Omelie riferite al libro: Vangelo secondo Giovanni, capitolo 16

don Raffaello Ciccone     (Omelia del 15 Giugno 2014)
Commento su Es 3,1-15; Rm 8,14-17; Gv 16,12-15
Esodo. 3, 1-15
Mosè è fuggito dall'Egitto, avendo messo a repentaglio la sua vita. Ha infatti difeso uno schiavo ebreo da un aguzzino egiziano che, nella colluttazione con Mosè, è rimasto ucciso. Mosè non sopporta che i sottomessi siano sfruttati e maltrattati. Ha un cuore misericordios ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29 Maggio 2017)
Commento su Gv 16, 29-33
«Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre. Dissero i discepoli a Gesù: "Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t'interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio". Ris ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07 Giugno 2014)
Commento su Gv 16, 7-13
"Manderò a voi lo Spirito di verità, dice il Signore; Egli vi guiderà a tutta la verità".
Canto al vangelo Gv 16, 7.13
Come vivere questa Parola?
Oggi ci prepariamo alla solennità di Pentecoste, quella giornata in cui celebriamo la presenza continua e attiva dello Sp ...

(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Dio è Trinità, Dio è Amore
Oggi è la Domenica della Santissima Trinità. Qui abbiamo la gioia e lo stupore della fede: riconosciamo che Dio non è qualcosa di vago, di astratto, un essere solitario: «Dio è amore». Non è un amore sentimentale, ma l'amore del Padre che è all'origine di ogni vita, l'amore del Figlio che muore sull ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26 Maggio 2013)
Commento su Gv 16,12-15
Gesù ci svela che Dio è Trinità, cioè comunione. Ci dice che se noi vediamo "da fuori" che Dio è unico, in realtà questa unità è frutto della comunione del Padre col Figlio nello Spirito Santo. Talmente uniti da essere uno, talmente orientati l'uno verso l'altro da essere totalmente uniti.


(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Video commento a Gv 16,12-15

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Video commento a Gv 16,12-15

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Video commento a Gv 16,12-15

...
(continua)

don Claudio Doglio     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Video commento a Gv 16,12-15

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 08 Maggio 2013)
Commento su Gv 16,12-15
Non siamo in grado di portare il peso di tutta la verità, perciò il Signore ci porta alla verità gradualmente. Come un bambino non può fare indigestione di tutte le nozioni del mondo, e imparare di colpo tutto ciò che c'è da sapere nella vita, così il Signore fa con noi. Dio ha detto e dato tutto, c ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 20 Maggio 2020)
Commento al vangelo 20 maggio 2020

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 28 Maggio 2014)

Gesù ci ha detto e dato tutto. E tutto è conservato dalla tradizione degli apostoli, che hanno accolto il deposito della fede. Noi cristiani crediamo che con la morte dell'ultimo degli apostoli si è chiusa la rivelazione: non c'è altro da sapere, non c'è altro da dire. Tutto è stato donato. Ma non t ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Video commento su Gv 16,12-15

...
(continua)

don Domenico Luciani     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Video commento su Gv 16,12-15

...
(continua)

padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Sulla Tua Parola - Gv 16,12-15

...
(continua)

don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Video commento su Giovanni 16,12-15

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 13 Maggio 2015)

La vita spirituale è un percorso che dura tutta la vita, non qualcosa di acquisito una volta per sempre. Ci sono delle verità, di noi stessi, di Dio, che ancora dobbiamo scoprire. Ci sono delle verità, dice Gesù, di cui ancora non sappiamo portare il peso. Mi piace questa affermazione! Se davvero de ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 22 Maggio 2016)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 16,12-15

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 22 Maggio 2016)
La Parola - commento a Gv 16, 12-15
Commento a cura di don Alessio Graziani. Registrato nella abbazia di sant'Agostino, Vicenza.

...
(continua)

Diocesi di Vicenza     (Omelia del 16 Giugno 2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 116,12-15)

...
(continua)

Sulla strada - TV2000     (Omelia del 22 Maggio 2016)

...
(continua)

padre Ermes Ronchi     (Omelia del 22 Maggio 2016)
La Trinità comunione d'amore, flusso di vita divina
Verrà lo Spirito e vi annuncerà le cose future. Lo Spirito permette ai miei occhi, chini sul presente, di vedere lontano, di anticipare la rosa che oggi è in boccio, di intuire già colore e profumo là dove ora non c'è che un germoglio. Lo Spirito è la vedetta sulla prua della mia nave. Annuncia te ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28 Maggio 2014)
Commento su Gv 16,13
«Lo Spirito della verità vi guiderà a tutta la verità»
Gv 16,13
Come vivere questa Parola?
Lo Spirito che i discepoli riceveranno farà loro comprendere le profonde verità dette da Gesù e più profondamente ancora, farà loro comprendere la persona di Gesù che è "la Ver ...

(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Commento su Giovanni 16,12-15

...
(continua)

don Roberto Farruggio     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Video commento alla liturgia - Gv 16,12-15

...
(continua)

mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Nel cuore della SS.ma Trinità
Oggi facciamo ?memoria', cioè riviviamo, perché Dio è l'Eterno Presente, il grande Mistero di Amore, in cui ha voluto coinvolgerci, se solo lo accogliamo: la SS.ma Trinità. L'uomo di oggi difficilmente sa riferirsi alla grandezza, che gli viene dalla Santissima Trinità. Difficilmente sappiamo volger ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 16 Giugno 2019)

...
(continua)

padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Per Cristo in forza dello Spirito
?Lo Spirito scruta ogni cosa, anche le profondità di Dio; così anche i segreti di Dio nessuno li ha mai potuti conoscere se non lo Spirito di Dio.?(1Cor 2, 10 - 11), afferma Paolo. Lo Spirito Santo, che abbiamo venerato la scorsa Domenica di Pentecoste, poiché è l'amore che procede dal Padre e dal F ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Commento al Vangelo del 16 giugno

...
(continua)

don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Audio commento al Vangelo della Santissima Trinità (Anno C - Gv 16,12-15)

...
(continua)

don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Una cosa sola

...
(continua)

Lingua dei Segni Italiana     (Omelia del 16 Giugno 2019)

...
(continua)

Lingua dei Segni Italiana     (Omelia del 16 Giugno 2019)

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Un Dio uno e trino, grande nell'amore e nel perdono
Celebriamo oggi la solennità della Santissima Trinità, inizio e termine di ogni cammino spirituale, terreno e celeste. Nel mistero Trinitario, di Padre, Figlio e Spirito Santo comprendiamo la natura stessa divina e l'essenza stessa di Dio che è amore, comunione, relazione, collaborazione, donazione, ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 16 Giugno 2019)

...
(continua)

mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Quando verrà lo Spirito della verità

...
(continua)

padre Antonio Rungi     (Omelia del 16 Giugno 2019)
In ascolto e in comunione con la Trinità per agire in vista dell'eternità
La solennità della Santissima Trinità che celebriamo in questa domenica, è la festa che sintetizza tutto il cammino che abbiamo compiuto, spiritualmente, in questo tempo di Pasqua.
Il mistero del Dio Uno e Trino. Uno nella natura, trino nelle persone ci rivela quanto è grande l'amore che Dio ha ...

