Omelie riferite al libro: Atti degli Apostoli, capitolo 16

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 05 Maggio 2018)
Commento su At 16, 9
?Durante la notte apparve a Paolo una visione: gli stava davanti un macedone e lo supplicava: - Passa in Macedonia e aiutaci ?
Atti 16, 9

Come vivere questa Parola?
Interessante è seguire l'itinerario di san Paolo nel suo andar evangelizzando alcune cittadine dell'Asia Mi ...

(continua)

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25 Maggio 2019)
Commento su At 16,1-10
"In quei giorni, Paolo si recò a Derbe e a Listra. Vi era qui un discepolo chiamato Timòteo, figlio di una donna giudea credente e di padre greco: era assai stimato dai fratelli di Listra e di Icònio. Paolo volle che partisse con lui, lo prese e lo fece circoncidere a motivo dei Giudei che si tro ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 11 Maggio 2015)
Commento su At 16, 14-15
"Ad ascoltare c'era anche una donna di nome Lidia, commerciante di porpora, della città di Tiàtira, una credente in Dio, e il Signore le aprì il cuore per aderire alle parole di Paolo. Dopo essere stata battezzata insieme alla sua famiglia, ci invitò dicendo: «Se mi avete giudicata fedele al Sign ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06 Maggio 2013)
Commento su Atti 16,13
Il sabato uscimmo fuori della porta lungo il fiume, dove ritenevamo che si facesse la preghiera e, dopo aver preso posto, rivolgevamo la parola alle donne là riunite. At 16,13
Come vivere questa Parola?
Chi parla è Paolo il rigido fariseo di un tempo, che mosso dallo ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 12 Maggio 2015)
Commento su At 16, 31
«Credi nel Signore Gesù e sarai salvato tu e la tua famiglia».
At 16, 31

Come vivere questa Parola?
Alcuni personaggi descritti da Luca negli Atti si sono preparati ad accogliere la persona di Gesù. Altri vi incappano per caso, in situazioni davvero strane e quasi imbaraz ...

(continua)

don Michele Cerutti     (Omelia del 19 Aprile 2015)
Commento su At 16,22-34 e Gv 14,1-11a
Paolo e Sila a Filippi conoscono il tempo della prigionia e della persecuzione. Il Signore, tuttavia, non si dimentica di loro e cerca di aiutarli nella loro missione. Un terremoto libera i compagni prigionieri, ma Paolo e Sila preferiscono rimanere lì dove sono. Essi sanno che occorre convertire i ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 07 Maggio 2013)
Commento su Atti 16,25-26
Verso mezzanotte Paolo e Sila, in preghiera, cantavano inni a Dio, mentre i prigionieri stavano ad ascoltarli. D'improvviso venne un terremoto così forte che furono scosse le fondamenta della prigione; subito si aprirono tutte le porte e caddero le catene di tutti. At 16,25-26

(continua)