B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Geremia
  > Libro: Geremia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52  

(Testo TILC)

31
Il ritorno degli esiliati

1Il Signore dice: 'Quando arriverà il momento che ho stabilito, io sarò il Dio di tutte le tribù d'Israele, ed esse formeranno il mio popolo.
2Nel deserto mi sono dimostrato benevolo
verso un popolo sfuggito
alla morte violenta.
Mentre Israele camminava ancora
cercando riposo,
3gli sono venuto incontro da lontano
e gli ho detto:
'Ti ho sempre amato e per questo
continuerò a mostrarti il mio amore
incrollabile'.
4Gente d'Israele, ti ricostruirò di nuovo
e tu riprenderai forza.
Suonerai di nuovo i tuoi tamburi
e ti unirai alle danze di gioia.
5Pianterai di nuovo le vigne
sulle colline di Samaria
e chi le ha coltivate potrà goderne i frutti.
6Sì, è vicino il giorno in cui le sentinelle
grideranno sulle montagne di Efraim:
'Venite, saliamo al monte Sion,
per stare vicini al Signore, nostro Dio''.
7 Il Signore dice:
'Cantate di gioia per il popolo
di Giacobbe,
rallegratevi con la prima tra le nazioni!
Cantate le vostre lodi a Dio e dite:
'Il Signore ha salvato il suo popolo,
ha liberato i superstiti d'Israele'.
8Infatti io li riconduco dalle regioni del nord,
li raduno dai punti più lontani della terra.
Ritorneranno con loro anche i ciechi
e gli zoppi,
le donne incinte e quelle che hanno
appena partorito;
insieme formeranno una folla immensa.
9Sono partiti piangendo,
li farò ritornare con lacrime di gioia.
Li condurrò a torrenti ricchi d'acqua,
per una strada comoda, dove non
inciamperanno,
perché io sono un padre per Israele,
ed Efraim è il mio primogenito'.

Il lamento è cambiato in gioia

10Nazioni straniere,
ascoltate quel che dice il Signore
e annunziate fino alle terre più lontane:
'Il Signore aveva disperso Israele,
ma ora lo raduna e lo custodisce
come fa un pastore con il suo gregge'.
11Infatti il Signore ha liberato i discendenti
di Giacobbe,
li ha strappati dalle mani
di un nemico più forte di loro.
12Essi verranno sul monte Sion
e canteranno di gioia,
i loro occhi s'illumineranno
di fronte ai doni che il Signore ha preparato:
frumento, olio e vino nuovo,
agnelli, capretti e vitelli.
Si sentiranno rivivere come un giardino
ben irrigato,
non correranno più il rischio
di soffrire la fame.
13Le ragazze danzeranno felici,
giovani e anziani si uniranno
alla loro festa.
Così dice il Signore:
'Io cambierò il loro lutto in allegria,
li consolerò per le loro afflizioni
e li riempirò di gioia.
14 Farò dare ai sacerdoti offerte
ricche e abbondanti,
il mio popolo riceverà da me
ogni sorta di beni'.

Dio è misericordioso con Israele

15Il Signore dice:
'Una voce si è sentita
nella regione di Rama,
un lamento e un pianto amaro:
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata
perché essi non ci sono più.
16Ma ora, basta con i lamenti e il pianto,
asciuga le lacrime dagli occhi
perché io ti ricompenserò dei tuoi affanni:
i tuoi figli ritorneranno dal paese nemico.
17C'è speranza per i tuoi discendenti:
i tuoi figli ritorneranno in patria,
lo prometto io, il Signore.
18Ho udito molto bene la gente di Efraim
che si lamentava e diceva:
'Signore, ci hai domati con forza
come si fa con un torello selvaggio.
Ma ora, facci ritornare a te,
perché sei tu il Signore, nostro Dio.
19È vero, siamo andati lontani da te
ma ora siamo pentiti.
Tu ci hai fatto capire i nostri sbagli
e noi ci battiamo il petto,
siamo pieni di vergogna e umiliati
per i peccati commessi nel passato'.

