Omelie riferite al libro: Vangelo secondo Giovanni, capitolo 2

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 19 Aprile 2015)
Commento su 1Gv 2,1-5a
Collocazione del brano
La nostra lettura della prima Giovanni ritorna indietro al capitolo 2. Nel primo capitolo l'autore ha dichiarato che tutto quello che ha visto e udito, cioè il Verbo della vita, lo avrebbe annunciato anche a noi perché questo ci facesse entrare nella comunione con ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02 Gennaio 2017)
Commento su 1 GV 2, 23-24
«Quanto a voi, quello che avete udito da principio rimanga in voi. Se rimane in voi quello che avete udito da principio, anche voi rimarrete nel Figlio e nel Padre. E questa è la promessa che egli ci ha fatto: la vita eterna. Questo vi ho scritto riguardo a coloro che cercano di ingannarvi».
...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02 Gennaio 2019)
Commento su 1Gv 2,24-25
«Quanto a voi, tutto ciò che avete udito da principio rimanga in voi. Se rimane in voi quel che avete udito da principio, anche voi rimarrete nel Figlio e nel Padre. E questa è la promessa che egli ci ha fatto: la vita eterna.»
1Gv 2,24-25

Come vivere questa Parola?
Quest ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03 Gennaio 2017)
Commento su 1GV 2, 29
«Figlioli, se sapete che Dio è giusto, sappiate anche che chiunque opera la giustizia, è stato generato da lui».
1GV 2, 29

Come vivere questa Parola?
Il nuovo testamento riscrive il significato di tante parole e di tante dimensioni del vivere dell'umanità. Una di questa è ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 03 Gennaio 2019)
Commento su 1Gv 2,29-3,1
«Se sapete che egli è giusto, sappiate anche che chiunque opera la giustizia, è nato da lui. Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! La ragione per cui il mondo non ci conosce è perché non ha conosciuto lui.»
1Gv 2,29-3,1

Come ...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29 Dicembre 2016)
Commento su 1 Gv. 2,5
"Chi osserva la parola di Gesù, in Lui l'amore di Dio è veramente perfetto. Da questo conosciamo di essere in Lui"
1 Gv. 2,5

Come vivere questa Parola?
Se c'è un apostolo la cui parola non possono che avere la prima garanzia d'essere Verità sacrosanta è proprio San Giovan ...

(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19 Aprile 2015)
Commento su At 3,13-15.17-19; 1Gv 2,1-5; Lc 24,35-48
La liturgia di domenica scorsa Attraverso l'episodio Dell'incredulità di Tommaso ci ha fatto meditare come l'uomo crede solo quando ha delle certezze, ma credere significa avere fiducia nel mistero del Cristo risorto e attraverso lui credere senza vedere. Questo infatti ci dice la beatitudine: "Beat ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15 Aprile 2018)
Commento su At 3,13-15.17-19; Sal 4; 1Gv 2,1-5; Lc 24,35-48
Questa domenica potremmo definirla la domenica dei "testimoni" del Testimone, poiché è la parola chiave delle letture: "...ma Dio lo ha risuscitato dai morti e di questo noi ne siamo testimoni" (1° lettura), "Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18 Aprile 2021)
Commento su At 3,13-15.17-19; Sal 4; 1Gv 2,1-5; Lc 24,35-48
Le letture che ci propone oggi la liturgia hanno come comune denominatore, anche se con sfumature diverse, l'invito alla conversione, alla lettura delle sacre scritture per credere in Gesù, morto e risorto, che ha dato la sua vita per la remissione dei nostri peccati. San Giovanni, nella sua lettera ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Video commento - III Domenica di Quaresima - Anno B

...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 04 Marzo 2018)
La religiosità non è fede
Potremmo essere sorpresi di leggere che Gesù, arrivando nel tempio di Gerusalemme, vi trovasse buoi, pecore, colombe e persone che li vendevano. Questo episodio va situato nel contesto della pratica religiosa ebraica prescritta dalla scrittura stessa, soprattutto dal libro del Levitico. Il culto del ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Commento su Es 20,1-17; Sal 18; 1Cor 1,22-25; Gv 2,13-25
Il racconto di Giovanni è spoglio ed essenziale: quasi una cronaca proposta con un taglio giornalistico moderno. E tuttavia, superando l'apparente distacco emotivo del narratore, l'iniziativa «eversiva» di Gesù ci apparirà in tutta la sua consistenza.
Giovanni scrive il suo Vangelo verso la fi ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Commento su Es 20,1-17; Sal 18; 1Cor 1,22-25; Gv 2,13-25
La liturgia di domenica scorsa ci ricordava come Gesù perde tutto per il Padre, per ricevere tutto dal Padre. Dio chiede tutto all'uomo perché vuole donargli il massimo, è un Dio nuovo che non condanna l'uomo, ma che lo perdona, lo benedice, facendolo diventare benedizione per tutti gli uomini.
...

(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
L'amore di Dio è per tutti gli uomini
Il primo dei segni, che noi chiamiamo miracoli, di Gesù, avviene a Cana di Galilea, in una festa di nozze. Gesù non disdegna le cose umane, è pienamente inserito nella vita della sua gente, nei suoi momenti gioiosi e in quelli tristi. Anzi dà pieno valore e benedizione a tutte le situazioni della v ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Dalle nozze di Cana una luce per le nostre famiglie

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Video commento a Gv 2,1-11

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Video commento a Gv 2,1-11

...
(continua)

don Maurizio Prandi     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Segni, non miracoli
Il racconto delle nozze di Cana fa in realtà parte della festa dell'Epifania. L'Epifania e le due domeniche seguenti rappresentano tutte un elemento dell'Epifania del Signore: i Magi che vanno a Betlemme e portano i doni al Re dei Giudei; Gesù che viene battezzato nel Giordano e viene rivelato dal P ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Video commento a Gv 2,1-11

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Video commento a Gv 2,1-11

...
(continua)

don Roberto Rossi     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Cana, Gesù, la nostra famiglia
Il Vangelo delle nozze di Cana dà una luce particolare alla vita delle nostre famiglie. Come va la nostra vita di famiglia? Il Signore ci vuole bene ed è vicino a noi, è con noi, nelle nostre case, per darci la grazia del suo amore, nella nostra vita di ogni giorno, per aiutarci nel nostro rapporto ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Nella festa di nozze il principe dei segni, il capostipite
L'intero Israele risuonava del lamento di schiavi e lebbrosi, e Gesù sembra ignorarli e inizia il suo ministero ma da una festa di nozze. Anziché asciugare lacrime, colma le coppe di vino. Sembra indifferenza davanti al dolore dei poveri, la scelta di qualcosa di secondario di fronte al dramma del ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Fatelo
Venuto a mancare il vino. Quante volte facciamo questa esperienza, nelle nostre vite. Quanto la stiamo facendo, in questi due anni di pandemia. Lo scoraggiamento ha sostituito la paura, avanziamo per abitudine senza sapere cosa ci riserva il futuro. Ma, ad essere onesti, non è stato il Covid a to ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Commento su Gv 2,1-11
Collocazione del brano
La festa dell'Epifania, cioè della manifestazione di Gesù Cristo, secondo la tradizione comporta tre manifestazioni importanti di Gesù. La prima è alla visita dei Magi, la seconda è al battesimo nel Giordano, la terza è il miracolo dell'acqua cambiata in vino alle ...

