Omelie riferite al libro: Vangelo di Giovanni, capitolo 19

don Raffaello Ciccone     (Omelia del 30 Giugno 2013)
Commento su Esodo 24, 3-18; Lettera agli Ebrei 8, 6-13a: Giovanni 19, 30-35
Lettura del libro dell'Esodo 24, 3-18
Ci troviamo di fronte ad un testo complesso in cui si distinguono varie operazioni avvenute con Mosé, il popolo, i 70 anziani, il rito di comunione con Dio e infine la salita di Mosé sul Sinai.
Con il Signore si realizza un rito che sancisce un' ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29 Marzo 2013)
Commento su Giovanni 19,16-18
Essi presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo detto del Cranio, dove lo crocifissero e con lui altri due... Gv 19,16-18
Come vivere questa Parola?
Gesù è stato tradito, arrestato, maltrattato, rinnegato, condannato, preso da coloro che devono e ...

(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Settembre 2012)
Commento su Giovanni 19,25-27
Maria sta sotto la croce. Sta, dimora, non si muove, non fugge. Non urla la sua rabbia verso un Dio che promette e non mantiene, non si ribella come ci si attende all'epilogo assurdo e drammatico della vicenda del Nazareno. Suo figlio. L'hanno lasciata avvicinare, i carnefici, forse per un recondito ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15 Settembre 2012)
Commento su Giovanni 19,25-27
Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Cleopa e Maria di Magdala. Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell'ora il dis ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15 Settembre 2014)
Commento su Gv. 19,27
"Gesù disse al discepolo (Giovanni): ?Ecco tua Madre'. E da quell'ora, il discepolo l'accolse con sé"
Gv. 19,27
Come vivere questa Parola?
Ai piedi della croce, presso Gesù morente, sono rimasti Maria Santissima e Giovanni, il discepolo che, nell'Ultima Cena, aveva po ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Settembre 2011)
E da quell'ora il discepolo l'accolse con sé
Se uno volesse racchiudere in una sola parola tutto il mistero di Gesù, essa è questa: "Dono". Gesù è il dono di Dio all'umanità. Dono di grazia, verità, vita eterna. Non è però solamente il Dono di Dio a noi. Lui stesso si è fatto dono per noi. è dono donato e dono donate. In Lui si donano il Padre ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Settembre 2014)
E da quell'ora il discepolo l'accolse con sé
La Vergine Maria, presso la croce di Gesù, sta vivendo un momento di indicibile sofferenza spirituale. Questa sofferenza le è necessaria perché Lei deve essere costituita Madre del discepolo di Gesù. Mentre Cristo muore in Croce, lei deve dare alla luce un altro figlio. E non vi è parto se non nella ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Settembre 2015)
E da quell'ora il discepolo l'accolse con sé
La missione della Vergine Maria finisce solo quando il Signore verrà per fare i cieli nuovi e la terra nuova. Come Lei ha generato Cristo per opera dello Spirito Santo, come lo ha offerto al mondo, come lo ha accompagnato fin sul monte Calvario per offrirlo al signore, così dovrà operare con ogni al ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Settembre 2017)
Donna, ecco tuo figlio!
Il dolore di Abramo è grande. Per il suo dolore, frutto di immediata obbedienza, il Signore gli promette di benedire nella sua discendenza tutte le tribù della terra. Dopo queste cose, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: «Abramo!». Rispose: «Eccomi!». Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unig ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 15 Settembre 2012)
Stavano presso la croce di Gesù
Nel momento della sofferenza sono pochi quelli che ti stanno vicini. Gesù aveva centinaia di sostenitori ed amici, ma sotto la croce, nel momento più difficile della sua vita terrena, non c'era quasi nessuno vicino a Lui. Avevano tutti paura, paura di essere presi ed uccisi come Lui. Vi sarà purtro ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15 Settembre 2011)
Commento su Giovanni 19,26
Dalla Parola del giorno
«Donna, ecco tuo figlio!» (Gv 19,26)
Come vivere questa Parola?
Bello questo richiamo alla maternità nel giorno in cui la Chiesa fissa il suo sguardo sulla partecipazione di Maria alla dolorosa passione del Figlio! In effetti sarebbe un discorso ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30 Marzo 2013)
Commento su Giovanni 19,26-27
Gesù, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo Figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». Gv 19,26-27
Come vivere questa Parola?
Rimanere sotto la croce con lo sguardo su Gesù Crocifisso ci coinvolge an ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 30 Giugno 2013)
Con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua
L'Apostolo Giovanni contempla Cristo Gesù sulla croce come il vero nuovo tempio del Signore. Dal suo lato destro scorre il fiume del sangue e dell'acqua che darà vita al mondo intero. La profezia di Ezechiele è solo una pallida verità dinanzi alla straordinaria potenza di grazia e di salvezza che sg ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 26 Giugno 2016)
E subito ne uscì sangue e acqua
Gesù è il vero Agnello della Pasqua, è l'Agnello Servo Sofferente, è il Nuovo Tempio di Dio. In Lui si compie ogni figura e ogni profezia dell'Antico Testamento. Con Lui finisce la figura, si entra nella realtà della Pasqua, del Tempio, della vera Salvezza, del vero cammino verso la piena libertà e ...
(continua)
don Cristiano Mauri     (Omelia del 30 Giugno 2013)
Dio. Come un vuoto a perdere.
Guarda l'ironia drammatica della tua lancia puntata verso quel costato. Non ti accorgi, soldato, che uccidi un uomo morto? O forse non ti basta quel che hai visto e udito? «Ho sete!... E' compiuto!... Consegnò lo Spirito». Non c'è più niente in quel corpo, non accanirti, è stato dato tutto. Erano r ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 26 Giugno 2016)
Ascoltate oggi la voce del Signore
Le letture bibliche di oggi sono attraversate, come un filo rosso, da una parola che riassume anche il senso della celebrazione eucaristica alla quale stiamo partecipando. Il termine "alleanza", che dice legame, comunione tra persone e realtà che erano distanti e divise. Alleanza che G ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Giugno 2012)
Commento su Giovanni 19,31-37
Una festa solo all'apparenza dal sapore devozionale, quella del Sacro Cuore ma che nasconde, in realtà, una grande verità: la misura dell'amore di Dio.
Cosa può ancora dirci l'immagine di un improbabile Gesù con gli occhi chiari e i boccoli che apre il mantello e lascia intravvedere un c ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12 Giugno 2015)
Commento su Gv. 19,33
«Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne usci sangue ed acqua»
Gv. 19,33

Come vivere questa Parola?
La festa del Cuore di Gesù ci rivela che al centro della vita e de ...

(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Giugno 2012)
Non gli sarà spezzato alcun osso

L'agnello Pasquale è salvezza dei primogeniti dalla morte. Israele è il primogenito di Dio. Era anche nutrimento per sostenere il cammino verso la pienezza della libertà. La Cena Pasquale in Israele veniva celebrata con un rito perenne di generazione in generazione. Anche Gesù la ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12 Giugno 2015)
E subito ne uscì sangue e acqua
L'uomo non guarda più il Crocifisso con occhi di fede. I suoi occhi sono pieni di fango di falsità, immoralità, stoltezza, insipienza, idolatria, empietà. Non sono puri, sono tanto sporchi. Le cataratte spirituali sono scese sopra di essi rendendoli completamente ciechi. Con questi occhi mai si potr ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15 Giugno 2012)
Commento su Giovanni 19,33
Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne usci sangue ed acqua. Gv 19,33
Come vivere questa parola?
Questa festa è la celebrazione dell'Amore Trinitario rivelato d ...

(continua)