B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Vangelo secondo Luca
  > Libro: Vangelo secondo Luca, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24  

(Testo TILC)

20
1Un giorno Gesù stava insegnando nel Tempio e annunziava al popolo il suo messaggio. I capi dei sacerdoti, i maestri della Legge, insieme con le altre autorità, andarono da lui e gli dissero:
2 - Tu devi dirci una cosa: che diritto hai di fare quel che fai? Chi ti ha dato l'autorità di agire così?
3Gesù rispose loro:
- Voglio farvi anch'io una domanda. 4Ditemi: Giovanni, chi lo ha mandato a battezzare? Dio o gli uomini?
5Quelli allora si consultarono tra loro: 'Se diciamo che Giovanni è stato mandato da Dio, ci chiederà: 'Perché dunque non avete creduto in lui?'. 6Se invece diciamo che Giovanni è stato mandato dagli uomini, allora il popolo ci ucciderà, perché tutti sono convinti che Giovanni era un profeta'.
7Perciò risposero di non saperlo.
8E Gesù disse loro: 'Ebbene, allora neanch'io vi dirò con quale autorità faccio queste cose'.
Parabola della vigna e dei contadini omicidi
(vedi Matteo 21, 33-46; Marco 12, 1-12)

9Poi Gesù si rivolse al popolo e raccontò loro questa parabola: 'Un uomo piantò una vigna. Poi l'affittò ad alcuni contadini e se ne andò lontano per lungo tempo.
10'Venne il tempo della vendemmia, e quell'uomo mandò un servo dai contadini per farsi dare la sua parte di raccolto. Ma i contadini bastonarono quel servo e lo mandarono via senza dargli niente. 11Allora il padrone mandò ancora un altro servo, ma i contadini lo accolsero a parolacce, bastonarono anche lui e lo rimandarono indietro senza dargli niente. 12Il padrone volle mandare ancora un terzo servo, ma quei contadini ferirono gravemente anche lui e lo buttarono fuori.
13'Allora il padrone della vigna pensò: Che cosa posso fare ancora? Manderò mio figlio, il mio carissimo figlio. Spero che avranno rispetto almeno di lui.
14'Ma i contadini, appena videro arrivare il figlio del padrone, dissero tra loro: 'Ecco, un giorno costui sarà il padrone della vigna. Uccidiamolo e l'eredità diventerà nostra!'. 15Perciò lo gettarono fuori della vigna e l'uccisero'.
A questo punto Gesù domandò loro:
- Che cosa farà dunque il padrone della vigna con quei contadini? 16Certamente egli verrà e ucciderà quei contadini e darà la vigna ad altre persone.
Sentendo queste parole i presenti dissero:
- Questo no! Non accadrà mai!
17Ma Gesù fissò lo sguardo su di loro e disse:
- Eppure nella Bibbia sta scritto:
La pietra che i costruttori hanno rifiutato
è diventata la pietra più importante.
18Chiunque cadrà su quella pietra si sfracellerà; e colui sul quale essa cadrà rimarrà schiacciato. 19I maestri della Legge e i capi dei sacerdoti avevano capito che Gesù con quella parabola si riferiva a loro; cercarono di catturarlo, ma avevano paura del popolo.

Le tasse da pagare all'imperatore romano
(vedi Matteo 22, 15-22; Marco 12, 13-17)

20I capi dei sacerdoti e i maestri della Legge si misero a spiare Gesù. Mandarono alcuni per spiarlo e consigliarono loro di fingersi brave persone. Dovevano cogliere Gesù in fallo su qualche punto dei suoi discorsi, in modo da poterlo consegnare al governatore romano e farlo condannare. 21Essi domandarono a Gesù:
- Maestro, sappiamo che quel che tu dici e insegni è giusto. Tu non guardi in faccia a nessuno e insegni veramente la volontà di Dio. 22Una domanda: la nostra Legge permette o non permette che noi paghiamo le tasse all'imperatore romano?
23Gesù si rese conto che lo volevano ingannare e quindi disse loro:
24 - Fatemi vedere una moneta d'argento: Questo volto e questo nome di chi sono?
25Risposero:
- Dell'imperatore.
E Gesù concluse:
- Date dunque all'imperatore quel che è dell'imperatore, ma quel che è di Dio datelo a Dio.
26Così non poterono cogliere in fallo Gesù su quel che egli diceva al popolo. Anzi si meravigliarono della sua risposta e non avevano più il coraggio di fare domande.

Discussione a proposito della risurrezione
(vedi Matteo 22, 23-33; Marco 12, 18-27)

ascolta mp327I sadducei dicevano che nessuno può risorgere dopo la morte. Alcuni di loro si fecero avanti e domandarono a Gesù:
28 - Maestro, Mosè ci ha lasciato questo comandamento scritto: Se uno muore e lascia la moglie senza figli, suo fratello deve sposare la vedova e cercare di avere dei figli per quello che è morto. 29Dunque: c'erano una volta sette fratelli. Il primo si sposò e morì senza lasciare figli. 30Anche il secondo 31e il terzo sposarono quella vedova senza avere figli, e così via tutti e sette: tutti morirono senza lasciare figli. 32Poi morì anche quella donna. 33Ora, nel giorno della risurrezione, di chi sarà moglie quella donna? Perché tutti e sette i fratelli l'hanno avuta come moglie.
34Gesù rispose loro:
- Solo in questa vita gli uomini e le donne sposano e sono sposati. 35Ma quelli che risorgeranno dai morti e saranno giudicati degni della vita futura non prenderanno più né moglie né marito. 36Essi non possono più morire perché sono uguali agli angeli e sono figli di Dio perché sono risorti. 37È certo che i morti risorgono: lo afferma anche Mosè quando parla del cespuglio in fiamme. In quel punto Mosè dice che il Signore è il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe. 38Quindi Dio è il Dio dei vivi e non dei morti, perché tutti da lui ricevono la vita.
39Intervennero allora alcuni maestri della Legge e dissero:
- Maestro, hai risposto molto bene.
40Da quel momento nessuno aveva più il coraggio di far domande a Gesù.

Il Messia e il re Davide
(vedi Matteo 22, 41-46; Marco 12, 35-37)

41Ma Gesù domandò ai maestri della Legge: 'Si dice che il Messia dev'essere discendente del re Davide; com'è possibile? 42Nel libro dei Salmi lo stesso Davide dice:
Il Signore ha detto al mio Signore:
siedi alla mia destra,
43 finché io metterò i tuoi nemici
come sgabello sotto i tuoi piedi.
44Se Davide lo chiama Signore, come può il Messia essere discendente di Davide?'.

Gesù parla contro i maestri della Legge
(vedi Matteo 23,1-7.8-36; Marco 12,38-40; Luca 11,37-54)

45Tutto il popolo stava ad ascoltare Gesù. Allora egli disse ai suoi discepoli: 46'State attenti a non lasciarvi corrompere dai maestri della Legge. A loro piace passeggiare con vesti di lusso, desiderano essere salutati in piazza, avere i posti d'onore nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. 47Con avidità cercano di portar via alle vedove tutto quello che hanno, e intanto, per farsi vedere, fanno lunghe preghiere. Queste persone saranno giudicate con estrema severità'.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Vangelo secondo Luca, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24  
inizio pagina