(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Video commento su Gv 2,1-11

...
(continua)

padre Paul Devreux     (Omelia del 16 Gennaio 2022)

In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli.
Non leggiamo questo vangelo come un fatto di cronaca. Proviamo a vedere il messaggio bellissimo che vuole darci.
La festa di nozze è spesso usa ...

(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Cana, i nostri cuori come anfore da riempire
C'è una festa grande, in una casa di Cana di Galilea: le porte sono aperte, come si usa, il cortile è pieno di gente, gli invitati sembrano non bastare mai alla voglia della giovane coppia di condividere la festa, in quella notte di fiaccole accese, di canti e di balli. C'è accoglienza cordiale perf ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Video commento su Gv 2,1-11

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
A Cana il volto gioioso del Padre
Festa un po' strana, quella di Cana di Galilea: lo sposo è del tutto marginale, la sposa neppure nominata; protagonisti sono due invitati, e alcuni ragazzi che servono ai tavoli. Il punto che cambia la direzione del racconto è il vino che viene a mancare. Il vino nella Bibbia è il simbolo dell'amore ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Video Commento a Gv 2, 1-11

...
(continua)

padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Sulla Tua Parola - Gv 2, 9-11

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Qualsiasi cosa vi dica, fatela
Le feste natalizie hanno puntato tutta l'attenzione sull'incredibile grandezza del Cuore di Dio che viene incontro, sempre, ai bisogni dell'umanità, mandandoci Suo Figlio, nato da Maria Vergine a Betlemme. Non so se tutti siamo riusciti a spalancare le nostre porte a Maria che chiedeva ospitalità ne ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Cristo Vino e sposo
Il profeta Isaia annuncia la liberazione di Gerusalemme, che fra poco non sarà più una città derelitta e abbandonata a se stessa, ma diventerà una terra "sposata". Come un giovane sposa una ragazza così il Creatore sarà lo sposo della città gloriosa che si rivestirà di luce. Sono tutte promesse che ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Video commento su Giovanni 2,1-11

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 2,1-11

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Fare la parte degli sposi
L'immagine dello sposalizio e della festa nuziale sono ricorrenti nella Bibbia per esprimere il patto di alleanza fra Dio e il popolo d'Israele e per estensione la predilezione di Dio per tutti gli uomini. Quando l'uomo accoglie la proposta di comunione con Dio è sempre festa e ancor più quando la c ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 2,1-11

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 2,1-11

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Novità, gioia e salvezza
Da poco si è celebrato il mistero dell'incarnazione e adesso siamo edotti dal fatto che con il suo Natale Gesù viene ad instaurare un nuovo ordine di persona e di prospettiva di vita sociale. Con Gesù avviene il "nuovo", l'innovazione definitiva che tocca innanzitutto il cuore dell'uomo per trasform ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Commento su Gv. 2,1-5
"In quel tempo ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù. Fu invitato a nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: "Non hanno più vino". E Gesù rispose: "Che ho a che fare con te o donna? Non è ancora giunta la ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
La Parola - commento a Gv 2,1-11
Commento a cura di don Giovanni Battista Borsato. Registrato nella chiesa parrocchiale di san Giovanni Battista, Longa di Schiavon, Vicenza.

...
(continua)

don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Gesù e la vera Festa: c'è vino per tutti!
Fare festa è qualcosa di bello: mi piacerebbe vivere ogni giorno una festa. Va bene, ogni giorno no, ma almeno una volta alla settimana. Ebbene, noi ogni settimana, proprio per la nostra voglia di "far festa" viviamo una giornata di riposo, per "fare festa". Purtroppo per molti non è così, per neces ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 2,1-11)

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Il vino di Gesù e di Maria per le nostre famiglie
Questo breve tempo dell'anno liturgico, detto ordinario, che viene prima della Quaresima, che inizia, quest'anno 2016, con il mercoledì delle ceneri, il 10 febbraio, dopo aver celebrato, domenica scorsa, prima domenica del tempo ordinario, il Battesimo di Gesù, ci troviamo con Gesù e Maria nella cas ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 2,1-11)

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Il coraggio di proteggere la famiglia sempre
La parola di Dio di questa seconda domenica del tempo ordinario ci invita a non tacere di fronte al male e a fa circolare il bene e a diffonderlo in tutti i modi. Il profeta Isaia, nel brano della prima lettura ci dice esattamente questo: per amore di Sion egli non farà silenzio, ma parlerà fin a qu ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Dal vuoto alla pienezza

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Gesù a Cana compie il suo primo miracolo: l'acqua è cambiata in vino
Dopo il periodo dell'Avvento e di Natale ritorniamo nella liturgia al tempo definito ordinario. Oggi, 16 gennaio 2022, infatti, celebriamo la seconda domenica di questo tempo del Ciclo C dell'anno liturgico e al centro della nostra riflessione ci sono tre testi biblici che ascolteremo partecipando a ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Commento su Giovani 2,1-11

...
(continua)

diac. Vito Calella     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
La nuova ed eterna alleanza della Trinità con la sposa-umanità
La festa di nozze è un evento pieno di gioia e di speranza. Celebra la storia di comunione tra la sposa e lo sposo, augurando la fedeltà e la fecondità del rapporto di rispetto reciproco. Il vero amore gratuito, non determinato dagli interessi egoistici dei due parters, si basa sul rispetto reciproc ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Audio commento al Vangelo del 20 gennaio

...
(continua)

don Fabio Rosini     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Commento al Vangelo del 16 gennaio

...
(continua)

don Alessandro Farano     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Domenica - II settimana del Tempo Ordinario - Anno C - Commento al Vangelo

...
(continua)

don Alessandro Farano     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Domenica II del Tempo Ordinario - Anno C - Lectio Divina

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Commento su Gv 2,1-5
«Vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai serv ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Commento su Giovanni 2,1-11
La protagonista è la madre di Gesù. L'episodio accade "il terzo giorno": l'evocazione pasquale ricorre molte volte in questo Vangelo; per Giovanni si è sempre nei paraggi della Pasqua di Gesù. Una scena di matrimonio con la presenza della madre di Gesù e al quale era stato invitato anche Gesù ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 17 Gennaio 2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Quando si legge per l'ennesima volta il medesimo brano di vangelo (e questo vale in assoluto anche per altri brani o racconti...) si corre il rischio di non accorgersi quasi più delle emozioni provate la prima volta. A meno che ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Audio commento a Gv 2,1-11