20 'Efraim è il mio figlio più caro,
il mio bambino preferito,
- dice il Signore. -
Ogni volta che ne parlo,
mi ricordo sempre di lui con affetto
perché il mio cuore si riempie di tenerezza:
certo avrò misericordia di lui!

21'Pianta dei paletti per segnarti la strada,
ricordati bene la via che hai percorso,
e ritorna, gente d'Israele,
ritorna a queste tue città.
22Per quanto tempo ancora esiterai,
gente ribelle?
Ormai io, il Signore, ho creato
una cosa completamente nuova sulla terra:
la donna circonderà l'uomo'.

Ricostruzione del popolo di Dio

23Il Signore dell'universo, Dio d'Israele, dice: 'Quando avrò fatto ritornare il mio popolo nella terra di Giuda, in tutte le sue città si dirà di nuovo: 'Il Signore ti benedica, monte santo, dove abita veramente il Signore'. 24Allora vivranno insieme gli abitanti della campagna di Giuda e quelli delle sue città, agricoltori e allevatori di greggi. 25Io concederò riposo a quelli che sono stanchi e darò il necessario a chi ne ha bisogno. 26Per questo la gente si sveglierà e dirà: 'Abbiamo dormito bene'. 27Presto renderò molto fecondi uomini e animali nelle regioni di Giuda e d'Israele. Lo dico io, il Signore. 28Fino a questo momento mi sono occupato di loro solo per sradicare, demolire, abbattere, distruggere e danneggiare. D'ora in poi mi interesserò di loro per ricostruire e piantare. 29Allora nessuno ripeterà più il proverbio: 'I genitori mangiano l'uva acerba e ai figli rimane la bocca amara'. 30Invece, soltanto chi mangerà l'uva acerba avrà la bocca amara e soltanto chi ha peccato morirà'.

La nuova alleanza

31Il Signore dice: 'Verranno giorni quando io concluderò una nuova alleanza con il popolo d'Israele e con il popolo di Giuda. 32Questa alleanza non sarà come quella che ho concluso con i loro antenati quando li ho presi per mano per farli uscire dall'Egitto. Essi hanno rotto quell'alleanza, ma io ho continuato ad essere il loro Signore. 33Questa è l'alleanza che io concluderò con il popolo d'Israele dopo quei giorni: Io metterò la mia legge dentro di loro e la scriverò nel loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. 34Nessuno dovrà più insegnare agli altri o dire al fratello: Cerca di conoscere il Signore. Perché mi conosceranno tutti, dal più piccolo fino al più grande. Io perdonerò le loro colpe e non mi ricorderò più dei loro peccati. Io, il Signore, lo prometto solennemente'.

Dio è fedele alle sue promesse

35Il Signore ha posto il sole come luce
per il giorno,
la luna e le stelle come luce per la notte;
egli sconvolge il mare con gran fragore
di onde,
il suo nome è: Signore dell'universo.
36Come sono stabili le leggi della natura
così sarà stabile la nazione
del popolo d'Israele, per sempre.
Lo ha promesso il Signore.
37Se un giorno qualcuno riuscirà
a misurare l'altezza del cielo
o ad esplorare gli abissi della terra,
solo allora il Signore rifiuterà
di considerare Israele come suo popolo
per il male che ha commesso.
È una promessa solenne del Signore.
38Il Signore dice: 'Presto Gerusalemme sarà ricostruita in mio onore, dalla torre di Cananeel fino alla porta dell'Angolo. 39La città si espanderà seguendo una linea che va fino alla collina di Gareb e poi piega verso Goa. 40Tutta la valle dove si bruciano i cadaveri e se ne disperdono le ceneri, tutti i campi lungo il torrente Cedron fino all'angolo della porta dei Cavalli a oriente, saranno consacrati a me. La città non sarà mai più sconvolta né distrutta'.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Geremia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52  
inizio pagina