Omelie riferite al libro: Lettera ai Galati, capitolo 3

don Raffaello Ciccone     (Omelia del 23 Marzo 2014)
Commento su Es 34,1-10; Gal 3,6-14; Gv 8,31-59
Esodo 34, 1-10
Mosè sale sul Sinai una seconda volta. La prima volta ha ricevuto da Dio le tavole dell'alleanza, le "dieci parole" che debbono definire completamente l'adesione, la fedeltà e la conferma della preferenza di Dio per questo popolo.
Ma il ritorno è stato disastroso. Mo ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12 Ottobre 2012)
Commento su Galati 3,13-14
Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della Legge, diventando lui stesso maledizione per noi, poiché sta scritto: Maledetto chi è appeso al legno, perché in Cristo Gesù la benedizione di Abramo passasse ai pagani e noi, mediante la fede, ricevessimo la promessa dello Spirito. Gal 3,13 ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 13 Ottobre 2012)
Commento su Galati 3,26-27
Tutti voi infatti siete figli di Dio mediante la fede in Cristo Gesù, poiché quanti siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo Gal 3,26-27
Come vivere questa Parola?
"Tutti voi siete figli di Dio": un'espressione a cui si rischia di fare l'ab ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 19 Giugno 2016)
Commento su Gal 3,26-29
Collocazione del brano
Nel capitolo terzo Paolo spiega ai Galati il senso della legge e della Scrittura ebraica. Egli non le butta via, anche lui ha sempre creduto che Dio si fosse rivelato all'interno della storia del popolo di Israele. Paolo rivaluta l'esperienza di Abramo in una pros ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11 Ottobre 2012)
Commento su Galati 3,5
Colui dunque che vi concede lo Spirito e opera portenti in mezzo a voi, lo fa grazie alle opere della Legge o perché avete ascoltato la parola della fede? Gal 3,5
Come vivere questa Parola?
Paolo non sta svalutando la Legge, cioè le "Dieci Parole" consegnate da Dio ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 15 Dicembre 2013)
Commento su Michea 5,1. Malachia 3,1-5a. 6-7b; Salmo 145(146); Galati 3,23-28; Gv 1,6-8.15-18
Michea 5,1. Malachia 3,1-5a. 6-7b
La lettura che porta l'intestazione del profeta Michea, in realtà, del profeta Michea ricorda solo un famoso versetto su Betlemme, che resterà come segnale fondamentale per l'indicazione della nascita del Messia ai magi (Mt2,6). Dopo il primo versetto l ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 19 Giugno 2016)
Video Commento a Lc 9, 18-24

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19 Giugno 2016)
Commento su Zc 12,10-11;13,1; Sal 62; Gal 3,26-29; Lc 9,18-24
Le letture di questa domenica ci mettono di fronte alla verifica della nostra fede, cioè ci invitano a passare da una fede consegnata per "tradizione", secondo le scritture, ad una fede personale, frutto di una scelta consapevole dopo l'incontro con quel Gesù in cui diciamo di credere.
Nella pr ...

(continua)