...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 20 Gennaio 2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Gianmarco Paris Il vino dell'amore Dopo la domenica del battesimo, in cui abbiamo visto lo Spirito scendere su Gesù e abbiamo sentito la voce del Padre che lo presenta come il figlio amato, oggi meditiamo il primo "segno" che ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Una vita di gioia per gioire nella vita

...
(continua)

don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Fate tutto quanto egli vi dirà

...
(continua)

don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 20 Gennaio 2019)

...
(continua)

Agenzia SIR     (Omelia del 20 Gennaio 2019)

Dopo le celebrazioni natalizie concluse dalla festa del Battesimo di Gesù, inizia ora il tempo ordinario dell'Anno Liturgico - che sarà interrotto dalla Quaresima e dal tempo Pasquale, per riprendere poi dopo la Pentecoste e concludersi con la solennità di Cristo Re -. E inizia sotto il segno ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 16 Gennaio 2022)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse Città della Pieve Carissimi, quale grande regalo ci fa oggi la Liturgia: mentre muoviamo i primi passi nel Tempo Ordinario ci viene subito incontro Maria, la Madre di Gesù, nel racconto evangelico delle Nozze di Cana. Att ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 16 Gennaio 2022)

Riprende il tempo ordinario, ma avvertiamo ancora nella liturgia odierna, quanto abbiamo celebrato durante le festività natalizie. Animati dalle bellissime parole della prima lettura, tratta dal capitolo 62 del profeta Isaia, ci accostiamo, a riflettere sul primo segno che Gesù compie, nel vangelo d ...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Qualsiasi cosa vi dica, fatela

...
(continua)

don Franco Manzi     (Omelia del 19 Gennaio 2020)

...
(continua)

don Nicola Salsa     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Fate quello che vi dirà (Gv 2,1-11)

...
(continua)

don Roberto Seregni     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Vino buono
Solo il Vangelo di Giovanni racconta il segno delle nozze di Cana, il primo con il quale Gesù manifesta la sua gloria. Certamente è un segno insolito, inaspettato. Settimana scorsa Luca ha sorpreso i suoi lettori presentando Gesù sulle rive del Giordano in fila con i peccatori, oggi Giovanni ci stup ...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Qualsiasi cosa vi dica, fatela!

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
A Cana c'era la madre di Gesù
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Il vino rallegra il cuore!

...
(continua)

Giancarlo Airaghi     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Nozze di Cana - un Dio che c'è...

...
(continua)

padre Maurizio De Sanctis     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Fate quello che vi dirà... Fate questo in memoria di me!

...
(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 20 Gennaio 2019)

Carissimi bambini vi ricordate cosa è e quando inizia l'anno liturgico? L'anno liturgico sono 365 giorni in cui la Chiesa ricorda i fatti più importanti della vita di Gesù e di quanti hanno preceduto e seguito la sua venuta. L'anno liturgico non inizia il primo gennaio ma inizia con l'Avvento e term ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Audio commento alla liturgia - Gv 2,1-11
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 16 Gennaio 2022)

Oggi è la prima volta che ci incontriamo di domenica nel tempo ordinario dell'anno liturgico. Vi ricordate quando inizia l'anno liturgico? Non inizia il primo gennaio, ma inizia la prima domenica di Avvento. L'Avvento è il tempo che ci prepara al Natale, e dopo il tempo natalizio che si è concluso d ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Un Dio nascosto!
Quella a Cana di Galilea è la terza Epifania di Gesù, la terza Epifania del Figlio di Dio e come abbiamo sottolineato insieme, anche questa non avviene nel segno della straordinarietà ma dell'ordinarietà: è questo il filo rosso che unisce le tre manifestazioni di Gesù:
- un bambino
- un u ...

(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
No vino, no party
Clicca qui per la vignetta della settimana. Un paio di anni fa ho avuto il dono di poter celebrare le nozze di due giovani amici e di partecipare alla loro festa di nozze che mi è tornata in mente meditando sulla festa di nozze ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Audio commento alla liturgia - Gv 2,1-11
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Backstage Di Un Miracolo
Clicca qui per la vignetta della settimana. Adoro il cinema e la magia di quei film che riescono a ricreare situazioni e storie che nella realtà spesso sono impossibili. Adoro anche vedere successivamente il backstage dei film v ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
In dialogo con il popolo d'Israele
Il passo evangelico di questa domenica (Giovanni 2,1-11) presenta il primo miracolo compiuto da Gesù nel corso del suo ministero pubblico. E' il noto episodio delle nozze di Cana, durante le quali, sollecitato da sua Madre, egli non ha disdegnato di mantenere viva la festa cambiando l'acqua nel vino ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Videocommento su Gv 2,1-11

...
(continua)

don Domenico Bruno     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Dio ci chiede ciò che abbiamo
"Fate quello che vi dirà" (cf Gv 2-1-11), dice Maria a quanti erano in panico per aver finito il vino nel bel mezzo della festa di nozze che rischia di perdere ritmo e diventare noiosa, monotona... Maria ha la soluzione: andate da mio figlio, lui potrà aiutarvi. Può capitare che nel bel mezzo del ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Giornate per il Dialogo e per l'Unità
Dopo l'episodio dei Magi e il battesimo al Giordano, ecco un'altra delle tante epifanie di Gesù: il primo miracolo, vale a dire il noto episodio delle nozze di Cana (Giovanni 2,1-11), durante le quali, sollecitato da sua Madre, egli non ha disdegnato di mantenere viva la festa cambiando l'acqua nel ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Rispetto e dialogo tra i credenti nello stesso Dio
Dopo l'avvento e il tempo di Natale, la liturgia riprende il tempo ordinario, e dopo l'episodio dei Magi e il battesimo al Giordano, presenta un'altra delle tante epifanie di Gesù: il primo miracolo. Come narra l'evangelista Giovanni (2,1-11), il primo miracolo è quello che avviene durante le nozze ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Chi sono gli sposi?
Oggi siamo invitati a nozze. Strano matrimonio: avete notato che non vengono mai nominati gli sposi? Non sono affatto loro i protagonisti: chi sono allora? Il Vangelo ci parla dell'acqua trasformata in vino e delle nozze, ma non degli sposi: non ci dice neanche come era l'abito della sposa... l'elem ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Quante feste di nozze?
Entriamo nel tempo ordinario con un fatto assolutamente straordinario: il miracolo di Cana. Strano matrimonio: avete notato che non vengono mai nominati gli sposi? Non sono affatto loro i protagonisti: chi sono allora? Il Vangelo ci parla dell'acqua trasformata in vino e delle nozze, ma non degli s ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Faccio nuove tutte le cose
Non ha ancora iniziato il suo ministero pubblico, e Gesù ha già voglia di mettere ben in chiaro le cose: il suo Vangelo è novità, egli è venuto a fare nuove tutte le cose. E il Gesù del Vangelo di Giovanni è poco diplomatico: nell'arco di tre capitoli, tra il secondo e il quarto, l'evangelista gli f ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Iniziamo bene!
Dopo essere manifestato dalla Stella come luce di tutti i popoli nell'adorazione dei Magi, dopo essere stato rivelato dal Padre come il Figlio amato nelle acque del Giordano, oggi è Gesù stesso, in persona, a svelarsi, a rivelarsi per ciò che egli è, in un banchetto di nozze, a Cana di Galilea. E lo ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
L'inizio dei segni
"In quel tempo": da sempre siamo abituati a leggere con questa introduzione il brano di Vangelo che la Liturgia ci propone. Una specie di "c'era una volta" con il quale solitamente introduciamo le favole narrate ai bambini: quelle, però, finiscono con "e vissero tutti felici e contenti": il Vangelo, ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Maria ha ingranato la sesta (marcia)
Diranno ch'è tutto un mangia-e-bevi la sua vita. Lui, ogni giorno, non farà altro che confermare quella loro diceria: con dei pubblicani, delle cortigiane, dei dissoluti andrà a mescolarsi. Con la feccia, quella peccatrice e quella festaiola: «Una volta volevo diventare ateo - confidò H. Youngman -, ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
L'altro vino
Una festa di nozze
L'espressione il terzo giorno, che è stata sostituita con in quel tempo, completa la successione, giorno dopo giorno, che ci porta a Cana sei giorni dall'inizio (in Gv 1,29). Due i paralleli: la prima settimana del racconto giovanneo al sesto giorno collo ...