(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 20 Maggio 2020)
Lo Spirito vi guiderà a tutta la verità

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04 Maggio 2016)
Commento su Gv 16, 12-15
Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da ...
(continua)
don Fabio Zaffuto     (Omelia del 20 Maggio 2020)
Hai mai avuto a che fare con i cacuocciuli? Video commento su Gv 16,12-15
Cacuocciula: carciofo, si dice di persona che si sente grande, si da delle arie, presume di se. Ha le spine, difficilmente amerà.

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Commento su Gv 16, 14-15
Egli (lo Spirito Santo) mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà.
Gv 16, 14-15

Come vivere questa Parola?
Gesù nei suoi discorsi tra ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24 Maggio 2017)
Commento su Gv, 16,12-13
"Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future".
Gv, 16,12-13

Come vive ...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 09 Maggio 2018)
Commento su Gv 16, 13
«Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.»
Gv 16, 13

Come vivere questa Parola?
?La verità tutta intera?. In fondo tutti abbiamo un desiderio ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29 Maggio 2019)
Commento su Gv 16,12-15
?In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose f ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Commento su Gv16,12-13
?In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: ? Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cos ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 22 Maggio 2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Via Vitellia 1. Le letture di questa festa liturgica si incentrano sul mistero iniziale della nostra fede. Quello che evochiamo ogni qual volta ci facciamo il Segno della Croce: il mistero della Trinità che sottintende ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 16 Giugno 2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Gianmarco Paris Il dono dello Spirito Santo (la festa della Pentecoste) ha concluso il tempo liturgico della Pasqua. Prima di riprendere il tempo chiamato ?ordinario?, nel quale continueremo ad accompagnare Gesù con il racconto scritt ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 22 Maggio 2016)

Tutto il tempo che abbiamo ancora è per ascoltare, dallo Spirito, le molte cose che Gesù ha da dirci; occorre tutto il tempo perché sono cose che non siamo capaci di "portare" (il verbo della passione di morte e resurrezione nella quale dobbiamo entrare). È un giogo, sì, ma "dolce e soave" pe ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 16 Giugno 2019)

Giunti a compimento, con la Pentecoste, i tempi forti dell'Anno Liturgico, riprendono le Domeniche del Tempo Ordinario, alle quali il calendario liturgico premette due celebrazioni come sintesi catechistica e celebrativa di quanto rivissuto nei tempi forti; e come premessa per comprendere tutto ciò ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 22 Maggio 2016)

Buon giorno a voi, carissimi ragazzi! Come avete sentito, oggi è la festa della Trinità, il nostro Dio che conosciamo col nome di Padre, di Gesù Cristo Figlio, di Spirito Santo. La festa di oggi vuole riflettere su questo amore senza misura di Dio per noi che si manifesta in modi diversi. Il Padr ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 16 Giugno 2019)

Cari bambini, Il Vangelo di oggi è ancora, come nelle domeniche precedenti, dal Vangelo di Giovanni dove i capitoli dal 13 al 17 raccontano ciò che avvenne prima della passione e della morte di Gesù.Comincia con questa frase: ?Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di por ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 22 Maggio 2016)
La chiamano Trinità
Clicca qui per la vignetta della settimana. "Lo chiamavano Trinità" è il titolo di un vecchio film con Bud Spencer e Terence Hill. Riprendendo il filone dei western all'italiana ne fa una versione comica. Come sempre i film son ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 22 Maggio 2016)
La teologia dei Padri condensata nel Credo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:


(continua)

don Giovanni Berti     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Dio Solo Ma Non Solitario
Clicca qui per la vignetta della settimana. ?Chi è Dio? Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra. Dio è uno solo? Dio è uno solo, ma in tre Persone, uguali e distinte, che sono la Santissima Trini ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Audio commento alla liturgia - Gv 16,12-15
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.

Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore:

(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Ricordando Pascal nella festa della Trinità
Di recente (era il 2013), per decisione del papa Benedetto avallata dal suo successore, si è celebrato l'Anno della Fede. La solennità odierna invita a tornare sull'argomento, perché celebra la Santissima Trinità, che è al centro della fede cristiana. ? Conviene anzitutto considerare il motivo per ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Videocommento su Gv 16,12-15

...
(continua)

mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 16 Giugno 2019)
La scommessa di Pascal
La Santissima Trinità, della quale oggi si celebra la festa solenne, è al centro della fede cristiana, e non a caso è stata collocata subito dopo la Pentecoste. Il motivo è presto detto: la Pentecoste conclude la celebrazione della Pasqua; la domenica successiva è come un volgersi indietro a riconsi ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Più siamo, meglio è!
A tutti ci è capitato di essere lasciati, o di sentirsi, soli. Molti, invece, cercano proprio la solitudine. Ciò che non ci è mai capitato è riflettere sul fatto che il tempo presente e l'attuale tecnologia offrano più possibilità di procurare solitudine, e dunque malessere, in qualcuno. Conda ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Tribolazione, Pazienza, Speranza: il Mistero del Dio Uno e Trino
La prima tra le Solennità del Tempo Ordinario parte subito forte, e ci mette di fronte a una domanda che è innegabilmente di un certo spessore. Ci chiediamo, infatti, chi è Dio... Una domanda alla quale potremmo rispondere con un'affermazione "da catechismo" quasi mnemonica, come molti di noi hanno ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Cercando la Verità
Fino a pochi anni fa, per andare in qualche località sconosciuta o per orientarsi in una città, si faceva ricorso alle cartine geografiche o alle mappe, molto scomode sia perché non sempre era facile capire se una strada fosse a senso unico o meno, sia perché piegarle e riportarle alla posizione che ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 26 Maggio 2013)
Commento su Giovanni 16,12-15
Collocazione del brano
Questa è l'ultima domenica in cui ci viene proposto il vangelo di Giovanni. Da domenica prossima, festa del Santissimo Corpo e Sangue di Gesù, riprenderemo la lettura dell'evangelista Luca. Coloro che hanno scelto le letture di questa domenica dedicata alla Santiss ...

