B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Gioele
  > Libro: Gioele, Cap.: 1 2 3 4  

(Testo CEI74)

2
Allarme nel giorno del Signore

1Suonate la tromba in Sion
e date l'allarme sul mio santo monte!
Tremino tutti gli abitanti della regione
perchè viene il giorno del Signore,
perchè è vicino,
2giorno di tenebra e di caligine,
giorno di nube e di oscurità.
Come l'aurora, si spande sui monti
un popolo grande e forte;
come questo non ce n'è stato mai
e non ce ne sarà dopo,
per gli anni futuri di età in età.

L'invasione di cavallette

3Davanti a lui un fuoco divora
e dietro a lui brucia una fiamma.
Come il giardino dell'Eden è la terra davanti a lui
e dietro a lui è un deserto desolato,
non resta alcun avanzo.
4Il loro aspetto è aspetto di cavalli,
come destrieri essi corrono.
5Come fragore di carri
che balzano sulla cima dei monti,
come crepitìo di fiamma avvampante
che brucia la stoppia, come un popolo forte
schierato a battaglia.
6Davanti a loro tremano i popoli,
tutti i volti impallidiscono.
7Corrono come prodi,
come guerrieri che scalano le mura;
ognuno procede per la strada,
nessuno smarrisce la via.
8L'uno non incalza l'altro,
ognuno va per il suo sentiero.
Si gettano fra i dardi, ma non rompono le file.
9Piombano sulla città, si precipitano sulle mura,
salgono sulle case, entrano dalle finestre come ladri.

Visione del giorno del Signore

10Davanti a loro la terra trema,
il cielo si scuote,
il sole, la luna si oscurano
e le stelle cessano di brillare.
11Il Signore fa udire il tuono dinanzi alla sua schiera,
perchè molto grande è il suo esercito,
perchè potente è l'esecutore della sua parola,
perchè grande è il giorno del Signore
e molto terribile: chi potrà sostenerlo?

Invito alla penitenza

12«Or dunque - parola del Signore -
ritornate a me con tutto il cuore,
con digiuni, con pianti e lamenti».
13Laceratevi il cuore e non le vesti,
ritornate al Signore vostro Dio,
perchè egli è misericordioso e benigno,
tardo all'ira e ricco di benevolenza
e si impietosisce riguardo alla sventura.
14Chi sa che non cambi e si plachi
e lasci dietro a sé una benedizione?
Offerta e libazione per il Signore vostro Dio.
15Suonate la tromba in Sion,
proclamate un digiuno,
convocate un'adunanza solenne.
16Radunate il popolo, indite un'assemblea,
chiamate i vecchi,
riunite i fanciulli, i bambini lattanti;
esca lo sposo dalla sua camera
e la sposa dal suo talamo.
17Tra il vestibolo e l'altare piangano
i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano:
«Perdona, Signore, al tuo popolo
e non esporre la tua eredità al vituperio
e alla derisione delle genti».
Perchè si dovrebbe dire fra i popoli:
«Dov'è il loro Dio?».

2. RISPOSTA DEL SIGNORE

18Il Signore si mostri geloso per la sua terra
e si muova a compassione del suo popolo.

Fine del flagello e liberazione

19Il Signore ha risposto al suo popolo:
«Ecco, io vi mando il grano, il vino nuovo e l'olio
e ne avrete a sazietà;
non farò più di voi il ludibrio delle genti.
20Allontanerò da voi quello che viene dal settentrione
e lo spingerò verso una terra arida e desolata:
spingerò la sua avanguardia verso il mare d'oriente
e la sua retroguardia verso il mare occidentale.
Esalerà il suo lezzo, salirà il suo fetore,
perchè ha fatto molto male.

Visione di abbondanza

21Non temere, terra,
ma rallegrati e gioisci,
poichè cose grandi ha fatto il Signore.
22Non temete, animali della campagna,
perchè i pascoli del deserto hanno germogliato,
perchè gli alberi producono i frutti,
la vite e il fico danno il loro vigore.
23Voi, figli di Sion, rallegratevi,
gioite nel Signore vostro Dio,
perchè vi dà la pioggia in giusta misura,
per voi fa scendere l'acqua,
la pioggia d'autunno e di primavera, come in passato.
24Le aie si riempiranno di grano
e i tini traboccheranno di mosto e d'olio.
25«Vi compenserò delle annate
che hanno divorate la locusta e il bruco,
il grillo e le cavallette,
quel grande esercito
che ho mandato contro di voi.
26Mangerete in abbondanza, a sazietà,
e loderete il nome del Signore vostro Dio,
che in mezzo a voi ha fatto meraviglie.
27Voi riconoscerete che io sono in mezzo ad Israele,
e che sono io il Signore vostro Dio,
e non ce ne sono altri:
mai più vergogna per il mio popolo.