(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
L'acqua del Servo
Vi fu una festa
La festa è sempre un "mistero" e lo sappiamo bene, noi possiamo preparare, organizzare mille aspetti di una festa ma la festa non parte: la sala ben addobbata, un buffet in bella vista, della buona musica non sono sufficienti; la festa nasce da qualcosa al di fuori del pr ...

(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Commento su Giovanni 2,1-11
Il Vangelo di oggi ci presenta un Gesùdisinvolto e festaiolo, che accoglie volentieri un invito a pranzo o a cena, dove si mangia, si beve - ovvio! -, si sta insieme in allegria, lasciando da parte per qualche ora i pensieri, la tristezza, l'assillo dell'orologio, l'agenda degli appunt ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Commento su Giovanni 2,1-11
Il miracolo dell'acqua mutata in vino durante un banchetto di nozze è uno dei più conosciuti, forse il più conosciuto del Vangelo, anche da parte di coloro che non hanno dimestichezza con il Vangelo; molti sposi scelgono questa pagina in occasione del loro matrimonio... forse proprio perché n ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Commento su Giovanni 2,1-11
Letture "nuziali", quelle della II Domenica del Tempo Ordinario: terminate le celebrazioni natalizie, il clima della festa, tuttavia continua con il Vangelo delle nozze di Cana. Detto tra noi, questo clima di festa dovremmo "ricrearlo" ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Il rossore dell'acqua di Cana
"L'acqua vide il suo Signore, e arrossì!".
Così commenta magistralmente il brano delle nozze di Cana un innamorato come sant'Agostino.
Con i suoi stessi occhi, guardiamo all'evento di salvezza che lì si compie, e cogliamo il mistero di una trasformazione dal sapore della festa.
...

(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 17 Gennaio 2016)

Le nozze di Cana è un brano evangelico sicuramente tra i più conosciuti.
Gesù continua la sua epifania iniziata con la manifestazione ai popoli pagani, proseguita sul Giordano al compimento dei trent'anni e qui con un gesto sorprendente verrà battezzato e questa manifestazione si completerà pro ...

(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 17 Gennaio 2016)

Le nozze di Cana è un brano evangelico sicuramente tra i più conosciuti.
Gesù continua la sua epifania iniziata con la manifestazione ai popoli pagani, proseguita sul Giordano al compimento dei trent'anni e qui con un gesto sorprendente verrà battezzato e questa manifestazione si completerà pro ...

(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 17 Gennaio 2021)
Commento su Giovanni 2,1-11
Se la Madonna avesse un telefonino e all'interno di questo l'app che conta i suoi passi probabilmente anche per lei, come per Gesù, entrerebbe in tilt.
Già da subito entrata a pieno nella storia della salvezza corre dalla cugina Elisabetta e rimane con lei fino al concepimento del Battista.
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Commento su Giovanni 2,1-11
Oggi inizia il tempo ordinario, nella consapevolezza di essere creature viviamo la quotidianità, chiediamoci come dev'essere il nostro rapporto con Dio.
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 17 Gennaio 2016)

Riprendere il cammino ordinario della fede non è cosa facile. È sempre più naturale vivere momenti entusiasmanti, feste roboanti e eventi sorprendenti. Ritornare nel solco della vita quotidiana è ciò che ci destabilizza maggiormente, in quanto ci riporta alla nostra vita lineare.
È interessant ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 17 Gennaio 2016)

Quello di Cana è il primo dei segni di Gesù, tutti gli altri scaturiscono da questo: Gesù si presenta oggi come lo sposo venuto a portare a compimento l'alleanza tra Dio e l'uomo e finalmente l'uomo ottiene, grazie a Lui, il vino "bello", simbolo di gioia, di amore, di abbondanza!
Nella ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 16 Gennaio 2022)