(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 15 Giugno 2014)
Tutto quello che il Padre possiede è mio
Nessun uomo, a causa della sua limitatezza fisica, spirituale, corporea, di spazio e di tempo è capace di contenere tutta la verità del suo Dio nel suo cuore. Dio è l'infinito. L'uomo è il finito. Dio è l'Eterno. L'uomo è semplicemente creatura fatta in un tempo particolare, ben circoscritto. Dio è ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 11 Giugno 2017)
Tutto quello che il Padre possiede è mio
La profezia di Daniele rivela che Dio, il Padre, tutto dona al Figlio dell'uomo. Quanto è di Dio è tutto di questa figura misteriosa. A Lui è consegnato potere e regno eterno.

Io continuavo a guardare, quand'ecco furono collocati troni e un vegliardo si assise. La sua veste era candida come ...
(continua)

Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 07 Giugno 2020)
Vi guiderà a tutta la verità
Lo Spirito Santo guida, ma anche l'uomo deve lasciarsi guidare da Lui. Non solo si deve lasciare guidare, lo deve chiedere con preghiera ininterrotta: ?Porgi l'orecchio, Signore, alle mie parole: intendi il mio lamento. Sii attento alla voce del mio grido, o mio re e mio Dio, perché a te, Signore ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 20 Maggio 2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale (continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 13 Maggio 2015)
Beato il grembo che ti ha portato
Possedere una visione umana della storia e averne una divina non è la stessa cosa. Tutti possono avere una visione umana di ciò che accade, santa, santissima, essa però non è la visione divina. La Vergine Maria, quando vede Gesù nel tempio, dopo tre giorni di ricerca. gli manifesta una sua visione s ...
(continua)
don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 20 Maggio 2020)

Gesù ci libera dal moralismo di una perfezione formale tutta e subito. Su questa strada potremmo durare poco. Lui invece ci guarda con amore, sa i nostri dolori, le nostre ferite, i nostri bisogni e viene con delicatezza a liberarci a darci vita ed ogni bene. E ci dà il riferimento del vangelo a cui ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Tutto quello che il Padre possiede è mio
È sufficiente leggere qualche brano del Nuovo Testamento e subito appare in tutta la sua potente luce quanto Gesù dice di se stesso: "Tutto quello che il Padre possiede è mio". Il Padre ha dato tutto se stesso al Figlio e tutto opera per mezzo del Figlio. Benedetto Dio, Padre del Signore ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24 Maggio 2017)
Tutto quello che il Padre possiede è mio
Cosa è del Padre? Del Padre è il Padre. Tutto il Padre nella sua onnipotenza di creazione, redenzione, salvezza si è messo nel seno di Cristo Gesù. Del Padre è lo Spirito Santo, il suo Eterno Soffio di vita o la sua Vita Eterna. Questo Eterno Soffio il Padre lo ha posto nel seno di Cristo. Il Vangel ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 29 Maggio 2019)
Vi guiderà a tutta la verità
Dio è verità eterna. La verità eterna che è Dio è tutta in Cristo Gesù. Gesù è la verità eterna del Padre. Dicendo Gesù: ?Quando verrà Lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità?, vuole rivelarci un grande mistero. Lo Spirito Santo viene, non solo per dire all'uomo qual è la sua veri ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Per il momento non siete capaci di portarne il peso
Il Signore nostro Dio governa ogni uomo sempre mosso dalla sua grazia e dalla Sapienza eterna, che guida i suoi pensieri e i suoi interventi nella storia. Il profeta Isaia vi mostra il Signore tutto intento a consolare il suo popolo, annunziando ad esso la liberazione dalla dura schiavitù babilonese ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20 Maggio 2020)
Vi guiderà a tutta la verità
Di solito quando si pensa alla verità, la mente corre al mistero o al concetto che vi è in ogni Parola della Scrittura. Lo Spirito Santo verrebbe per farci conoscere quanto è stato rivelato del mistero di Cristo Gesù secondo la pienezza della verità contenuta in ogni Parola scritta nelle sacre pagin ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 16 Giugno 2019)
La Trinità non è un dialogo tra merli
Non fosse veramente morto per noi, domandarglielo sarebbe quanto meno lecito: ?Che considerazione hai di noi, Dio-santo?? Il problema, anche con Dio, è capirsi: perché ogni merlo crede di aver messo nel becco un significato capitale, che solo lui capisce però. L'altro merlo gli ribatte qualcosa senz ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Con occhi nuovi
In pace con Dio
Il profeta Michea lo aveva annunciato: Egli stesso sarà la pace! (Mi 5,4), la pace è l'attesa e la speranza degli uomini; la mancanza di pace, in qualsivoglia modo la si interpreti, è percepita come una condanna, un labirinto senza uscita. Cerchiamo la pace tra le ...

(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Molte cose ho ancora da dirvi
Molte cose ho ancora da dirvi
Abbiamo ancora negli occhi e nel cuore l'esperienza recente, a Livorno, di quattro giovani che sono diventati preti: davanti al Vescovo e all'Assemblea hanno ripetuto più volte ?sì, lo voglio?. Non erano dissimili dalle tante coppie che il giorno dell ...

(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Commento su Giovanni 16,12-15
"Trinità": dal punto di vista terminologico, è un neologismo inventato dalla Chiesa per dare un nome al nostro Dio e, pur proclamando la fede in un solo Dio, distinguerlo in tre Persone uguali e distinte: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Nel vo ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Commento su Giovanni 16,12-15
In quale passo del Vangelo si parla della Trinità? In nessuno!... nel senso che, nei 4 Vangeli, la parola ?Trinità? non compare da nessuna parte, punto e basta! Potremmo chiudere qui la nostra riflessione. Tuttavia la domanda intorno alla parola in questione e la risposta che ne conse ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Trinità è comunicazione
La nostra è per eccellenza l'epoca della comunicazione. In realtà, di comunicazione si vive da sempre, e la comunicazione è stata la misura dei salti epocali nella storia di tutto l'uomo. Ma oggi più che mai di comunicazione, anche, si muore. Si muore se la comunicazione è troppo violenta, troppo fa ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 15 Giugno 2014)

Questa è sicuramente una tra le domeniche più difficili dell'anno liturgico perché nella riflessione sulla Santissima Trinità si corre sempre un rischio grande: quello di abbandonarsi in grandi sintesi che la storia della Sacra Teologia ci mette a disposizione. Non sono pochi effettivamente i fiumi ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Commento su Giovanni 16,12-15
Una domenica difficile. Il Signore ci invita a metterci le cinture di sicurezza per provare la vertigine della Sua altezza, della Sua profondità e della Sua lunghezza.
Egli ci invita a contemplare il mistero profondo della Trinità.
La Trinità su cui i teologi hanno scritto fiumi di inchios ...