(Testo TILC)

2
Il giorno del Signore

1Suonate la tromba e date l'allarme
in Sion, il monte santo di Dio.
Trema, o popolo di Giuda:
il giorno del Signore è vicino:
sta per arrivare.
2 Sarà un giorno di tenebre e di buio,
un giorno nero e nuvoloso.
Sciami di cavallette avanzano
come quando l'oscurità
si spande sui monti.
Non si è mai visto niente di simile
e mai più si vedrà.
3Dove esse arrivano
divorano le piante come fuoco.
Davanti a loro, la terra
è come il giardino d'Eden,
ma dopo che sono passate
rimane un deserto desolato:
non lasciano nulla.
4Sembrano tanti cavalli,
passano veloci come cavalli da corsa.
5Quando saltano sulla cima dei monti
cigolano come carri da guerra.
Crepitano come stoppia
bruciata dal fuoco.
Sono come un esercito potente,
pronto alla battaglia.
6Quando si avvicinano
tutti i popoli si spaventano,
i volti impallidiscono.
7Avanzano come guerrieri,
scalano le mura come soldati.
Seguono la propria strada,
non sbagliano direzione.
8Non si intralciano tra loro,
procedono tutte affiancate.
Si gettano attraverso le frecce:
nessuno può fermarle.
9Piombano sulla città,
scalano le mura,
penetrano nelle case,
entrano dalle finestre come ladri.
10Davanti a loro la terra trema,
il cielo si scuote,
il sole e la luna si oscurano
e le stelle non brillano più.
11Il Signore dà ordini a questo suo esercito,
sono come truppe numerose e potenti,
e gli ubbidiscono.
Grande e terribile è il giorno del Signore!
Chi potrà mai sopravvivere?

Invito a tornare al Signore

12'Perciò, - dice il Signore, -
tornate sinceramente a me
con digiuni, pianti e lamenti.
13Non basta strapparsi le vesti,
bisogna cambiare il cuore!'.
Tornate al Signore, vostro Dio.
Egli è buono e misericordioso,
è paziente e mantiene sempre
le sue promesse.
È pronto a perdonare
piuttosto che a punire.
14Forse il Signore vostro Dio
muterà pensiero
e vi benedirà con abbondanti raccolti.
Allora potrete offrirgli grano e vino.

Il solenne digiuno

15Suonate la tromba sul monte Sion,
proclamate un solenne digiuno,
convocate un'assemblea.
16Radunate il popolo,
preparate una riunione sacra.
Chiamate gli anziani e i giovani,
portate anche i lattanti.
Anche i giovani appena sposati
devono lasciare il loro letto e venire.
17I sacerdoti che servono il Signore,
piangano nel tempio tra I'altare
e il santuario
e rivolgano la loro supplica a Dio:
'Signore, pietà del tuo popolo.
Noi apparteniamo a te.
Non permettere che le altre nazioni
ridano di noi e dicano:
'Dov'è il vostro Dio?''.

Il Signore risponde al suo popolo

18Il Signore si prende cura della sua terra,
ha compassione del suo popolo
19e gli risponde:
'Vi manderò il grano, il vino e l'olio
e ne avrete a sazietà.
Le altre nazioni
non vi disprezzeranno più.
20Scaccerò gli sciami di cavallette
venuti dal nord:
andranno a morire nel deserto,
i primi verso il mar Morto,
gli ultimi verso il Mediterraneo.
Dovunque si sentirà il loro fetore.
Vi hanno arrecato gran danno,
21ma il Signore
vi ripagherà abbondantemente.
Perciò, terra di Giuda
non temere, rallegrati e gioisci.
22 Anche voi, animali, non temete,
perché i pascoli sono verdi,
gli alberi tornano a dare frutti,
ne sono carichi i fichi e le viti.
23Gente di Sion, rallegratevi e gioite:
Il Signore vostro Dio ha fatto buone cose
per voi;
in autunno e in primavera
vi ha dato la pioggia necessaria
come in passato.
24Le aie di nuovo si riempiranno di grano,
i tini traboccheranno di vino e d'olio.
25Vi risarcirò i danni
per i raccolti divorati dalle cavallette
che io ho mandato contro di voi.
26Avrete molto cibo, sarete saziati
e loderete il mio nome.
Sono io, il Signore vostro Dio,
che ho fatto meraviglie per voi:
il mio popolo non sarà mai umiliato.
27 Allora, Israeliti, saprete che io sono in
mezzo a voi.
Sono io, il Signore vostro Dio, non ce n'è
un altro.
Il mio popolo non sarà mai più umiliato.

