Omelie riferite al libro: Atti degli Apostoli, capitolo 8

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 08 Maggio 2014)
Commento su At 8, 30-31;35
«Filippo corse innanzi e, udito che leggeva il profeta Isaia, gli disse: "Capisci quello che stai leggendo?". Egli rispose: "E come potrei capire, se nessuno mi guida?". E invitò Filippo a salire e a sedere accanto a lui... Filippo, prendendo la parola e partendo da quel passo della Scrittura, ...
(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 28 Ottobre 2012)
Commento su Atti 8, 26-39;Prima Timoteo 2, 1-5; Marco 16, 14b-20
Lettura degli Atti degli Apostoli 8, 26-39
I discepoli di Gesù si erano dispersi nei territori della Palestina. Filippo, uno dei sette "ordinati" dagli apostoli per il servizio delle mense (At 6,2), si era stabilito in Samaria e sviluppava, fondamentalmente, un'azione di evangelizzazione ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 21 Maggio 2017)
Commento su At 8,5-8.14-17; Sal 65; 1Pt 3,15-18; Gv 14,15-21
Il compito dello Spirito Santo è quello di insegnare ogni cosa per far conoscere sempre più il mistero di Cristo e soprattutto di capirlo attraverso l'esperienza dell'Amore, perché non si vede e non si conosce lo Spirito Santo di verità se non in Cristo Gesù che lo rivela e lo dona insieme al Padre. ...
(continua)