B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo TILC)

30
Come educare i figli

1Chi vuol bene a suo figlio
spesso dovrà essere severo con lui,
ma alla fine potrà essere contento.
2 Chi sa educare un figlio avrà molte
soddisfazioni,
in mezzo ai conoscenti potrà essere fiero
di lui.
3Se insegni bene a tuo figlio provochi la
gelosia del tuo nemico,
ma i tuoi amici si congratulano con te.
4Anche quando il padre muore è come se
restasse in vita,
perché lascia un figlio che gli somiglia;
5durante la sua vita era contento di averlo
sotto gli occhi
e al momento della morte non ha
rimpianti:
6suo figlio lo vendicherà contro i nemici
e continuerà ad essere riconoscente con gli
amici.
7Se invece un padre vizia suo figlio
dovrà portarne le conseguenze
e a ogni suo grido sarà sconvolto
8Un figlio lasciato a se stesso diventa
intrattabile,
proprio come un cavallo che non è
domato.
9Se vizi tuo figlio avrai brutte sorprese,
e se scherzi con lui più tardi dovrai
piangere.
10Non ridere con tuo figlio: domani saranno
dolori
e ti mangerai il fegato.
11Non dargli troppa corda quando è
giovane,
fallo sgobbare.
12Tienlo alle strette fin da piccolo,
se no diventa testardo e non ti ubbidirà
più.
13Educa tuo figlio e cura la sua formazione,
per non dover piangere se rovina il tuo
buon nome.

La salute

14Meglio un povero diavolo robusto e sano,
piuttosto che un ricco con un corpo
malandato.
15Salute di ferro e buona costituzione
valgono di più di tutto l'oro del mondo,
e un fisico robusto più di una fortuna
immensa.
16Nessuna ricchezza vale più della salute
e la baldoria di una festa non è
paragonabile a una gioia intima.
17Meglio morire che tirare avanti da
disperato,
perché il riposo eterno è preferibile a un
male inguaribile
18Mettere cibi squisiti davanti a un malato
senza appetito
è come presentarli in dono a un idolo;
19infatti l'idolo che cosa se ne fa?
Non li mangia e non può sentirne
nemmeno il profumo.
Lo stesso capita al malato che è stato
colpito dal Signore:
20li guarda e sospira e ne rimane deluso
come un impotente quando abbraccia una
ragazza.

La gioia è un bene da conquistare

21Non abbandonarti alla tristezza
e non stare a tormentarti
22perché la serenità interiore fa vivere
l'uomo
e la gioia allunga i giorni della vita.
23Cerca di trovare soddisfazioni e conforto
e tieni lontana la tristezza
perché essa non serve a niente
e ha già mandato in rovina tanta gente.
24Tensione continua e rabbia in corpo ti
accorciano la vita
e le preoccupazioni ti fanno invecchiare
prima del tempo;
25invece, se sei contento e sereno, ti viene
un buon appetito
e riesci a gustare quel che mangi.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina