B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Giobbe
  > Libro: Giobbe, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42  

(Testo CEI74)

5
1Chiama, dunque! Ti risponderà forse qualcuno?
E a chi fra i santi ti rivolgerai?
2Poiché allo stolto dà morte lo sdegno
e la collera fa morire lo sciocco.
3Io ho visto lo stolto metter radici,
ma imputridire la sua dimora all'istante.
4I suoi figli sono lungi dal prosperare,
sono oppressi alla porta, senza difensore;
5l'affamato ne divora la messe
e gente assetata ne succhia gli averi.
6Non esce certo dalla polvere la sventura
né germoglia dalla terra il dolore,
7ma è l'uomo che genera pene,
come le scintille volano in alto.
8Io, invece, mi rivolgerei a Dio
e a Dio esporrei la mia causa:
9a lui, che fa cose grandi e incomprensibili,
meraviglie senza numero,
10che dà la pioggia alla terra
e manda le acque sulle campagne.
11Colloca gli umili in alto
e gli afflitti solleva a prosperità;
12rende vani i pensieri degli scaltri
e le loro mani non ne compiono i disegni;
13coglie di sorpresa i saggi nella loro astuzia
e manda in rovina il consiglio degli scaltri.
14Di giorno incappano nel buio
e brancolano in pieno sole come di notte,
15mentre egli salva dalla loro spada l'oppresso,
e il meschino dalla mano del prepotente.
16C'è speranza per il misero
e l'ingiustizia chiude la bocca.
17Felice l'uomo, che è corretto da Dio:
perciò tu non sdegnare la correzione
dell'Onnipotente,
18perché egli fa la piaga e la fascia,
ferisce e la sua mano risana.
19Da sei tribolazioni ti libererà
e alla settima non ti toccherà il male;
20nella carestia ti scamperà dalla morte
e in guerra dal colpo della spada;
21sarai al riparo dal flagello della lingua,
né temerai quando giunge la rovina.
22Della rovina e della fame ti riderai
né temerai le bestie selvatiche;
23con le pietre del campo avrai un patto
e le bestie selvatiche saranno in pace con te.
24Conoscerai la prosperità della tua tenda,
visiterai la tua proprietà e non sarai deluso.
25Vedrai, numerosa, la prole,
i tuoi rampolli come l'erba dei prati.
26Te ne andrai alla tomba in piena maturità,
come si ammucchia il grano a suo tempo.
27Ecco, questo abbiamo osservato: è così.
Ascoltalo e sappilo per tuo bene.

(Testo TILC)

5
Gli stolti vanno in rovina

1'Grida pure, Giobbe! Chi ti risponderà?
a quale creatura celeste vuoi rivolgerti?
2 Sappi che la collera ammazza l'uomo
insensato,
il risentimento uccide lo sciocco.
3 Ho visto gli stolti mettere radici,
ma presto la loro dimora è andata
distrutta
4i loro figli si sono trovati privi di sicurezza,
senza difesa in tribunale.
5 Gli affamati divorano tutti i loro raccolti,
le siepi di spine non li fermano;
gli assetati succhiano tutte le loro ricchezze.

6Si sa che la sofferenza e i guai
non spuntano dalla terra come l'erba;
è dall'uomo che viene il male,
come dal fuoco sprizzano faville.

Dio punisce e salva

8'Io però mi rivolgerei a Dio,
a lui presenterei il mio caso.
9Dio fa cose grandi e misteriose,
cose stupende, senza numero:
10fa cadere la pioggia sulla terra,
manda l'acqua per irrigare i campi.
11Innalza gli umili,
rallegra quelli che sono a lutto.
12Distrugge i piani dei furbi,
impedisce loro di avere successo.
13Dio prende in trappola i sapienti con la loro
stessa astuzia,
annienta i progetti dei perversi.
14Questi brancolano al buio;
di giorno camminano a tentoni come fosse
notte.
15Dio però salva il povero dalle loro
calunnie e dall'oppressione,
16dà speranza agli indifesi
e tappa la bocca ai malvagi.