(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 11 Giugno 2017)
Commento su Giovanni 16,12-15
Grande mistero che siamo invitati a contemplare questa settimana. Siamo stimolati a porre lo sguardo sul mistero stesso di Dio. L'Amore ha il volto del Padre da cui ha origine il volto della Sapienza e della Parola e il volto dello Spirito. Dall'Amore reciproco tra il Padre e il Figlio procede lo Sp ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Commento su Pr 8,22-31; Gv 16,12-15
Diciamo subito che la festa della Trinità non ha la presunzione di celebrare la realtà di Dio in sé, che noi non conosciamo.
Cosa diciamo dicendo che Dio è Padre, Figlio e Spirito, cosa vogliamo dire?
Vogliamo dire che l'azione di Dio nei nostri confronti, che nella storia alimenta la nost ...

(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 22 Maggio 2016)

La liturgia della parola della domenica successiva alla Pentecoste ha come principale oggetto di contemplazione la Santissima Trinità. Questo grande mistero viene presentato attraverso l'itinerario che parte dalla prima lettura e giunge al vangelo, attraverso la lettera ai Romani.
Il libro dei ...

(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 22 Maggio 2016)

Eccoci alla festa della SS. Trinità, che con l'incarnazione di Gesù, vero Dio e vero uomo, è uno dei due misteri centrali della nostra fede cristiana. Secondo molti la Trinità è una dottrina astrusa e lontana dalla vita: invece ci dice che «il nostro Dio non è un Dio "spray", è concreto, non è un ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 11 Giugno 2017)
Commento su Giovanni 16,12-15
Ancora oggi, tanti (persino cristiani) pensano a Dio come a un'entità astratta e lontana dalla vita di tutti i giorni. La festa della Trinità è invece la festa del Dio vicino, di quell'unico Dio che è Amore, che ci dona tutto, rendendoci partecipi della sua stessa vita! «Queste sono le tre person ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 16 Giugno 2019)

Questa domenica celebriamo la festa della SS. Trinità, ovvero della rivelazione del volto di Dio che ci ha portato Gesù. Il verbo eterno di Dio, incarnandosi, ci ha rivelato che Dio è Uno e Trino: Dio infatti è unità perfetta nell'amore.
Così l'ha spiegata Benedetto XVI: «Quest'oggi contemp ...

(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Uno in tre, tre per tutti
Sono in tre a condividere il nome e la natura di Dio. E questo lo sappiamo perché ce lo ha raccontato con la sua vita uno di loro, che è diventato uno di noi. In ciò, il cristianesimo, pur rimanendo in dialogo con le altre religioni, si ?stacca? da esse. Ma anche per noi, che poniamo sempre con un s ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 11 Giugno 2017)
Cantate a Dio, inneggiate al suo nome
Diciamo Trinità, ma cosa pensiamo sentendo questa parola? Cosa ci dice della sua bellezza? Di qualche espressione del suo volto? Eppure l'evangelista Giovanni dice piuttosto che "Dio è amore" e lungo un intero anno giubilare abbiamo sentito affermare che il nome di Dio è misericordi ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 11 Giugno 2017)
Un Dio che ha il tuo nome
Celebriamo oggi la solennità della santissima Trinità. Vorrei dire, celebriamo la comunione dei volti: Il Padre, il Figlio, lo Spirito santo. Volti che, per spiragli, ancora una volta abbiamo sorpreso e contemplato lungo le domeniche dall'anno liturgico, pagine e pagine che ci hanno raccontato il mi ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 07 Giugno 2020)
"Tu ci sei..."
Vi devo, per debito di sincerità, confessare che, ogni volta che giungiamo a questa festa della santissima Trinità, mi sembra da un lato di essere un po' ribelle. Ribelle alle elaborazioni concettuali su Dio e dall'altro anche forse autorizzato allo sconfinamento dalle Scritture sacre, autorizzato a ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Gloria per la creazione, gloria per la nuova ed eterna alleanza
Oggi è il giorno per dire con tutta gratitudine e consapevolezza: «Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo». La Santissima Trinità prima la si vive. Ci vuole tanta preghiera e meditazione, nel silenzio, avendo in mano il dono prezioso della bibbia, per comprenderne la grandezza e il ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 16 Giugno 2019)
UN AMORE SENZA DISTANZE
Se voglio trovare una espressione semplice per dire al mio cuore e alla mia mente la Trinità Santissima, me la suggerisce Gesù stesso. ?Tutto ciò che è del Padre appartiene a Gesù, il Figlio.
Chi potrà introdurci in questa ineffabile e gioiosa Verità-Esperienza? Lo Spirito Santo che per a ...

(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo, a Dio, che è, che era e che viene!
Terminato il periodo pasquale, la liturgia ci invita a soffermarci in contemplazione e in preghiera di fronte al mistero della Trinità. Parlare di Dio è difficile perché non lo abbiamo mai incontrato! Una persona si conosce solo incontrandola e per noi su questa terra non sarà mai possibile conoscer ...
(continua)
don Franco Manzi     (Omelia del 26 Maggio 2019)
Commento su Giovanni 16,12-22

...
(continua)

Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 01 Maggio 2016)
Prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà
Lo Spirito Santo è lo Spirito del Padre e del Figlio. È lo Spirito che guida il Padre in ogni sua opera sia di creazione che di redenzione e salvezza. È lo Spirito che dall'eternità governa la comunione di amore del Padre verso il Figlio e del Figlio verso il Padre. Nulla avviene nella Trinità se no ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 26 Maggio 2019)
Perché non parlerà da se stesso
Il discepolo di Gesù deve porre ogni attenzione perché mai divida o separi l'unità essenziale che è l'albero del suo amore, della sua carità, della sua speranza. Mai anche separi la modalità quadriforme di vivere fede, speranza, carità che è la sapienza e che si concretizza in noi come prudenza, giu ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 01 Maggio 2016)
Vieni Santo Spirito
A Gerusalemme la Chiesa si apre ad un confronto su un tema delicato quello della circoncisione oppure della non circoncisione. Molti pagani si convertono al cristianesimo e i convertiti dal mondo giudaico spingono per la circoncisione, ancora legati al formalismo della legge. Questo è il panorama ch ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 01 Maggio 2016)
Commento su Giovanni 16,12-22
Paolo intende spiegare ai suoi connazionali la grazia che lo ha abbracciato. Lui grande persecutore dei cristiani è ora seguace di Cristo. Egli narra le vicissitudini della sua conoscenza di Gesù. Folgorato sulla via di Damasco Gesù lo aiuta a comprendere che la strada da percorrere è diversa. Paolo ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 01 Maggio 2016)
Commento su Giovanni 16,12-22
Siamo ormai prossimi alla Pentecoste e il Vangelo di oggi ci fa riflettere sul nostro rapporto con il Signore, che ci dice: Se uno mi ama, osserverà la mia parola. Spesso pensiamo al nostro rapporto con Dio in modo frustrante: bisogna obbedirgli giusto per non "farlo arrabbiare" ed evitare i suoi "c ...
(continua)
don Walter Magni     (Omelia del 01 Maggio 2016)
Popoli tutti, lodate il Signore, alleluia!
Diciamo che Dio ama alla grande! L'avevamo compreso nelle domeniche passate, mentre proprio il Suo modo di amare diventava un paradigma, un esempio per noi. Più che confrontare la Sua grandezza e la nostra fatica e debolezza nell'amare come Lui, conta piuttosto saper stare davanti al Suo stile incon ...
(continua)
don Angelo Casati     (Omelia del 26 Maggio 2019)
E annunciare le cose future...
Perdonate se oggi vi parlerò racimolando pensieri, quasi solo accennati: Mi succede spesso. Oggi forse ancora di più. Voi li allargherete. E inizio dall'espressine "un poco" che abbiamo trovato sulle lebbra di Gesù: "Un poco e non mi vedrete più: un poco ancora e mi vedrete". E noi siamo come quei d ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 09 Maggio 2013)
Commento su Gv 16,16-20
Spesso abbiamo l'impressione (e anche più di un'impressione) che il Signore sia lontano, o distratto. Magari abbiamo fatto un percorso di conversione, abbiamo scoperto la bellezza della fede, iniziato l'avventura della vita interiore salvo poi scoprire, dopo qualche difficoltà, che non tutto è sempl ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 21 Maggio 2020)
Commento al vangelo 21 maggio 2020

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 29 Maggio 2014)

Non deve essere stata una gran giornata, quella dei discepoli. Ignari di quanto sta per succedere, hanno seguito il Maestro dopo l'ultima cena ed ora, nei pressi del Getsemani, ascoltano la sua lunga riflessione che riassume la sua visione delle cose e rivela il suo stato d'animo. Hanno raggiunto le ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 21 Maggio 2020)
La notte oscura dell'anima

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29 Maggio 2014)
Commento su Gv 16,20
«Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia»
Gv 16,20
Come vivere questa Parola?
Gesù prepara i suoi discepoli ad affrontare i futuri avvenimenti che stanno per accadere: il dolore e lo sconforto della sua passione e morte per poi arrivar ...

(continua)
don Fabio Zaffuto     (Omelia del 22 Maggio 2020)
A quando risale l'ultima visita oculistica? Video commento su Gv 16,16-20
A quando risale l'ultima visita oculistica?

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05 Maggio 2016)
Commento su Gv 16,16-20
Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete". Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: "Che cos'è questo che ci dice: "Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete", e: "Io me ne vado al Padre"?". Dicevano perciò: "Che cos'è questo "un poco", di cui parla? Non com ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Maggio 2017)
Commento su Gv 16,16-18
"Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete». Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: «Che cos'è questo che ci dice: «Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete», e: «Io me ne vado al Padre»?». Dicevano perciò: «Che cos'è questo «un poco», di cui parla? Non co ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10 Maggio 2018)
Commento su Gv 16, 20
«In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia.»
Gv 16, 20

Come vivere questa Parola?
Gesù parla di emozioni. Quelle di cui a volte ci vergogniamo, mettiamo i ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10 Maggio 2018)
Commento su Gv 16, 20
«In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia.»
Gv 16, 20

Come vivere questa Parola?
Gesù parla di emozioni. Quelle di cui a volte ci vergogniamo, mettiamo i ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30 Maggio 2019)
Commento su Gv 16,16-20
?In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete». Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: «Che cos'è questo che ci dice: ?Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete?, e: ?Io me ne vado al Padre??». Dicevano perciò: «Ch ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 21 Maggio 2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale (continua)
don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 21 Maggio 2020)
Commento su Giovanni 16,16-20
Gesù talora viene incontro alle nostre domande inespresse. Sono mille i doni del vivere insieme a Lui. Ora una luce su questo concreto aspetto, ora una via, ora una consolazione, un incoraggiamento. Così gradualmente la vita rinasce e si apre a poter ricevere ogni bene. Gesù qui spiega che il cammin ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 21 Maggio 2020)
La fede spesso è un problema di pazienza: perché tardi, Signore?
#2minutiDiVangelo Commento al Vangelo di Giovedì 21 Maggio a cura di don Marco Scandelli -- Dal Vangelo secondo Giovanni 16,16-20 -- Pazienza, pazienza, gente! Il Signore c'è. La nostra afflizione di oggi è destinata a trasformarsi in gioia. Per questo diciamo con più convinzione "Signore, vi ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25 Maggio 2017)
La vostra tristezza si cambierà in gioia
La tristezza dei discepoli si cambierà in gioia non perché Cristo Gesù ritornerà, ma perché Lui ritornerà da Salvatore, Redentore, Giudice dei vivi e dei Morti, Signore dell'universo, Rivestito della stessa gloria, onore, potenza, del Padre. L'Apostolo Giovanni contempla nell'Apocalisse Cristo e lo ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 30 Maggio 2019)
Ma la vostra tristezza si cambierà in gioia
È giusto leggere in chiave escatologica e non solo Cristologica le parole di Gesù: ?Ma la vostra tristezza si cambierà in gioia?. Oggi la sequela di Gesù è martirio a causa del mondo che odia le verità e la luce e uccide e combatte i portatori e i testimoni di esse. La morte per Cristo conduce però ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 21 Maggio 2020)
La vostra tristezza si cambierà in gioia
Gesù è sulla croce. I discepoli sono nel pianto e nella tristezza. Gesù risorge. Essi sono nella grande gioia. Gesù è nella grande tribolazione. Dal Padre è chiamato nuovamente in vita donandogli un corpo spirituale, glorioso, incorruttibile, immortale. Viene innalzato al di sopra dei cieli e fatto ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10 Maggio 2013)
Commento su Gv 16,20-23a
Il difficile discorso che abbiamo iniziato ieri continua oggi con un colpo d'ali che ci mette proprio di buonumore. È inevitabile che ci siano dei momenti di fatica e di stanca nel nostro percorso: ai discepoli la sofferenza non viene evitata. A volte sono sofferenze che provengono dall'esterno, alt ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 22 Maggio 2020)
Commento al vangelo 22 maggio 2020

