B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Giudici
  > Libro: Giudici, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21  

(Testo TILC)

19
Il delitto degli abitanti di Gabaa

1Ai tempi in cui il popolo d'Israele non aveva ancora un re, c'era un levita che abitava al centro della zona montagnosa di Efraim. Si era preso una concubina della città di Betlemme in Giudea. 2Un giorno, in un impulso d'ira contro di lui, la concubina lo lasciò; tornò da suo padre a Betlemme e restò là per quattro mesi. 3Allora il levita decise di raggiungerla, per convincerla a tornare da lui. Prese con sé il suo servo e due asini. La ragazza lo fece entrare in casa e suo padre, appena lo vide, lo accolse con cordialità. 4Il padre della ragazza lo invitò con insistenza a fermarsi, e così restò da lui per tre giorni: mangiarono, bevvero e si riposarono. 5AI mattino del quarto giorno si alzarono e si prepararono a partire. Ma il padre della ragazza disse al levita:
- Prima mangia qualcosa. Ti farà bene. Partirai dopo.
6Così i due si sedettero, mangiarono e bevvero insieme. Poi, il padre della ragazza disse al levita:
- Ti prego, passa ancora la notte qui, e riposa tranquillo.
7Il levita era deciso a partire, ma il padre della ragazza continuò a insistere, e così passò ancora la notte da lui.
8Al mattino del quinto giorno si alzò presto per partire, ma il padre della ragazza gli disse: - Prendi qualcosa e rimandate la partenza a stasera.
Mangiarono tutti e due insieme, 9poi il levita, la concubina e il suo servo si prepararono per la partenza. Il padre tornò a dire:
- Guardate: ormai è sera; potreste passare la notte qui. Presto sarà buio; restate qui, vi riposerete; vi metterete in viaggio domattina presto e tornerete a casa. 10Ma il levita non volle più fermarsi. Si alzò, caricò i due asini e si mise in cammino con la concubina. Arrivò in vista di Iebus, cioè Gerusalemme. 11Quando furono vicini a Iebus, il giorno si avviava ormai al tramonto. Il servo disse al levita:
- Prendiamo la strada per Iebus. Passeremo la notte nella città dei Gebusei.
12Ma il suo padrone gli rispose:
- No, non faremo tappa qui: è una città straniera, la gente che vi abita non è Israelita. Andiamo ancora avanti per la strada verso Gabaa. 13Faremo ancora un pezzo di strada e troveremo qualche altro posto. Passeremo la notte a Gabaa o a Rama. 14Così proseguirono il viaggio. Arrivarono vicino a Gabaa, città che apparteneva alla tribù di Beniamino, proprio al tramonto. 15Andarono là per passare la notte. Entrarono e si fermarono sulla piazza, ma nessuno offrì ad essi ospitalità. 16Nel frattempo arrivò un vecchio, che tornava a casa al termine della giornata di lavoro nei campi. Egli era forestiero. Viveva a Gabaa, dove tutti erano della tribù di Beniamino, lui invece era originario della zona montagnosa della tribù di Efraim. 17Il vecchio notò quel viandante sulla piazza della città e gli domandò:
- Da dove vieni? e dove stai andando?
18Egli rispose:
- Veniamo da Betlemme di Giudea e dobbiamo andare fino al centro della zona montuosa di Efraim: io sono di quelle parti. Sono stato a Betlemme in Giudea e ora sto tornando al santuario del Signore. Ma nessuno vuole ospitarci in casa sua. 19Eppure abbiamo paglia e fieno per gli asini, pane e vino per me, la mia concubina e il mio servo. Non abbiamo quindi bisogno di nient'altro.
20Il vecchio disse:
- Voi siete i benvenuti in casa mia. Io penserò a tutto ciò che vi occorre, e così non dovrete passare la notte in piazza.
21Li portò in casa sua e diede del fieno agli asini. Gli ospiti si lavarono i piedi e poi mangiarono e bevvero.
22Mentre si godevano il riposo, all'improvviso una banda di pervertiti di quella città circondò la casa. Bussarono ripetutamente alla porta e gridarono al vecchio padrone di casa: - Fa' venir fuori l'uomo che è da te. Vogliamo un po' conoscerlo come piace a noi.
23Il padrone di casa uscì e disse:
- No, amici! Non toccate quell'uomo. È mio ospite. È una vergogna una cosa simile. 24In casa ci sono la sua concubina e mia figlia, che è ancora vergine. Io le farò venir fuori. Sfogatevi con loro e fate quel che volete. Ma non fate un oltraggio simile al mio ospite. 25Ma quegli uomini non gli diedero retta. Il levita allora prese la concubina e la portò fuori. Essi l'afferrarono e la violentarono per tutta la notte: la lasciarono andare solo quando spuntò l'alba. 26Essa si mosse per entrare, ma crollò vicino alla porta della casa del vecchio, presso il quale era ospite il levita, e rimase lì finché fu giorno chiaro. 27Al mattino presto il levita si alzò, aprì la porta e uscì per riprendere il viaggio. Trovò la concubina stesa a terra davanti alla porta della casa, con le mani verso la soglia. 28Le disse:
- Alzati che partiamo!
Ma non ebbe nessuna risposta. Allora la sollevò, l'adagiò, morta, su un asino; poi partì e tornò a casa. 29Quando arrivò a casa, prese un coltello e tagliò il corpo della concubina in dodici pezzi e ne mandò un pezzo a ciascuna tribù d'Israele. 30Ordinò ai messaggeri di dire a tutti gli Israeliti: 'Riflettete su questi fatti, consultatevi e prendete una decisione'. Tutti quelli che videro i resti della donna, dicevano: 'Non è mai capitato e non si è mai vista una cosa simile, dal giorno in cui gli Israeliti sono usciti dall'Egitto fino ad oggi!'.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Giudici, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21  
inizio pagina