsi uomo. Il Figlio di Dio in Lei ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
"Rallègrati, piena di grazia". Sono queste le prime parole in assoluto con le quali viene presentata all'universo visibile ed invisibile la Vergine di Nazaret. Ella è invitata a rallegrasi, non perché è piena di grazia e neanche perché "il Signore è con te" - sono queste le secondo parole di annunci ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo
Sappiamo che Gesù è Figlio di Davide, Figlio di Abramo. Ma è solamente questo o è ben altro, infinitamente altro? Il Vangelo che siamo chiamati a meditare in questo giorno ci rivela qual è la vera origine di Gesù e come è avvenuto il suo concepimento. Ogni uomo viene al mondo da un padre e da una m ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Dicembre 2011)
Concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù
La Vergine Maria è donna umile, nascosta, silenziosa, la storia non conosce nulla di Lei fino al momento in cui l'Angelo va a visitarla. È come se non esistesse. Se poniamo bene attenzione, di molti personaggi dell'Antico Testamento, dopo Abramo, conosciamo tutto fin dalla loro nascita e di tanti an ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Disponibili per l'accoglienza
"Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola" (Lc 1,38). Così la Vergine Maria risponde all'annuncio dell'angelo riguardo la sua futura gravidanza. Il fiat di Maria lascia trasparire il suo desiderio, la gioia, di abbandonarsi al volere di Dio: dunque, lei è la prima a credere a ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
La Parola che "avviene"
«Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te» Il Dio lontano, inaccessibile è diventato il Dio con te: l'infinito si è fatto finito, l'eterno è diventato tempo. Rallegrati Maria, ogni desiderio umano di raggiungere Dio, ogni aspirazione di diventare come lui - origine di tanto peccato ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
La vergine si chiamava Maria

La Vergine Maria è salutata dall'Angelo: "Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te". Mai prima d'ora si era sentito nella Scrittura Santa un saluto come questo. Qualcuno è stato salutato: "Il Signore è con te". Nessuno mai è detto "pieno di grazia". Ora l'angelo del ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Dicembre 2012)
La vergine si chiamava Maria

Quando oggi avviene nella casa di Nazaret non si potrà mai più verificare sulla nostra terra. Questo evento è unico, singolare, speciale, irripetibile. Non è solo evento umano, è soprattutto evento divino, soprannaturale, eterno, che si compie e si realizza anche nel tempo. Colui ...
(continua)

Giovani Missioitalia     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
L'ha Chiamata

"Rallegrati...il Signore è con te" Questo saluto non è casuale: l'angelo lo utilizza come premessa della chiamata a Maria. La Vocazione è questo: è Dio che si fa sentire all'uomo che si è scelto e che destina ad un'opera particolare nel suo disegno di salvezza; una vocazione p ...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 08 Novembre 2010)
Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Aprile 2013)
Concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù

Sempre nella Scrittura era risuonata questa voce che annunziava la nascita di una persona particolare, portatrice di una missione divina. Narra il Libro dei Giudici. Gli Israeliti tornarono a fare quello che è male agli occhi del Signore e il Signore li consegnò nelle mani d ...
(continua)

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Coraggiosi come Maria
Nel cuore dell'Avvento, nella fede, Maria si fa porta per far entrare il Verbo nel mondo. Natale ha bisogno di una Madre. Gesù ha bisogno di un corpo. La Chiesa ha bisogno di una Donna di fede. La prima donna, Eva, indietreggia, disobbedisce e si nasconde. Maria, nuova Eva, donna nuova, si fa avan ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 09 Dicembre 2012)
Tempo di ricominciare a costruire
Il popolo di Dio, popolo pellegrino, è sempre sulle strade dell'esodo e sulle strade dell'Avvento. All'andare dell'uomo corrisponde il venire di Dio e l'incontro, per fede, è nella carne di Cristo. Allora la nostra si bocca si riempì di sorriso, la nostra lingua di gioia. Anche le selve e ogni alb ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Agosto 2013)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te

L'invito alla gioia è vera rivelazione. È attestazione e manifestazione della più pura, salvatrice, redentrice, liberatrice presenza di Dio in mezzo al suo popolo. Il Signore regna: esulti la terra, gioiscano le isole tutte. Nubi e tenebre lo avvolgono, giustizia e diritto s ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
Celebrare il mistero dell'Immacolato concepimento di Maria è gridare l'onnipotenza della grazia del Signore, che ha creato una così grande santità sulla nostra terra. In previsione dei meriti di Gesù Signore, Ella è stata preservata dalla macchia del peccato originale. Questa prima verità è ben poca ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Dicembre 2013)
Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo

Gesù è annunziato come vero figlio dell'Altissimo. Non è però figlio dell'Altissimo in senso morale, spirituale, per adozione, creazione, obbedienza, così come per tutti gli altri figli di Dio. Figli di Dio si può essere in tanti modi. Lo attesta la Scrittura Santa. Ora, noi ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Marzo 2014)
Concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù
La partenogenesi ricorre spesso nella mitologia pagana, è però pura immaginazione, fantasia, non realtà. La Scrittura Sacra narra tanti parti avvenuti da danne sterili avanzate negli anni, o anche da giovani donne. Esse sono il frutto di un intervento dell'Onnipotente Signore. Dio è il Creatore dal ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te
L'arrivo di questo passo del Vangelo mi fa sentire vicinissimo il Natale, mi fa venire la voglia di festeggiare il compleanno di Gesù, di essere felice per questo grandissimo dono che Dio ha voluto farci di Suo Figlio. E' un momento magico e speciale e vedere che molti hanno perso il vero senso del ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto
Spesso ci troviamo dinanzi a delle scelte da fare e capiamo che uno dei percorsi da intraprendere ci viene amorevolmente consigliato da una persona che ci ama. Talvolta riflettiamo bene su ogni scelta da fare mettendole tutte sullo stesso piano, altre volte pensiamo alle possibili soluzioni tenendo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
Nel Cielo la Madre di Dio non si chiama Maria. Così anche per Gesù, Lei non si chiama Madre. Per Gesù si chiama Donna. Così anche per l'Apocalisse e per Paolo. Maria è la Donna. È il nome che Adamo ha dato ad Eva, rompendo il silenzio della creazione e pronunciando la sua prima parola: «Questa vo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Dicembre 2014)
Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre
Finora la Vergine Maria è stata interamente di Dio per volontà inconscia, perché sempre guidata e sorretta dalla grazia che in Lei agiva con grande potenza. Dio aveva fatto di Lei un "hortus conclusus, fons signatus". Così il Cantico dei Cantici. Tutta bella sei tu, amata mia, e in te non vi è d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Lo Spirito Santo scenderà su di te
Possiamo affermare che mentre per la creazione del cielo e della terra il Signore ha impiegato appena "sei giorni", il settimo si è riposato, per creare la Madre sua, per farla bella, splendente, fino a raggiungere una bellezza quasi divina, Egli non si è limitato a soltanto "sei giorni"
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Marzo 2015)
Sarà chiamato Figlio di Dio
Oggi inizia il nuovo corso dell'umanità. Questo avviene perché due volontà si sposano in modo mirabile, diventano una sola vita, una sola storia, un solo dono. Le due volontà non sono però uguali, paritarie, perché una è di Dio e l'altra è dell'uomo. La volontà di Dio chiede. Quella dell'uomo rispon ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Raddrizziamo le strade ai nostri figli
Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Quando vogliamo bene ad una persona facciamo di tutto per pulire la strada che deve percorrere. Quanti genitori, per i propri figli, cercano di togliere sul loro percorso ogni ostacolo nel quale possano inciampare? Non solo stimolandoli a ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07 Ottobre 2015)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
Parlare della Vergine pone lo spirito in grande imbarazzo. Lei è Santissima, Purissima, Immacolata, Bellissima, Vestita di Dio, Vergine nei pensieri, desideri, nell'anima, nel corpo. Lei è tutta e solo del Padre celeste, dello Spirito Santo, del Figlio Unigenito del Padre. È creatura, ma innalzata d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
Per parlare come si conviene della Vergine Maria una persona dovrebbe avere il cuore del Padre che l'ha pensata dall'eternità, l'amore del Figlio che dall'eternità l'ha amata, gli occhi dello Spirito Santo che da sempre l'ha desiderata come il suo tabernacolo di luce, purezza, verginità dell'anima, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04 Aprile 2016)
Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo
Quando il Signore fece la donna dalla costola dell'uomo, non chiese alcun permesso ad Adamo. Lo colpì con un profondo torpore, vero anestetico divino, gli tolse una costola, con essa formò la donna e la diede all'uomo non come figlia, non come sorella, ma come moglie. Adamo la riconosce come osso da ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Ecco la serva del Signore
"Ecco la serva del Signore": è questo il titolo che la Vergine Maria si dà. L'Angelo la chiama: "Piena di grazia". È piena di grazia. Ma questo lo ha fatto il Padre celeste. Non si è riempita Lei di grazia. Non si è fatta Lei Immacolata, Santissima, Purissima, Castissima. È stata fatta ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Dicembre 2016)
Hai trovato grazia presso Dio
Quando un uomo trova grazia presso Dio? Quando Dio trova in lui se stesso, il suo bene, il suo amore, la sua verità, la sua giustizia, la sua santità. Dio vede se stesso nell'uomo e vedendosi si ama, amando la persona che lo riflette come uno specchio. Nell'Antico Testamento spesso ricorre questa es ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Marzo 2017)
Sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio
Guidata con mano invisibile dal Creatore dell'universo, la storia cammina verso il compimento di ogni parola, promessa, oracolo, giuramento del Signore del cielo e della terra. Quando sembra che le potenze infernali diano alla storia una direzione verso la sua piena distruzione e annientamento sotto ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 08 Dicembre 2010)
Il sì di Maria
Oggi celebriamo il dogma dell' Immacolata Concezione della Vergine Maria proclamato da Pio IX nel 1854. Quattro anni dopo la Madonna appariva a Lourdes e proclamava: "Io sono l'Immacolata Concezione". Vivere tale dogma, significa penetrare nelle profondità del cuore di Maria. E' Lei quella donna che ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
La delicatezza di Dio
La liturgia della Parola di oggi, quarta domenica di Avvento, ci ripropone il brano dell'Annunciazione che già abbiamo meditato il giorno dell'Immacolata. Ovviamente, il testo ora assume una caratteristica più natalizia visto che, tra sette giorni, è Natale. Analizziamo il dialogo tra l'angelo e ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Madonna Santa, quanto bella sei!
D'insopportabile bellezza, in Lei gli opposti coincidono e ciò ch'è apparentemente contradditorio trova inaspettata composizione. Prese la penna Dante - quell'Alighieri fiorentino dai forti accenti e dalle rime ben intonate - a nome di tutti per dare un nome a quel fremito del cuore che nasce ogni q ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Sono pazzo di te, Donna
Ti conobbi per caso sulla riva del mare. Quella spiaggia che per me significava castelli da costruire, buche da scavare, sogni da abbozzare con le conchiglie, pensieri da smussare sotto la forza d'urto delle onde. Sullo scoglio del mio cuore si fissò il tuo volto e più non ebbi pace. Sul molo, una v ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Sensuale e sensata, di primo mattino
Quella voce era stata simile ad un dolce arpeggio, come di perle gettate su un metallo prezioso: "Ave, Maria, straripante di grazia: il Signore è con te". C'era profumo di pane e di bucato, di stoffe e di aromi mattutini, di letti da rifare e stoviglie da maneggiare. In quella casa stavano gl ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 07 Dicembre 2014)
Le donne cerniera: 1 + 1 = 4
Sono conti che non tornano nella casa di Elisabetta. Ne vedono due - lei, la cugina anziana, e l'altra, la Nazarena dai piedi di fretta - ma sentono d'essere in quattro. Fuori di quella casetta ad Ain Karim gli uomini curiosi e pettegoli fanno i conti: "uno più uno uguale due". Dentro quella ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Il trionfo della Grazia
"Rallegrati piena di grazia: il Signore è con te" (Lc 1,28), disse l'angelo rivolgendosi a Maria, l'Immacolata. La dichiarazione riportata da san Luca ci chiarisce il significato della solennità di oggi ed è la radice del dogma mariano (Ineffabilis Deus). La Madre del Salvatore è "la piena di grazi ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,26-38
"Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore»" (Lc 1,38). Le parole rivolte all'angelo Gabriele ci rivelano che l'Immacolata, Vergine, Madre di Dio è la donna che ha accolto l'avvento divino nell'esodo del tempo, l'immagine della presenza di Dio fra gli uomini; il frammento di storia cui il Tutto ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 08 Dicembre 2013)
Come scatole cinesi
E l'angelo si allontanò da lei. Se c'è una pagina che nel vangelo ci avvolge, anche letterariamente, più di ogni altra nel mistero questa è proprio la narrazione della annunciazione. Dal volo dell'angelo che sovrasta la Galilea per raggiungere quella donna, alla partenza dell'angelo che ci l ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Sorgente di ogni allegrezza
L'angelo Gabriele Luca inizia il suo vangelo con due immagini, quasi parallele, che si specchiano l'una nell'altra. La stessa realtà rimbalza di qua e di là rivelando similitudini e contrasti; sono proprio questi a segnare l'avvento di Dio nella storia umana, a rivelare l'uomo nella sua frag ...
(continua)
don Cristiano Mauri     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Madonna della comunione
Anche lei, seppur Immacolata, avrà sentito quel sibilo sottile e suadente, da brividi: sussurro minaccioso e magnetico insieme. Non ci dev'essere stato nemmeno lo spazio di un attimo tra il fruscio dell'arrivo dell'angelo e il soffio biforcuto. D'altronde l'occasione era decisiva e, dunque, propi ...
(continua)
don Cristiano Mauri     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
La "differenza cristiana"
Un torto più grande a Maria non potevamo farlo. Non che fosse nostra intenzione, per carità, anzi a dire il vero ci sembrava pure di renderle il dovuto onore e di celebrarla come si meritava. Quando abbiamo lodato la sua purezza, ammirato la sua disponibilità intraprendente, sottolineato la sua c ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 18 Dicembre 2011)
Abbiamo bisogno d'una bella notizia!
Anche qui in Brasile c'è bisogno di un angelo che ci porti una bella notizia. In realtà nella periferia di una grande città, come tante periferie del mondo, c'è sempre qualcuno che annuncia qualcosa di nuovo: * la pubblicità che quasi costringe le persone a comprare di tutto, indebitandosi in mod ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
L'anima mia magnifica il Signore
Annunciando a Maria la nascita di Gesù l'angelo pronuncia questa frase: Questo figlio che ti nascerà sarà grande e verrà chiamato figlio dell'Altissimo. Il Signore Dio gli darà il trono di Davide, suo padre, e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine. Non è un caso che ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 20 Dicembre 2012)
Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio
A volte i miei ragazzi si domandano cosa ci guadagnano a comportarsi bene. Vedono nel mondo esterno che coloro che rubano, sono maleducati, egoisti vanno avanti lo stesso, anzi, a volte vanno avanti meglio di coloro che hanno riguardo per il prossimo e preferiscono sani principi ad una vita senza re ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 25 Marzo 2013)
Tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento
Il Signore ci dice "non sappia la tua destra ciò che fa la sinistra" perché ciò che facciamo per il prossimo deve essere un dono fatto non per farsi ammirare o per ricevere qualcosa in cambio, ma è comunque importante che ciò che viene fatto serva da esempio agli altri per migliorarsi aiutando il pr ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 08 Aprile 2013)
Nulla è impossibile a Dio
Quando si cerca di imparare a fare qualcosa è normale trovare delle difficoltà. Pensate se volete arrampicarvi sulle rocce, prima di affrontare l'Himalaya dovrete avvicinarvi pian piano a questo sport iniziando a muovere i primi passi in palestra o su pareti rocciose con piccola pendenza. Se desider ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 08 Dicembre 2013)

