Omelie riferite al libro: Lettera ai Colossesi, capitolo 3

mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 31 Marzo 2013)
Commento su Atti 10,34.37-43; Salmo 117; Prima Colossesi 3,1-4; Giovanni 20,1-9
Introduzione
Che cos'è che fa correre l'apostolo Giovanni al sepolcro? Egli ha vissuto per intero il dramma della Pasqua, essendo molto vicino al suo maestro. Ci sembra perciò inammissibile un'affermazione del genere: "Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura". Eppure era proprio ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 21 Aprile 2019)
Commento su At 10,34.37-43; Sal 117; Col 3,1-4; Gv 20,1-9
? Lo uccisero mettendolo in croce, ma Dio lo ha fatto risorgere il terzo giorno e ha voluto che si facesse vedere non a tutto il popolo, ma a noi, scelti da Dio come testimoni...? (At 10,39-40).

L'uomo pazzo «in pieno mattino, accesa una lanterna, si recò al mercato e incominciò a gridare ...
(continua)

don Raffaello Ciccone     (Omelia del 31 Marzo 2013)
Commento su Atti 10,34a.37-43; Colossesi 3,1-4; Giovanni 20,1-9
Atti 10,34a.37-43
Pietro è nella casa di Cornelio, mandato dal Signore a questo centurione romano, che era timorato di Dio, per annunciargli il mistero pasquale di Gesù Cristo . Pietro racconta una storia nota. Incomincia nel descrivere il luogo: la Giudea e la Galilea, dopo il ba ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 16 Aprile 2017)
Commento su At 10,34a.37-43; Sal 117; Col 3,1-4; Gv 20,1-9
"Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che si manifestasse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti". (At 10,39-41).

Chi lo uccise? Chi ucc ...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01 Aprile 2018)
Commento su At 10,34a.37-43; Sal 117; Col 3,1-4; Gv 20,1-9
Allora entrò anche l'altro discepolo che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.
E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme...ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che apparisse, non a tutto il popolo, ma a ...

(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 01 Aprile 2018)
Cieli e terra nuovi
Occorre lasciarsi sfidare e interrogare dall'affermazione di Paolo: se Cristo non è risorto vuota è la vostra fede (1Cor 15,14). Per Paolo tutto verte intorno alla risurrezione e la qualità della nostra vita cristiana dipende da quanto crediamo in essa, da quanto riponiamo in essa tutta la nostra sp ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 27 Marzo 2016)
Commento su Col 3,1-4
Collocazione del brano
Questo brano fa parte della seconda sezione di Colossesi, quella dedicata all'esortazione (parenesi). In particolare segue il capitolo 2 in cui Paolo mette in guardia i suoi interlocutori da quella che viene chiamata eresia di Colossi, cioè il culto degli a ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 04 Agosto 2013)
Commento su Colossesi 3,1-5.9-11
Collocazione del brano
Questo è l'ultimo brano della lettera ai Colossesi che leggiamo in queste domeniche del Tempo Ordinario. Paolo dopo aver ricordato la centralità di Cristo nel piano della creazione e della salvezza e dopo aver ricordato come i credenti ne sono resi partecipi, passa ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 30 Dicembre 2016)
Commento su Col 3,12-21
"Fratelli, scelti da Dio, santi e amati, rivestitevi di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di magnanimità, sopportandovi a vicenda e perdonandovi gli uni gli altri, se qualcuno avesse di che lamentarsi nei riguardi di un altro".
Col 3,12-21

Come vivere ...
(continua)

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 29 Dicembre 2013)
Commento su Colossesi 3,12-21
Collocazione del brano
Colossi era una piccola cittadina che si trovava nella regione della Caria, nella zona sud-ovest dell'attuale Turchia. Paolo non l'aveva evangelizzata direttamente ma tramite il suo collaboratore Epafra, che era originario proprio di Colosse (cf. Col 1,7; 4,12-13) ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01 Maggio 2019)
Commento su Col 3,17-24
?E siate riconoscenti! E tutto quello che fate in parole ed opere, tutto si compia nel nome del Signore Gesù rendendo per mezzo di lui grazie a Dio Padre. Qualunque cosa facciate, fatela di cuore come per il Signore e non per gli uomini sapendo che quale ricompensa, riceverete dal Signore l'eredi ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 31 Luglio 2016)
Video Commento a Lc 12, 13 - 21

...
(continua)

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 31 Luglio 2016)
Commento su Qo 1,2;2,21-23; Sal 89; Col 3,1-5.9-11; Lc 12,13-21
La liturgia di questa diciottesima giornata de tempo ordinario ci propone delle letture che caratterizzano questa festività, secondo alcuni, come la domenica "della contestazione", secondo altri, si potrebbe anche appellare come domenica "della vera vita in abbondanza".
Noi siamo, nonostante i ...

(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 29 Dicembre 2013)
Commento su Siracide 3, 3-7.14-17; Salmo 127; Colossesi 3,12-21; Matteo 2,13-15.19-23
Introduzione
Contempliamo la Santa Famiglia e, nelle parole del vangelo di questa festività, consideriamo Gesù, Maria e Giuseppe.
Subito dopo l'adorazione dei Magi, Matteo narra nel suo Vangelo la fuga in Egitto, la strage degli innocenti e il ritorno dall'Egitto: tre episodi coll ...

(continua)