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 30 Maggio 2014)

Gesù sa che la sua fine è vicina, sa che lo aspetta un epilogo drammatico della sua missione. Ha raccolto le sue ultime forze con immensa lucidità per raccogliere accanto a sé i suoi ignari apostoli. Ma non basta. Potrebbe chiedere aiuto, invocare un sostegno, pretendere un po' di attenzione. Non lo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15 Maggio 2015)

La nostra tristezza si tramuterà in gioia! Gesù, ovviamente, si riferisce al momento contingente che sta vivendo. I suoi discepoli sono spaesati a causa degli strani discorsi che sta facendo il Signore... Sono lontani anni luce dal capire il dramma che sta per investire lui e loro. Gesù no. Pienamen ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 22 Maggio 2020)
Con il cuore pieno di gioia

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30 Maggio 2014)
Commento su Gv 16,23
«Nessuno potrà togliervi la vostra gioia.»
Gv 16,23
Come vivere questa Parola?
Gesù, incoraggiando i suoi discepoli alla vigilia della sua passione, continua il discorso sull'afflizione che poi si cambia in gioia. Ricorre ad un paragone molto significativo e concreto ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06 Maggio 2016)
Commento su Gv 16, 20-22
In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia. La donna, quando partorisce, è nel dolore, perché è venuta la sua ora; ma, quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più della ...
(continua)
don Fabio Zaffuto     (Omelia del 22 Maggio 2020)
Il bagnino è in servizio! Ti tuffi?

...
(continua)

don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 22 Maggio 2020)

Gesù qui ci parla del mistero del dolore. Se Dio che soffre per noi più di noi permette certe prove nella nostra vita a quale pienezza ci vorrà portare? Da quali pericoli ci vorrà proteggere? Il mondo si rallegra di gioie fasulle che prima o poi possono rivelare la loro ingannevolezza Gesù ci fa gra ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26 Maggio 2017)
Commento su Gv 16, 22-23
"Così anche voi, ora, siete nel dolore; ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno potrà togliervi la vostra gioia. Quel giorno non mi domanderete più nulla. In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà".
Gv 16, 22-23< ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11 Maggio 2018)
Commento su Gv 16, 23
«Ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno potrà togliervi la vostra gioia. Quel giorno non mi domanderete più nulla.»
Gv 16, 23

Come vivere questa Parola?
La ragione ultima della nostra gioia è vedere Gesù, il suo volto. Già i salmi cantavano ?Il tuo ...

(continua)

don Domenico Bruno     (Omelia del 22 Maggio 2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale (continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15 Maggio 2015)
Nessuno potrà togliervi la vostra gioia
Nella visione di fede dell'Apostolo Giovanni il motivo della gioia è uno solo. L'incontro dello Sposo con la sua sposa. Questa verità è annunziata per la prima volta nel suo Vangelo da Giovanni il Battista. Il Precursore è gioioso perché Lui ha condotto la sposa al suo Sposo. Fatto questo, il suo mi ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 22 Maggio 2020)
La sofferenza è solo un "passo in più" verso la vera gioia!
#2minutiDiVangelo Commento al Vangelo di Venerdì 22 Maggio di don Marco Scandelli -- Giovanni 16,20-23a -- Le persone che hanno sofferto di più spesso sono le più accoglienti. Come una madre ama il proprio figlio, perché ha conosciuto le doglie del parto, così anche chi nella vita ha incontrato ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 26 Maggio 2017)
Per la gioia che è venuto al mondo un uomo
Le nascite di Gesù non sono quella eterna, dal seno del Padre, e quella nel tempo dal seno della Vergine Maria. Vi è una terza nascita: quella dal seno della morte e questa nascita è stata preceduta da due momenti di forte travaglio spirituale e fisico. Il primo travaglio è stato quello combattuto d ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22 Maggio 2020)
Nessuno potrà togliervi la vostra gioia
ai discepoli Gesù, che è la loro gioia? Perché Gesù risorge con un corpo spirituale, oltre che glorioso, incorruttibile e immortale, ed è proprio del corpo spirituale poter essere contemporaneamente in ogni luogo del cielo e della terra, del tempo e dell'eternità, ma anche personalmente e tutto di o ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 11 Maggio 2013)
Commento su Gv 16,23b-28
Il discepolo è chiamato a chiedere al Padre nel nome di Gesù, a pregare Dio attraverso il Maestro. Perciò le nostre preghiere liturgiche terminano sempre con l'invocazione per Cristo Nostro Signore cui rispondiamo con un laconico e spento amen (che dovrebbe esprimere con forza tutta la ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 23 Maggio 2020)
Commento al vangelo 23 maggio 2020

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 16 Maggio 2015)

Chiediamo per ottenere una gioia piena! Gesù quasi rimprovera i suoi discepoli perché non hanno ancora chiesto nulla al Padre nel suo nome. È un modo per ribadire la sua profonda intimità con Dio e la sua relazione speciale con lui. Gesù è il mediatore, l'intercessore, colui che fa da ponte fra noi ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 23 Maggio 2020)
Chiedete nel nome di Gesù Cristo

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07 Maggio 2016)
Commento su Gv 16,23-24
Quel giorno non mi domanderete più nulla. In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.
Gv 16,23-24

Come vivere questa Parola ...
(continua)

don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 23 Maggio 2020)

Gesù ha annunciato agli esordi della sua predicazione il farsi vicino del regno di Dio. Solo gradualmente ha ha rivelato il volto trinitario di Dio. Dio ci è Padre nello Spirito suo e del Figlio. Chiedere nel nome di Gesù non è una mera espressione formale, quasi come una magia. Si tratta di poter v ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27 Maggio 2017)
Commento su Gv 16,24
"Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena".
Gv 16,24

Come vivere questa Parola?
Una cosa sta a cuore a Gesù: la nostra gioia! Ma non una gioia generica, quello piena! Egli si fa mediatore tra noi e il Padre per ot ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12 Maggio 2018)
Commento su Gv 16, 24
«Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.»
Gv 16, 24