L'episodio delle nozze di Cana «fu l'inizio dei segni compiuti da Gesù», il fondamento, la base, il primo non in senso numerico ma di importanza. Questo segno contiene degli elementi fondamentali per comprendere tutto il Vangelo secondo Giovanni e per la nostra vita spirituale. Viene messo in ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Il mio bello e buon matrimonio divinumano
Il vangelo di oggi appartiene alla categoria dei racconti ad alta densità simbolica. Si sa, quello di Giovanni è il più "teologico-simbolico" dei vangeli, nessuna sorpresa. Giovanni colloca questo episodio della vita di Gesù al principio di quella sezione del suo vangelo, normalmente denominata "il ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Di-vino: cioè, Dio è un buon vino
Giovanni avvia il suo vangelo con il prologo per dirci, subito e solennemente, l'origine divina del protagonista. Nel brano di oggi invece, chiude il racconto comunicandoci che fu il primo, anzi il principio dei miracoli del Signore (Gv 2,11). Gli altri miracoli nascono da questo come dalla s ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Intercede la regina, adorna di bellezza
L'episodio delle nozze di Cana, proclamato dalla liturgia odierna (II domenica dopo l'Epifania, 17 gennaio 2016) non è un bel raccontino, carico di simpatia a causa del vino che viene a mancare e di Gesù che comincia a farSi conoscere e a incuriosire la gente. Stando al Vangelo di Giovanni, q ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 15 Gennaio 2017)
Intercede la regina, adorna di bellezza
L'episodio delle nozze di Cana, proclamato in questa domenica, non è solo un racconto simpatico che ci narra di Gesù che trasforma l'acqua in vino in occasione di una festa di nozze. Per il Vangelo di Giovanni, questo episodio è una manifestazione molto precisa di Dio. Si dice, infatti, che i ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 14 Gennaio 2018)
Benedetto il Signore, Dio d'Israele, egli solo compie meraviglie
L'episodio di Cana non è solo un simpatico racconto di una festa di nozze. Questo racconto contiene un cominciamento. Il fatto che Gesù comincia proprio dalle nozze di due giovani sposi a regalare agli uomini i segni del Suo amore, della Sua misericordia. Così conclude, infatti, l'evangelista Giovan ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 19 Gennaio 2020)
Commento su Giovanni 2,1-11
Continua nei Vangeli di queste domeniche la segnalazione di alcuni cominciamenti. Gli inizi di Gesù Bambino, a Natale; Gesù che col Battesimo Si avvia nella vita pubblica; infine Gesù che col racconto delle nozze di Cana, compie un primo grande segno: l'immissione, nell'amore tra un uomo e una donna ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 15 Gennaio 2017)
La casa del vino nuovo
Siamo ancora nell'orizzonte delle manifestazioni di Gesù. Oggi si manifesta a Cana di Galilea in un giorno di nozze. Il brano di Giovani oggi chiude con queste parole: "Questo a Cana di Galilea fu l'inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui" ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 14 Gennaio 2018)
La follia del vino
Dopo i magi, dopo il battesimo alle acque del Giordano, ora l'epifania è a un banchetto di nozze, l'epifania di Dio e del suo messia è nel vino. E - lasciatemi dire - lo svelamento del Messia è senza clamori, senza tuoni e senza fanfare.- E già questa è una cosa che fa pensare, quasi un ossimoro - e ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Due donne
Andiamo in queste domeniche per segni, segni che, per fessure di testi, accendono luci su Gesù, il Figlio di Dio fatto uomo. Li ricordo: una mangiatoia, la stella dei magi, le acque del battesimo al Giordano. E oggi siamo a un altro segno. Anzi per il vangelo di Giovanni è il primo segno, l'inizio d ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 19 Gennaio 2020)
La bellezza di portare vino
Nei testi che abbiamo ascoltato si parla di acqua e si parla di vino. Di acqua di cui non si può fare a meno, per vivere. E di vino. Di cui - qualcuno potrebbe dire - si può anche fare a meno. E lo svelamento, l'epifania, di Dio e del Messia, avviene nell'acqua e nel vino. Dell'acqua, della sete di ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 17 Gennaio 2021)
E videro la gloria nel vino
Sento canto e musica, gioia e allegria e festa in questa pagina del vangelo in cui Giovanni racconta il primo segno di Gesù, alle nozze in Cana di Galilea. E mi sembra quasi preludio la pagina dal rotolo di Isaia. Alla fine del brano, dopo aver raccontato i gesti teneri di Dio, Isaia dice: "Il Signo ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Il bisogno di un inizio
L'episodio delle nozze di Cana è dentro un'atmosfera di "inizi", dunque c'è qualcosa di nuovo. Per l'evangelista Giovanni siamo ai primi giorni del racconto su Gesù. Due giorni prima a Gesù era capitato di sentire stropiccio di passi alle spalle: erano Andrea e un altro discepolo del Battista che, d ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
L'acqua della nostra umanità trasformata in vino di gratuità
Il miracolo di Gesù compiuto a Cana di Galilea è una testimonianza custodita soltanto nel vangelo di Giovanni. Quel miracolo della trasformazione di acqua in vino avvenne e forse gli fu raccontato da Maria, la madre, che abitava insieme a lui. L'evangelista, guidato e ispirato dallo Spirito Santo, ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Maria suggerisce come essere felici
Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».?Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Il Vino che mi mancava!
Più mi inoltro nella meditazione della Parola di Dio e più incontro pagine che grondano di amore e di tenerezza. Dio non fa mistero della sua attenzione privilegiata verso Gerusalemme, che è la nostra Chiesa, che è la nostra comunità, che è ciascuno di noi. Brucia ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
L'ebbrezza del vino nuovo
La vita si dipana nella normalità dei giorni, offrendoci un'occasione di grazia che ci fa sperimentare la bontà del nostro Maestro Gesù di Nazareth. La tranquillità del "tempo ordinario" fa sentire e gustare più a fondo le sue parole. Permette di contemplare le meraviglie dei miracoli, come s ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Il vino buono tenuto da parte
Se ci hai fatto caso, questa pagina del vangelo si sviluppa su tre dialoghi, ognuno con caratteristiche ed elementi diversi. La festa di nozze è motivata dalla gioia per il consolidamento di un'unione tra due persone nell'amore reciproco: se non c'è dialogo, confronto, accoglienza e rispetto l'union ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
A Cana di Galilea fu l'inizio dei segni compiuti da Gesù
Si concludono oggi le celebrazioni della triplice manifestazione di Gesù: epifania, battesimo, nozze di Cana. La liturgia della Parola odierna ci fa sostare su una pagina del quarto vangelo dove l'evangelista, nel racconto delle nozze di Cana, presenta il primo dei «segni». Giovanni, infatti, ci dic ...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Il vangelo è festa!
Più che la cronaca delle nozze di Cana ci deve stare a cuore la significativa presenza di Gesù e di sua Madre. Giovanni ha un suo stile nel presentarci Maria. Egli non la chiama mai con il suo nome, ma con l'appellativo di Madre di Gesù (v. 1) o di Donna (v. 4), perché a lui interessa mettere in ri ...
(continua)
don Antonino Sgrò     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Al cuore dell'amore troviamo Gesù Sposo
Il Vangelo ci conduce al cuore dell'amore celebrato dall'uomo e dalla donna e condiviso con i fratelli, nel luogo in cui due storie che aspirano a compiersi si intrecciano per sempre attraverso una consegna all'altro piena di gioiosa fiducia e di trepidanti attese. In questa sede d'amore, che sono l ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 09 Novembre 2013)
Commento su Gv 2,13-22
Oggi la Chiesa celebra la dedicazione della chiesa cattedrale di Roma che non è la basilica di san Pietro, come alcuni pensano, ma quella di san Giovanni in Laterano. È l'occasione per noi per sentire vicina la comunione con la Chiesa romana prima fra i pari.

