B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Sofonia
  > Libro: Sofonia, Cap.: 1 2 3  

(Testo CEI74)

2
Conclusione: invito alla conversione

1Radunatevi, raccoglietevi,
o gente spudorata,
2prima di essere travolti
come pula che scompare in un giorno;
prima che piombi su di voi
la collera furiosa del Signore.
3Cercate il Signore
voi tutti, umili della terra,
che eseguite i suoi ordini;
cercate la giustizia,
cercate l'umiltà,
per trovarvi al riparo
nel giorno dell'ira del Signore.

II. CONTRO LE NAZIONI
Il nemico a occidente: i Filistei

4Gaza infatti sarà desolata
e Ascalòna ridotta a un deserto.
Asdòd in pieno giorno sarà deportata
ed Ekròn distrutta dalle fondamenta.
5Guai agli abitanti della costa del mare,
alla gente dei Cretei!
La parola del Signore è contro di te,
Canaan, paese dei Filistei:
«Io ti distruggerò privandoti di ogni abitante.
6Diverrai pascoli di pastori
e recinti di greggi».
7La costa del mare
apparterrà al resto della casa di Giuda;
in quei luoghi pascoleranno e a sera
nelle case di Ascalòna prenderanno riposo,
quando il Signore loro Dio li avrà visitati
e avrà restaurato le loro sorti.

I nemici a oriente: Moab e Ammon

8«Ho udito l'insulto di Moab
e gli oltraggi degli Ammoniti,
con i quali hanno insultato il mio popolo
gloriandosi del loro territorio.
9Perciò, com'è vero ch'io vivo,
- parola del Signore degli eserciti Dio d'Israele -
Moab diventerà come Sòdoma
e gli Ammoniti come Gomorra:
un luogo invaso dai pruni, una cava di sale,
un deserto per sempre.
I rimasti del mio popolo li saccheggeranno
e i superstiti della mia gente ne saranno gli eredi».
10Questo accadrà ad essi per la loro superbia,
perchè hanno insultato, hanno disprezzato
il popolo del Signore.
11Terribile sarà il Signore con loro,
poichè annienterà tutti gli idoli della terra,
mentre a lui si prostreranno, ognuno sul proprio suolo,
i popoli di tutti i continenti.

Il nemico a sud: l'Etiopia

12«Anche voi, Etiopi,
sarete trafitti dalla mia spada».

Il nemico a nord: Assur

13Stenderà la mano anche al settentrione
e distruggerà Assur,
farà di Ninive una desolazione,
arida come il deserto.
14Alloggeranno in mezzo a lei, a branchi,
tutti gli animali della valle.
Anche il pellicano, anche il riccio
albergheranno nei suoi capitelli;
il gufo striderà sulle finestre
e il corvo sulle soglie.
15E' questa la città gaudente
che si sentiva sicura
e che pensava:
«Io e non altri all'infuori di me»?
Come mai è diventata un deserto,
un rifugio di animali?
Chiunque le passa vicino
fischia e agita la mano.

(Testo TILC)

2
Appello a tutti: malvagi e buoni

1Radunatevi, gente spudorata,
riflettete,
2prima di essere cacciati
come paglia che si disperde in un giorno,
prima che la collera ardente del Signore
piombi su di voi,
prima che arrivi quel giorno
quando il Signore sfogherà il suo furore.
3Invece voi tutti umili del paese,
che ubbidite ai comandamenti del Signore,
rivolgetevi a lui.
Cercate di fare quel che è giusto
e di essere semplici davanti a Dio.
Forse sarete risparmiati,
quando il Signore sfogherà il suo furore.

Giudizio sui popoli vicini a Israele
A ovest: i Filistei

4La città di Gaza sarà abbandonata,
Ascalon sarà distrutta.
In pieno giorno, gli abitanti di Asdod
saranno deportati,
quelli di Accaron
saranno sradicati dalla loro città.
5Guai a voi, gente venuta da Creta,
che vivete sulla costa del mare.
Il Signore pronunzia questa sentenza
contro di voi:
'Canaan, paese dei Filistei,
io ti distruggerò,
sterminerò i tuoi abitanti.
6Il tuo territorio lungo il mare
diventerà un pascolo
con recinti per il gregge,
un luogo dove passano i pastori.
7I sopravvissuti del popolo di Giuda
occuperanno il territorio,
vi faranno pascolare le loro greggi
e alla sera riposeranno
nelle case di Ascalon.
Infatti il Signore, loro Dio, sarà con loro
e cambierà la loro sorte'.