Come vivere questa Parola?
Leggiamo tra le righe, in questo versetto, un invito alla preghiera. La preghiera è richiesta, nella sua forma prima e più spontanea ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01 Giugno 2019)
Commento su Gv 16,23b-28
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena. Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma vien ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 23 Maggio 2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale (continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16 Maggio 2015)
Avete creduto che io sono uscito da Dio
Ecco la vera fede: credere che Gesù è uscito da Dio. Non però per vocazione profetica, né regale, né sacerdotale. Neanche per un altro qualsiasi ministero o incarico e neppure per qualche dono particolare dello Spirito Santo. Gesù è uscito da Dio per generazione eterna. Lui è il Figlio Unigenito del ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 07 Maggio 2016)
Il Padre stesso infatti vi ama
Quando si diviene una cosa sola con Cristo Gesù, si è un solo cuore, una sola volontà, un solo desiderio, una sola relazione con Lui. Se il discepolo è cuore di Cristo e il cuore di Cristo è il cuore del discepolo, allora Gesù non dovrà più pregare il Padre per noi, come se fossimo due persone separ ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 23 Maggio 2020)
Pregare "in" Gesù. Fonte di perdono e pace.
#2minutiDiVangelo Commento al Vangelo di don Marco Scandelli di Sabato 23 Maggio Giovanni 16,23b-28 -- Il perdono e la pace: sono i due doni che il Padre ci offre ogni volta che preghiamo "in" Gesù. Ripetendo il suo nome... ma soprattutto immergendoci nella sua vita. Buona visione. E c ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 27 Maggio 2017)
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo
Nel Vangelo secondo Giovanni vi è una sola verità di Cristo, dalla quale scaturiscono tutte le altre verità. Cristo Gesù e tutto ciò che Cristo dice e fa è dal Padre. Gesù è dal Padre per natura, per Parola, per segni, per prodigi, per opere, per volontà. Non solo tutto è dal Padre in ordine alla Pe ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01 Giugno 2019)
In quel giorno chiederete nel mio nome
La prima preghiera elevata a Dio nel nome della fede di un altro è quella del servo di Abramo. È elevata a Dio nell'obbedienza e perché l'obbedienza raggiunga il suo fine. Preghiera, obbedienza, fine devono essere una cosa sola. Non si può pregare nel nome di Cristo, senza l'obbedienza a Cristo, sen ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Maggio 2020)
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo
Gesù esce dal Padre con la sua incarnazione. In verità non esce dal Padre, perché Lui e il Padre, nell'unità dello Spirito Santo, sussistono nella sola natura divina. Lui ha assunto la carne. Da Dio che è, si è fatto vero uomo, rimanendo vero Dio. È verità rivelata che Lui è sempre nel seno del Padr ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 13 Maggio 2013)
Commento su Gv 16,29-33
Difficile misurare la propria fede. Difficile sapere se siamo o meno capaci di professare la nostra fiducia nel Dio di Gesù. Difficile, soprattutto, quando le cose vanno male o non vanno come avremmo sperato. Quando ci sembra tutto chiaro, come accade agli apostoli prima dell'arresto, in realtà anco ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 25 Maggio 2020)
Commento al vangelo 25 maggio 2020

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 02 Giugno 2014)

I discepoli sembrano sicuri di loro stessi. Ora hanno capito tutto, ora sanno. Gesù ha appena lasciato il cenacolo e si sta avviando alla propria morte. Parla, lungamente, calorosamente. Una specie di testamento in cui riassume il proprio messaggio. Una cappa di inquietudine cala su tutti anche se g ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18 Maggio 2015)

Adesso credete? Gli apostoli credono di avere capito, sono convinti di avere finalmente interpretato l'ostico discorso di Gesù dopo l'ultima cena. Un discorso intenso, commovente, a tratti di alta teologia, in cui Gesù ha finalmente rivelato la sua identità profonda. Pensano di avere capito, ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 03 Giugno 2019)
Gesù ha vinto il mondo

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02 Giugno 2014)
Commento su Gv 16, 30
"Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t'interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio".
Gv 16, 30
Come vivere questa Parola?
Siamo arrivati, anche quest'anno, all'ultima settimana del tempo pasquale, la settimana che ci prepara alla sole ...

(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 25 Maggio 2020)
Abbiate coraggio, io ho vinto il mondo

...
(continua)

don Fabio Zaffuto     (Omelia del 25 Maggio 2020)
Conosci un "balla cu l'ummira"? Video commento su Gv 16,29-33
ABBALLA CU L'UMMIRA: Uomo che balla con la propria ombra. Cioè un uomo senza spina dorsale, che si spaventa, che non è di parola, che si arrende al minimo ostacolo.

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 09 Maggio 2016)
Commento su Gv 16,31-32
«Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l'ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me».
Gv 16,31-32

Come vivere questa Parola?
I discepoli si erano rallegrati con Gesù di ...

(continua)

Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 02 Giugno 2014)
Per questo crediamo che sei uscito da Dio
Ogni discepolo di Gesù è obbligato ad offrire ad ogni altro uomo dei segni concreti che attestino la sua interiore verità. Tutto il mondo deve sapere in modo inequivocabile che lui è da Cristo Signore, dalla sua Parola, dal suo amore, dalla sua verità, dalla sua vita, dalla sua onnipotenza. Tutti de ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 25 Maggio 2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale (continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18 Maggio 2015)
Io non sono solo, perché il Padre è con me
Comprendiamo quanto Gesù dice ai suoi discepoli, se facciamo memoria storica e ricordiamo quanto è avvenuto con Mosè. Questi deve recarsi dall'uomo più potente della terra e dirgli poche semplici parole: «Così dice il Signore, il Dio d'Israele: "Lascia partire il mio popolo, perché mi celebri una fe ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 09 Maggio 2016)
Abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!
Ogni sconfitta dell'uomo è un triste segno. È il segno che Dio non è con lui perché lui non è con il Signore. Nel Primo Libro di Samuele è narrata la caduta dell'arca nelle mani dei Filistei. La gloria di Dio era stata catturata, presa in ostaggio. Israele non era con il Signore. Anche dall'arca il ...
(continua)
don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 25 Maggio 2020)

Gesù gradualmente passa dal parlare del Regno di Dio che si fa vicino al rivelare l'amore trinitario del Padre e del Figlio nello Spirito. I discepoli pensano di aver compreso ma proprio qui sta il limite: ora sappiamo che tu sai tutto. Il ridurre la rivelazione ad un concetto e magari ad un concett ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 25 Maggio 2020)
Stare in lui è l'unica oasi che può dissetarci
#2minutiDiVangelo Commento al Vangelo di Lunedì 25 Maggio 2020 a cura di don Marco Scandelli -- Giovanni 16,29-33 -- Quando ci sembra di attraversare il deserto, lo stare in Lui è l'unica oasi che può dissetarci.