(Testo CEI2008)

2
Il giorno del Signore

1 Suonate il corno in Sion
e date l'allarme sul mio santo monte!
Tremino tutti gli abitanti della regione
perché viene il giorno del Signore,
perché è vicino,
2giorno di tenebra e di oscurità,
giorno di nube e di caligine.
Come l'aurora,
un popolo grande e forte
si spande sui monti:
come questo non ce n'è stato mai
e non ce ne sarà dopo,
per gli anni futuri, di età in età.
3Davanti a lui un fuoco divora
e dietro a lui brucia una fiamma.
Come il giardino dell'Eden
è la terra davanti a lui
e dietro a lui è un deserto desolato,
niente si salva davanti a lui.
4Il suo aspetto è quello di cavalli,
anzi come destrieri che corrono;
5come fragore di carri
che balzano sulla cima dei monti,
come crepitìo di fiamma avvampante
che brucia la stoppia,
come un popolo forte
schierato a battaglia.
6Davanti a lui tremano i popoli,
tutti i volti impallidiscono.
7Corrono come prodi,
come guerrieri che scalano le mura;
ognuno procede per la propria strada,
e non perde la sua direzione.
8Nessuno intralcia l'altro,
ognuno va per la propria via.
Si gettano fra i dardi,
ma non rompono le file.
9Piombano sulla città,
si precipitano sulle mura,
salgono sulle case,
entrano dalle finestre come ladri.
10Davanti a lui la terra trema,
il cielo si scuote,
il sole, la luna si oscurano
e le stelle cessano di brillare.
11Il Signore fa udire la sua voce
dinanzi alla sua schiera:
molto grande è il suo esercito,
potente nell'eseguire i suoi ordini!
Grande è il giorno del Signore,
davvero terribile: chi potrà sostenerlo?

Invito alla conversione e liturgia penitenziale

12«Or dunque - oracolo del Signore -,
ritornate a me con tutto il cuore,
con digiuni, con pianti e lamenti.
13Laceratevi il cuore e non le vesti,
ritornate al Signore, vostro Dio,
perché egli è misericordioso e pietoso,
lento all'ira, di grande amore,
pronto a ravvedersi riguardo al male».
14Chi sa che non cambi e si ravveda
e lasci dietro a sé una benedizione?
Offerta e libagione per il Signore, vostro Dio.
15Suonate il corno in Sion,
proclamate un solenne digiuno,
convocate una riunione sacra.
16Radunate il popolo,
indite un'assemblea solenne,
chiamate i vecchi,
riunite i fanciulli, i bambini lattanti;
esca lo sposo dalla sua camera
e la sposa dal suo talamo.
17Tra il vestibolo e l'altare piangano
i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano:
«Perdona, Signore, al tuo popolo
e non esporre la tua eredità al ludibrio
e alla derisione delle genti».
Perché si dovrebbe dire fra i popoli:
«Dov'è il loro Dio?».

Promessa di salvezza

18Il Signore si mostra geloso per la sua terra
e si muove a compassione del suo popolo.
19Il Signore ha risposto al suo popolo:
«Ecco, io vi mando il grano, il vino nuovo e l'olio
e ne avrete a sazietà;
non farò più di voi il ludibrio delle genti.
20Allontanerò da voi quello che viene dal settentrione
e lo spingerò verso una terra arida e desolata:
spingerò la sua avanguardia verso il mare orientale
e la sua retroguardia verso il mare occidentale.
Esalerà il suo lezzo, salirà il suo fetore,
perché ha fatto cose grandi.
21Non temere, terra,
ma rallégrati e gioisci,
poiché cose grandi ha fatto il Signore.
22Non temete, animali selvatici,
perché i pascoli della steppa hanno germogliato,
perché gli alberi producono i frutti,
la vite e il fico danno le loro ricchezze.
23Voi, figli di Sion, rallegratevi,
gioite nel Signore, vostro Dio,
perché vi dà la pioggia in giusta misura,
per voi fa scendere l'acqua,
la pioggia d'autunno e di primavera,
come in passato.
24Le aie si riempiranno di grano
e i tini traboccheranno di vino nuovo e di olio.
25Vi compenserò delle annate
divorate dalla locusta e dal bruco,
dal grillo e dalla cavalletta,
da quel grande esercito
che ho mandato contro di voi.
26Mangerete in abbondanza, a sazietà,
e loderete il nome del Signore, vostro Dio,
che in mezzo a voi ha fatto meraviglie:
mai più vergogna per il mio popolo.
27Allora voi riconoscerete che io sono in mezzo a Israele,
e che io sono il Signore, vostro Dio,
e non ce ne sono altri:
mai più vergogna per il mio popolo».



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Gioele, Cap.: 1 2 3 4  
inizio pagina