Risuona ancora una volta il Vangelo dell'Annunciazione, in questa solennità, nella quale contempliamo un mistero, del quale non si parla in nessuna parte della Rivelazione: dichiarare Maria immacolata, non significa dire che la Madonna ha concepito per opera dello Spirito Santo, ma che lei è s ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 08 Dicembre 2014)

Voilà, ecco qua, la storia della salvezza è giunta al gran finale, o, come lo chiama S. Paolo, la pienezza dei tempi. Provo ad immaginare le sensazioni, il turbamento di questa ragazza, quando si rese conto che qualcosa stava cambiando in lei... forse anche Maria ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 21 Dicembre 2014)

Il conto alla rovescia dell'Avvento è quasi terminato, mancano quattro giorni a Natale. La liturgia ci ripropone l'annuncio dell'angelo a Maria. La scena, che ha ispirato pittori e scultori di ogni tempo, si svolge in Galilea, a nord della Samaria e della Giudea, conosciuta anche come Galilea ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Commento su Luca 1,26-38
"La donna che Tu mi hai messo accanto mi ha dato dell'albero e io ho mangiato.". Fin dalla nostra più tenera età ci difendiamo attaccando, o scaricando le nostre responsabilità sugli altri, o tutte e due... Adamo fa lo stesso: prima insinua che è stato Dio a dargli una co ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Commento su Luca 1,26-38
La liturgia dell'Immacolata presenta ogni anno queste letture: è paradossale...o forse no, riflettere sul dogma di Maria concepita senza peccato originale, affrontando la materia scottante e imbarazzante del peccato originale. Imbarazzante davvero, sto peccato originale
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 21 Dicembre 2014)
Nulla è impossibile a Dio
L'incontro è tutta trepidazione. L'evento che sconvolge la storia è tutta meraviglia. L'aria è silenziosa e tersa, in quel di Nazareth, borgata ai margini della storia eppure al centro dell'eternità. Dio ha scelto il quotidiano, il nascosto, l'invisibile. Chi l'avrebbe mai detto? Chi l'avrebbe mai p ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
In Maria il tempo si compie
Il tempo è superiore alla spazio', ci ha insegnato papa Francesco nella sua Evangelii Gaudium. E in Maria, Vergine Immacolata fin dal suo concepimento, questa verità si è già compiuta in pienezza. La ?piena di grazia' è preservata da sempre dalla tragica ferita del peccato. Così la grazia ?pre-veni ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 08 Dicembre 2014)

Il cammino d'Avvento ha dei compagni di viaggio particolari: il Battista, la Vergine Maria e sul finire anche Giuseppe il felegname. La Vergine viene invocata come Immacolata. Nell'anno 1854 Papa Pio IX affermava il dogma dell'Immacolata Concezione. E' un secolo il XIX attraversato in Europa dal ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 08 Dicembre 2015)
Commento su Luca 1,26b-28
Oggi la liturgia smette il coloro viola dell'attesa e della penitenza dell'Avvento e si riveste dei colori luminosi della solennità dell'Immacolata Concezione di Maria. Dove il colore bianco della liturgia allude alla bellezza sfolgorante di Gesù risorto. Con questa solennità dell'Immacolata celebri ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 08 Dicembre 2015)

Oggi la liturgia smette il coloro viola dell'attesa e della penitenza dell'Avvento e si riveste dei colori luminosi della solennità dell'Immacolata Concezione di Maria. Dove il colore bianco della liturgia allude alla bellezza sfolgorante di Gesù risorto. Con questa solennità dell'Immacolata celebri ...
(continua)
padre Aldo Bergamaschi     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Fra religiosità e cristianesimo
Sul piano educativo si sta riscontrando uno strano fenomeno, i giovani, gli adolescenti, i preadolescenti e forse anche i fanciulli, sanno tutto sul sesso, si direbbe in via pratica. L'ambiente ci morde nell'anima e nel corpo. Fortunati quei genitori o beati quei genitori che riusciranno secondo le ...
(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 19 Dicembre 2010)
Traccia di comprensione per Is 62,10-63,3b; Fil 4,4-9; Lc 1,26-38a
Lettura del profeta Isaia 62,10 - 63,3b Questo splendido testo si potrebbe intitolare "il canto del ritorno" e, nello stesso tempo, "il canto dell'incontro con lo Sposo". L'autore è vissuto circa tre secoli dopo il profeta Isaia e tuttavia, proprio sotto il nome di Isaia, sono stati raccolt ...
(continua)
don Romeo Maggioni     (Omelia del 19 Dicembre 2010)
De incarnatione
"Il Signore è vicino, siate lieti", ci dice oggi Paolo. E Isaia: "Ecco, arriva il tuo Salvatore". "Chi è costui che viene? Sono io, che sono grande nel salvare" (Lett.). Siamo alla vigilia del Natale dove celebriamo il mistero dell'Incarnazione che oggi la Chiesa ci fa contemplare alla sua fonte, n ...
(continua)
Ileana Mortari - rito ambrosiano     (Omelia del 19 Dicembre 2010)
Rallegrati, piena di grazia
Il brano evangelico dell'odierna liturgia è di fondamentale importanza per la nostra fede, perché contiene una sorta di sintesi di Cristologia e mariologia, che rischia di passare inosservata, se ci lasciamo troppo affascinare dalla bellezza letteraria e accattivante del racconto, non a caso uno dei ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 19 Dicembre 2010)
Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre
Tra persone umane, la differenza è fatta solo dalla santità. Più grande è la santità, più grande è la fede, più vero è il rapporto con gli uomini e con Dio. E ancora: più grande è la santità e più saggia e sapiente è la persona. Tra la Vergine Maria e Zaccaria ed Elisabetta vi è questa infinita diff ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,26-38a
Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo
Prima di celebrare il Santo Natale, La Chiesa vuole che sappiamo chi è che nasce, da chi nasce, come è concepito. Chi è che nasce è il Figlio dell'Altissimo, il Verbo Eterno del Padre. Nasce però come vero uomo, vero Figlio dell'uomo. ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 00 0000)
Concepirai un figlio
Nell'Antico Testamento Dio sempre manifestava la sua onnipotenza suscitando la sua salvezza attraverso donne sterili. Dove l'uomo veniva meno, viene meno, lì inizia l'opera di Dio. Nessuno deve mai vantarsi che la salvezza è da lui, per lui. Commovente è la storia di Anna, madre di Samuele, il grand ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Lo Spirito Santo scenderà su di te
Quanto oggi avviene nella casa di Nazaret è il compimento di ogni mistero. L'intera creazione, l'umanità, Dio stesso nel suo eterno e divino mistero trovano il loro compimento definitivo. Per tutta la durata della storia, del tempo, della stessa eternità, né prima del tempo né dopo, vi sarà un altro ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 18 Dicembre 2016)
Sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio
La beatitudine che Gesù proclama ai suoi discepoli, vale infinitamente di più per la Madre sua, che è la prima persona nella storia che ascolta il compimento dell'evento che tutti avevano annunziato, profetizzato, spiegato, illuminato. Tutti però erano morti senza poterlo vedere. Solo di Abramo è de ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 20 Dicembre 2015)

Cari amici, care amiche, a qualcuno è piaciuta l'immagine proposta in occasione della festa dell'Immacolata concezione di Maria che descriveva Dio che s'innamora di una ragazza ebrea perché sarebbe diventata la Madre di suo Figlio. Oggi, domenica della Divina Maternità di Maria o della Di ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 18 Dicembre 2016)
Domenica dell'Incarnazione
Alle soglie del Natale, la Parola di Dio di questa domenica (dell'Incarnazione o della Divina Maternità di Maria) ci regala parole di gioia. Del resto, fino a pochi anni fa, questa domenica era chiamata in laetàre, cioè del rallegrati, del "gioisci o piena di grazia, ( ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 18 Dicembre 2016)
Il grembo e lo zainetto
Il racconto dell'annunciazione oggi si distende. Nella festa del'Immacolata si era fermato alle prime parole dell'angelo, forse a dire che Dio ci precede. Oggi si dilata a tutto campo ed entra in scena con tutta se stessa, la ragazzina di Nazaret con i suoi pensieri, con le sue interrogazioni, con l ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Avvenga per me secondo la tua parola
La verità della Vergine Maria appartiene al passato o essa è del presente, del futuro, dell'intera eternità? È una verità finita o infinita, solamente umana o anche divina? Diciamo fin da subito che essa appartiene alla stessa verità di Cristo Gesù. Madre e Figlio sono una sola verità, anche se con ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Avvenga per me secondo la tua parola
L'evento che sconvolge il mistero della Santissima Trinità, del Cielo, della terra, del passato, del futuro, della stessa eternità, è il frutto di una sola risposta: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". Leggendo la Genesi nei due capitoli iniziali, troviamo che i ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 08 Dicembre 2014)
Commento su Luca 1,26b-28
Il cammino d'Avvento ha dei compagni di viaggio particolari: il Battista, la Vergine Maria e sul finire anche Giuseppe il felegname. Nelle domeniche scorse abbiamo analizzato la figura del Battista che con la sua essenzialità ci richiamava a spianare le strade per incontrare Gesù che viene. In ques ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 08 Dicembre 2016)
Una ragazzina di Nazaret
La festa dell'immacolata concezione di Maria da un lato evoca pensieri, suggestioni di bellezza, dall'altro corre rischi - e non pochi - di interpretazione e di contemplazione. Perché se fraintendi, che cosa contempli? Posso sbagliare, ma penso che un linguaggio puramente dogmatico non ci aiuti. Voi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,26b-38
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
Maria è piena di grazia. La Chiesa con fede definita insegna che Ella è piena di grazia dal primo istante del suo concepimento. Questa, fede che ha sempre accompagnato il cammino dei credenti, è stata sancita come verità per tutti e per ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Dicembre 2011)
Commento su Luca 1,28
«Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te». Lc 1,28
Come vivere questa Parola?
La lieta notizia che è il vangelo non può non presentarsi che nelle vesti della gioia: con un "rallegrati" Dio fa il suo ingresso nel mondo, prendendo dimora nel grembo verginale ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20 Dicembre 2011)
Commento su Luca 1,28
(L'Angelo) entrando da lei, disse Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te. Lc 1,28
Come vivere questa parola?
Questo brano del Vangelo ricorre già la seconda volta, con l'avvicinarsi di Natele. Domenica abbiamo visto come Maria ha creduto alle parole dell ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,28
Rallegrati, piena di grazia, il Signore è con te Lc 1,28
Come vivere questa Parola?
Nel clima dell'Avvento siamo invitati a fissare lo sguardo sulla più santa tra tutte le creature: la primizia della redenzione, e con lei a rallegrarci perché il Signore è con noi. Sì, ...

(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Il Padre si fa strada tra di noi attraverso Maria
Facile immaginare la grande attesa della Solennità del Natale di Gesù, per chi ha vera fede, poiché il Natale altro non è che il grande Evento che segna il ritorno di Dio tra di noi, come Padre. E' davvero incredibile la storia di Dio tra di noi. Ci aveva creati per essere sempre felici con Lui, m ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
L'amore e la fede
In preparazione al S. Natale in questo anno santo della misericordia, il vangelo ci parla di Maria Ss. e della sua grande opera di misericordia: va a visitare e ad aiutare per tre mesi l'anziana cugina Elisabetta, che dà alla luce Giovanni Battista, il precursore. Sentiamo in tutta la loro profondit ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Maria, piccola donna, mamma del Signore
In preparazione al S. Natale in questo anno della fede, sentiamo in tutta la loro profondità le parole di Elisabetta rivolte a Maria Ss. La piccola Maria sente il grembo crescere, in quella poesia e magia che solo le donne, somiglianti a Dio, possono vivere. Il Verbo cresce dentro di lei e con la Pa ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Dio è la' dove non te lo aspetti
Arriviamo alle soglie del Natale avvolti dalla gioia che è stata un po' il tema degli ultimi ascolti domenicali. La gioia soprattutto di Dio che ricorderete nasce da due dati: 1) dalla consapevolezza della sua propria misericordia, 2) dall'uomo, da ogni uomo. Ricordate la prima lettura di domenica ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Creature divine
E' la quarta domenica del tempo di Avvento e la domenica prima del Natale. Il vangelo di questa domenica ci presenta l'incontro tra Maria ed Elisabetta, tra queste due donne che erano "parenti" non tanto di sangue, ma soprattutto per quello che stava capitando loro. E l'una e l'altra hanno gravidan ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Parole divine
Prima di questo vangelo vi è stato l'annuncio al padre di Giovanni della sua nascita e poi l'annuncio alla madre di Gesù della sua nascita. Adesso i due piccoli grandi personaggi, ancora prima di nascere, attraverso le loro madri s'incontrano. Lc, che in questo racconto sta facendo teologia, mostra ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Video commento a Lc 1, 39-45

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Video commento a Lc 1,39-45

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Dicembre 2009)

Le due donne alzano la voce e cantano e danzano e piangono nell'assolato cortile di casa della vecchia Elisabetta. Lo splendido pancione col bimbo che scalcia è la presenza del profeta che indica il Messia. E tutto accade, accade, come il più inatteso e improbabile dei sogni che si realizza, come se ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Video commento a Lc 1, 39-45

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,39-45
Poche ore, poche ore e celebreremo l'inaudito di Dio. No, non siamo qui a far finta che poi Gesù nasce... Dio è già nato, è morto ed è risorto e vive glorioso. A noi, in questo tempo che ci è dato, in questa vita più o meno soddisfacente, il compito di lasciar nascere Dio nei nostri cuori.

