B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Giobbe
  > Libro: Giobbe, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42  

(Testo CEI74)

18
La collera non può nulla contro la giustizia

1Bildad il Suchita prese a dire:

2Quando porrai fine alle tue chiacchiere?
Rifletti bene e poi parleremo.
3Perché considerarci come bestie,
ci fai passare per bruti ai tuoi occhi?
4Tu che ti rodi l'anima nel tuo furore,
forse per causa tua sarà abbandonata la terra
e le rupi si staccheranno dal loro posto?
5Certamente la luce del malvagio si spegnerà
e più non brillerà la fiamma del suo focolare.
6La luce si offuscherà nella sua tenda
e la lucerna si estinguerà sopra di lui.
7Il suo energico passo s'accorcerà
e i suoi progetti lo faran precipitare,
8poiché incapperà in una rete con i suoi piedi
e sopra un tranello camminerà.
9Un laccio l'afferrerà per il calcagno,
un nodo scorsoio lo stringerà.
10Gli è nascosta per terra una fune
e gli è tesa una trappola sul sentiero.
11Lo spaventano da tutte le parti terrori
e lo inseguono alle calcagna.
12Diventerà carestia la sua opulenza
e la rovina è lì in piedi al suo fianco.
13Un malanno divorerà la sua pelle,
roderà le sue membra il primogenito della morte.
14Sarà tolto dalla tenda in cui fidava,
per essere trascinato al re dei terrori!
15Potresti abitare nella tenda che non è più sua;
sulla sua dimora si spargerà zolfo.
16Al di sotto, le sue radici si seccheranno,
sopra, saranno tagliati i suoi rami.
17Il suo ricordo sparirà dalla terra
e il suo nome più non si udrà per la contrada.
18Lo getteranno dalla luce nel buio
e dal mondo lo stermineranno.
19Non famiglia, non discendenza avrà nel suo popolo,
non superstiti nei luoghi della sua dimora.
20Della sua fine stupirà l'occidente
e l'oriente ne prenderà orrore.
21Ecco qual è la sorte dell'iniquo:
questa è la dimora di chi misconosce Dio.

(Testo TILC)

18

1Bildad di Suca disse:

BlLDAD

Giobbe fa male a se stesso

2'Giobbe, fino a quando continuerai
con queste chiacchiere?
Se vorrai ascoltarci, noi parleremo.
3Perché ci tratti da animali?
Ci consideri forse degli stupidi ?
4Giobbe, con la tua collera
fai male a te stesso.
Vuoi che per farti piacere
la terra si spopoli
si spostino montagne?

Pericoli mortali colpiscono il malvagio

5'La luce del malvagio si spegnerà.
Il suo fuoco non brillerà più.
6 Nella sua tenda non ci sarà più luce,
la sua lampada non sarà accesa.
7Camminava con passo veloce,
ma ora trascina i piedi,
cade a causa delle proprie azioni.
8Va a finire in una rete,
i suoi piedi si impigliano.
9Resta preso nella trappola,
rimane catturato.
10Per il malvagio il terreno
nasconde un'insidia,
un inciampo lungo il suo cammino.
11Il terrore lo circonda,
lo perseguita a ogni passo.
12Lui, così forte, ora è debole per la fame;
disgrazie gli piombano addosso.
13Una malattia mortale gli mangia la pelle,
divora tutte le sue membra.
14Viene strappato dalla sicurezza
della sua tenda,
e viene trascinato alla presenza
del re della morte
15Chiunque potrà abitare la sua tenda,
dopo averla disinfettata con zolfo.
16 Le sue radici seccheranno,
i suoi rami saranno tagliati.
17Il suo nome scomparirà
dalla faccia della terra;
nessuno al mondo lo ricorderà.
18Sarà cacciato via dal mondo,
passerà dalla luce alle tenebre.
19Non ha né famiglia né figli;
nessun discendente abiterà la sua casa.
20Alla notizia della sua fine,
tutti, da levante a ponente,
tremeranno di paura.
21Questa è la sorte dei malvagi,
di quelli che non conoscono Dio'.

(Testo CEI2008)

18
SECONDO DISCORSO DI BILDAD

1 Bildad di Suach prese a dire:

Bildad paragona la sorte di Giobbe a quella del malvagio

2«Quando porrai fine alle tue chiacchiere?
Rifletti bene e poi parleremo.
3Perché ci consideri come bestie,
ci fai passare per idioti ai tuoi occhi?
4Tu che ti rodi l'anima nel tuo furore,
forse per causa tua sarà abbandonata la terra
e le rupi si staccheranno dal loro posto?
5Certamente la luce del malvagio si spegnerà
e più non brillerà la fiamma del suo focolare.
6La luce si offuscherà nella sua tenda
e la lucerna si estinguerà sopra di lui.
7Il suo energico passo si accorcerà
e i suoi progetti lo faranno precipitare,
8perché con i suoi piedi incapperà in una rete
e tra le maglie camminerà.
9Un laccio l'afferrerà per il calcagno,
un nodo scorsoio lo stringerà.
10Gli è nascosta per terra una fune
e gli è tesa una trappola sul sentiero.
11Terrori lo spaventano da tutte le parti
e gli stanno alle calcagna.
12Diventerà carestia la sua opulenza
e la rovina è ritta al suo fianco.
13Un malanno divorerà la sua pelle,
il primogenito della morte roderà le sue membra.
14Sarà tolto dalla tenda in cui fidava,
per essere trascinato davanti al re dei terrori!
15Potresti abitare nella tenda che non è più sua;
sulla sua dimora si spargerà zolfo.
16Al di sotto, le sue radici si seccheranno,
sopra, appassiranno i suoi rami.
17Il suo ricordo sparirà dalla terra
e il suo nome più non si udrà per la contrada.
18Lo getteranno dalla luce nel buio
e dal mondo lo stermineranno.
19Non famiglia, non discendenza avrà nel suo popolo,
non superstiti nei luoghi della sua residenza.
20Della sua fine stupirà l'occidente
e l'oriente ne avrà orrore.
21Ecco qual è la sorte dell'iniquo:
questa è la dimora di chi non riconosce Dio».



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Giobbe, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42  
inizio pagina