...
(continua)

Paolo Curtaz     (Omelia del 27 Maggio 2014)

Certo che non è facile. Non è facile credere, essere testimoni, essere credibili, essere discepoli sul serio. Non solo qualche volta all'anno o nelle nostre chiese che diventano dei nidi rassicuranti. Certo, avete ragione: stiamo vivendo tempi in cui essere cristiani richiede tempra, in cui nessuno ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 12 Maggio 2015)

Quanta fatica facciamo a crescere nella vita spirituale! Ci immaginiamo la fede come una specie di dono o di conquista ricevuta una volta per sempre, una certezza da mettere in un cassetto. Non è così, mai! La fede è in continua crescita, ci accompagna nelle scoperte della vita, cresce con noi. Gesù ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 27 Maggio 2014)
Commento su Gv 16,7
«È bene per voi che io me ne vada, perché se non me ne vado, non verrà a voi il Paraclito; se invece me ne vado, lo manderò a voi.»
Gv 16,7
Come vivere questa Parola? Pensiamo che i discepoli si asiano rattristitati, quando Gesù disse loro che egli se ne sarebbe andato: ...

(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 19 Maggio 2020)
Vi manderò lo Spirito Santo

...
(continua)

don Fabio Zaffuto     (Omelia del 19 Maggio 2020)
Hai buttato il contagocce? Video commento su Gv 16,5-11

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23 Maggio 2017)
Commento su Gv 16, 5-7
"Ora però vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: «Dove vai?». Anzi, perché vi ho detto questo, la tristezza ha riempito il vostro cuore. Ma io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito; se invece me ne vado, ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 19 Maggio 2020)
La tristezza. Una grazia che ci fa domandare la Sua presenza!
#2minutiDiVangelo -- Commento al Vangelo di don Marco Scandelli -- Gv 16,5-11

...
(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Maggio 2018)
Comment su Gv 16, 5
?Ora però vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: «Dove vai?».?
Gv 16, 5

Come vivere questa Parola?
Siamo sempre immersi nei discorsi di addio di Gesù ai suoi e sollecitati da una sua provocazione: perché non mi chiedete dove vado? Cosa voleva dire a ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 28 Maggio 2019)
Commento su Gv 16,5-11
?In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Ora vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: ?Dove vai??. Anzi, perché vi ho detto questo, la tristezza ha riempito il vostro cuore. Ma io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 19 Maggio 2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale (continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 12 Maggio 2015)
È bene per voi che io me ne vada
Ognuno di noi deve compiere un tratto della storia che Dio vuole scrivere con l'umanità. Poi deve lasciare tutto lo spazio agli altri. È stato così con Abramo, Isacco, Giacobbe, Giuseppe, Mosè, Aronne, Giosuè, tutti i profeti che Dio ha chiamato per fare assieme a loro un tratto di storia con il suo ...
(continua)
don Giampaolo Centofanti     (Omelia del 19 Maggio 2020)

Domandare non di rado è segno di una ricerca intensa, ricca di attesa, di speranza. Solo lo Spirito ci apre a questo cammino verso una decisa scelta per Dio, verso il mettere sempre più Gesù come riferimento divino e umano, verso la consapevolezza che il demonio in mille modi vuole ingannare l'uomo, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 23 Maggio 2017)
È bene per voi che io me ne vada
Immaginiamo che Gesù fosse rimasto sulla terra nel suo corpo di carne per tutta la durato del tempo. Sarebbe stato un illustre sapiente, un grandissimo filosofo, un eccellente psicologo e pedagogo, un esperto inventore, anche un onnipotente creatore. Avrebbe potuto sottomettere tutta l'umanità a sé, ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 19 Maggio 2020)
La Chiesa si deve sempre riformare. Se no, muore!
#2minutiDiVangelo - Commento al Vangelo di Mercoledì 20 Maggio a cura di don Marco Scandelli - Dal Vangelo secondo Giovanni 16,12-15 - Il Vangelo di oggi continua il racconto del "testamento spirituale di Gesù", nel quale ci viene detto che lo Spirito Santo Paraclito ci guiderà alla "verità tu ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 28 Maggio 2019)
È bene per voi che io me ne vada
Se Gesù non se ne andasse, sarebbe un profeta come tutti gli altri profeti, un sacerdote come tutti gli altri, un re come tutti gli altri. Avrebbe potuto anche riportare l'uomo nella Legge, mai però lo avrebbe potuto ricondurre nella sua verità di natura per creazione, anzi in una verità anche più g ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19 Maggio 2020)
È bene per voi che io me ne vada
Il mistero dell'umana redenzione si compie con il sacrificio di Cristo nel suo corpo sulla croce: ?Per questo, entrando nel mondo, Cristo dice: Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, un corpo invece mi hai preparato. Non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato. Allora ho detto: ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Video Commento a Gv 16, 12 - 15

...
(continua)

mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 08 Settembre 2013)
Commento su Proverbi 8,22-31; Salmo 8; Romani 5,1-5; Giovanni 16,12-15
Introduzione
Il giorno di Pentecoste Gesù comunica se stesso ai discepoli per mezzo dell'effusione dello Spirito Santo. La piena rivelazione di Dio come Padre, Figlio e Spirito Santo si ha nel mistero della Pasqua, quando Gesù dona la vita per amore dei suoi discepoli. Bisognava che ques ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 22 Maggio 2016)
Commento su Pr 8,22-31; Sal 8; Rm 5,1-5; Gv 16,12-15
La liturgia di domenica scorsa si improntava sul del mistero della morte e risurrezione di Cristo che è sempre presente nella Chiesa per opera dello Spirito Santo che agisce costantemente in essa.
Tutta la liturgia presentava il Padre che diffondeva sulla sua Chiesa, sino ai confini della terra ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 16 Giugno 2019)
Commento su Pr 8,22-31; Sal 8; Rm 5,1-5; Gv 16,12-15
Con la festività di Pentecoste si è chiuso il tempo pasquale ma, non ancora il tempo trinitario: oggi festeggiamo la SS. Trinità e la prossima domenica la seconda Persona, il crocifisso, sotto la specie del Corpo e del Sangue. Con la festa odierna noi cristiani celebriamo e contempliamo il mistero p ...
(continua)