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,39-45
L'angelo se n'è andato, si è allontanato. No, non è un'annotazione cronologica, non è una inutile descrizione o un particolare insignificante quello che ci consegna Luca. L'angelo è partito, fine delle apparizioni, fine del sostegno angelico, fine dello straordinario. Come si sarà svegliata, Maria, ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Video commento a Lc 1,39-45

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 21 Dicembre 2013)
Commento su Lc 1,39-45
Danzano nella polvere del cortile le due donne. Diverse per età eppure coinvolte dalla stessa follia dilagante di Dio: una sarà la madre del Battista, l'altra del Messia. Danzano e ridono, cantano come ubriacate dallo Spirito. Danzano perché tutto ciò che è accaduto è la realizzazione di ogni attesa ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Video commento su Lc 1,39-45

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Natale, l'uomo ha Dio nel sangue
Nell'ultimo tratto di strada verso Natale ci fa da guida santa Maria, una ragazza gravida di Dio, incinta di luce. Maria si mise in viaggio in fretta. L'amore ha sempre fretta. È sempre in ritardo sulla fame di abbracci. Va leg­gera, portata dal futuro che è in lei, e insieme pesante di vita nuova. ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Il 'primato' della benedizione. E del ringraziamento
Un Vangelo di gioia e di donne. Santa Maria, gravida di Dio, incinta di luce, va in fretta, pesante di vita nuova e leggera di libertà, sui monti di Giuda. Origene di Alessandria (III sec.) afferma che l'immagine più vivida e bella del cristiano è quella di una donna incinta, che porta in sé una nu ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Preparando la via - Lc 1,39-45

...
(continua)

don Lello Ponticelli     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
La Parola - commento a Lc 1,39-45
Commento a cura di suor Paolina Sgarbossa, religiosa Dorotea (Suore Maestre di S.Dorotea Figlie dei Sacri Cuori), Vicenza. Registrato nella cappella interna di Casa Sacro Cuore di Vicenza.

...
(continua)

padre Fernando Armellini     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Video commento su Lc 1,39-45

...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Beata e benedetta

Nelle scorse settimane ci hanno parlato Isaia, il profeta lontano, vissuto circa 7 secoli prima del Messia, che lo annunciava come colui che doveva venire; il Battista, il profeta vicino che lo annunciava come già presente, e Maria che non lo indica né lo annuncia, ma lo porta add ...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Fede viva o morta?
L'Avvento è tempo propizio per meditare su Maria. Questa Donna straordinaria che, dopo l'annuncio dell'Angelo, si affretta ad andare da Elisabetta, percorrendo nientemeno che 150 chilometri, distanza che separava Nazareth dalla città di Giuda - l'attuale Ain Karim - dove viveva Elisabetta, per an ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Elisabetta nostra madre e sorella
Mi ha sempre affascinato, nella mia immaginazione, l'incontro tra queste due donne ebree, una molto giovane, l'altra più avanti negli anni, accumunate dalla parentela, dalla gravidanza e dalla straordinarietà del modo in cui, per entrambe, ciò è avvenuto. Il Vangelo è, insieme, ricco nella sua descr ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Che donne!
Quando entro in una chiesa e vedo la sua statua; quando in una casa vedo un quadro che la rappresenta; quando - come in questo periodo dell'anno - la vedo immortalata in un presepio, oppure quando vedo la sua effige in una qualsiasi riproduzione, moderna o antica che essa sia, la vedo sempre immersa ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Dicembre 2010)
A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?
Le vie di Dio sono per noi mistero indicibile, impensabile, inimmaginabile. Esse non sono da volontà, desideri, pensieri, gesti, consuetudini, usi, forme e modalità che hanno la loro origine nella nostra immanenza. Esse non sono dalla terra, anche se la terra vi partecipa, ma solo nella sua strument ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Dicembre 2011)
Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria
La Vergine Maria ha fretta. Deve raggiungere presto la casa di Zaccaria ed Elisabetta. Non può attardarsi. Non può aspettare. Vi è in Lei una potente mozione dello Spirito Santo che quasi la fa camminare come su ali d'aquila. In ogni cosa, tranne che per l'annunciazione, Ella è avvolta da un grandis ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,39-45
Il "pastore d'Israele" (Sal 79,2) vuole stabilire la pace fra i popoli (Mi 5,4) e rivelare la salvezza per tutta l'umanità. È questa una notizia che orienta il nostro cammino verso il Natale e il senso del discepolato. Si tratta di meditare sia il mistero d'amore che ci viene offerto mediante l'inca ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Credere nell'adempimento
Si alzò e andò in fretta Due verbi che indicano il passaggio da una dimensione statica ad una dinamica. Maria si alzò... Aveva appena ricevuto un annuncio che le aveva sconvolto la vita: in suo atteggiamento sembrava avere i connotati della passività: «Ecco la serva del Signore: avvenga ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Dicembre 2012)
Elisabetta fu colmata di Spirito Santo

Mai prima d'oggi nella storia di fede del popolo del Signore è avventa una cosa simile: che lo Spirito Santo fosse riversato su una creatura da un'altra creatura. Nell'Antica Alleanza era sempre il Signore che prendeva lo Spirito e lo riversava su quanti venivano chiamati al minis ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Il bambino sussultò nel suo grembo

La Vergine Maria è ora piena di Spirito Santo. Questi abita in Lei come abita nel cuore della Beata Trinità. Tra Maria e lo Spirito di Dio vi è una unione inseparabile, più forte che la stessa unione sponsale, nella quale i due divengono una sola carne. Nello sposalizio mistico tr ...
(continua)

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Piccolezza e umiltà: contro le regole del mondo
Quarta domenica di Avvento: Dio degli eserciti, ritorna! Sì, il Figlio di Dio ritorna e sceglie la piccolezza, egli che è il Dio degli eserciti. Un piccolo corpo di un bambino racchiude l'eterno. Un piccolo villaggio, Betlemme, si fa paese di Dio. Una piccola e sterile donna, Elisabetta, esclama ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Dicembre 2013)
Il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo

Sono molti oggi, tra i cristiani, che si preoccupano o si lamentano che, pur lavorando alacremente nella vigna del Signore, nessuno si apre al vero mistero di Cristo Gesù e neanche intendono riconoscere il mistero del cristiano, portatore nel mondo del mistero di Gesù Signore. Il ...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Video Commento a Lc 1,39-45


(continua)

Riccardo Ripoli     (Omelia del 21 Dicembre 2012)
Il bambino le sussultò nel grembo
Per noi uomini è una gioia ascoltare i primi movimenti dei nostri figli provenienti dal grembo materno, ma penso che per una donna ogni singola mossa del bambino nel proprio ventre per quei nove mesi sia una delle gioie più grandi che si possano immaginare. Dono più bello alle donne non poteva esser ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi
Nessuna opera di Dio può essere operata senza il suo Santo Spirito. Con Mosè, Dio viene, prende parte dello Spirito che è su di Lui e lo posa sui settanta anziani. Costoro vengono abilitati a compiere l'opera del Signore. Possono guidare il suo popolo. Mosè udì il popolo che piangeva in tutte le ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Dicembre 2015)
Il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo
Il viaggio della Madre di Dio verso la regione montuosa, per raggiungere la casa di Zaccaria ed Elisabetta, non è un moto di cuore umano. È invece vero comando dello Spirito che fin dal primo istante del suo concepimento guida e governa spirito, corpo anima di Colei che è già Madre del Signore. Tutt ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Dicembre 2016)
Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa
Dichiarandosi "La serva del Signore", la Vergine Maria rinunzia alla sua razionalità, ai suoi pensieri, alla sua sapienza e intelligenza, ad ogni suo desiderio. Quanto Gesù dice a coloro che lo vogliono seguire, vale infinitamente di più per la Madre sua. Se Lei è del Signore, mai potrà esser ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
La gioia di un incontro
Siamo ormai arrivati agli ultimi giorni prima del Natale e la liturgia ci propone questo stupendo incontro tra due donne: Maria ed Elisabetta.? 1) In primo luogo abbiamo il viaggio di Maria verso la cugina Elisabetta, un viaggio fatto in fretta. E' la fretta di chi sa di dover comunicare un messa ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Ne videro due, erano in quattro. Gravidanze rocambolesche
Semplici confidenze, nulla di più. Amabili intimità tra donne sotto il cielo di Ain-Karim, nelle vicinanze di Hebron: terra di sepoltura per Abramo e Sara, Isacco, Rebecca e Lia. Fuori della casa il vociare confuso della gente che spettegola, dentro la festa del cuore: "L'anima mia magnifica il S ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Inebriati di Gioia
Una città di Giuda
Ain Karim - ormai diventata periferia di Gerusalemme - mantiene la memoria che la tradizione ci ha lasciato di questo incontro: una città di Giuda nella regione montuosa. C'è una origine storica di questo racconto anche se la comunità lucana lo rilegge a ...

(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Missionari come Maria di Nazareth
"Beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore" (Lc 1,45).

Questa pagina del Vangelo di Luca, che la Chiesa ci propone nella celebrazione della IV Domenica di Avvento, ci fa comprendere la sorgente della missione di Maria nel mondo, una missione ch ...
(continua)

Riccardo Ripoli     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna
A Maria era appena stato annunziato che aspettava un Figlio, Gesù. Le era stato detto che era il Figlio di Dio e Lei aveva creduto all'annuncio dell'Angelo. Chiunque al suo posto, per timore, per gioia o per superbia non si sarebbe mosso da casa. Sarebbe rimasto ferma ad attendere anziché mettersi ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Commento su Luca 1,39-45
Maria deve andarsene da Nazareth, e in fretta... aspetta un figlio e non è ancora sposata. Il paese è piccolo, la gente mormora... A proposito, i Vangeli non ci dicono nulla riguardo al matrimonio con Giuseppe; non una notizia, non un'indiscrezione sulle nozze dei genitori di Gesù... non vi sembra q ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
La danza delle mamme
Nel silenzio e nella delicata discrezione dell'Avvento, tempo in cui tutta la creazione è invitata a essere sobria nei rumori e nei movimenti, l'incontro tra due mamme incinta irrompe come un frastuono gioioso e spezza il ritmo dell'attesa. La corsa frettolosa di Maria ha il gusto della risurrezion ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Maria, modello di fede e di carità
Guardiamo alla Vergine Maria. Lei in questo tratto finale di strada del cammino d'Avvento ci offre la via sicura per andare verso il Figlio che viene.
L'immagine che mi piace associare alla Madonna è quella della Madre premurosa che prepara gli ambienti perché i figli possano vivere la loro fes ...

(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Commento su Michea 5,1-4; Luca 1,39-45
Siamo vicini a Natale, concentriamo i preparativi per vivere in forma sempre più autentica questa festa. E' una festa spirituale, cosa vuol dire? Vuol dire che il festeggiato è Gesù, è il suo compleanno, e noi lo festeggiamo se seguiamo il suo messaggio.
Il messaggio di Gesù si può sintetizzare ...

(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 20 Dicembre 2015)

In questa domenica che ci immette nel Natale abbiamo un'immagine molto commovente, ma non romantica.
Due donne, una giovanissima ed una meno, si incontrano per poter rendere lode a Dio del dono della maternità. Chi non ha avuto figli vede il periodo della gravidanza come un tempo contornato so ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Commento su Luca 1,39-45
Eccoci ormai prossimi al Natale.
Nel Vangelo, contempliamo la gioia che nasce dall'aprire il cuore a Gesù e alla Sua Parola. Maria ha appena detto di sì alla proposta che Dio e ha concepito Gesù, è nata in lei una vita nuova, impossibile con le sole forze umane. Ecco, quando Dio entra nel nostr ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Agosto 2013)
Commento su Lc 1,26-38
Una parabola che mischia dolcezza e amarezza, carezza e schiaffo, speranza e delusione. Ci rallegra: la vita di Dio è come una bella festa di nozze, Dio è lo sposo dell'umanità. Niente a che vedere con l'orribile idea di lui che si siamo fatti, Dio non è il sommo egoista bastante a se stesso che dal ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Agosto 2011)
Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te
Dio è la sola gioia dell'uomo. Questa verità era già stata annunciata da Ester in un momento di grande amarezza per il suo popolo: "Tu hai conoscenza di tutto e sai che io odio la gloria degli empi e detesto il letto dei non circoncisi e di qualunque straniero. Tu sai che mi trovo nella necessità e ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 22 Agosto 2013)
Molti sono chiamati, ma pochi eletti
Chi nella vita non ha mai trovato nella cassetta della posta un volantino o una lettera di una qualche associazione che si occupa di bambini, tossicodipendenti, missioni in Africa? Chi non ha mai visto una pubblicità in televisione o sui muri della propria città nella quale venissero cercati volonta ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 20 Dicembre 2009)
Audio commento a Lc 1,39-48
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 20 Dicembre 2009)
"Ti saluto o piena di grazia"
Durante il tempo d'avvento, ci sono tre personaggi tipici che ci aiutano a preparare la venuta del Signore: ? Isaia, il profeta lontano, vissuto circa 7 secoli prima di Gesù Cristo, che annuncia quella gioia e quella pace che intravede da molto lontano. ? Giovanni Battista, il profeta vicino che ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente e Santo è il suo nome
La Vergine Maria, in assoluto, è la prima portatrice dello Spirito Santo e anche la prima che lo dona attraverso un semplice saluto, come se il suo fiato fosse alito di Spirito Santo, così come fece Gesù nel Cenacolo, dopo la Pentecoste.
La sera di quel giorno, il primo della settimana, men ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Santo è il suo nome
Oggi l'uomo è senza voce. È avvolto da un mutismo cosmico, spettrale, abissale. Il suo silenzio inquieta, turba il cuore, lo rende irrequieto, gli provoca ogni sorta di malattia spirituale ed anche fisica. Il cuore dell'uomo soffre di una malattia rarissima, che non cade sotto i potentissimi mezzi d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Ha sussultato di gioia nel mio grembo
Il primo racconto della Genesi narra l'origine dell'antica creazione. Dio crea cielo e terra e quanto vi è in essi, poi fa l'uomo a sua immagine e somiglianza. Lo fa a immagine della propria natura. Nel secondo è detto che Dio plasma l'uomo con la polvere del suolo, poi soffia nelle sue narici un al ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Ha guardato l'umiltà della sua serva
Parlare bene della Vergine non è di nessun uomo, neanche il più dotto e illuminato teologo può parlare di Lei come si conviene. Il suo mistero è infinitamente oltre ogni mente creata. Per questo quanti nel passato desideravano parlare di Lei, prima le rivolgevano una preghiera: "Dignare me laudar ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Il saluto sulla soglia
Mi direte che sono strano. A volte penso che sia un bene che i libri sacri non ci raccontino l'assunzione di Maria, la madre di Gesù, al cielo. Così come d'altronde nessuno dei vangeli racconta l'uscita di Gesù dalla tomba. E penso che sia un bene che non ci sia tolto ogni ombra di velo dal mistero. ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Assunzione di Maria Ss. in Cielo
La solennità di oggi, dell'Assunzione della Madonna in cielo, corona il ciclo delle grandi celebrazioni liturgiche nelle quali siamo chiamati a contemplare il ruolo di Maria Ss. nella Storia della salvezza. Infatti, l'Immacolata Concezione, l'Annunciazione, il Natale e la Divina Maternità, l'Assunzi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Video commento a Lc 1,39-56