Dio corregge e benedice

17'Beato chi è corretto da Dio!
Non disprezzare la correzione
dell'Onnipotente,
18perché egli colpisce, ma fascia la ferita,
risana la piaga che provoca.
19Egli ti verrà sempre in aiuto,
ti salverà da ogni male:
20ti scamperà dalla morte in tempo di carestia
e dalla spada durante la guerra;
21 ti metterà al sicuro dalle calunnie,
e per il futuro non dovrai temere rovina,
22non avrai paura della fame
né della violenza;
non ti metteranno spavento
le belve selvagge.
23Le pietre dei campi non ti saranno
di ostacolo
e gli animali selvatici ti saranno amici.
24Conoscerai pace e abbondanza,
nella tua casa,
ti guarderai attorno
e non ti mancherà nulla.
25I tuoi discendenti saranno moltissimi,
numerosi come i fili d'erba dei campi.
26Tu chiuderai gli occhi vecchio
e nel pieno vigore,
sarai come grano maturo al tempo della raccolta.
27Giobbe, tutto ciò è l'esperienza
che ce lo insegna,
ascoltalo e ricordalo per il tuo bene'.

GlOBBE

(Testo CEI2008)

5
Lorigine del male

1 Grida pure! Ti risponderà forse qualcuno?
E a chi fra i santi ti rivolgerai?
2Poiché la collera uccide lo stolto
e l'invidia fa morire lo sciocco.
3Ho visto lo stolto mettere radici
e subito ho dichiarato maledetta la sua dimora.
4I suoi figli non sono mai al sicuro,
e in tribunale sono oppressi, senza difensore;
5l'affamato ne divora la messe,
anche se ridotta a spine, la porterà via
e gente assetata agognerà le sue sostanze.
6Non esce certo dal suolo la sventura
né germoglia dalla terra il dolore,
7ma è l'uomo che genera pene,
come le scintille volano in alto.

Invocazione a Dio

8Io, invece, mi rivolgerei a Dio
e a Dio esporrei la mia causa:
9a lui, che fa cose tanto grandi da non potersi indagare,
meraviglie da non potersi contare,
10che dà la pioggia alla terra
e manda l'acqua sulle campagne.
11Egli esalta gli umili
e solleva a prosperità gli afflitti;
12è lui che rende vani i pensieri degli scaltri,
perché le loro mani non abbiano successo.
13Egli sorprende i saccenti nella loro astuzia
e fa crollare il progetto degli scaltri.
14Di giorno incappano nel buio,
in pieno sole brancolano come di notte.
15Egli invece salva il povero dalla spada della loro bocca
e dalla mano del violento.
16C'è speranza per il misero,
ma chi fa l'ingiustizia deve chiudere la bocca.
17Perciò, beato l'uomo che è corretto da Dio:
non sdegnare la correzione dell'Onnipotente,
18perché egli ferisce e fascia la piaga,
colpisce e la sua mano risana.
19Da sei tribolazioni ti libererà
e alla settima il male non ti toccherà;
20nella carestia ti libererà dalla morte
e in guerra dal colpo della spada,
21sarai al riparo dal flagello della lingua,
né temerai quando giunge la rovina.
22Della rovina e della fame riderai
né temerai le bestie selvatiche;
23con le pietre del campo avrai un patto
e le bestie selvatiche saranno in pace con te.
24Vedrai che sarà prospera la tua tenda,
visiterai la tua proprietà e non sarai deluso.
25Vedrai che sarà numerosa la tua prole,
i tuoi rampolli come l'erba dei prati.
26Te ne andrai alla tomba in piena maturità,
come un covone raccolto a suo tempo.
27Ecco, questo l'abbiamo studiato a fondo, ed è vero.
Ascoltalo e imparalo per il tuo bene».



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Giobbe, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42  
inizio pagina