B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Isaia
  > Libro: Isaia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66  

(Testo TILC)

5
Il canto della vigna

1Voglio cantare una storia:
è il canto di un amico e della sua vigna.
Il mio amico aveva una vigna
su una fertile collina.
2L'aveva vangata e ripulita dai sassi;
vi aveva piantato viti scelte,
vi aveva costruito una torretta di guardia
e scavato un pressoio per pigiare l'uva.
Sperava che facesse bei grappoli
ma la vigna produsse solo uva selvatica.
3Allora disse il mio amico:
'Abitanti di Gerusalemme e di Giuda,
fate da arbitri tra me e la mia vigna:
4potevo fare di più per la mia vigna?
Perché essa mi ha dato solo uva selvatica
e non l'uva buona che io mi aspettavo?
5Ecco quel che farò alla mia vigna:
le toglierò la siepe d'intorno,
abbatterò il muro di cinta,
la farò diventare un pascolo,
un ritrovo per animali selvatici.
6La ridurrò terreno incolto:
nessuno verrà più né a zappare né a potare,
vi cresceranno soltanto rovi e spine.
Dirò alle nuvole di non darle la pioggia'.
7Anche il Signore dell'universo ha una vigna:
Israele.
Questa piantagione da lui preferita
è il popolo di Giuda.
Dio si aspettava giustizia
vi trovò invece assassinii e violenze,
chiedeva fedeltà
udì solamente le grida degli sfruttati.

La malvagità degli uomini

8 Guai a voi,
che continuate a comprare palazzi e terreni.
Voi che non lasciate un pezzo di terra
a nessuno
e diventate così gli unici padroni del paese.
9 Ho sentito che il Signore dell'universo
ha fatto un giuramento:
'Tutte queste abitazioni
saranno distrutte,
questi palazzi grandi e belli
resteranno disabitati.
10 Una vigna di tre ettari
non produrrà nemmeno cinquanta litri
di vino;
e chi seminerà cento chili di grano
ne raccoglierà appena dieci'.

11Guai a chi comincia a bere di prima mattina
e si ubriaca fino a tarda notte.
12C'è vino e musica di arpe,
tamburi e flauti ai loro banchetti;
ma non si accorgono che il Signore agisce,
non vedono quel che il Signore fa,
e non comprendono.
13Perciò il popolo sarà deportato.
I suoi capi moriranno di fame,
la gente brucerà per la sete.
14La morte ha spalancato le sue fauci
per inghiottire i nobili e il popolo
di Gerusalemme
nel chiasso delle loro feste.
15Gli uomini orgogliosi
saranno piegati e umiliati.
16Il Signore, Dio dell'universo,
mostrerà la sua grandezza, e farà
quel che è giusto;
manifesterà la sua santità,
giudicherà il popolo.
17 Sulle città distrutte
gli agnelli mangeranno
e i capretti troveranno i loro pascoli.

18 Guai a quelli
che si trascinano nei loro peccati.
19Voi dite:
'Il Signore faccia presto
quel che ha promesso
e così lo potremo vedere.
Il Santo d'Israele si affretti
a realizzare i suoi progetti
e così li potremo conoscere'.

20 Guai a coloro
che chiamano male il bene
e bene il male,
cambiano le tenebre in luce
e la luce in tenebre,
rendono dolce l'amaro
e amaro il dolce.
21 Guai a quelli
che si illudono di essere saggi e intelligenti.

22 Guai a quelli
che bevono vino senza misura
e continuano a mescolare bevande forti.

23 Guai a quelli
che si lasciano corrompere
per assolvere un colpevole
e per far condannare l'innocente.
24Come la paglia e l'erba secca
si consumano e bruciano nel fuoco,
così le loro radici marciranno,
e i loro fiori seccheranno e voleranno
come polvere.
Essi hanno rifiutato
quel che il Signore dell'universo ha
insegnato;
hanno disprezzato le parole del Santo
d'Israele.

La collera del Signore

25 Perciò il Signore è sdegnato
con il suo popolo
e ha steso la sua mano per punirlo.
I monti hanno tremato
e i cadaveri sono rimasti nelle strade
come rifiuti.
Eppure l'ira del Signore non è ancora
finita,
egli continuerà a punire.
26 Con un segnale
il Signore chiamerà un popolo lontano.
Sarà come un fischio di richiamo:
dall'estremità della terra
quel popolo arriverà leggero e veloce.
27 Nessuno di loro è stanco,
nessuno inciampa.
Nessuno sonnecchia o dorme.
Non una cintura è sciolta
nessun legaccio dei sandali
si slaccia.
28 Le frecce sono appuntite,
e gli archi pronti a scoccare.
Gli zoccoli dei cavalli
sono duri come pietra,
e le ruote dei carri
corrono come il vento.
29I soldati ruggiscono
come un leone che afferra la preda
e la porta al sicuro,
dove nessuno gliela strappa.

30Quel giorno si riverseranno su Israele
come un mare in tempesta.
Guardate la terra:
solo oscurità, angoscia e distruzione!



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Isaia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66  
inizio pagina