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Do munifico fino in fondo
Non solamente l'anima, ma anche il corpo di Maria è stato elevato alla dignità celeste. Non perché Maria fosse una donna naturalmente eccezionale rispetto alle altre, non perché avesse delle facoltà o dei privilegi straordinari rispetto ai comuni mortali, ma perché non poteva conoscere corruzione né ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Maria, giardino di Dio, dove attende tutti i suoi figli
La solennità dell'Assunzione dal cielo della Madonna, in anima e corpo, ci porta istintivamente a pensare al Paradiso. In fondo, il paradiso non è altro il giardino di Dio, dove tutti i fiori più belli vengono accolti e costituiscono l'armonia dell'insieme nell'eternità di Dio. In questo giardino et ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 15 Agosto 2012)

Dag Hammarskjold, che è stato integerrimo segretario dell'ONU, un giorno disse: Quando l'uomo smette di credere nel Paradiso, trasforma la terra in un inferno: lo spettacolo che appare tante volte davanti ai nostri occhi. Oggi il Paradiso da molti è ritenuto una favola, ma la conseguenza del tagl ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Il cielo ha un cuore
Leggevo, in un commento alla solennità che celebriamo, che la liturgia interpreta l'Assunzione di Maria al cielo, non come qualcosa di straordinario, soprannaturale, legato alla figura di una donna "speciale"... si rischierebbe di allontanare dalla nostra vita colei che Dio ha scelto per entrare nel ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Figli fatti per il cielo, come la madre
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente Una nave in crociera, i cui passeggeri non ricordano più dove siano diretti e neanche si curano delle comunicazioni sulla rotta date dal capitano, accanitamente interessati - come sono - molto di più alle informazioni sul menù del giorno, fornite co ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 31 Maggio 2008)

Concludiamo il nostro mese con la splendida festa della danza di Maria che visita la sua attempata cugina Elisabetta: due donne riempite dal Mistero di Dio che ci insegnano a volare altissimo! Maria conclude questo mese con una riflessione sul servizio: pur essendo preoccupata della sua si ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Donne che danzano e uomini che lottano
Oggi la chiesa celebra la festa dell'Assunzione di Maria in cielo: celebriamo Maria, una di noi, già arrivata in anima e corpo alla meta dove tutti noi un giorno arriveremo. Anche Gesù, vero uomo, è asceso al cielo, ma in quanto figlio di Dio potremmo sentirlo diverso da noi. Maria no, Maria è come ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Guardando a lei, anch'io
Questa festa nasce con la definizione del dogma dell'Assunta da parte di Pio XII il 1 Novembre 1950. In questo dogma si afferma che Maria è stata presa (in latino assunta, assumptus) in cielo in corpo e anima. I primi cristiani si ponevano questa domanda: "Ma, Maria che fine ha fatto?". In effetti, ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Agosto 2008)

Nel cuore dell'estate, la Chiesa gioisce per Maria, madre di Gesù e madre dei discepoli, che, per prima, vive l'esperienza della resurrezione del corpo, che crediamo non avere conosciuto la corruzione della morte. Oggi è l'Assunta, amici, non san Ferragosto martire. Dalle mie parti, qui in ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Chi è vivo si emoziona, canta e abbraccia
Oggi la chiesa celebra la festa dell'Assunzione di Maria vergine in corpo e anima. La festa non vuol dire che Maria non sia morta. Dice solo che Maria, nella sua integralità (corpo e anima), è in cielo. Dice: "Maria, prima persona, si trova in paradiso, in Dio. Lei è la prima di tutti noi". La fe ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Guide alpine
Ferragosto: l'inizio della fine dell'estate. Dalle mie parti questo giorno segna la fine della brevissima estate: dopo il 15, al primo temporale, la temperatura precipita e il lieve tepore dell'alta montagna lascia intravedere l'autunno incombente. Per noi, però, il 15 agosto ha poco a che fare co ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Video commento a Lc 1,39-56

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Agosto 2009)

Oggi è la festa dell'Assunzione, la storia di una discepola che ha creduto, che insegna a noi, tiepidi credenti, l'ardire di Dio, la follia dell'Assoluto. Questa donna, noi crediamo, dopo la lunga esperienza di una fede abitata dal Mistero, è tornata, prima tra i credenti, al Dio che l'aveva chia ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Video commento a Lc 1, 39-56

...
(continua)

padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 15 Agosto 2012)
Video commento a Lc 1,39-56

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Agosto 2012)
Commento su Luca 1,39-56
Ferragosto segna l'inizio della fine dell'estate. Le giornate cominciano ad accorciarsi e si intravvede all'orizzonte il clima settembrino, specialmente dalle mie parti, in alta montagna. E nel cuore dell'estate, ogni anno, in questa giornata di gite all'aria aperta e di pic-nic, la Chiesa volge lo ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Video commento a Lc 1,39-56

...
(continua)

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Commento su Luca 1,39-56
Collocazione del brano
Il vangelo scelto per la solennità dell'Assunzione al cielo di Maria Santissima ci ricorda i motivi per cui Maria è stata assunta al cielo: la Madre di Dio dopo aver ricevuto l'annuncio della sua maternità da parte dell'angelo si reca in fretta da Elisabetta sua pa ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Commento su Lc 1,39-56
Collocazione del brano
Il vangelo scelto per la solennità dell'Assunzione al cielo di Maria Santissima ci ricorda i motivi per cui Maria è stata assunta al cielo: la Madre di Dio dopo aver ricevuto l'annuncio della sua maternità da parte dell'angelo si reca in fretta da Elisabetta sua pa ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 31 Maggio 2012)
Commento su Luca 1,39-56
Il mese di maggio è tradizionalmente dedicato alla preghiera del Rosario. Conclude questo mese la festa dell'incontro fra Maria ed Elisabetta sua cugina, la Visitazione.
La danza delle donne nel cortile di casa di cui parla oggi Luca è una delle più belle scene del vangelo. L'anziana Eli ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Commento su Lc 1,39-56
Ferragosto: il cuore dell'estate, la festa più grande delle vacanze. Per noi, però, ricorda la festa dell'Assunzione di Maria, che ci richiama all'opera di Dio in Maria di Nazareth, discepola del Signore.

Bella festa, quella di oggi, che porta con sé un rischio: quello di sottolineare le ...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Video commento su Lc 1,39-56

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 31 Maggio 2013)
Commento su Lc 1,39-56
Alla fine del mese dedicato alla preghiera mariana, ritroviamo la stupenda pagina dell'incontro fra Maria ed Elisabetta. Il Verbo cresce dentro la piccola Maria e con la Parola fatta carne crescono anche i tentennamenti. Maria sale da Elisabetta: forse lei saprà darle una risposta definitiva, forse ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 15 Agosto 2012)
Assunta a tempo indeterminato. Per troppa bellezza
Se i personaggi del vangelo avessero una specie di contachilometri incorporato, penso che la classifica di camminatore più infaticabile - Gesù a parte - l'avrebbe vinta la giovane ragazza di Nazareth. Sempre in cammino... Da quel mattino tutto ebraico in cui l'hanno immortalata mentre s'avvia lentam ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 15 Agosto 2012)

Prima di tutto diciamo che: "la donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul capo una corona di dodici stelle" non è Maria, ma il popolo di Dio, la Chiesa, perseguitata ai tempi dell'autore dell'Apocalisse, per cui deve fuggire da Gerusalemme. Il fatto che ha la luna sotto i piedi sig ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Un "corpo" segno di consolazione e sicura speranza
Cari amici, siamo nel pieno dell'estate e la splendida icona che oggi siamo chiamati a contemplare è quella di Maria Assunta in cielo. La calura estiva non ci potrà dissuadere dal sostare dinanzi all'immagine stupenda di questa donna vestita di sole e con la luna sotto i piedi: donna che diventa pri ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Siamo germogli di luce nel mondo
L'Assunzione di Ma­ria al cielo in anima e corpo è l'icona del nostro futuro, anticipazione di un comune destino: an­nuncia che l'anima è santa, ma che il Creatore non spre­ca le sue meraviglie: anche il corpo è santo e avrà, trasfi­gurato, lo stesso destino del­l'anima. Perché l'uomo è u­no. I dog ...
(continua)
don Remigio Menegatti     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Risplende la regina, Signore, alla tua destra
PREGHIERA DI COLLETTA Dio onnipotente ed eterno, che hai innalzato alla gloria del cielo in corpo e anima l'immacolata Vergine Maria, madre di Cristo tuo Figlio, fa' che viviamo in questo mondo costantemente rivolti ai beni eterni, per condividere la sua stessa gloria. P ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Maria Assunta in cielo
È certamente grande festa il 15 agosto, Festa di Maria Assunta in Cielo. Una ricorrenza che coincide con il ferragosto, ossia quel tempo in cui la gente riposa dal lavoro -una breve tregua allo stress che si è accumulato in questi ultimi tempi davvero dolorosi per la crisi che ha tolto il lavoro a ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Video commento su Luca 1,38-56

...
(continua)

don Lello Ponticelli     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Maria SS.ma Assunta in cielo
Il mese di agosto ci offre una grande festa: l'Assunzione di Maria al Cielo, una festa che dà un senso, anche se non lo vogliamo, al momento di svago, di riposo e di quanto altro chiamiamo ferragosto. Il ferragosto raggiunge tutti e sa come cambiare il volto delle nostre città e, se vogliamo, della ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Maria Assunta in Cielo: una mamma che ci attende
Ricordo la prima volta che mi staccai da mia madre. Avevo dodici anni e volendo seguire la chiamata del Signore partii per il seminario che doveva ospitarmi. Quel giorno ci fu in famiglia una grande confusione per i preparativi. Arrivai a destinazione e fui accolto premurosamente dai Padri rosminia ...
(continua)
don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Evviva chi ci ha preceduto!!!
Oggi grande festa per la Chiesa, per i credenti, per quanti davvero vogliono seguire il Signore. È la festa dell'Assunzione di Maria al Cielo. Una festa, questa, che mette nuovamente a dura prova la nostra fede, soprattutto quella fede che lega l'Assunzione di Maria a tradizioni non proprio cristian ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Dio amore e munificenza.
Era il 1 Novembre 1950 quando il papa Pio XII definì dottrina rivelata inconfutabile (Dogma) che Maria sia stata assunta al Cielo in anima e corpo. Come più volte si è detto, quando un pontefice si rivela definitivamente su una verità di fede, quella diventa assolutamente inconfutabile e nessuno può ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Audio commento a Lc 1,39-56
Nel giorno di ferragosto, giorno che per tutti è simbolo delle ferie (anche per coloro che ci sono già andati e stanno lavorando e anche per coloro che per vari motivi non le possono fare), la Chiesa ricorda Maria che si mette in viaggio. Non credo sia una forzatura vedere in questo viaggio un para ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Agosto 2012)
Dio munifico fino in fondo
Se la Bibbia è davvero Parola di Dio e non parola d'uomo, essa lo è in senso pieno e profondo. Ciò significa che se è Dio che ci parla nel testo per realizzare la comunione con noi, seppure fa sempre in modo che noi accogliamo il suo messaggio con facilità, non tutto ciò che egli ci dice è immediata ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Maria, munificenza di Dio e nostra vittoria
La Vergine Maria viene esaltata nella Chiesa sotto molteplici titoli e tante sono le forme di devozione nei suoi confronti, ma forse quello relativo alla Festa del Ferragosto è il titolo più significativo, perché esprime quanto Dio sia generoso e munifico nei confronti di Maria e per esteso anche ve ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Un Dio davvero munifico
Della festa definita "Dormitio Mariae" si hanno testimonianze in Oriente sin dal VI secolo, sia in ambito cattolico che nel mondo ortodosso, dove appunto in questo periodo si fissava al 15 Agosto la festa solenne della "Dormizione" (l'addormentamento della Vergine accerchiata dalla schiera degli apo ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Agosto 2015)
La magnificenza di Dio è munificenza
In Gesù suo Figlio Dio ci ha dimostrato in queste settimane di essere il Re di gloria il cui splendore si manifesta nelle vesti bianche che sfavillavano sul monte Tabor davanti agli occhi entusiasti di Pietro, Giacomo e Giovanni (Mc 9, 2 - 10), ma di proporsi a noi uomini come alimento di vita e "pa ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Maria il volto della Verità
Da tanti secoli la Chiesa ci parla di Maria designandola con milioni di titoli ed esaltando di Lei molteplici aspetti, caratteristiche e virtù. Ci sono parecchie usanze locali che esaltano la Vergine, pratiche religiose e devozionali, iniziative catechetiche e oratoriane, celebrazioni mariane che va ...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Ando' in fretta
Maria, quale bellezza ... Di fronte a lei puoi solo stupirti, oggi più che mai. Lei, la trasparenza di Dio sulla terra, è per noi come una nostalgia, come l'eco delle parole di Gesù pronunciate e mai esaurite. Quante volte le avrà lei pronunciate e quante volte le avrà meditate, masticate, accar ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Una gioia immensa sapere che Maria ci attende nel Paradiso
Una mamma non può che avere un posto eccezionale nella vita dei suoi figli. Lo è da un punto di vista umano, lo è soprattutto da un punto di vista spirituale e cristiano. Gesù, infatti, ha riservato per la sua e nostra mamma un trattamento speciale, in vista proprio del piano della salvezza del gene ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31 Maggio 2012)
Commento su Luca 1,43-44
A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. Lc 1,43-44
Come vivere questa Parola?
"Shalom" pace, il saluto religiosamente pregnante con cui gli ebrei s ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31 Maggio 2013)
Commento su Luca 1,41
"Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò di gioia nel suo grembo" Lc 1,41
Come vivere questa Parola?
Uno scenario di sole mattutino e di gioia gronderà l'incontro delle due donne; anzi delle due madri: Maria ed Elisabetta.
L'una, la ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31 Maggio 2014)
Commento su Lc 1,49
«Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente e Santo è il suo nome»
Lc 1,49
Come vivere questa Parola?
Concludendo il mese di maggio, la Chiesa ci propone la festa della mariana della Visitazione. È l'incontro commovente tra due madri, piene di gioia e di fede, che can ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31 Maggio 2016)
Commento su Lc 1, 46-48
«Allora Maria disse: "L'anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata [...]"».
Lc 1, 46-48

Come vivere questa Parola?
Oggi c ...