Ci sono strane idee sulla Ch ...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 09 Novembre 2015)

In questo giorno la liturgia romana celebra la data della dedicazione della basilica di san Giovanni in Laterano, la Cattedrale di Roma che non è san Pietro, come quasi tutti pensano. Il cristianesimo porta alle estreme conseguenze l'intuizione che Israele ha maturato durante la sua travagli ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 09 Novembre 2020)
Commento al Vangelo 9 novembre 2020

...
(continua)

don Carlo Occelli     (Omelia del 09 Novembre 2021)
Commento al Vangelo 9 novembre 2021

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 09 Novembre 2016)
Commento su Gv 2, 16
«Non fate della casa del Padre mio un mercato!».
Gv 2, 16

Come vivere questa Parola?
Si avvicinava il tempo di Pasqua e Gesù salì a Gerusalemme; oggi il Vangelo ci invita a contemplare il Cuore di Cristo che desidera pregare nel Santo Tempio, desidera incontrarsi con suo ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 09 Novembre 2018)
Commento su Gv 2, 19-22
«Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi disce ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 09 Novembre 2021)
Martedì - Dedicazione della Basilica Lateranense - Commento al Vangelo

...
(continua)

don Nicola Salsa     (Omelia del 09 Novembre 2020)
Noi siamo tempio di Dio (Gv 2,13-22)

...
(continua)

don Nicola Salsa     (Omelia del 09 Novembre 2021)
In Cristo la vera vita (Gv 2,13-22)

...
(continua)

don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 09 Novembre 2020)

Un certo moralismo può aver letto solo il distruggete nelle parole di Gesù ma Egli nel testo greco sembra dire sciogliete. Ossia aprite questo tempio alla grazia, lasciandolo libero da tante volontarie e interessate chiusure. Come si vede in questo episodio. Luo in greco può significare forse prima ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 09 Novembre 2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale (continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 09 Novembre 2021)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Resta aggiornato col sito: annunciatedaitetti.it Iscriviti ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 09 Novembre 2020)
#2minutiDiVangelo - Lunedì 9/11 - Dedicazione della Basilica Lateranense: non ridurre la fede a fare
Commento al Vangelo di lunedì 9 novembre 2020 - XXXII settimana del Tempo Ordinario - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Gv 2 13-22 Se ci pensate, ancora oggi - nella cristianità - ci sono luoghi nei quali non ci si rende conto se ci si trova in un luogo di preghiera o in un me ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Cristo Gesù, tempio del Dio vivente

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Video commento a Gv 2,13-25

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Video commento a Gv 2,13-25

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 07 Marzo 2021)
La casa di Dio è casa di preghiera e non un mercato
La parola di Dio della terza domenica di Quaresima offre alla nostra riflessione alcuni importanti temi di carattere religioso, morale e spirituale: l'osservanza dei dieci comandamenti, che ci viene raccomandata nel brano della prima lettura di oggi, tratta dal libro dell'Esodo, nel quale abbiamo la ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Gesù, tempio di Dio, nuova alleanza nell'amore
Vorrei seguire la sequenza dei brani della parola di Dio di questa domenica, cominciando con il testo dei 10 comandamenti, come ci sono riportati nel libro dell'Esodo. Noi siamo abituati a recitare i comandamenti come sono stati formulati nel catechismo, ma ci accorgiamo come la loro formulazione è ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Video commento a Gv 2,13-25

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Video commento su Gv 2,13-25

...
(continua)

padre Paul Devreux     (Omelia del 07 Marzo 2021)

"Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme".
Per Pasqua la popolazione di Gerusalemme triplicava perché per i Giudei il Tempio era la dimora di Dio e desideravano avvicinarsi a Lui il più possibile. Passavano da 40 a 120 mila abitanti.

"Trovò nel tempio ...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Se mercanteggiamo con lui, Dio ci rovescia il tavolo
Gesù entra nel tempio: ed è come entrare nel centro del tempo e dello spazio, nel fulcro attorno al quale tutto ruota. Ciò che ora Gesù farà e dirà nel luogo più sacro di Israele è di capitale importanza: ne va di Dio stesso. Gesù si prepara una frusta e attraversa la spianata come un torrente impet ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 07 Marzo 2021)
I mercanti nel tempio e quelli nel nostro cuore
L'episodio della cacciata dei mercanti nel tempio si è stampato così prepotentemente nella memoria dei discepoli da essere riportato da tutti i Vangeli. Ciò che sorprende, e commuove, in Gesù è vedere come in lui convivono e si alternano, come in un passo di danza, la tenerezza di una donna innamora ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Video commento su Giovanni 2,13-25

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Video commento su Giovanni 2,13-25

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 04 Marzo 2018)
I Comandamenti e il vero tempio
Il vero rapporto con il Signore è all'origine di ogni comportamento ed è fondamentale per qualsiasi percorso ci si prefigga. Il punto di partenza è infatti sempre la congeniale relazione con Dio, che si esterna conseguentemente ai nostri rapporti con il prossimo. Ed essa non può che essere sincera, ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 04 Marzo 2018)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 2,13-25

...
(continua)

don Roberto Fiscer     (Omelia del 07 Marzo 2021)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 2,13-25

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Comandamenti, tempio e libertà
Liberato dalla schiavitù dell'Egitto il popolo d'Israele ha guadagnato la fine delle restrizioni e dei condizionamenti e assapora l'emancipazione e la libertà definitiva, per la quale dovrebbe restare sempre grato al Signore. Se Dio lo ha liberato dalle oppressioni a cui gli Egiziani lo costringevan ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 04 Marzo 2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 2,13-25)

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Il tempio di Gerusalemme, un centro commerciale ai tempi di Gesù
La liturgia di questa terza domenica di Quaresima ci parla del tempio di Gerusalemme, divenuto un vero e proprio mercato, in cui, si faceva di tutto e di più: si vendeva buoi, pecore e colombe e, c'erano i cambiamonete, seduti in una zona a loro riservata.
Si parla anche del tempio di Cristo, c ...

(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 07 Marzo 2021)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 2,13-35)

...
(continua)

Carla Sprinzeles     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Commento su Esodo 20,1-17; Giovanni 2,13-25
E' fondamentale chiederci: "Chi è Dio per noi?" questa è la domanda a cui tentiamo di rispondere con le letture di oggi. Molti dicono: "Dio a che serve?" In realtà non serve a trovare un lavoro, a superare gli esami, non convince gli altri della tua innocenza. Se pensiamo così, stiamo rivolgendoci a ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Dal tempio al cuore

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Commento su Giovanni 2,13-25

...
(continua)

diac. Vito Calella     (Omelia del 04 Marzo 2018)
L'offerta del corpo
L'offerta del corpo L'offerta del corpo è il vero culto inaugurato da Gesù. Noi lo comprendiamo dopo la sua risurrezione, quando tutto è stato compiuto una volta per sempre. Come noi oggi, così anche i discepoli di Gesù lo compresero dopo la sua risurrezione e non subito dopo quell'az ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Andare oltre l'«Io ti do se tu mi dai»
Io ti do se tu mi dai Siamo abituati a vivere le nostre relazioni con gli altri seguendo la logica commerciale dell' «Io ti do se tu mi dai»: io dono qualcosa di me stesso a te, ma prima voglio sapere che cosa tu mi dai in cambio. È la legge di mercato della domanda-offerta: io compro da te ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Audio commento al Vangelo del 4 marzo 2018

