B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Genesi
  > Libro: Genesi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50  

(Testo TILC)

32
1Il mattino seguente Labano si alzò presto, baciò i suoi nipoti e le sue figlie e li benedisse. Poi se ne andò e tornò a casa sua.
Giacobbe prepara l'incontro con Esaù

2Giacobbe si mise in cammino e alcuni angeli di Dio gli andarono incontro. 3Come li vide, Giacobbe esclamò: 'Questo è l'accampamento di Dio!' e chiamò quel luogo 'Macanaim' (Due accampamenti).
4Poi Giacobbe mandò davanti a sé alcuni messaggeri a suo fratello Esaù, nella regione di Seir, la campagna di Edom. 5Diede loro quest'ordine: 'Parlerete così a mio fratello Esaù: Il tuo umile servo Giacobbe ti manda a dire: Io sono stato presso Labano come un emigrante, e vi sono rimasto fino a ora. 6Sono divenuto proprietario di buoi, di asini e di greggi, di servi e di serve. Ora ti mando questi messaggeri per farlo sapere a te, Esaù, mio signore, perché io trovi così buona accoglienza presso di te'.
7I messaggeri tornarono da Giacobbe e gli dissero: 'Siamo stati da tuo fratello Esaù. Ora anch'egli ti sta venendo incontro, e ha con sé quattrocento uomini'.
8Giacobbe ebbe paura e fu preso da grande angoscia. Allora divise in due gruppi la gente che era con lui, e divise anche le pecore, i buoi e i cammelli. 9Pensava tra sé: 'Se Esaù piomba su un gruppo e lo distrugge, l'altro potrà salvarsi'.
10Poi Giacobbe pregò: 'O Dio dei miei padri, Dio di Abramo e Dio di Isacco, o Signore! Tu mi hai detto: 'Ritorna al tuo paese, alla tua famiglia, e io farò in modo che tutto ti vada bene'. 11Io non sono degno di tutti i favori che hai fatto con grande fedeltà a me, tuo servitore. Non avevo che il mio bastone quando ho attraversato il Giordano e ora me ne ritorno con questi due gruppi. 12Salvami dalla mano di mio fratello Esaù, perché ho paura di lui. Temo che egli venga e uccida me, le donne e i bambini. 13Eppure tu mi avevi detto: 'Farò in modo che tutto vada bene per te! Renderò i tuoi discendenti numerosi come i granelli di sabbia del mare, che non si possono contare, tanti ce ne sono''.
14Per quella notte Giacobbe rimase in quel luogo. E per fare un regalo a suo fratello Esaù prese quel che gli capitò sotto mano: 15duecento capre e venti capri, duecento pecore e venti montoni, 16trenta cammelle allattanti, con i loro piccoli, quaranta mucche e dieci tori, venti asine e dieci asini. 17Affidò separatamente ogni gregge ai suoi servi e disse loro: 'Andate avanti e lasciate un intervallo fra un gregge e l'altro'.
18Poi diede quest'ordine al primo servitore: 'Quando mio fratello Esaù ti verrà incontro e ti chiederà: 'Di chi sei servo? Dove vai? E di chi è questo bestiame che spingi davanti a te?', 19tu risponderai: Io sono di Giacobbe, tuo servitore. E questo bestiame è un regalo che egli fa al mio signore Esaù. Ecco, lui stesso viene dietro di noi'.
20Diede lo stesso ordine al secondo servitore, al terzo e a tutti quelli che accompagnavano i greggi: 'Questo direte a Esaù, quando lo incontrerete. 21E inoltre gli direte: Il tuo servitore Giacobbe viene dietro a noi.
Pensava infatti: 'Io lo calmerò prima con il regalo che mi precede, poi mi presenterò a lui. Allora, forse, mi farà buona accoglienza!'. 22Perciò il bestiame destinato in regalo partì prima. Giacobbe invece passò quella notte nell'accampamento.
23-24Nel corso della notte egli si alzò, prese le due mogli, le due serve e gli undici figli e fece loro passare il guado dello Iabbok, con tutti i suoi averi.

Giacobbe lotta con un angelo

25Giacobbe rimase solo, e uno sconosciuto lottò con lui fino allo spuntar dell'alba. 26Quando costui vide che non poteva vincere Giacobbe nella lotta, lo colpì all'articolazione del femore, che si slogò, 27e disse:
- Lasciami andare perché già spunta l'alba. Giacobbe rispose:
- Non ti lascerò andare se prima non mi avrai benedetto.
28Quello chiese:
- Come ti chiami?
- Giacobbe, - egli rispose.
29L'altro disse:
- Non ti chiamerai più Giacobbe, ma Israele, perché tu hai lottato contro Dio e contro gli uomini e hai vinto.
30Giacobbe gli domandò:
- Dimmi, ti prego, qual è il tuo nome? L'altro gli rispose:
- Perché mi chiedi il mio nome? - e diede la sua benedizione a Giacobbe.
31Giacobbe disse: 'Ho veduto Dio a faccia a faccia e non sono morto!'. Perciò chiamò quel luogo 'Penuel' (A faccia a faccia con Dio).
32 Il sole stava sorgendo quando Giacobbe, zoppicando all'anca, lasciò Penuel.
33Proprio per questo fatto anche oggi gli Ebrei non mangiano il nervo sciatico che è sopra l'articolazione del femore: perché quello sconosciuto colpì Giacobbe in quel punto, all'articolazione del femore.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Genesi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50  
inizio pagina