(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15 Agosto 2010)

La parola "assunzione", nella nostra cultura, fa venire subito in mente qualcosa avente a che fare con il mondo del "lavoro". "E' stato assunto finalmente", sospirano i genitori preoccupati per il futuro dei loro figli... "Finalmente ho trovato una sistemazione" dicono tanti giovani al termine di un ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Riassunto universale
Riassumere tutto di noi e del mondo in Cristo: è il senso della festa dell'Assunta e la sua missione Se vogliamo fare un riassunto della storia umana e divina, ecco che ne abbiamo la possibilità, oggi, lasciandocela raccontare da lei: Maria. Questo ci ricorda anche come il centro non sia Lei, ma ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15 Agosto 2011)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Mauro Manganozzi Il Vangelo, con il Magnificat, ci spinge a riflettere e a partecipare alla gioia di Maria. Nel momento in cui la madre di Gesù incontra la parente Elisabetta gioisce innanzitutto perché, in giovane età, viene confermata nella vocazi ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Pellegrini e non vagabondi!
COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Paolo Matarrese Fermandoci a meditare su questa festa dell'Assunzione di Maria in cielo, sembra essere proprio questa una delle chiavi di lettura: come Maria, ognuno di noi è pellegrino e non vagabondo! C'è infatti una differenza sos ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15 Agosto 2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Davide Arcangeli L'apocalisse sembra parlare il linguaggio misterioso della fine del mondo, in realtà i suoi simboli sono talmente potenti da attraversare tutta la storia dell'umanità. Da un lato troviamo la sagoma enorme e spaventosa d ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15 Agosto 2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Giuseppe Di Stefano UNA DONNA FATTA DELLA "NOSTRA PASTA" Una donna della "nostra pasta", impastata come noi di terra e cielo. Maria, con tutta la sua grandezza, non è una donna diversa dalle altre donne della terra. Ella è interam ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15 Agosto 2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. Questa festa, tipicamente cattolica, presenta tantissime sfaccettature, ma è essenzialmente la festa dell'umiltà e della grandezza della Vergine Maria. Il racconto di Luca ribadisce ripetutamente questi convincime ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15 Agosto 2012)

Maria assunta in cielo è un'apertura vertiginosa e incontenibile sull'amore di Dio per gli uomini. Anche per Maria, la Parola ricevuta dall'Angelo, divenne resurrezione per lei e apertura agli altri. Ed Elisabetta, raggiunta dal saluto di Maria, è piena di Spirito Santo, l'apertura infinita d ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15 Agosto 2010)

Vivere la parola ed essere madre. Dinanzi a Maria di Nazareth e di Gerusalemme, la fanciulla del villaggio galileo e la regina della città celeste, il Figlio offre un nuovo vertice del suo insegnamento, svelando il legame stretto che c'è tra l'accoglienza della Parola e la capacità di mostrar ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Assunzione della Beata Vergine Maria
Mentre diceva questo, una donna dalla folla alzò la voce e gli disse: "Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!". Ma egli disse: "Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!". (Lc 11, 27-28) Una donna - anonima - ammira un'altra donna,
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15 Agosto 2014)

Due donne gravide s'incontrano e si raccontano la storia in chiave di felicità ed esaltazione di Dio. Tutto in un saluto nato da un gesto d'amore di una donna, un viaggio fatto in fretta per amore verso un'altra. L'amore di Dio porta a quello per il prossimo. Maria è partita per dire bene; a ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15 Agosto 2015)

Maria è assunta in cielo, simbolo della gloria di Dio, accolta alla presenza immediata di Dio, pervenuta all'esperienza diretta di lui. Maria è introdotta nella Trinità, più vicina degli angeli e dei santi, assunta in anima e corpo, con tutta la sua persona ha raggiunto la beatitudine e la fe ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Commento su Luca 1,39-56
Di saluto in saluto, di gioia in gioia. Maria, col suo saluto, accende la gioia di Elisabetta che percepisce il "tocco" del Bambino; a sua volta il saluto di Maria è partito da quello rivoltole dall'Angelo; una catena di gioia che si allunga a tutti. Maria parte in fretta a port ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 31 Maggio 2011)
Visitazione della Beata Vergine Maria
Il mese di maggio in cui in modo particolare ci siamo affidati alla Madonna Santissima volge al termine. E proprio l'ultimo giorno la liturgia ci propone l'esempio di Maria. Il fondamento della festa è il Vangelo. «Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e qu ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 31 Maggio 2012)
La visitazione della Beata Vergine Maria

L'"Ave Maria", la preghiera con cui salutiamo ed invochiamo la Vergine, iniziata dall'Angelo Gabriele, è oggi proseguita e completata da Elisabetta. La prescelta da Dio per essere la madre del Signore, colei che concepirà il Figlio di Dio per opera dello Spirito Santo, ha saputo d ...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15 Agosto 2010)

La liturgia odierna propone alla nostra contemplazione la festa dell'Assunzione di Maria Vergine in cielo. La dormitio Mariae, durante i primi secoli dell'era cristiana, cadeva durante le ferie augustee; anche ai nostri giorni la festività cade in piena estate ed in periodo di ferie allorché, ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Le ferie di Maria
Clicca qui per la vignetta della settimana. Nel giorno di ferragosto, giorno che per tutti è simbolo delle ferie (anche per coloro che ci sono già andati e stanno lavorando e anche per coloro che per vari motivi non le possono ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Le potenze malefiche non vincono la Donna
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Dio innalza gli umili e disperde i superbi
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 15 Agosto 2015)
La rivoluzione di Dio
Clicca qui per la vignetta della settimana. Il contesto intimo e famigliare che ci viene descritto in questo passo del Vangelo, dove due donne incinte si incontrano per un sostegno reciproco, non ci deve far diminuire la portata ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Perfettamente davanti a Dio
Giorgio Manganelli ormai trent'anni fa scriveva: "Fra tutte le epidemie, i sismi, i tifoni, gli sbarchi di cavallette, le alluvioni torrenziali, solo certo e prevedibile resta il ferragosto... Durante le non molte, ma fatali ore del ferragosto, trionfa una colossale eclissi dell'esistenza. Nulla vie ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Grandi cose ha fatto per me
"Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente", dice Maria nel suo cantico di lode a Dio, che si legge nel vangelo di oggi e che molti conoscono con la prima parola della sua traduzione in latino, "Magnificat". Le "grandi cose" che l'Onnipotente, vale a dire Colui per il quale nulla è impossibile, ha f ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Video commento a Lc 1,39-56

(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Audio commento a Luca 1,39-56
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Roberto Seregni     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Il tuo magnificat
Nel cuore dell'estate la liturgia ci fa puntare gli occhi su Maria per contemplare il compimento della sua vita e di tutto il mistero pasquale: l'assunzione. Mi sembra molto significativo che il testo evangelico proposto sia quello dell'incontro con la cugina Elisabetta e, soprattutto, quello del M ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Il corpo della donna
Il 15 di Agosto, la Chiesa cattolica celebra la festa della "Assunzione della Beata Vergine Maria". Non possiamo non chiederci, oggi, che senso abbia parlare di "Maria assunta in cielo, in corpo e anima": come è possibile anche solo proporre alla mentalità scientifica attuale, post-metafisica, post- ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Audio commento alla liturgia - Lc 1,39-56
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Il dogma dell'Assunzione
Da "Maria di Nazareth, la Madre del Signore" di Ileana Mortari (dispensa) Nel quarto e ultimo dogma mariano, proclamato nella Festa di Ognissanti del 1950 dal Papa Pio XII, possiamo dire che siano ripresi gli altri tre dogmi e che la Chiesa cattolica concluda l'esposizione della sua dottrina su M ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Maria nello splendore della gloria
1) Qual è l'ultimo dogma della Chiesa Cattolica? Sapete qual è l'ultimo dogma della chiesa Cattolica? E quando è stato proclamato? L'ultimo dogma è proprio quello dell'assunzione di Maria, salita in Cielo anima e corpo, ed è stato proclamato da Papa Pio XII nel 1950. Il dogma ( = verità di ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31 Maggio 2010)
Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo
La Vergine Maria oggi ci è data a noi come vero modello di evangelizzazione, di missione. Ella oggi insegna a tutti noi come si opera la salvezza nei cuori, come si illuminano le menti, come si canta la gloria del Signore, come si proclamano le sue grandi opere, come si diviene profeti dell'Altissim ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15 Agosto 2010)
Madre, per favore, un frammento di cielo...
"Sono stanchi i miei occhi di guardare in alto": quando Isaia mette in bocca al re Ezechia queste parole, il re si trova in uno stato di profonda depressione perché - in occasione di una grave malattia - riceve dal profeta l'annuncio di una morte imminente. Allora, stanco di rivolgere il suo sguardo ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Con Maria, sulle strade del nostro tempo
Il mio ricordo della Solennità dell'Assunzione di Maria al Cielo è legato, come credo per molti altri credenti, alla festa. Non solo a questa festa di mezz'estate, giocata tra il civile e il religioso, che segna il giro di boa di un periodo di riposo più o meno prolungato, anzi spesso da molti nemme ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15 Agosto 2012)
"Assumiamoci" l'impegno di vivere!
Quando festeggiamo una persona cara, lo facciamo in occasione del giorno anniversario della sua nascita, ovvero del compleanno. Quando invece festeggiamo un santo, generalmente ricordiamo il giorno della sua morte. E questo perché, secondo la fede cristiana che ci è stata trasmessa, la morte di un c ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Umili, umiliati, innalzati al Cielo
Dio innalza Maria nella Gloria del Cielo: questo è il Mistero che celebriamo nella Liturgia di oggi. E al di là del profondo significato teologico di questa solennità (ovvero, l'assimilazione di Maria alla Risurrezione di suo Figlio, così come fu assimilata al mistero della sua incarnazione e morte) ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Sapore di cielo
Siamo giunti a quella che tradizionalmente riteniamo essere la metà dell'estate. Una metà un po' anomala, a dire la verità, perché in realtà ci avviamo già inesorabilmente verso la sua conclusione, eppure siamo contenti di avere a disposizione ancora qualche ora di sole in più, nonostante le giornat ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31 Maggio 2011)
Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente e Santo è il suo nome
Lo Spirito Santo si è posato sulla Vergine Maria. Il suo cuore è la sua casa sulla terra. La sua anima il suo respiro. Il suo corpo il suo cielo. La sua mente il suo pensiero. La Vergine Maria è tutta inabitata dallo Spirito del Signore in tutto il suo essere. Ella è da oggi vero strumento umano del ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Agosto 2011)
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata
La Vergine Maria magnifica il Signore con il suo cantico di lode. La Chiesa magnifica oggi la Vergine Maria cantando le sue lodi, manifestando al mondo intero la sua grandezza, la sua beatitudine, la gloria con la quale il Signore l'ha rivestita. Ella oggi è celebrata assunta in Cielo in corpo ed an ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 15 Agosto 2011)

Proprio nel mezzo delle ferie, celebriamo la Solennità che ci richiama la gloria di Maria, la sua Assunzione. Ovviamente, riguarda la nostra realtà futura di persone che, come Cristo e Maria, saremo chiamate a risorgere. L'attenzione della liturgia di oggi, si concentra sul brano del Vangelo che na ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31 Maggio 2012)
Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa

Maria, nella casa di Zaccaria, è vera immagine, figura della Chiesa. Essa ci rivela una delle differenze sostanziali che vi è tra l'Antico Testamento e il Nuovo. Nell'Antico Testamento datore dello Spirito Santo è il Signore. È Lui che lo dona. Mai esso passa da una persona ad un' ...
(continua)

don Luciano Cantini     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Il sussulto dell'esultanza
La fretta della Fede ha fatto alzare Maria e raggiungere la casa di Elisabetta. Quella stessa Fede che, all'angelo, ha fatto dire "eccomi" in un dono generoso della sua vita, l'ha messa in cammino. Perché la Fede non è una mera accettazione passiva di qualcosa che non si comprende nell'attesa della ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 15 Agosto 2012)
Per me
Elisabetta fu colmata di Spirito Santo Nell'incontro tra Maria ed Elisabetta lo Spirito Santo ha agito con grande forza in quelle donne, quasi con prepotenza, rivelando quanto umanamente non sarebbe stato possibile. Dio non ha smesso di agire nella storia degli uomini, non li ha abbandonati ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31 Maggio 2013)
Ha rimandato i ricchi a mani vuote

Nell'Antico Testamento, la visita di Dio era di vera salvezza, ma anche di severo giudizio sull'uomo peccatore. Dio visita Abramo e gli porta la lieta notizia del figlio che sarebbe nato a breve. Dio visita la città di Sodoma e annunzia per essa il castigo. Quegli uomini si ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua

Il tempo è un vero mistero nella relazione dell'uomo con Dio e con se stesso. Il Dio eterno, senza tempo, lavora nel tempo, con il tempo. È un mistero. Lui che è Onnipotente ha bisogno di sei giorni cosmici per creare l'universo visibile e invisibile. Tutta la storia della salvezz ...
(continua)

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 15 Agosto 2013)
Alla scuola di Maria
Maria è assunta in cielo. Ella condivide tutta la storia del Figlio; la sua sorte è unita a quella di Gesù: è sotto la croce ed è nella gloria. La sua carne, il suo corpo, abitato dal Figlio, è in cielo. Il suo corpo è rivestito di gloria; il suo è, dall'eternità, un vestito firmato da Dio. Dopo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente
La Vergine Maria, Madre di Dio e Madre nostra, va esaltata, benedetta, cantata, osannata, celebrata. La sua bellezza spirituale incanta, attrae, conquista, seduce cuore, spirito, mente, desideri, volontà. Dinanzi al suo fulgore ogni altro pensiero di bellezza si perde, si annienta, evapora. Tutte le ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 31 Maggio 2013)
Raggiunse in fretta una città di Giuda
Quando qualcuno ci chiede aiuto e noi dobbiamo fare mille cose siamo chiamati a fare una serie di scelte, innanzitutto se aiutarlo o meno, dopodiché quando aiutarlo, ed infine come. Sul fatto di aiutare una persona che ha bisogno di noi si gioca l'eterna partita tra egoismo ed altruismo ed è logico ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Maria si alzò e andò in fretta
La Vergine Maria che si alza e in fretta raggiunge la casa della cugina Elisabetta è il modello, l'esempio, cui sempre il cristiano deve guardare chiedendo al Padre dei Cieli la grazia di poter quasi realizzare la sua stessa vita in mezzo ai nostri fratelli. Per poter vivere Maria nella nostra terre ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 31 Maggio 2016)
Appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi
La Vergine Maria non si reca dalla cugina Elisabetta per una visita di cortesia, convenienza, consolazione umana. Lei non va da donna da un'altra donna, né da cugina da un'altra cugina, né da essere umano da un altro essere umano per congratularsi per la maternità inattesa, vero dono del suo Dio. Qu ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore
Si può parlare di Dio in diversi modi. Ogni cuore parla dalla sua pienezza. Gli empi non solo negano la sua esistenza. Non conoscendo Dio, sono immersi nella falsità. Nel suo orgoglio il malvagio disprezza il Signore: «Dio non ne chiede conto, non esiste!»; questo è tutto il suo pensiero. Le sue ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Una carriera tutta in punta-di-piedi
Fu Donna come nessun'altra: seppe stare ferma al posto datole. «Stabat mater dolorosa» ("La Madre addolorata stava") canta l'antica sequenza cattolica attribuita a Iacopone da Todi. Stava alle esigenze del Cielo: a Nazareth come a Cana, fuori dalla sinagoga, anonima nel pretorio. Sotto la Cro ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 15 Agosto 2011)
Sposa e via dell'Amore
"Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente" (Lc 1,49), proclamò l'Immacolata Madre di Dio sempre Vergine Maria (Munificentissimus Deus) quando ricevette il saluto di sua cugina Elisabetta. Le meraviglie compiute in lei da Dio, testimoniati dai titoli dogmatici attribuiti a lei, manifestano alla Chies ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 15 Agosto 2012)
In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna
Quando Maria era in attesa di Gesù seppe che anche sua cugina Elisabetta stava aspettando un figlio e non ci pensò due volte nell'affrontare un lungo viaggio per andare ad aiutarla. Il Signore aveva scelto una donna semplice e, nonostante il grande dono ricevuto da Dio, non si montò la testa e pensò ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 15 Agosto 2013)
L'anima mia magnifica il Signore
Non passa giorno in cui non ringrazi Dio per tutto ciò che mi ha donato e spesso ripeto ai miei ragazzi di guardarsi intorno. Purtroppo siamo sempre annebbiati da quello che hanno gli altri per poter assaporare ciò che abbiamo, troppo tristi per i problemi che incombono per accorgersi di quanta gioi ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15 Agosto 2013)

