Omelie riferite al libro: Lettera agli Ebrei, capitolo 5

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25 Ottobre 2015)
Commento su Eb 5,1-6
Collocazione del brano
Questo brano segue immediatamente quello di settimana scorsa e continua il discorso su Cristo sommo sacerdote. Si tratta di un argomento molto importante per gli ebrei che erano passati al cristianesimo perché fa comprendere loro la superiorità della fede in Crist ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 22 Marzo 2015)
Commento su Eb 5,7-9
Collocazione del brano
Nel capitolo 5 Ebrei continua a spiegare il senso del sacerdozio di Cristo. Egli non era sacerdote secondo l'ordine di Aronne, ma come Melchisedek. Eppure anche egli come uomo dovette imparare l'obbedienza, e conoscere la sofferenza. Questa lettura risulta collega ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 22 Marzo 2015)
Commento su Ger 31,31-34; Eb 5,7-9; Gv 12,20-33
Ebrei 5,7-9 Gesù perseguitato e messo a morte ha offerto un sacrificio a Dio in espiazione dei peccati del mondo. Egli pregò Dio Padre con forti grida e lacrime che poteva salvarlo dalla morte, ma poi si abbandonò alla volontà del Padre. Con la risurrezione si esaudì il volere di Dio. Gesù f ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18 Marzo 2018)
Commento su Ger 31,31-34; Sal 50; Eb 5,7-9; Gv 12,20-33
Con questa domenica siamo giunti al termine del percorso quaresimale. Le letture di oggi ci richiamano quanto Dio sia fedele alle Sue promesse e ci ricordano che l'ultima Sua parola sono il perdono e la misericordia.

Nella prima lettura il profeta Geremia, che ci ricorda lo stile di Dio, annunci ...
(continua)

don Maurizio Prandi     (Omelia del 25 Marzo 2012)
Lasciarsi scrivere
Ritorna, in questa quinta domenica di quaresima, la parola Alleanza. La prima lettura di oggi infatti parla di una alleanza nuova che Dio vuole stringere con il suo popolo. La prima cosa che mi colpisce è che questa è una esigenza di Dio o per lo meno a me pare così. Dio non può fare a ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 28 Ottobre 2012)
Commento su Geremia 31,7-9; Salmo 125 (126); Ebrei 5,1-6; Marco 10,46-52
Gesù: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». Gesù: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo...
Un breve dialogo, scarno ed essenziale, ci schiude le porte per una matura riflessione sulla fede. Ci augur ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 28 Ottobre 2012)
Commento su Marco 10,46-52.
Collocazione del brano
La guarigione del cieco Bartimeo conclude il capitolo 10 di Marco e il viaggio di Gesù verso Gerusalemme. Infatti nel capitolo seguente verrà narrata l'entrata trionfale di Gesù nella città santa (è il brano di Vangelo che accompagna la processione delle Palme). Qu ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 25 Ottobre 2015)
Video commento a Mc 10, 46-52

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25 Ottobre 2015)
Commento su Ger 31,7-9; Sal 125; Eb 5,1-6; Mc 10,46-52
La liturgia odierna ci insegna che la vera fede non solo salva, ma attiva anche il dinamismo della conversione. L'uomo, da sempre, si presenta come un cieco a causa della sua esasperata ricerca della perfezione e della onnipotenza. E questo accadde da sempre, da Genesi sino ad oggi.
L'odierna u ...

(continua)
Autori vari     (Omelia del 28 Ottobre 2012)
Commento su Ger 31,7-9; Eb 5,1-6; Marco 10,46-52
Prima lettura - Geremia 31,7-9 Nel VII secolo a.C. il regno di Giuda corre verso la catastrofe. Il profeta Geremia condanna la decadenza e minaccia sventure. Così dice il Signore: " se non mi ascolterete e non ascolterete le parole dei profeti, miei servi, io ridurrò questo tempio ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 18 Marzo 2018)
La diffidenza messa a nudo
La promessa di un'alleanza nuova profetizzata da Geremia è uno dei passaggi più consolanti dell'Antico Testamento. Constatando l'infedeltà del popolo all'alleanza del Sinai, il Signore non solo non la rinnega, ma promette di intervenire per renderla più efficace, non fondandola più solo su una prome ...
(continua)