B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

5
Ricchezza e presunzione

1Non confidare nelle tue ricchezze
e non dire: «Questo mi basta».
2Non seguire il tuo istinto e la tua forza,
assecondando le passioni del tuo cuore.
3Non dire: «Chi mi dominerà?»,
perché il Signore senza dubbio farà giustizia.
4Non dire: «Ho peccato, e che cosa mi è successo?»,
perché il Signore è paziente.
5Non esser troppo sicuro del perdono
tanto da aggiungere peccato a peccato.
6Non dire: «La sua misericordia è grande;
mi perdonerà i molti peccati»,
perché presso di lui ci sono misericordia e ira,
il suo sdegno si riverserà sui peccatori.
7Non aspettare a convertirti al Signore
e non rimandare di giorno in giorno,
poiché improvvisa scoppierà l'ira del Signore
e al tempo del castigo sarai annientato.
8Non confidare in ricchezze ingiuste,
perché non ti gioveranno nel giorno della sventura.

Fermezza e dominio di sé

9Non ventilare il grano a qualsiasi vento
e non camminare su qualsiasi sentiero.
10Sii costante nel tuo sentimento,
e unica sia la tua parola.
11Sii pronto nell'ascoltare,
lento nel proferire una risposta.
12Se conosci una cosa, rispondi al tuo prossimo;
altrimenti mettiti la mano sulla bocca.
13Nel parlare ci può essere onore o disonore;
la lingua dell'uomo è la sua rovina.
14Non meritare il titolo di calunniatore
e non tendere insidie con la lingua,
poiché la vergogna è per il ladro
e una condanna severa per l'uomo falso.
15Non far male né molto né poco,
e da amico non divenire nemico,

(Testo TILC)

5
I soldi possono ingannarti

1Non avere fiducia nelle tue ricchezze
fino a dire: 'Io basto a me stesso '.
2Non lasciarti trasportare dai tuoi istinti,
seguendo tutti i desideri del tuo cuore.
3Non dire: 'Nessuno imporrà su di me il
suo potere',
perché il Signore interverrà e farà
giustizia.
4Non dire: 'Ho peccato, eppure non mi è
capitato niente':
ciò dipende solo dal fatto che Dio è
paziente.
5Non sentirti così sicuro del perdono
da accumulare colpa su colpa.
6Non illuderti dicendo: 'La misericordia
del Signore è grande,
egli perdonerà i miei molti peccati'.
È vero, il Signore perdona, ma sa anche punire
e farà sentire al peccatore il peso della sua
collera.
7Se hai peccato, ritorna subito al Signore,
senza rimandare da un giorno all'altro,
perché l'ira del Signore s'abbatterà
d'improvviso,
e può distruggerti al momento del giudizio.
8Non contare sui guadagni disonesti
perché, quando ne avrai bisogno, non ti
serviranno più a niente.

Attento a come parli

9Non essere come il peccatore e il bugiardo
che vagliano il grano ad ogni vento
e se ne vanno per tutte le strade.
10Tu invece mostrati fermo nelle
tue convinzioni;
e quando parli non fare il doppio gioco.
11Sii pronto ad ascoltare,
ma riflessivo e calmo nel rispondere.
12Se sai come stanno le cose, rispondi;
se no, tieni la bocca chiusa.
13Il parlare infatti può procurare gloria, ma
anche disonore,
e con la lingua ci si può scavare la fossa.
14Non farti la fama di persona pettegola,
e con la tua lingua non intrappolare gli
altri.
Come c'è la vergogna per il ladro,
così c'è il disprezzo per il bugiardo.
15Guardati dal fare del male,
sia nelle grandi sia nelle piccole cose,

(Testo CEI2008)

5
Non sfidare la pazienza e la bontà di Dio

1Non confidare nelle tue ricchezze
e non dire: «Basto a me stesso».
2Non seguire il tuo istinto e la tua forza,
assecondando le passioni del tuo cuore.
3Non dire: «Chi mi dominerà?»,
perché il Signore senza dubbio farà giustizia.
4Non dire: «Ho peccato, e che cosa mi è successo?»,
perché il Signore è paziente.
5Non essere troppo sicuro del perdono
tanto da aggiungere peccato a peccato.
6Non dire: «La sua compassione è grande;
mi perdonerà i molti peccati»,
perché presso di lui c'è misericordia e ira,
e il suo sdegno si riverserà sui peccatori.
7Non aspettare a convertirti al Signore
e non rimandare di giorno in giorno,
perché improvvisa scoppierà l'ira del Signore
e al tempo del castigo sarai annientato.
8Non confidare in ricchezze ingiuste:
non ti gioveranno nel giorno della sventura.

Prudenza nel parlare

9Non ventilare il grano a ogni vento
e non camminare su qualsiasi sentiero:
così fa il peccatore che è bugiardo.
10Sii costante nelle tue convinzioni,
e una sola sia la tua parola.
11Sii pronto nell'ascoltare
e lento nel dare una risposta.
12Se conosci una cosa, rispondi al tuo prossimo;
altrimenti metti la mano sulla tua bocca.
13Nel parlare ci può essere gloria o disonore:
la lingua dell'uomo è la sua rovina.

14Non procurarti la fama di maldicente
e non tendere insidie con la lingua,
poiché la vergogna è per il ladro
e una condanna severa per l'uomo bugiardo.
15Non sbagliare, né molto né poco,



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina