B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Primo libro di Samuele
  > Libro: Primo libro di Samuele, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  

(Testo TILC)

30
Ziklag è incendiata dagli Amaleciti

1Davide e i suoi uomini arrivarono a Ziklag due giorni dopo. Intanto gli Amaleciti avevano fatto razzie nelle regioni meridionali e anche a Ziklag. Avevano preso la città e l'avevano incendiata. 2Non avevano ucciso nessuno, ma avevano fatto prigioniere le donne e quanti avevano trovato in città, senza distinzione. Li avevano presi e avevano continuato il loro cammino. 3Quando Davide arrivò con i suoi uomini, trovò la città bruciata e seppe che le donne erano state prese prigioniere con figli e figlie. 4Davide e il gruppo che era con lui gridarono e piansero finché ebbero fiato. 5Erano state portate via anche le due mogli di Davide: Achinoam da Izreel e Abigail che era stata la moglie di Nabal da Carmel. 6Davide venne a trovarsi in grave difficoltà. I suoi uomini, infatti, parlavano di ammazzarlo a colpi di pietra: erano tutti fuori di sé per il pensiero dei loro figli. Ma Davide ritrovò coraggio nel Signore suo Dio. 7Chiamò il sacerdote Ebiatar, figlio di Achimelech, e gli disse:
- Per favore, porta qui l'efod.
Ebiatar ubbidì 8e Davide interrogò il Signore:
- Se inseguo quella banda di razziatori, riuscirò a prenderli?
- Sì, - rispose il Signore, - riuscirai a raggiungerli e a liberare i prigionieri. 9Davide partì con seicento uomini, mentre gli altri rimasero a Ziklag. Quando giunsero al torrente di Besor, 10Davide continuò l'inseguimento con quattrocento uomini, gli altri duecento si fermarono perché erano troppo stanchi per attraversare il torrente. 11Nella campagna trovarono un Egiziano e lo condussero a Davide. Gli diedero pane, acqua, 12una schiacciata di fichi secchi e due grappoli d'uva passa. L'Egiziano mangiò e si riprese: era stato senza mangiare né bere per tre giorni e tre notti. 13Davide gli domandò:
- Di dove sei? Chi è il tuo padrone?
L'uomo rispose:
- Sono un giovane egiziano, schiavo di un Amalecita. Il mio padrone mi ha abbandonato tre giorni fa perché mi sono ammalato.
14Eravamo andati a far razzie nelle terre meridionali dei Cretei, di Giuda e di Caleb e avevamo incendiato la città di Ziklag.
15Davide gli chiese:
- Puoi condurci da quella gente?
- Sì, - rispose, - se mi giuri in nome di Dio che non mi ucciderai e non mi riconsegnerai al mio padrone.

Davide vince gli Amaleciti

16L'Egiziano condusse Davide dov'erano gli Amaleciti. Erano sparpagliati sul terreno, stavano mangiando e bevendo, facevano festa con l'enorme bottino che avevano fatto nella terra dei Filistei e di Giuda. 17Davide li attaccò dall'alba fino alla sera del giorno dopo. Tra tutti si salvarono solo quattrocento giovani che erano fuggiti in groppa ai cammelli. 18Davide liberò tutte le persone che gli Amaleciti avevano catturato, comprese le sue due mogli. 19Tutti i prigionieri furono salvi, piccoli e grandi, ragazzi e ragazze. Davide ricuperò anche tutto il bottino che gli Amaleciti avevano preso. 20S'impadronì delle pecore e dei buoi. Quelli che li conducevano davanti a lui dicevano: 'Questo è il bottino di Davide!'. 21Raggiunse i duecento uomini che aveva lasciato al torrente di Besor perché erano troppo stanchi per seguirlo. Essi vennero incontro a lui e ai suoi uomini e Davide, quando fu loro vicino, li salutò. 22Tra quelli che erano andati con Davide c'erano alcuni uomini malvagi e meschini. Essi dissero:
- Questi non sono venuti con noi: non dobbiamo dar loro niente del bottino ricuperato. Si prendano le loro mogli e i figli e se ne vadano.
23Ma Davide disse:
- Non fate così, amici, con quel che il Signore ci ha dato. Egli ci ha protetti e ha messo in nostro potere quella banda di nemici. 24Il vostro parere non è da seguire. Tanto spetta a chi va all'assalto quanto a chi resta a custodire i bagagli: a ciascuno sarà data una parte. 25Da quel giorno Davide fece diventare quest'uso una norma per gli Israeliti fino a oggi. 26Quando fu tornato a Ziklag, Davide mandò una parte del bottino anche ai capi delle località di Giuda, suoi compatrioti, con questo messaggio: 'Vi mando in dono una parte del bottino preso ai nemici del Signore'. 27-31 Il dono fu mandato agli abitanti delle seguenti località:
Betuel,
Rama nel Negheb,
Iattir,
Arad,
Sifmot,
Estemoa,
Racal,
le città degli Ieracmeeliti,
le città dei Keniti,
Corma,
Bor - Asan,
Atach,
Ebron.
Inoltre Davide mandò qualcosa a tutte le località in cui era passato con i suoi uomini.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Primo libro di Samuele, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  
inizio pagina