Omelie riferite al libro: Prima lettera ai Corinzi, capitolo 3

Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 23 Febbraio 2014)
Commento su 1Cor 3,16-23
Collocazione del brano
Domenica scorsa Paolo ci ha parlato di una sapienza nascosta che è stata rivelata solo a quanti hanno accolto la croce di Cristo. Passiamo ora al capitolo 3. Nella prima parte (3,1-15) Paolo riprende il tema delle divisioni all'interno della comunità e ricorda che ...

(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 06 Settembre 2012)
Commento su Prima Corinzi 3,21-23
Nessuno ponga il suo vanto negli uomini perché tutto è vostro: Paolo, Apollo, Cefa', il mondo, la vita, la morte, il presente, il futuro: tutto è vostro! Ma voi siete di Cristo e Cristo è di Dio. 1Cor3,21-23
Porre il proprio vanto negli uomini, soprattutto in questo contesto dell ...

(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 09 Novembre 2014)
Commento su 1Cor 3,9c-11.16-17
Collocazione del brano
Nel ricordo della dedicazione della Basilica Lateranense ci viene proposta una pagina della lettera ai Corinti. Nel rispondere a quanti dicevano "Io sono di Paolo" "Io invece sono di Apollo", dividendo la comunità in tante conventicole, Paolo ricorda che i vari pre ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 28 Luglio 2013)
Commento su Primo Re 3,5-15; Prima Corinzi 3, 18-23; Luca 18, 24b-30.
1 Re 3,5-15
Dopo Davide sale al trono Salomone, non certo pacificamente poiché nella stessa famiglia di Davide sono sorti drammi e congiure. Già in questa esperienza, terribile e non facile nel districarsi delle successioni tra fratellastri, figli tutti di Davide ma di diverse madri, eme ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 17 Agosto 2014)
Commento su 1Re 8,15-30;1Cor 3,10-17;Mc 12,41-44
1 Re. 8, 15-30
Terminato il tempio che si presenta come una sontuosa costruzione, Salomone pensa di aver concluso l'avventura sognata dal padre Davide: costruire una casa per il Signore e farvi il centro della fede e della presenza di Dio nel suo popolo. Il popolo d'Israele, ormai, ha gi ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 21 Agosto 2011)
Commento su Primo Re. 8, 15-30, Prima Corinzi. 3, 10-17, Marco. 12, 41-44
Lettura del primo libro dei Re. 8, 15-30
Finalmente si corona il sogno di Davide che aveva progettato di costruire un tempio magnifico, degno della gloria del Dio liberatore del suo popolo e liberatore della propria vita, pensa Davide, che sa di essere stato portato alla pienezza della g ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 24 Luglio 2011)
Commento su Esodo 33,18-34,10 Prima ai Corinzi 3, 5-11 Luca. 6, 20-31
Lettura del libro dell'Esodo. 33, 18 - 34, 10
Abbiamo letto il racconto di un secondo ritorno di Mosè sul Sinai. Disceso dal monte, la prima volta, con le tavole incise che dovevano essere il trionfo della fedeltà e la conferma della preferenza di Dio per questo popolo, nel campo degli I ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 20 Luglio 2014)
Commento su Es 33,18-34,10; 1Cor 3,5-11; Lc 6,20-31
Esodo. 33, 18 - 34, 10
Quando Mosè sale sul Sinai, per ricevere la legge e sancire l'Alleanza, c'è piena sintonia con la volontà del Signore e grande attesa. I comandamenti erano già stati proclamati (Es 20) e Mosè, per popolo, sul monte, è rimasto un tempo enorme (40 giorni e 40 notti ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 09 Novembre 2014)
Commento su Ez 47,1-2.8-9.12; Sal 45; 1Cor 3,9c-11.16-17; Gv 2,13-22
Domenica scorsala Liturgia ci ha proposto il ricordo dei defunti. Tutti abbiamo persone care da ricordare nella fede in Cristo. I nostri cari non sono morti ma vivono alla presenza di quel Dio in cui hanno creduto durante la loro vita terrena e quindi coloro che solitamente chiamiamo "morti sono più ...
(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 21 Ottobre 2012)
Commento su Isaia 26, 1-2. 4. 7-8; 54, 12-14a; Prima Corinzi. 3, 9-17; Giovanni 10, 22-30
Lettura del profeta Isaia 26, 1-2. 4. 7-8; 54, 12-14a
La nostalgia di poter cantare per Gerusalemme liberata e splendente è sempre stato il sogno di ogni ebreo e il testo suggerisce il canto dei liberati dalla schiavitù. La speranza infatti si sta profilando per quelli che ancora sono de ...

(continua)
don Raffaello Ciccone     (Omelia del 14 Ottobre 2012)
Commento su Isaia. 43, 10-21; Prima Corinzi. 3, 6-13; Matteo. 13, 24-43
Lettura del profeta Isaia. 43, 10-21
Tutto il brano è un incoraggiamento ad Israele, un popolo lontano da Gerusalemme, deportato dalla potenza di Babilonia ed ora profondamente nostalgico di un ritorno alla terra che il Signore gli aveva consegnato. Nella prima parte l'autore invita a gu ...

(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 19 Febbraio 2017)
Il monologo del risentimento
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane. Clicca qui ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19 Febbraio 2017)
Commento su Lv 19,1-2.17-18; Sal 102; 1Cor 3,16-23; Mt 5,38-48
Voi siate perfetti "come" è perfetto il Padre vostro celeste.
Ecco che ritorna quel "come" tanto caro a Dio; pensiamo al Padre Nostro, in cui per ben due volte Cristo ci richiama a questo "come", al quel ama il tuo prossimo "come" te stesso"...e via dicendo...
Un "come" che non ci deve met ...

(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 23 Febbraio 2014)
Commento su Lv 19,1-2.17-18; Sal 102; 1Cor 3,16-23; Mt 5,38-48
Introduzione
Gesù Cristo, Dio-con-noi e umanità nuova, insegna ai suoi discepoli il comandamento dell'amore, la nuova legge del Vangelo che sostituisce per sempre la legge pagana del vecchio uomo: "Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico".
Il nostro spirito trema sentendo l ...

(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 23 Febbraio 2014)
Commento su Lv 19,1-2,17-18; Sal 102; 1Cor 3,16-23; Mt 5,38-48
Questa domenica riassume il percorso storico della fede (Dio educa il suo popolo piano piano e lo fa crescere). San Paolo nella seconda lettura ci ricorda che dall'uomo carnale può nascere l'uomo spirituale; dall'istinto (corpo) alla ragione (anima), alla fede (grazia).
Il vangelo parla di pass ...

(continua)