A est: i Moabiti e gli Ammoniti

8Il Signore dice:
'Ho sentito i Moabiti e gli Ammoniti
vantarsi del loro territorio,
insultare e disprezzare il mio popolo.
9Ma io, il Dio vivente,
Signore dell'universo e Dio d'Israele,
giuro che Moab e Ammon
saranno distrutte
come Sodoma e Gomorra.
Diventeranno terre desolate per sempre,
vi saranno solo piante spinose
e miniere di sale.
I sopravvissuti del mio popolo
saccheggeranno Moab e Ammon
e se ne impadroniranno'.
10Questa è la punizione
per la loro arroganza,
hanno insultato il popolo
del Signore dell'universo
trattandolo con superbia.
11Il Signore sarà terribile con loro
e farà scomparire gli idoli della terra.
Allora le nazioni, anche le più lontane,
gli renderanno culto,
ognuna nella propria terra.

A sud: gli Etiopi; a nord: gli Assiri

12Il Signore farà morire in guerra
anche gli Etiopi.

13Il Signore agirà contro la regione a nord:
distruggerà l'Assiria
e ridurrà Ninive in rovina,
in una terra desolata come il deserto.
14 Vi riposeranno le greggi
e animali di ogni specie:
il pellicano e il riccio abiteranno
tra le colonne in rovina.
Dalle finestre delle case devastate
fin dalle fondamenta,
con le travi di cedro messe a nudo,
si sentiranno stridere gli uccelli.
15Così accadrà a questa città presuntuosa
che si crede d'essere al sicuro
e superiore a ogni altra:
diventerà un luogo desolato,
un rifugio di animali.
Chiunque passerà vicino a lei,
in segno di disprezzo fischierà
e farà gesti con le mani.

(Testo CEI2008)

2

1 Radunatevi, raccoglietevi,
o gente spudorata,
2prima che esca il decreto,
prima che passi il giorno come pula,
prima che piombi su di voi
l'ira furiosa del Signore,
prima che piombi su di voi
il giorno dell'ira del Signore.
3Cercate il Signore
voi tutti, poveri della terra,
che eseguite i suoi ordini,
cercate la giustizia,
cercate l'umiltà;
forse potrete trovarvi al riparo
nel giorno dell'ira del Signore.

ORACOLI CONTRO LE NAZIONI E GERUSALEMME
Contro i Filistei

4Gaza infatti sarà abbandonata
e Àscalon ridotta a un deserto.
Asdod in pieno giorno sarà deportata
ed Ekron distrutta dalle fondamenta.
5Guai agli abitanti della costa del mare,
alla nazione dei Cretei!
La parola del Signore è contro di te,
Canaan, paese dei Filistei:
«Io ti distruggerò privandoti di ogni abitante».
6La costa del mare diventerà pascoli,
prati per i pastori, recinti per le greggi.
7La costa del mare apparterrà al resto della casa di Giuda;
in quei luoghi pascoleranno
e a sera nelle case di Àscalon prenderanno riposo,
quando il Signore, loro Dio, li avrà visitati
e avrà ristabilito le loro sorti.

Contro i Moabiti e gli Ammoniti

8«Ho udito l'insulto di Moab
e gli oltraggi degli Ammoniti,
con i quali hanno insultato il mio popolo
gloriandosi del suo territorio.
9Perciò, com'è vero che io vivo
- oracolo del Signore degli eserciti, Dio d'Israele -,
Moab diventerà come Sòdoma
e gli Ammoniti come Gomorra:
un luogo invaso dai cardi, una cava di sale,
un deserto per sempre.
I rimasti del mio popolo li saccheggeranno
e i superstiti della mia gente ne saranno gli eredi».
10Questo accadrà a loro per la loro superbia,
perché hanno insultato, hanno disprezzato
il popolo del Signore degli eserciti.
11Terribile sarà il Signore con loro,
poiché annienterà tutti gli dèi della terra,
mentre a lui si prostreranno, ognuna sul proprio suolo,
tutte le isole delle nazioni.

Contro gli etiopi e gli Assiri

12«Anche voi, Etiopi,
sarete trafitti dalla mia spada».
13Stenderà la mano anche al settentrione
e distruggerà Assur,
farà di Ninive una desolazione,
arida come il deserto.
14Si accovacceranno in mezzo ad essa, a frotte,
tutti gli animali del branco.
Anche il gufo, anche la civetta
si appollaieranno sui suoi capitelli;
ne risuonerà la voce dalle finestre
e vi sarà desolazione sulla soglia,
perché la casa di cedro è stata spogliata.
15Questa è la città gaudente,
che se ne stava sicura
e pensava: «Io e nessun altro»!
Come mai è diventata un deserto,
un rifugio di animali?
Chiunque le passa vicino
fischia di scherno e agita la mano.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Sofonia, Cap.: 1 2 3  
inizio pagina