In occasioni come questa, Maria viene presentata in modo per lo più devozionale, apologetico, scontato e retorico, in fin dei conti, inutile. Pessimo modo di iniziare l'omelia sull'Assunta! Vi chiedo scusa. Provo comunque a dire qualcosa per il bene della nostra vita quotidiana, nell ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Commento su Luca 1,39-56
Questa solennità cade a metà estate, quando molta gente si sta meritatamente godendo le ferie: il clima vacanziero potrebbe raffreddare la fede...anche con il solleone. E così l'Assunta rischia di rimanere un po', come dire, sottotono? e con essa, il mistero sotteso: mistero di morte e di risurrezio ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Commento su Luca 1,39-56
Ci siamo lasciati ieri con la amara constatazione che, per la sua fede così radicale e senza compromessi, Gesù perdette tutto: reputazione, gli affetti più cari, e infine anche la vita. La solitudine e il rifiuto da parte del mondo è il destino del Messia: venuto tra noi per riannodare i rap ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Maria, donna dal passo leggero
C'è tanta leggerezza, nel corpo e nello spirito della Vergine Maria. Non la leggerezza di chi prende le cose con superficialità. È invece la leggerezza del passo veloce, dell'incontro appassionato, del canto gioioso. Non la leggerezza di chi finge di non sentire la fatica e il dolore. È piuttosto la ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 15 Agosto 2014)
Commento su Luca 1,39-56
La solennità dell'Assunta ci invita ad avere gli occhi ancora una volta verso la nostra patria. Una festa che ci aiuta a ricuperare la dimensione sulle realtà ultime quando la vita quotidiana è interpretata in chiave esclusivamente razionale e i problemi su queste realtà vengono demandate a filosofi ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 15 Agosto 2015)
Maria, ancora di salvezza, Vergine pura, difensore degli ultimi e donna della ferialità
Nel 1950 Papa Pio XII proclamava il dogma dell'Assunta.
Questo dogma venne supportato, nel documento Munificientissimus Deus, dai passi biblici e dai passi teologici dei grandi studiosi sostenitori della necessità della proclamazione del dogma.
E' stato in particolare il sensus fidei a rit ...

(continua)
padre Aldo Bergamaschi     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Trasportata o glorificata?
Cercherò di essere breve, ma voglio chiamare il vostro cervello a un piccolo sforzo. Sarei curioso e vorrei sapere come ognuno di voi, soprattutto voi donne che avete la propensione all'analisi, cosa pensate quando sentite una frase come questa. "La Madonna è stata assunta in cielo" cosa immaginate? ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 15 Agosto 2016)
Il saluto sulla soglia
Mi direte che sono strano. A volte penso che sia un bene che i libri sacri non ci raccontino l'assunzione di Maria, la madre di Gesù, al cielo. Così come d'altronde nessuno dei vangeli racconta l'uscita di Gesù dalla tomba. E penso che sia un bene che non ci sia tolto ogni ombra di velo dal mistero. ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 11 Febbraio 2011)
La Grotta del Mistero
Quello che Maria Immacolata di Lourdes vuol dirci con la sua apparizione a Bernadette si riduce in un essenziale messaggio: quello del Mistero. Maria appare riaffermando il Mistero di Dio: che così è Dio, così è Lei, così siamo invitati ad essere noi: MISTERO. Questa è l'essenza della vita unive ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Dicembre 2008)

O Re delle genti e pietra angolare della Chiesa: vieni e salva l'uomo che hai tratto dalla terra. Arriva il Natale e tutti, più o meno, stiamo preparando gli ultimi regali o gli inviti per la cena. Ma oggi, all'inizio della settimana, a pochissimi giorni dalla grande notte in ci chiederemo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Dicembre 2009)

Maria trova Elisabetta sua cugina e la gioia dilaga: guardandosi negli occhi le due donne ora sanno che è tutto vero, che non sono vittima di allucinazioni, che, davvero, infine, Dio viene a visitare il suo popolo e lo fa attraverso di loro. Si abbracciano nel cortile polveroso della casa di Elisabe ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,46-55
Ma come hai fatto a credere così tanto, piccola Maria! La tensione di Maria si scioglie in un largo sorriso. Allora è tutto vero! Allora è accaduto! Nessuna follia, nessuna allucinazione, nessun demone! Si abbracciano le donne, mentre i bimbi, dal ventre, scalciano e si agitano. Sì, è tutto v ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Dicembre 2012)
Commento su Sesta Antifona Maggiore
O Re delle genti: atteso da tutte le nazioni: pietra angolare che riunisci i popoli in uno: vieni e salva l'uomo che hai formato dalla terra. Sesta Antifona Maggiore
Come vivere questa Parola?
La penultima delle sette antifone maggiori ci invita ad invocare il R ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Dicembre 2014)
Commento su Lc 1, 46-48
«L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva. D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata [...]».
Lc 1, 46-48

Come vivere questa Parola?
Siamo ormai sulla soglia del natale! E la Li ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Dicembre 2015)
Commento su Lc 1,46-55
"Allora Maria disse: «L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva. D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata...."
Lc 1,46-55

Come vivere questa Parola?
Da quando Maria pronuncia q ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Dicembre 2016)
Ommento su Lc 1, 49
«Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente e Santo è il suo nome»
Lc 1, 49

Come vivere questa Parola?
Maria, dopo l'accoglienza del progetto di Dio, partì subito dalla cugina Elisabetta e, riconoscente della grazia di Dio, riempì la casa con un canto di gioia che è anche ...

(continua)

Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 22 Dicembre 2010)
L'offerta di due mamme
La liturgia ci offre due testi che sono pienamente collegati tra di loro. Due vite che sono offerte al servizio di Dio da due mamme pienamente felici di fare questo gesto di culto verso il Signore. Anna, la mamma di Samuele, che molto aveva pregato per ottenere questo figlio, lo presenta al sacerdot ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Dicembre 2010)
Uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: È fuori di sé
Nella sua vita terrena Gesù subì ogni sorta di incomprensione. Credo che sole quelle pochissime persone presenti alla sua croce lo abbiamo compreso, creduto, obbedito, seguito in ogni sua Parola. Ecco come l'Evangelista Giovanni racconta questo momento del Golgota: "Stavano presso la croce di Gesù s ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Dicembre 2010)
Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente
Oggi il Vangelo ci rivela quali sono i frutti veri dello Spirito del Signore, quando la persona è colma di Lui. La Vergine Maria è piena di Spirito Santo più che gli oceani di acqua. Tra la Vergine Maria e gli oceani non vi alcuna relazione. Ella è infinitamente più colma, più piena. Gli oceani poss ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Dicembre 2011)
L'anima mia magnifica il Signore
La Vergine Maria è colma di Spirito Santo, che è lo Spirito della verità purissima di Dio, dell'uomo, dell'intera creazione. Con Lui nel cuore vediamo la verità di Dio e in essa la nostra verità e dell'intera storia. Con Lui noi conosciamo Dio e ci conosciamo, vediamo Dio e ci vediamo, contempliamo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Dicembre 2012)
L'anima mia magnifica il Signore

Anna è donna affranta. Va dal Signore e chiede la grazia di un figlio. il Signore le concede la grazia richiesta. Ella intona un cantico di lode e di benedizione per il suo Dio, che è l'Onnipotente Signore, il Creatore perenne di ogni vita. Anna si alzò, dopo aver mangiato e ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Dicembre 2014)
Ha guardato l'umiltà della sua serva
La Vergine Maria è differente da qualsiasi altro uomo che viene sulla terra, anche se santo, molto santo, santissimo. Ogni uomo è figlio del peccato delle origini. Nasce con gli occhi offuscati. Anche se vede, vede come quell'uomo di cui parla il Vangelo secondo Marco. Vede uomini come alberi che ca ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Dicembre 2015)
Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente
Elisabetta canta il mistero che sta vivendo Maria: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Dicembre 2016)
Ha guardato l'umiltà della sua serva
Dio è tutto nella Vergine Maria. Ella sa, per scienza soprannaturale, di Spirito Santo, che da se stessa, per se stessa è il nulla assoluto. Non si è fatta piena di grazia. Non si è abbellita di ogni virtù. Non si è colmata di Dio. Non si è riempita di Spirito Santo. Tutto ciò che Lei è, lo è per pu ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 22 Dicembre 2012)
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente
Guardiamo la vita di Gesù, quella della Madonna, le gesta dei santi e diciamo "un altro mondo, inarrivabile". Gesù si è fatto uomo come noi per farci vedere le nostre debolezze ed insegnarci a superarle. Maria era una ragazza come ce ne sono tante. I santi sono stati anche peccatori più di noi pri ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Giugno 2013)
Commento su Lc 1,57-66.80
Giovanni Battista è una figura di riferimento essenziale nel percorso di fede del discepolo. E la Chiesa ha sempre preso molto sul serio l'invito fatto da Gesù di considerarlo come il più grande uomo mai vissuto sulla terra. Perciò Giovanni è l'unico santo, insieme alla madre di Dio, di cui celebria ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Avvento e Quaresima in piena estate
Nel Prologo del Quarto Vangelo subentra quasi improvvisamente dopo la descrizione della creazione da parte di Dio e del suo Verbo e gli viene attribuita la funzione di "testimone della luce". Non era lui stesso la luce, ma doveva rendere testimonianza ad Essa. (Gv 1, 6) Si tratta di Giovanni, person ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Giugno 2014)
Commento su Lc, 1, 12-13
"Quando Zaccaria vide l'Angelo del Signore, si turbò e fu preso da timore. Ma l'angelo gli disse: "Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni".
Lc, 1, 12-13
Come vivere questa Parola?
Z ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Giugno 2016)
Commento su Lc 1,60
«Giovanni è il suo nome»
Lc 1,60

Come vivere questa Parola?
Il nome Giovanni significa "Dio è misericordioso". Dio ha scelto colui che diverrà poi "il battezzatore (Battista)" per eccellenza e che sarà precursore del Messia. Dio si serve dunque dell'uomo per realizzare il ...

(continua)

don Luciano Sanvito     (Omelia del 24 Giugno 2010)
La storia si apre
Il segno che Dio pone nella storia richiama il volgere a una nuova realtà. Zaccaria, segno e strumento della vecchia realtà, diventa anche roccioso simbolo di accoglienza della nuova realtà misterica che entra nella storia, e la orienta seguendo non più l'orientamento umano, ma quello di Dio. ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 24 Giugno 2011)
Camminerà innanzi con lo spirito e la forza di Elia
Dio si serve degli uomini; con noi e per noi realizza i suoi piani di salvezza. Sceglie ciò che nel mondo è debole per confondere i forti. Egli sa rendere fecondo ciò che è sterile e aprire la bocca ai muti. Intreccia le sue con le nostre storie affinché ciò che egli vuole si compia in cielo e sulla ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Commento su Natività di San Giovanni Battista
Oggi 24 giugno è il solstizio d'estate, solennità di San Giovanni Battista. Fra sei mesi la liturgia, ispirandosi allo stretto parallelismo tra Gesù e il battezzatore, stabilito da Luca nel vangelo dell'infanzia, ci offre la contemplazione del Natale, la nascita del Redentore. Solstizio d'inverno e ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Giugno 2010)
Giovanni è il suo nome
La storia della salvezza è un mistero che è sempre, perennemente, nelle mani del nostro Dio e Signore. Essa si fonda su una sola promessa di Dio fatta all'umanità, fin dalla sua origine dopo il peccato. Da quando questa frase è risuonata nella storia, con puntualità sorprendente sempre il Signore ha ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Giugno 2014)
E davvero la mano del Signore era con lui
Ogni evento che cade sotto i nostri occhi deve essere sempre visto con gli occhi di Dio, compreso con sapienza e intelligenza di Spirito Santo, amato con lo stesso amore di Gesù Signore. Urge dare perennemente alla nostra vita una dimensione trinitaria. Se questa dimensione non viene data, la storia ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 24 Giugno 2013)
Giovanni è il suo nome
Tra le persone si creano legami che sono di varia natura: amicizie, conoscenza, amore. I rapporti, lo vediamo nella vita di tutti i giorni, a volte funzionano, altre camminano a stento, spesso, purtroppo, si interrompono, talora anche in modo brusco e repentino, anche con strascichi pesanti. Ci sono ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Giugno 2015)
Che sarà mai questo bambino?
Giovanni il Battista, dal primo istante del suo concepimento, è sempre da Dio, dal suo Santo Spirito, che lo ha costituito sua proprietà già dal seno di sua madre. Niente in questo bambino è da se stesso. Anche il nome gli è stato dato dall'Angelo quando è apparso nel tempio a Zaccaria per annunziar ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19 Dicembre 2008)

O Radice di Iesse, che t'innalzi come segno per i popoli: vieni a liberarci, non tardare. Accogliere il progetto di Dio, accogliere il volto inatteso di Dio, dicevamo. E così, avvicinandoci a gran passi verso il Natale, incontriamo altre persone che hanno collaborato alla salvezza: la madr ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19 Dicembre 2009)

Se ieri abbiamo ascoltato la versione di Matteo, oggi ascoltiamo quella molto più complessa di Luca che non solo ci parla di Maria, ma anche della nascita miracolosa di Giovanni il Battista. I protagonisti, questa volta, sono Elisabetta e Zaccaria, devoti e pii ebrei colpiti dalla più grande disgraz ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,5-25
Il Battista rappresenta l'anello di congiunzione fra il Vecchio e il Nuovo, fra il passato e il futuro, fra Israele e il nuovo Israele. E si sente tutta questa congiunzione, questo passaggio doloroso e sofferto. L'annunciazione del Battista avviene in un solenne contesto liturgico, nel tempio, e a r ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19 Dicembre 2013)
Commento su Lc 1,5-25
Luca, con grande abilità, inserisce la nascita di Gesù nel contesto dell'attesa messianica del Salvatore. Il tempio è in via di ricostruzione e sono ripresi di gran lena gli olocausti e tutta l'attività cultuale del tempio. Zaccaria ed Elisabetta, secondo i più classici schemi dell'intervento divino ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19 Dicembre 2012)
Commento su Terza Antifona Maggiore
O Germoglio di Iesse, che ti innalzi come segno per i popoli, tacciono davanti a te i re della terra, e le nazioni t'invocano: vieni a liberarci, non tardare. Terza Antifona Maggiore
Come vivere questa Parola?
Ancora una volta l'antifona ci riporta alla storia di I ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19 Dicembre 2014)
Commento su Lc 1, 13-20
«"Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni" [...]. Zaccaria disse all'angelo: "Come potrò mai conoscere questo? Io sono vecchio e mia moglie è avanzata negli anni". L'angelo rispose: "Io sono Gabriele... Ed ecco, ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19 Dicembre 2016)
Commento su Lc 1, 13. 18-20
«Non temere, Zaccarìa, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni»
Zaccaria disse all'angelo: «Come potrò mai conoscere questo?
Io sono vecchio e mia moglie è avanti negli anni»
«Io sono Gabriele, che sto dinanzi a Dio e ...

