Omelie riferite al libro: Prima lettera ai Tessalonicesi, capitolo 1

Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Commento su 1 Tess 1, 2-3
"Rendiamo sempre grazie a Dio per tutti voi, ricordandovi nelle nostre preghiere e tenendo continuamente presenti l'operosità della vostra fede, la fatica della vostra carità e la fermezza della vostra speranza nel Signore nostro Gesù Cristo, davanti a Dio e Padre nostro".
1 Tess 1, 2 ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 19 Ottobre 2014)
Commento su 1Ts 1,1-5
Collocazione del brano
Cominciamo in questa domenica la lettura di alcuni brani della prima lettera ai Tessalonicesi. Si tratta della lettera di Paolo più antica. Risale infatti agli anni 50/51 d.C. ed è una preziosa testimonianza della vita delle prime comunità cristiane. In quegli anni ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Commento su 1Ts 1,5-10
Collocazione del brano
Questo brano segue immediatamente quello di domenica scorsa. Paolo continua ad elencare i motivi della sua gioia e del ringraziamento a Dio per ciò che ha saputo della comunità di Tessalonica. Essi nonostante le prove hanno perseverato nella fede e questo è diventa ...

(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Video Commento a Mt 22, 34-40

...
(continua)

dom Luigi Gioia     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Il segreto della fecondità
La lettera di Paolo apostolo ai Tessalonicesi che la liturgia ci propone come seconda lettura in queste ultime domeniche del tempo ordinario è relativamente corta, ma molto suggestiva. Si apre con un sentito elogio della fede, della speranza e della carità di questa comunità che si traduce in uno st ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 29 Ottobre 2017)
Il segreto della fecondità
La lettera di Paolo apostolo ai Tessalonicesi che la liturgia ci propone come seconda lettura in queste ultime domeniche del tempo ordinario è relativamente corta, ma molto suggestiva. Si apre con un sentito elogio della fede, della speranza e della carità di questa comunità che si traduce in uno st ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 23 Ottobre 2011)
Commento su Esodo 22,20-26, Salmo 17, Prima ai Tessalonicési 1,5-10, Matteo 22,34-40
Le tre letture di questa domenica sono legate dal tema dell'amore che ci viene presentato nella prima lettura attraverso a dei divieti, che prescrivono di non fare del male all'altro, proclamato, nel Vangelo, come il comandamento più grande e presentato come riassunto del rapporto con Dio e con i fr ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26 Ottobre 2014)
Commento su Es 22,20-26; Sal 17; 1Ts 1,5-10; Mt 22,34-40
L'uomo, immagine di Dio che l'ha creato, possono collaborare insieme per realizzare il grande e unico progetto del creatore, che è il progetto d'amore pensato da secoli e rivelato ad Israele che, al Sinai, accetta l'alleanza che Dio gli propone. La proposta di Dio, il Signore in assoluto, è un invit ...
(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 07 Luglio 2013)
Commento su Giosuè, 1-2a. 15b-27; 1Tessalonicesi 1, 2-10; Giovanni 6, 59-69
Giosuè, 1-2a. 15b-27
Prima delle grandi scelte, Giosuè ritiene che sia necessario ricordare la propria storia di popolo e, quindi, consegnare il racconto della propria esistenza al significato della propria consistenza e valore (Giosuè espone la storia del popolo nei vv.3-15 qui omessi). ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 16 Ottobre 2011)
Commento su Isaia 45,1.4-6 Salmo 95 1Tesssalonicesi 1,1-5b Matteo 22,15-21
Allora i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi. Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché no ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Commento su Is 45,1.4-6; Sal 95; 1Ts 1,1-5; Mt 22,15-21
La liturgia di domenica scorsa ci ha presentato un re che fa una festa di nozze per il figlio. Alla festa vengono invitati i privilegiati, ma questi non accolgono l'invito perché occupati in altri lavori. Vengono allora invitati alle nozze tutti coloro che si trovano per strada, a condizione che abb ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Dare per gioia
Con la frase Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio, in maniera lapidaria e brillante, Gesù espone il principio fondamentale della relazione del cristiano nei confronti dell'autorità civile. La fede cristiana non dispensa dall'obbedienza nei confronti dell'autorit ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 22 Ottobre 2017)
Dare per gioia
Con la frase Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio, in maniera lapidaria e brillante, Gesù espone il principio fondamentale della relazione del cristiano nei confronti dell'autorità civile. La fede cristiana non dispensa dall'obbedienza nei confronti dell'autorit ...
(continua)