B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Genesi
  > Libro: Genesi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50  

(Testo TILC)

37
1Giacobbe abitava in Canaan, là dove suo padre era vissuto come forestiero.
2 E' questa è la storia della famiglia di Giacobbe. Giuseppe aveva diciassette anni quando pascolava i greggi con i suoi fratelli, i figli di Bila e di Zilpa, concubine di suo padre. Giuseppe riferiva al padre le cattiverie che riguardavano i suoi fratelli. 3Giacobbe amava Giuseppe più di tutti gli altri suoi figli, perché era il figlio avuto nella sua vecchiaia, e gli fece fare un vestito molto bello.
4I fratelli si accorsero che il padre amava Giuseppe più di tutti loro e arrivarono a odiarlo tanto da non essere più capaci di rivolgergli serenamente la parola.
5Una volta Giuseppe fece un sogno. Quando lo raccontò ai suoi fratelli, questi lo odiarono ancora di più.
6 Fratelli, - aveva detto loro, - vi prego, ascoltate il sogno che ho fatto! 7Al tempo della mietitura noi stavamo legando covoni di grano nei campi. A un tratto il mio covone si alzò e rimase dritto in piedi, mentre tutti i vostri si misero attorno al mio e gli si inchinarono davanti.
8 Vuoi forse essere il nostro re e dominarci? - gli risposero i fratelli. E lo odiarono ancor più, sia per i suoi sogni, sia per il modo di raccontarli.
9Poi Giuseppe fece un altro sogno e raccontò anche quello ai suoi fratelli. Disse loro:
- Ho fatto un altro sogno: il sole, la luna e undici stelle si inchinavano fino a terra dinanzi a me.
10Raccontò questo sogno anche a suo padre, il quale lo rimproverò:
- Ma che vai sognando? - gli disse. - Tutti noi: io, tua madre e i tuoi fratelli dovremmo venire a inchinarci fino a terra davanti a te?
11I suoi fratelli erano gelosi di lui. Suo padre invece pensava spesso a queste cose.
La vendetta dei fratelli

12I fratelli di Giuseppe si erano recati nella contrada di Sichem per portarvi al pascolo il gregge del padre. 13Un giorno Giacobbe disse a Giuseppe:
- I tuoi fratelli stanno pascolando i greggi in Sichem. Ti devo mandare da loro.
- Va bene! - rispose Giuseppe.
14 - Va' a vedere come stanno i tuoi fratelli e i greggi, - riprese Giacobbe. - Poi vieni a dirmelo.
Così Giacobbe mandò Giuseppe dalla valle di Ebron a Sichem. Arrivò, 15e stava andando qua e là per la campagna, quando un uomo lo incontrò e gli disse:
- Che cosa cerchi?
16Cerco i miei fratelli, - egli rispose. - Stanno pascolando i greggi. Sai dirmi dove si trovano?
17 - Sono andati via di qui! - rispose quell'uomo. - Ho udito che dicevano: andiamocene dalle parti di Dotan!
Allora Giuseppe partì alla ricerca dei suoi fratelli e li trovò a Dotan.
18Essi lo videro quand'egli era ancora lontano, e prima che li avesse raggiunti complottarono per farlo morire.
19Ecco, sta arrivando il nostro sognatore! - dicevano fra loro. - 20Non perdiamo tempo! Uccidiamolo e gettiamo il suo corpo in una cisterna. Poi diremo che l'ha divorato una bestia feroce. Così vedremo a che gli servono i suoi sogni!
21Ma Ruben li aveva uditi e volle salvare Giuseppe. Perciò disse:
- Non dobbiamo ucciderlo.
22E aggiunse:
- Non commettete un assassinio! Basta gettarlo in qualche cisterna nel deserto! Non colpitelo con le vostre stesse mani.
Diceva così per poterlo salvare e riportarlo a suo padre.
23Intanto Giuseppe giunse presso i suoi fratelli. Subito essi gli tolgono quel bel vestito che portava. 24Poi lo prendono e lo gettano in una cisterna vuota e senz'acqua.

Giuseppe venduto agli Ismaeliti

25Mentre i fratelli stavano là seduti per mangiare, a un certo punto alzarono gli occhi e videro arrivare una carovana di Ismaeliti: proveniva dal Galaad e si recava in Egitto. I cammelli erano carichi di svariate merci: resina odorifera, balsamo, laudano.
26Giuda disse ai suoi fratelli: 'Che guadagno c'è a uccidere nostro fratello e a nascondere questo delitto? 27Invece di fargli del male, vendiamolo a questi Ismaeliti; dopotutto egli fa parte della nostra famiglia, è nostro fratello!'.
I suoi fratelli furono d'accordo. 28Così quando quei mercanti madianiti passarono di lì, fecero uscire Giuseppe dalla cisterna e glielo vendettero per venti pezzi d'argento. E quelli lo portarono in Egitto.
29Quando Ruben tornò alla cisterna non vi trovò più Giuseppe. Allora, disperato, si stracciò le vesti, 30tornò dai suoi fratelli e gridò: Il ragazzo non c'è più! Che cosa farò io adesso?

Giuseppe creduto morto

31Allora scannarono un capretto, presero la veste di Giuseppe e la bagnarono nel sangue. 32Poi la mandarono al loro padre con questo messaggio: 'Abbiamo trovato questa veste: osservala bene e vedi se è quella di tuo figlio'. 33Egli la riconobbe e gridò: 'E' proprio la veste di mio figlio! Una belva feroce l'avrà ucciso! Giuseppe è stato sbranato!'.
34Disperato, Giacobbe si stracciò le vesti, prese il lutto e pianse per suo figlio molti giorni. 35Gli altri figli e le figlie tentarono di consolarlo, ma egli non volle lasciarsi confortare. Diceva: 'Rimarrò in lutto finché morirò, fino a quando raggiungerò mio figlio nel mondo dei morti', e continuò a piangere.
36I Madianiti intanto, dopo aver portato Giuseppe in Egitto, lo vendettero a Potifar, l'uomo di fiducia del faraone e capo delle sue guardie.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Genesi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50  
inizio pagina