(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 19 Dicembre 2011)
Gli annunci degli angeli.
Gli angeli sono a servizio di Dio, sono i cantori della sua gloria e i suoi messaggeri presso di noi. Uno particolare ci è stato affidato dal momento del nostro concepimento nel seno materno. L'arcangelo Gabriele ha avuto il compito speciale di annunziare alla Vergine di essere stata prescelta per d ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 19 Dicembre 2015)
Dio ha detto ed è sicuro che lo farà
San Luca, l'evangelista dell'Infanzia di Gesù, sente il bisogno di narrare alla Chiesa primitiva non solo la storia di Gesù, ma anche quella del suo Precursore, di cui ci offre una narrazione che ci avvince e ci conferma nella fede che anche la nascita del Battista è stata accompagnata da evidente i ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Dicembre 2012)
Egli sarà grande davanti al Signore

Noi pensiamo che Dio sia solo il creatore del cielo e della terra, facendo dal nulla tutto l'universo visibile e invisibile che è fuori di Lui. Ancora non è pensiero del nostro cuore e della nostra mente che Lui è anche il creatore degli strumenti umani che dovranno operare la sua ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Dicembre 2013)
Con lo spirito e la potenza di Elia

Il Signore ha bisogno di una persona forte, audace, capace di vegliare le coscienze assonnate, sonnecchianti, pronta a far alzare dal loro torpore tutti i cani muti, che non sanno più neanche abbaiare dinanzi al lupo che viene per divorare le sue pecore. Persona forte, audace, int ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Dicembre 2014)
Egli camminerà innanzi a lui con lo spirito e la potenza di Elia
Nel mistero della salvezza nulla è dalla volontà dell'uomo. Di conseguenza chi vuole essere il vivificatore, il portatore, il realizzatore del mistero di Dio nulla deve mettere di suo, neanche una parola, un desiderio, un pensiero, una volontà. Tutto deve essere dalla volontà di Dio. Sempre. Per tut ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Dicembre 2011)
Tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni
Il mistero che si compie nella famiglia di Zaccaria ed Elisabetta ci rivela che la salvezza è un purissimo dono del Signore. È una sua grazia potente. È un frutto della sua eterna carità. Certo. Dio ha bisogno dell'opera dell'uomo. Ma è sempre Lui che crea la persona che dovrà compiere la sua opera. ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Dicembre 2015)
Sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre
Il Padre dei cieli tutto opera per Cristo nella comunione di sapienza, verità, amore dello Spirito Santo. Se Dio opera nella comunione del Suo Santo Spirito, vi potrà mai essere sulla terra una sola persona che possa fare le opere di Dio senza che lo Spirito Santo lo prenda, lo avvolga, lo ricolmi, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Dicembre 2016)
Sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre
La storia della salvezza è opera che Dio compie attraverso l'uomo, nell'uomo, per l'uomo. Senza l'uomo nulla può compiere per l'uomo. L'uomo è lo strumento, in Cristo diviene il sacramento, della salvezza, della redenzione, della vera giustificazione. Ma gli uomini non sono tutti uguali. C'è l'uomo ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 19 Dicembre 2012)
La tua preghiera è stata esaudita
Tante sono le cose che vorremmo accadessero a noi e alla nostra famiglia, tante quelle che chiediamo a Dio di concederci. Spesso ci abbattiamo perché non otteniamo quello che desideriamo, ma ne siamo proprio certi? Siamo sicuri di non ottenerlo? E se fosse invece che il Signore vuole mettere alla p ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 14 Dicembre 2014)
Ruminare i Salmi - Luca 1,53 (III domenica di avvento, anno B)
Ruminare i Salmi - Luca 1,53 (III domenica di avvento, anno B) Ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. 1Tessalonicesi 5,16 Siate sempre lieti, pregate ininterrottamente, in ogni cosa rendete grazie: questa infatti è volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi. Gio ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Giugno 2011)
Commento su Luca 1,57-58
Per Elisabetta intanto si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei. Lc 1,57-58
Come vivere questa Parola?
Gli altri evangelisti ci p ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Dicembre 2008)

O Emmanuele, Dio-con-noi, attesa dei popoli e loro liberatore: vieni a salvarci con la tua presenza. Cristo è annunciato da Giovanni, la strada del Messia, come profetizza Malachia, è preparata da un messaggero. Spesso, nella vita di fede, la venuta di Cristo è preparata da qualcuno di sig ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Dicembre 2009)

Nasce Giovanni, il figlio del prodigio, della gioia donata a due genitori rattristati dalla loro sterilità. Nasce come un'aurora che lascia intuire una giornata luminosa e radiosa, come anticipo della venuta del Messia. Al momento della circoncisione tutti suggeriscono al povero Zaccaria di usare un ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23 Dicembre 2013)
Commento su Lc 1,57-66
Tacciano, i mariti, e i maschi, e i parenti. Zitti tutti, come il povero Zaccaria. Tacciano anche se la donna disobbedisce, se non si farà come sempre si è fatto. Certo: il figlio deve avere il nome del padre, è una questione del clan, si è sempre fatto così. Ma Elisabetta sa che quel tempo è finito ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Dicembre 2013)
Commento su Luca 1,63
«Giovanni è il suo nome» Lc 1,63
Come vivere questa Parola?
Il vangelo ci racconta la nascita di Giovanni Battista, il precursore di Cristo. La profezia fatta a Zaccaria si realizza: Elisabetta gli ha dato un figlio e sarà chiamato Giovanni (che significa "Dio fa gra ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Dicembre 2014)
Commento su Lc 1, 63-64
«Egli (Zaccaria) chiese una tavoletta e scrisse: "Giovanni è il suo nome". Tutti furono meravigliati. All'istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio».
Lc 1, 63-64

Come vivere questa Parola?
Ritorna nel Vangelo odierno la figura embl ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Dicembre 2015)
Commento su Lc 1, 57-63
"Per Elisabetta intanto si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei. Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Dicembre 2016)
Commento su Lc 1, 65-66
«Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui».
Lc 1, 65-66

...
(continua)

Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 23 Dicembre 2010)
Benedetto il Signore?
Le due letture sono talmente collegate tra di loro che il vangelo non è altro che la risposta e la verifica della profezia di Malachia. Meravigliose sono le opere del Signore! La nascita di Giovanni, figlio di Elisabetta, mette in movimento tutta la zona montana intorno a Ain Karem. Che sarà mai que ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Dicembre 2010)
Giovanni è il suo nome
Nella verità dello Spirito Santo, la Vergine Maria sa quando inizia la sua missione e quando deve finire. Con gioia la inizia, con gioia la finisce. Noi non siamo nello Spirito Santo. Ignoriamo qual è la nostra missione. Iniziamo fuori tempo. Finiamo o prima del tempo o dopo il tempo. Entriamo con t ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Dicembre 2011)
Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome»
La Parola di Dio infallibilmente si compie. Quando la profezia è assoluta, cioè non condizionata da un nostro obbligo, essa si realizza con infallibile certezza. Ora la profezia fatta dall'Angelo a Zaccaria è assoluta. Non gli viene chiesto nessun parere o consiglio. Neanche è soggetta alla sua acce ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Dicembre 2013)
Che sarà mai questo bambino?

Meditando in questi giorni sul mistero del Santo Natale, appare con ogni evidenza tutta la grandezza infinita della misericordia di Dio, la sua eterna pazienza, il suo amore che mai viene meno, la sua luce che sempre brilla nelle nostre tenebre, il suo perenne desiderio di salvezz ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Dicembre 2014)
Che sarà mai questo bambino?
Quando il Signore entra nella storia per operare la sua salvezza, sempre crea la credibilità in quanti cercano Dio con umiltà e purezza di intenzioni. Sempre il suo Santo Spirito muove delle persone perché accolgano la sua manifestazione, il suo puntuale intervento per la salvezza della sua creatura ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Dicembre 2015)
Che sarà mai questo bambino?
Il mondo è differenza perché Dio in sé è differenza e Lui che è differenza nelle Persone ha creato l'universo nella differenza. Chi legge la prima e la seconda pagina della Scrittura noterà che tutto è stato fatto in una differenza mirabile, armoniosa, dove ogni cosa, ogni essere, concorre all'espan ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Dicembre 2016)
All'istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua
La Scrittura conosce diversi mutismi. Esiste il mutismo frutto del cuore di pietra, incapace di ascoltare la Parola del Signore. Chi non ascolta, neanche può riferire. Egli disse: «Va' e riferisci a questo popolo: "Ascoltate pure, ma non comprenderete, osservate pure, ma non conoscerete". Rendi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Video commento a Lc 1,57-66.80

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Solennità della natività di San Giovanni Battista
La Chiesa oggi, giustamente, sottolinea la grandezza di Giovanni Battista: l'uomo, scelto da Dio, per annunciare la novità del tempo che si stava preparando. Dopo il peccato originale non c'era più posto per noi presso Dio. I nostri progenitori avevano ceduto alla tentazione del serpente, ossia di f ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo
Festeggiamo la nascita di Giovanni Battista. Dio si serve degli uomini; con noi e per noi realizza i suoi piani di salvezza. Sceglie ciò che nel mondo è debole per confondere i forti. Egli sa rendere fecondo ciò che è sterile e aprire la bocca ai muti. Intreccia le sue con le nostre storie affinché ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Il Precursore della misericordia e dell'amore di Dio, fonte di vita e di gioia
Oggi, domenica XII del tempo ordinario, coincidente con il 24 giugno, solennità della natività di San Giovanni Battista, la liturgia della parola e dell'eucaristia si concentra nella celebrazione di questa annuale ricorrenza con data fissa, per richiamare alla nostra attenzione di credenti il messag ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Giugno 2008)

Giovanni è l'unico santo, insieme alla madre del Signore, di cui celebriamo la nascita e la morte. Giusto tributo al più grande uomo di tutti i tempi, come lo ha definito il Maestro Gesù. Giovanni è l'unico santo, insieme a Maria, di cui ricordiamo la nascita e non solo la morte. È un gest ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 24 Giugno 2012)
E' il nuovo che ci fa vivi
Oggi la Chiesa ci presenta una festa particolare: la Nascita di Giovanni Battista. La Chiesa celebra la festa del Battista perché Giovanni è stato il primo maestro di Gesù. Gesù è stato discepolo di Giovanni, poi si è distaccato da lui e ha fatto la sua strada (molto diversa da quella del Battista: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Video commento a Lc 1,57-66.80

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Giugno 2009)

Giovanni è l'unico santo di cui celebriamo la nascita e a morte, tanto è importante il suo ministero per il Regno. Gesù stesso dirà che egli è il più grande tra gli uomini. Gioiamo e benediciamo Dio per il dono dei persone così straordinarie! Giovanni il rude asceta del deserto, Giovanni i ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Video commento a Lc 1,57-66.80

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Commento su Luca 1,57-66.80
Perché l'uomo ha bisogno di profeti? Perché non li riconosce mai al momento giusto e li uccide? O li applaude per smorzare la forza delle loro parole che frustano e giudicano? Perché, Signore degli eserciti, hai bisogno di uomini che scavino come un solco il popolo per potere seminare la tua Paro ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Profeti e profezie
Il calendario, quest'anno, incrocia una delle feste più significative della cristianità: la nascita del Battista. Giovanni è una figura straordinaria all'interno della fede: Gesù stesso lo indica come il più grande uomo mai vissuto, il più grande tra i nati di donna (Mt 11,11) ed è l'unico santo di ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 24 Giugno 2016)
Commento su Lc 1,57-66.80
Collocazione del brano
Il brano si colloca all'interno dei Vangeli dell'infanzia, che si trovano nei primi due capitoli del Vangelo di Luca. In questi capitoli l'evangelista applica un parallelismo, al fine di confrontare Giovanni Battista e Gesù e mostrare la superiorità di ques ...