...
(continua)

don Fabio Rosini     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Commento al Vangelo del 7 marzo

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Commento su Gv 2, 13-17
«Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne roves ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Lectio Divina - III Domenica di Quaresima - Anno B

...
(continua)

don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Audio commento al Vangelo - Gv 2,13-25

...
(continua)

Agenzia SIR     (Omelia del 04 Marzo 2018)

"La legge del Signore è perfetta, rinfranca l'anima": il salmo 18 tra le letture della Messa di questa terza domenica di Quaresima è la chiave di lettura della parola di Dio. A partire dall'Esodo, che narra il dono del Decalogo dato al popolo d'Israele nel cammino verso la Terra Promessa. Dio ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 04 Marzo 2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Ottavio de Bertolis La Liturgia della Parola oggi si apre con la proclamazione delle "dieci parole" dell'alleanza, i così detti "Comandamenti". Dimentichiamo facilmente il contesto nel quale tali parole sono pronunciate: «Io sono il Signore ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Anche Gesù si arrabbia... ma solo per farci vivere pienamente la fede

...
(continua)

Omelie.org - autori vari     (Omelia del 07 Marzo 2021)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Capita spesso nella vita di sentire qualcuno pronunciare questa espressione: "Da quello ci si può aspettare di tutto". Chissà se la medesima esclamazione l'avranno pensata le due categorie di persone presenti allo "sfogo dello s ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Commento su Giovanni 2,13-25
In questa terza Domenica di quaresima la Chiesa ci offre la possibilità di riflettere su una pagina di Vangelo che conosciamo molto bene e che rimane facilmente impressa nell'animo umano. Il Gesù mite e umile di cuore che pensavamo di conoscere, perché racchiuso e circoscritto nella nostra fallace i ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Il ?tempio?, la casa di Dio con noi
Siamo in grado di comprendere noi oggi il significato vero delle parole di Gesù dopo aver scacciato a frustate i venditori dal tempio: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». È questo il segno per eccellenza che autorizza il Signore nella sua persona, come Messia e Redentore, ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 07 Marzo 2021)

...
(continua)

mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Non fate della casa del Padre mio un mercato!

...
(continua)

don Nicola Salsa     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Gesù caccia i mercanti dal Tempio (Gv 2,13-25)

...
(continua)

don Roberto Seregni     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Non fate della casa del Padre mio un mercato
Per poter comprendere a fondo questo brano del quarto vangelo, dobbiamo cercare di rispondere a una domanda: perché Gesù se la prende cosí tanto con i cambiamonete e i venditori? Cosa c'è dietro questo gesto cosí forte del maestro? Se c'è una cosa che Gesù non puó accettare è ridurre la fede a uno ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 10 Marzo 2021)
Gesù è misura di ogni legge (Mt 5,17-19)

...
(continua)

Bella prof! - don Gianmario Pagano     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Il tempio e i mercanti

...
(continua)

don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 07 Marzo 2021)
... e non fate della casa del Padre mio un mercato!

...
(continua)

Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Commento su Giovanni 2,13-25

...
(continua)

Omelie.org (bambini)     (Omelia del 04 Marzo 2018)

Buongiorno ragazzi! Siamo già alla terza domenica di quaresima, il tempo speciale di cammino verso la Pasqua, la nostra festa più importante perché è la festa che ci racconta quanto Dio ci ama, quanto si prende cura di noi anche a costo della sua vita. La parola che oggi la liturgia ci offre, in pa ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 07 Marzo 2021)

Oggi il Signore ci parla e canta l'amore che ha per ognuno di noi! E lo fa consegnandoci la sua legge. Ma come può, una serie di regole, rappresentare l'amore che Dio ha per noi? Un giorno una mamma, aveva preparato il caffè con la moka. Avete presente il gorgoglio particolare che la moka fa quando ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Audio commento al Vangelo - Gv 2,13-25
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

don Maurizio Prandi     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Nel tempio solo un agnello!
Dopo il deserto e il monte, Gesù ci porta nel tempio. Lo fa per dirci quale è il vero luogo dell'incontro con Dio. Lo fa per dirci che è facile sbagliarsi, lo fa per dirci che è venuto il momento di interrogarci sulla relazione che abbiamo con Dio.

Alle volte mi sorprendo al sentire di questo " ...
(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Difensori del tempio di Dio, quello vero
Clicca qui per la vignetta della settimana. Il Tempio di Gerusalemme, luogo dove si svolge oggi il racconto del Vangelo, oggi è praticamente scomparso. L'enorme struttura costruita da Erode il grande, voluta per celebrare più la ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Videocommento su Gv 2,13-25

...
(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Conta il fatto ma non meno l'intenzione
Tra le letture odierne, la prima (Esodo 20,1-17) risulta di particolare impatto, col brano dei dieci comandamenti: Li si conosce sin dal catechismo, ma contratti nella formula facile da memorizzare, mentre oggi li si ascolta nella loro formulazione integrale. Ad esempio, quello conosciuto come "Rico ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Il fatto e l'intenzione
Il vangelo di oggi (Giovanni 2,13-25) presenta un Gesù insolitamente "arrabbiato", intento a scacciare i mercanti dal tempio. Lo si deve intendere come un perenne monito, rivolto a tutti ma specialmente ai suoi seguaci, a non mescolare sacro e profano; bisogna servire Dio, non servirsi di Dio. Di f ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Gesù ci attende alla finestra...
I comandamenti. Che paura! Sembra che Dio non voglia lasciarci la libertà: ci comanda cosa fare e cosa non fare. Ma che giustizia è?! Eppure sin da piccoli i nostri genitori ci insegnano cosa è bene fare e cosa no, e anche se non ci piace, solo quando diventiamo grandi ne capiamo il senso. Oggi è ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 07 Marzo 2021)
#2minutiDiVangelo Domenica III Quar. B - Gesù si arrabbia perché non ne può più di trattare con gente che vuole fregarlo
Commento al Vangelo della Domenica III di Quaresima Anno B - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo ---- Gv 2 13-25 ---- Gesù, chiedendo di sgombrare la casa del Padre suo da animali e cambia valute, sta infatti chiedendo anche a ciascuno di noi di vivere l'essenzialità del rappo ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Dio non si mercanteggia
La crisi economica, i cui effetti continuiamo a sentire oggi, forse perché in realtà fino in fondo non è mai terminata, è iniziata circa dieci anni fa. In questi dieci anni, ne abbiamo viste di cotte e di crude, ma due sono state le cose che ci hanno segnato la vita, credo a tutte le famiglie, sopra ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 07 Marzo 2021)
La follia della fede
"La religione cristiana è una forma di follia che non va d'accordo con la sapienza. Le prove di ciò sono queste: ? quelli che più amano andare in chiesa e partecipare a funzioni religiose sono i bambini, le donne, gli anziani e alcune persone con forme di disabilità più o meno gravi, ovvero le cate ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Divieto di contraffazione di Dio
Volevano comprarselo a tutti i costi: era l'oggetto sommo del desiderio, quasi il frutto proibito per qualsiasi anima d'allora: "Mi sono comprato Dio usando tutte le mie rinunce. Adesso è mio!" Va da sé che il Tempio - le cui pietre luminose il Cristo le aveva gustate assai - diventò il più grande c ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Chiesa, Corpo di Cristo
Trovò nel tempio
Il genere umano ha bisogno di vedere, di toccare, di comunicare; il tempio di Gerusalemme per il popolo ebraico è il luogo della shekinà (la presenza di Dio tra gli uomini). Nel libro dell'Esodo si racconta come Dio si è chinato (Sal 40,2) sul suo popolo e guidato ...

