B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Numeri
  > Libro: Numeri, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36  

(Testo TILC)

7
I carri offerti per il trasporto della tenda dell'incontro

1Il giorno in cui Mosč concluse i lavori di costruzione dell'Abitazione, la consacrō con questo rito: versō su di essa e sui suoi accessori l'olio dell'unzione. Poi consacrō anche l'altare e tutti i suoi accessori. 2Allora si presentarono i capifamiglia, responsabili delle tribų d'Israele. Erano le stesse persone che avevano prestato il loro aiuto per il censimento. 3Essi portarono in dono al Signore sei carri dotati di una copertura di riparo e sei paia di buoi: un carro ogni due capifamiglia e un bue per ciascuno, e li condussero davanti all'Abitazione. 4Il Signore disse a Mosč: 5'Accetta pure i loro doni. Essi serviranno per svolgere i lavori di trasporto della tenda dell'incontro. Li assegnerai ai leviti e li distribuirai ai vari gruppi tenendo conto del loro incarico'.
6Mosč accettō i carri e i buoi e li assegnō ai leviti: 7diede due carri e due paia di buoi al gruppo dei discendenti di Gherson, per facilitare il loro lavoro; 8diede quattro carri e quattro paia di buoi al gruppo dei discendenti di Merari, per facilitare il lavoro che svolgevano sotto la direzione di Itamar, figlio del sacerdote Aronne. 9Invece non assegnō né carri né buoi al gruppo dei discendenti di Keat, che erano incaricati degli oggetti sacri e dovevano portarli a spalla.

Offerte per l'inaugurazione dell'altare

10Il giorno in cui fu consacrato I'altare con il rito dell'unzione, i capifamiglia portarono davanti all'altare altri doni per la sua inaugurazione. 11Il Signore disse a Mosč: 'I capifamiglia verranno a portare i loro doni per la dedicazione dell'altare a turno: uno al giorno'.
12-83Essi si presentarono in quest'ordine:
il primo giorno Nacason, figlio di Amminadab, della tribų di Giuda.
Il secondo giorno Netaneel, figlio di Zuar, della tribų di Issacar.
Il terzo giorno Eliab, figlio di Chelon, della tribų di Zabulon.
Il quarto giorno Elizur, figlio di Sedeur, della tribų di Ruben.
Il quinto giorno Selumiel, figlio di Zurisaddai, della tribų di Simeone.
Il sesto giorno Eliasaf, figlio di Deuel, della tribų di Gad.
Il settimo giorno Elisama, figlio di Ammiud, della tribų di Efraim.
L'ottavo giorno Gamliel, figlio di Pedazur, della tribų di Manasse.
Il nono giorno Abidan figlio di Ghideoni, della tribų di Beniamino.
Il decimo giorno Achiezer, figlio di Ammisaddai, della tribų di Dan.
L'undicesimo giorno Paghiel, figlio di Ocran, della tribų di Aser.
Il dodicesimo giorno Achira, figlio di Enan della tribų di Neftali.
Ciascuno portō questi doni:
- un piatto d'argento del peso di un chilo e trecento grammi, conforme all'unitā di peso ufficiale del santuario, e un vassoio d'argento del peso di settecento grammi. Questi recipienti erano pieni di farina mescolata con olio destinata all'offerta;
- una coppa d'oro, del peso di cento grammi, piena di incenso;
- un toro, un montone e un agnello di un anno, per sacrifici completi;
- un capro destinato al sacrificio, per ottenere il perdono;
- un paio di vitelli, cinque montoni, cinque capri e cinque agnelli di un anno, destinati al sacrificio per il banchetto sacro.
84I doni portati dai capifamiglia del popolo d'Israele in occasione della consacrazione dell'altare furono in totale: dodici piatti d'argento, dodici vassoi d'argento e dodici coppe d'oro. 85Ciascun piatto pesava un chilo e trecento grammi; ciascun vassoio settecento grammi; il loro peso complessivo era di ventiquattro chilogrammi d'argento, conformi al peso ufficiale del santuario. 86Ciascuna coppa d'oro era di cento grammi; il peso complessivo di tutte e dodici era quindi di un chilo e duecento grammi. Esse erano piene di incenso. 87C'erano poi in totale dodici tori, dodici montoni e dodici agnelli, per sacrifici completi, accompagnati dall'offerta prescritta; c'erano inoltre dodici capri destinati ai sacrifici, per ottenere il perdono; 88ventiquattro tori, sessanta montoni, sessanta capri e sessanta agnelli di un anno, destinati ai sacrifici per il banchetto sacro. Questi furono i doni portati per l'inaugurazione dell'altare dopo la sua consacrazione.

Dio parla a Mosč nella tenda dell'incontro

89Quando Mosč entrava nella tenda dell'incontro per parlare con il Signore, ne sentiva la voce. Essa proveniva dallo spazio che si trovava tra le statue dei due cherubini, situati sul coperchio dell'arca, dove erano custoditi gli insegnamenti del Signore. E Mosč parlava con il Signore.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Numeri, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36  
inizio pagina