Omelie riferite al libro: Lettera agli Ebrei, capitolo 2

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 02 Febbraio 2016)
Commento su Eb 2, 17-18
"Egli infatti non si prende cura degli angeli, ma della stirpe di Abramo si prende cura. Perciò doveva rendersi in tutto simile ai fratelli, per diventare un sommo sacerdote misericordioso e degno di fede nelle cose che riguardano Dio, allo scopo di espiare i peccati del popolo."
Eb 2, 17-18 ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16 Gennaio 2019)
Commento su Eb 2, 18
«Infatti, proprio per essere stato messo alla prova e aver sofferto personalmente, egli è in grado di venire in aiuto a quelli che subiscono la prova»
Eb 2, 18

Come vivere questa Parola?
La sofferenza è una conseguenza del peccato; Dio ad Adamo ed ad Eva lascia questa com ...

(continua)

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 02 Febbraio 2014)
Commento su Eb 2,14-18
Collocazione del brano
La lettera agli Ebrei non è tanto una lettera quanto piuttosto un lungo discorso riguardante alcuni elementi importanti della fede. Questo discorso sembra essere rivolto a una comunità ormai consolidata e matura che aveva qualche difficoltà nel continuare il suo c ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15 Gennaio 2019)
Commento su Eb 2, 8
Avendo sottomesso a lui tutte le cose, nulla ha lasciato che non gli fosse sottomesso.
Eb 2, 8

Come vivere questa Parola?
La lettera agli Ebrei continua anche oggi, sottolineando la sottomissione a Cristo di tutta la creazione e di tutta la storia. L'incarnazione strappa ...

(continua)

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 04 Ottobre 2015)
Commento su Eb 2,9-11
Collocazione del brano
Per sette domeniche, cioè fino alla solennità di Cristo Re esclusa, saremo accompagnati dalla prima parte della lettera agli Ebrei (capitoli 1-10), dedicata all'insegnamento sulla persona di Cristo. In particolare in questi capitoli l'autore ci spiega come la salv ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04 Ottobre 2015)
Commento su Gen 2,18-24; Sal 127; Eb 2,9-11; Mc 10,2-16
GENESI 2,18-24
La prima vera distinzione tra uomo e animale l'abbiamo in questi versetti della Genesi, dove non esiste nessuna parentela fra Adamo e gli altri esseri viventi. Dio creò Adamo a propria immagine e somiglianza, creò una persona con la quale poter parlare e interagire con Lui ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 07 Ottobre 2018)
Commento su Gen 2,18-24; Sal 127; Eb 2,9-11; Mc 10,2-16
Il tema di questa domenica è la bellezza del matrimonio, ossia dell'amore sponsale e indissolubile tra uomo e donna., dono fragile da custodire, come dice il salmo, per far crescere i beni spirituali, che possiamo chiamare accoglienza, perdono, comprensione..
Nella prima lettura troviamo il rac ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 25 Gennaio 2015)
Commento su Is 45,14-17; Eb 2,11-17; Lc 2,41-52
Is 45,14-17
Colui che parla è il profeta che è rimasto a incoraggiare e sostenere il popolo di Dio nell'esilio (gli esegeti gli danno il nome di Secondo Isaia). Egli fa intravedere la speranza del ritorno e, insieme, garantisce che i popoli della terra, con le loro ricchezze, si converti ...

(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 02 Febbraio 2014)
Commento su Mal 3,1-4; Sal 23; Eb 2,14-18; Lc 2,22-40
Introduzione
Il vecchio Simeone, certo della promessa ricevuta, riconosce Gesù e la salvezza di cui il Cristo è portatore e accetta il compiersi della sua esistenza.
Anche Anna, questa profetessa ormai avanti negli anni, che aveva però passato quasi tutta la sua vita in preghiera ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 02 Febbraio 2014)
Commento su Malachia 3,1-4; Salmo 23; Ebrei 2,14-18; Luca 2,22-40
La liturgia di domenica scorsa ci ricordava come il Cristo, predicando la buona novella chiedeva come prima cosa agli uomini di "convertirsi"perché il "regno di Dio è vicino", e perché questo potesse avvenire sia necessario che ogni uomo lo segua.
La liturgia di questa quarta domenica ci ricord ...

(continua)