(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Commento su Giovanni 2,13-25
In questo episodio, Gesù si confronta con il privilegio più sacro di Israele, il Tempio, e lo dichiara decaduto. È vero che il Vangelo non è una storia, meno di tutti quello di Giovanni; tuttavia non si può considerare l'ordine dei fatti raccontati come del tutto casuale. Cosa era successo prima del ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Commento su Giovanni 2,13-25
Come annunciato domenica scorsa, eccoci al primo scandalo, nel quale si trovò coinvolto Gesù,. Il quarto Evangelista colloca agli inizi del suo ministero la purificazione del Tempio, conosciuta come cacciata dei mercanti dal Tempio. Il Concilio Vaticano II sostiene la ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Gesù, il Dio geloso delle sue creature
Capita spesso di entrare in una casa e di comprendere tante cose della famiglia che vi abita dal semplice modo in cui sono organizzati gli ambienti. Capita di accedere alla cameretta di un ragazzo e di accorgersi dal disordine o dalla cura con cui la mantiene ciò che gli si muove dentro. Spesso l'am ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Un corpo che prega
Gesù sale a Gerusalemme, entra nel tempio santissimo, e "lo zelo per la casa del Padre lo divora" (cfr. v. 17)! È "l'ira di Dio" (Sal 77,10), passione per le cose sue, ardore per quanto Egli ritiene irriducibilmente importante. Di che si tratta? Di muri, di pietre, di pareti? Di luoghi ed edifici? C ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Gesù denuncia ogni compravendita del sacro e della relazione col Padre
L'interruzione della lettura liturgica di Marco attraverso la pagina dirompente tratta dal vangelo di Giovanni ci interroga fortemente. Ci viene presentato un Gesù determinato, rigoroso, esigente. Fin dal mercoledì delle ceneri la liturgia ci ha mostrato l'assoluta riluttanza di Gesù per i professio ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 04 Marzo 2018)

"Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme", nota S. Giovanni.
Anche per noi si sta avvicinando la Pasqua e la liturgia di questa terza domenica di Quaresima ci unisce nuovamente al gruppo degli discepoli che seguono Gesù. Siamo nel Tempio di Gerusalemme, considerato ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 07 Marzo 2021)

Siamo in cammino verso la Pasqua e la parola di oggi ci offre degli spunti per viverla sempre più. Gesù sale a Gerusalemme per celebrare la Pasqua dei Giudei e si reca al Tempio. Il Tempio era considerato il luogo della presenza stabile di Dio sulla Terra dunque luogo di culto, di preghiere, di offe ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 04 Marzo 2018)
Quella bestemmia nascosta nel cuore
Nel vangelo di domenica scorsa, sul monte Tabor, per alcuni istanti i discepoli intravedono la verità di Gesù: entrano in contatto con la sua natura divina. E scendono portando nel cuore una richiesta precisa, dopo aver udito la voce uscita dalla nube: ascoltare Gesù. Anche noi desideriamo ascoltare ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 07 Marzo 2021)
La menzogna e' superficiale, la verità è profonda
Quale segno ci mostri per fare queste cose? (Gv 2,18) - dissero i Giudei in difesa di fronte allo sconvolgente gesto di Gesù. Non si sono accorti che il segno è già contenuto in quello che ha fatto. È sempre così. Chi cerca qualcos'altro da Dio e dalla religione non sa leggere i segni, semplicemente ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 07 Marzo 2021)
La ?Gelosia? che ci libera
Il Signore nostro Dio è "un Dio geloso". L'amore per noi lo consuma, lo rende vicino, come colui che "si prende cura". E' un amore attento, premuroso. Dio è padre e madre. Sempre "sveglio" sulla nostra vita.
Ogni uomo e ogni donna, nato dalle sue mani, lo intenerisc ...

(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 07 Marzo 2021)
L'amore di Dio consiste nell'osservare i suoi comandamenti
Il Vangelo di oggi, terza domenica di Quaresima, ha come tema il tempio. Gesù purifica il vecchio tempio, scacciando da esso, con una sferza di cordicelle, mercanti e mercanzie; quindi presenta se stesso come il nuovo tempio di Dio che gli uomini distruggeranno, ma che Dio farà risorgere in tre gior ...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 07 Marzo 2021)
Siamo il tempio di Dio.
Da oggi lasciamo il vangelo di Marco e per tre domeniche seguiremo quello di Giovanni. Nella festa di Pasqua tutti si recavano al tempio di Gerusalemme, una struttura enorme, fatta di cortili e porticati. Il tempio era il centro della vita religiosa, sociale e politica. Qui si portavano le offerte ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Lectio Divina - II Domenica del Tempo Ordinario - Anno C

...
(continua)

don Giorgio Zevini     (Omelia del 17 Gennaio 2016)
Video Commento a Gv 2, 1-11

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 20 Gennaio 2019)
Commento su Is 62,1-5; Sal 95; 1Cor 12,4-11; Gv 2,1-11
Questa domenica si potrebbe nominare "Festa della gioia nell'armonia della giustizia"
In apparenza, le letture non sembrano avere un filo conduttore che le leghi in modo esplicito l'una all'altra, ma la Parola di Dio spesso ci stimola a cercare tra le sue righe il messaggio che ci dona in ogni ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 16 Gennaio 2022)
Commento su Is 62,1-5; Sal 95; 1Cor 12,4-11; Gv 2,1-11
Con questa domenica ha inizio il tempo ordinario dell'Anno Liturgico, e le letture di oggi, soprattutto la prima e il vangelo, evidenziano il segno d'amore caratteristico non solo del matrimonio, che è la chiave di lettura di tutta la storia della salvezza.

Isaia infatti, nella prima lettura, ci ...
(continua)