Omelie riferite al libro: Prima lettera ai Corinzi, capitolo 7

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25 Gennaio 2015)
Commento su 1Cor 7,29-31
Collocazione del brano
Il capitolo 7 della 1 Corinti è dedicato al significato cristiano del matrimonio e del celibato. Di questo capitolo leggeremo due brani, quello previsto per oggi e quello di domenica prossima. I tre versetti che leggiamo oggi vengono subito dopo i consigli che Paol ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 01 Febbraio 2015)
Commento su 1Cor 7,32-35
Collocazione del brano
Il brano di oggi segue immediatamente quello di domenica scorsa, dove Paolo invitava a vivere le cose di questo mondo con un certo distacco, non perché non siano importanti, ma perché non si sostituiscano a Dio. Oggi il discorso continua parlando di preoccupazio ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01 Febbraio 2015)
Commento su Dt 18,15-20; Sal 94; 1Cor 7,32-35; Mc 1,21-28
La liturgia di domenica scorsa ci ha fatto meditare sul perché per ognuno è ormai tempo di convertirsi e di credere al vangelo, poiché non c'è più tempo per indugiare ancora: infatti il regno di Dio è vicino.
Il regno di Dio il cristiano lo deve realizzare già in questo mondo per mezzo della p ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25 Gennaio 2015)
Commento su Gn 3,1-5.10; Sal 24; 1Cor 7,29-31; Mc 1,14-20
La liturgia di domenica scorsa ci ha fatto meditare sul fatto che il cristiano, per riconoscere il volto di Dio e per seguirlo, ha bisogno della fede e della testimonianza degli altri; ce lo insegna lo stesso Pietro che per seguire Gesù ha bisogno della testimonianza di suo fratello Andrea.
La ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 21 Gennaio 2018)
Commento su Gn 3,1-5.10; Sal 24; 1Cor 7,29-31; Mc 1,14-20
Le letture liturgiche di questa domenica ci dicono che Gesù è la buona notizia che venuto, perché inviato dal Padre, a parlarci di lui. C'è da chiederci se noi che, diciamo di essere cristiani, siamo consci che quanto ci viene detto nel vangelo, e se questo è per noi veramente una buona notizia.
...

(continua)