(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Video commento a Lc 1,57-66.80

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Giovanni, il Battista, dono di Dio
Per Elisabetta si compì il tempo e diede alla luce un figlio. I figli vengo­no alla luce come compi­mento di un progetto, vengo­no da Dio. Caduti da una stel­la nelle braccia della madre, portano con sé scintille d'infinito: gioia ( e i vicini si ralle­gravano con la madre) e pa­rola di Dio. Non nas ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 21 Giugno 2015)
Sulla Tua Parola - Lc 1, 57-66.80

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Il Dio che da' priorità all'uomo
Nel Prologo del Quarto Vangelo subentra quasi improvvisamente dopo la descrizione della creazione da parte di Dio e del suo Verbo e gli viene attribuita la funzione di "testimone della luce". Non era lui stesso la luce, ma doveva rendere testimonianza ad Essa. (Gv 1, 6) Si tratta di Giovanni, person ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Commento su Luca 1,57-66.80
Introduzione
Per bocca del profeta Dio annunciò: "Per voi... cultori del mio nome, sorgerà con raggi benefici il sole di giustizia e voi uscirete saltellanti come vitelli di stalla" (Ml 3,20). L'inno di Zaccaria è il mirabile sviluppo di questa profezia. Quando, obbedendo all'ingiunzione ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Giugno 2010)

Dalla Parola del giorno E la mano del Signore era con lui. Come vivere questa Parola? Oggi la Chiesa festeggia la nascita di Giovanni Battista: figura davvero importante perché cerniera tra la prima e seconda alleanza. La liturgia infatti, riferendo a lui il Sl 138/ ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 24 Giugno 2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Nazzareno Marconi PRIMA LETTURA Dal libro del profeta Isaia (49,1-6) Questo brano di Isaia - il secondo "canto del servo" - sottolinea la missione profetica di colui che Dio ha scelto per portare il suo messaggio agli uomini: farli pass ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Commento su Lc 1,57-66.80
È il "no!" di Elisabetta che cambia le cose, quando già lo chiamavano Zaccaria, come suo padre. Elisabetta è trattata come le donne tornate dal sepolcro che non vengono credute. Allora si unisce la bella risposta di Zaccaria: "Giovanni è il suo nome". I presenti alla cerimonia della circoncis ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 24 Giugno 2013)
Camminerà innanzi con lo spirito e la forza di Elia

Dio si serve degli uomini; con noi e per noi realizza i suoi piani di salvezza. Sceglie ciò che nel mondo è debole per confondere i forti. Egli sa rendere fecondo ciò che è sterile e aprire la bocca ai muti. Intreccia le sue con le nostre storie affinché ciò che egli vuole si comp ...
(continua)

Suor Giuseppina Pisano o.p.     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Il suo nome è Giovanni
...nell'ora dell'offerta dell'incenso... precisa Luca raccontando l'annuncio della nascita del Battista; in quell'ora dedicata alla preghiera solenne, mentre l'anziano sacerdote Zaccaria ufficiava nel tempio, un Angelo gli rivelò che sua moglie, anch'essa avanti negli anni e sterile, avrebbe ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Chiamati alla verità
Nel pieno dell'estate la liturgia ci fa incrociare questa domenica con la festa della natività di Giovanni battista, il cugino asceta del Rabbì che amava i banchetti. Giovanni mi ha sempre affascinato. E' un uomo asciutto, diretto, cristallino; è un profeta che non si lascia sedurre dalla tentazion ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 24 Giugno 2012)

Oggi è una festa solenne per la Chiesa, così importante che non celebriamo la messa della dodicesima domenica, come vorrebbe l'ordine del calendario, ma leggiamo il Vangelo che racconta la nascita di Giovanni Battista. Questo grande profeta, l'ultimo dei profeti che, per tutto l'Antico Testamento a ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 24 Giugno 2010)
La bellezza di una nascita e di un nome
Giovanni è il suo nome Chiamiamo giustamente "lieto evento" la nascita di un bambino. Anche se comporta sofferenza per la mamma e per il figlio e l'avvenimento è vissuto con molta trepidazione dalla cerchia di parenti e amici, si tratta pur sempre di un fatto gioioso. Sono interessanti, an ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 24 Giugno 2012)
L'ultimo e il più grande di tutti i profeti
Oggi si celebra la nascita di San Giovanni Battista, fissata al 24 giugno, cioè sei mesi prima di quella di Gesù, per rispettare i tempi suggeriti dal vangelo (Luca 1,36): ed è una celebrazione tanto importante che, a differenza di quanto accade per gli altri santi, quando come quest'anno cade di do ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 24 Giugno 2012)
La mano del Signore era con lui
L'importanza che nella tradizione biblica neotestamentaria e nella storia della Chiesa ha la figura del Battista è nota a tutti e il suo culto, diffuso ovunque, lo testimonia. Nei vangeli il Messia è annunciato da Giovanni che con la sua predicazione e con il battesimo nell'acqua prepara gli uomini, ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 24 Giugno 2012)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Giovanni è il suo nome
Domenica 24 giugno la Liturgia della domenica XII del tempo ordinario cede il posto alla solennità della "Natività di San Giovanni Battista": questo è indice della importanza che la Liturgia attribuisce a questo evento nella storia della salvezza e quindi nell'esperienza cristiana normale. La Liturg ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Video commento su Luca 1,57-66.80

...
(continua)

Wilma Chasseur     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Colui che non è

Festa antichissima che risale al IV secolo. Giovanni Battista è l'ultimo profeta dell'Antico Testamento; profeta dell'Altissimo per eccellenza, perché se gli altri annunciavano il Messia da lontano, lui fu presente alla sua venuta. Lo vide e lo indicò come Colui al quale non era d ...
(continua)

don Alberto Brignoli     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Dov'è finita la profezia?
Giovanni, colui che battezzava al di là del Giordano, in territorio straniero, il più grande tra i nati di donna, e il più piccolo nel regno dei Cieli, è considerato il ponte tra l'Antico e il Nuovo Testamento, colui che contemporaneamente porta a compimento la fase della profezia e inaugura la fase ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Giugno 2011)
Giovanni è il suo nome
La nostra storia non è un vortice cieco, che avanza sospinta da forze ingovernabili, nelle quali l'uomo perde ogni sua identità, volontà, arbitrio, anima e corpo. Essa invece è sempre governata dall'amore di Dio, che è per tutto il genere umano, provvidenza, libertà, carità, salvezza e redenzione. ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome»

Adamo è senza nome. Lui è semplicemente l'uomo. L'uomo - senza nome - dona il nome alla donna: "Allora l'uomo disse: «Questa volta è osso dalle mie ossa, carne dalla mia carne. La si chiamerà donna, perché dall'uomo è stata tolta». (Gen 2,22-23). L'uomo chiamò sua moglie Eva, p ...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Giovanni è il suo nome
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Giugno 2013)
Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito

A volte ci si interroga, ci si chiede: perché noi, dopo anni e anni di vita cristiana, miseramente cadiamo, abbandoniamo, ci ritiriamo, lasciamo anche il nostro ministero, appendendo, come si diceva un tempo, la nostra tunica alle ortiche? Perché un ministro di Cristo Gesù fallisc ...
(continua)

mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Giovanni, un esempio per noi
Giovanni è il "precursore", cioè colui che precede Gesù nella nascita e nella morte. Giovanni è l'amico dello sposo, colui che gioisce solo a sentirne la voce. Giovanni è la voce, che prepara la venuta della Parola. Giovanni è profeta ed è più di un profeta; il più piccolo è il più grande tra i n ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Video commento su Luca 1,57-66.80


(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Giugno 2016)
Che sarà mai questo bambino?
Giovanni il Battista è opera tutta di Dio. Per sua onnipotenza è venuto al mondo da madre sterile e avanzata negli anni. Per sua volontà è stato colmato di Spirito Santo mentre ancora era nel grembo della Madre. Da quel giorno lo Spirito Santo lo ha avvolto di sé e lo ha preparato per la missione. S ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 24 Giugno 2012)
La testa di lui la fa impazzire
Come un amante smemorato. Perché l'orologio e il calendario non accettano distrazioni. Così la sentenza è divenuta definitiva. E lui è arrivato troppo tardi per far carriera tra i profeti: di Zaccaria, ultimissimo profeta del Vecchio Testamento, s'avverte l'eco delle nenie funebri. Per la carriera o ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Una vita piena... nel Suo nome
"Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda". Il ritornello del Salmo ci aiuta a comprendere il motivo per cui la liturgia, oggi, celebra una nascita, quella di Giovanni Battista. La ragione profonda non risiede nella meditazione dell'opera compiuta dal cugino di Gesù lungo le rive ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 24 Giugno 2012)
La novità del nome
Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. Quando Zaccaria, sacerdote della classe di Abia, si trovò per sorte, nel tempio per l'incenso ricevette la buona notizia (Lc1,5): la sua preghiera, quella che come sacerdote stava facendo per tutto il popolo, era stata e ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Nome, parola e deserto

Celebriamo la solennità della nascita di Giovanni Battista. E' l'uomo "mandato da Dio come testimone, venuto per rendere testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui" (Gv 1,6-7). Giovanni è la Voce che grida nel deserto:
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Giugno 2012)
Commento su Luca 1,63-64
"Giovanni è il suo nome" [...].All'istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio. Lc 1,63-64
Come vivere questa Parola?
Zaccaria, padre di Giovanni Battista, era rimasto muto quando, all'annuncio di un figlio in tarda età e per di ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Dicembre 2008)

O Astro che sorgi, splendore di luce eterna e sole di giustizia: vieni, e illumina chi giace nelle tenebre e nell'ombra di morte. Eccoci, ormai manca poco. Tra poche ore, nel cuore della notte secondo la tradizione cristiana, la Vergine partorirà, darà alla luce il suo figlio primogenito. ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Dicembre 2009)

Giovanni è il suo nome. Ha obbedito, questa volta, Zaccaria, non ha tentennato come al tempio, quando ha dubitato della nascita di suo figlio data la sua età avanzata. Non ha opposto obiezioni normali e scontate: l'angelo non aveva gradito quel suo lieve tentennamento e lo aveva costretto al ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Dicembre 2012)
Commento su Luca 1,67-79
Ha taciuto per nove mesi il povero Zaccaria. Un ritiro obbligato, una specie di punizione, sì perché, il giorno dell'annuncio, emozionato per essere stato estratto a sorte nel servizio all'altare dell'incenso, privilegio che poteva forse accadere una volta nella vita, si era pure trovato faccia a fa ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24 Dicembre 2013)
Commento su Lc 1,67-79
È il momento, ci siamo. Non so come passerete questa notte. Purtroppo negli ultimi decenni il Natale ci è stato scippato (e comunque, un po', noi cattolici ce lo siamo fatto strappare dalle mani!) e ci viene restituito completamente stravolto. La festa dei buoni sentimenti, dell'amicizia, della fami ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Dicembre 2016)
Commento su Lc 1, 68
«Benedetto il Signore, Dio d'Israele, perché ha visitato e redento il suo popolo»
Lc 1, 68

Come vivere questa Parola?
Oggi è il grande giorno che precede la celebrazione della nascita di Cristo, Re della pace. Questa sera, questa notte, in tutto il mondo, credente o meno, ...

(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Dicembre 2010)
Ci visiterà un sole che sorge dall'alto
Il Cantico di Zaccaria è la conclusione posta dallo Spirito Santo all'Antico Testamento ed è anche l'introduzione al Nuovo. Viene dichiarato chiuso l'Antico Testamento perché Dio ha realizzato la sua promessa di inviare un Salvatore potente. Lo ha promesso e lo ha fatto. Il Salvatore potente è in me ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Dicembre 2012)
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo

Nella Scrittura Santa, dinanzi ai grandi eventi della salvezza, l'uomo innalza la sua voce per cantare l'opera di Dio, esaltandolo e benedicendolo. Il primo grande canto che narra la salvezza di Dio è quello intonato da Mosè e dagli Israeliti davanti al Mar Rosso, prima diviso in ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Dicembre 2013)
E ha suscitato per noi un Salvatore potente

Chi legge la storia della salvezza, noterà che vi sono in essa due agenti: Dio e l'uomo. Dio è l'Agente che non si stanca mai di elevare verso l'alto la sua creatura fatta da Lui a sua immagine e somiglianza. L'uomo invece è l'agente che mai si stanca di distruggere ciò che Dio se ...
(continua)

Riccardo Ripoli     (Omelia del 24 Dicembre 2012)
Vi annunzio una grande gioia
Non c'è gioia più grande della nascita di un figlio. Ogni volta che un bambino entra in casa nostra per trascorrere un periodo della sua vita con noi, la mia gioia è tale e tanta da volerlo gridare ai quattro venti, far sapere a tutti che la nostra famiglia si è arricchita di una perla in più. Il ba ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Dicembre 2014)
E ha suscitato per noi un Salvatore potente
Nessuno potrà mai parlare di Dio, narrare la sua gloria, dire le sue opere se lo Spirito del Signore non è in lui. Ognuno dice di Dio in misura della potenza dello Spirito di Dio che abita e dimora in lui. Narrare Dio, raccontare Dio, vedere Dio nella storia, profetizzare le sue opere presenti e fut ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Dicembre 2015)
Ha suscitato per noi un Salvatore potente
Mentre il "Magnificat" è il primo cantico del Nuovo Testamento che celebra il nuovo assoluto che Dio ha compiuto in Maria e per Lei, il "Benedictus" possiamo definirlo come l'ultimo cantico dell'Antico Testamento. Esso riassume tutta la storia della salvezza secondo le innumerev ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Dicembre 2016)
Un Salvatore potente nella casa di Davide, suo servo
Zaccaria annunzia con il suo canto di vera profezia che la promessa fatta da Dio a Davide si è compiuta. Il Re dal regno eterno è venuto nel mondo, è già presente. Compiendosi questa profezia sul Messia ogni altra si compirà. Sul Re che dovrà venire non vi è una sola Parola di Dio, ma una moltitudin ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 31 Gennaio 2015)
Commento su Lc 1, 68
"Benedetto il Signore, Dio d'Israele, perché ha visitato e redento il suo popolo."
Lc 1, 68

Come vivere questa Parola?
Oggi è la memoria di san Giovanni Bosco, di cui ricorre quest'anno il secondo centenario della nascita.
Il salmo responsoriale che abbiamo citato è ...

(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 20 Dicembre 2015)
Video Commento a Lc 1, 1, 39-45

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 23 Dicembre 2012)
Commento su Michea 5,1-4;Salmo 79;Ebrei 10,5-10;Luca 1,39-45
Durante le settimane d'Avvento abbiamo appreso che Cristo Gesù è il nostro più fedele compagno, che ci è sempre vicino, che sentiamo sempre la sua presenza. Questa è una presenza misteriosa che, per meglio accoglierla, noi l'attendiamo con un'attesa piena, che farlo maturare come l'attesa di Maria n ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Video Commento a Lc 1, 1-4. 4, 14-21

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 24 Gennaio 2016)
Commento su Ne 8,2-4.5-6.8-10; Sal 18; 1Cor 12,12-30; Lc 1,1-4; 4,14-21
La liturgia di questa domenica ci pone davanti due aspetti del nostro vivere come veri cristiani. Tutta la liturgia ci fa meditare sulla grande importanza che ha nel cammino verso la meta la Parola di Dio che è per noi spirito e vita.
Ci viene presentato Gesù che venne a Nazareth di sabato ed ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 27 Gennaio 2013)
Commento su Neemia 8.2-4.5-6.8-10; Salmo 18; Prima Corinzi 12,12-31; Luca 1,1-4; 4,14-21
"Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione e ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 21 Dicembre 2008)
Commento su Romani 16,25-27 e Luca 1,26-38
Lectio
Seconda lettura: Rm 16,25-27
Questa dossologia (rendimento di gloria, canto di trionfo), chiude la lettera ai Romani. É un canto di lode rivolto a Dio e ripercorre le motivazioni fondamentali dell'intervento di Dio nella storia dell'umanità. In particolare si riferisce ...

(continua)