B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Apocalisse di Giovanni
  > Libro: Apocalisse di Giovanni, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22  

(Testo TILC)

18
La caduta di Babilonia

1Dopo queste spiegazioni vidi scendere dal cielo un altro angelo che aveva grandi poteri, e il suo splendore illuminò tutta la terra. 2L'angelo gridò con voce potente:
'È caduta!
La grande Babilonia è caduta!
È diventata dimora di demòni,
rifugio di tutti gli spiriti immondi,
rifugio di ogni uccello impuro e ripugnante.
3Tutte le nazioni hanno bevuto il vino della sua sfrenata prostituzione,
i re della terra si sono prostituiti con lei,
e i mercanti si sono arricchiti con la sua ricchezza favolosa'.
4Poi intesi un'altra voce che proveniva dal cielo:
'Uscite da Babilonia, popolo mio,
per non diventare complici dei suoi peccati;
fuggite,
per non subire insieme con lei il castigo che la colpisce.
5I suoi peccati si sono accumulati fino al cielo,
Dio ha tenuto conto della sua condotta perversa.
6Trattatela come ha trattato gli altri,
rendetele il doppio del male che ha fatto,
versatele doppia razione
nella coppa che ha fatto bere agli altri.
7Fatele soffrire dolore e tormenti
nella misura in cui si procurò splendore e piacere.
Essa diceva fra sé e sé:
Sono una regina in trono,
non una povera vedova,
il lutto non mi toccherà.
8'Ecco perché in un giorno solo si abbatteranno di colpo su di lei tutti i castighi: malattia mortale, lutto, carestia, e sarà consumata dal fuoco. Potente è Dio che l'ha condannata.
9I re della terra, che vissero con lei una vita di lusso e di prostituzione, piangeranno per lei e si lamenteranno quando vedranno il fumo della città incendiata. 10Spaventati dai suoi tormenti resteranno a rispettosa distanza, e diranno:
'Povera e sventurata sei tu, Babilonia,
grande e potente città!
In un attimo la tua condanna ti ha raggiunta'.
11'I mercanti della terra piangeranno e si lamenteranno per causa sua, perché nessuno comprerà più le loro merci: 12oro, argento, pietre preziose, perle, tessuti raffinati, porpora, seta, scarlatto, profumi, oggetti di avorio e di legno pregiato, di bronzo, di ferro e di marmo, 13cannella, spezie, aromi, olio profumato, vino e olio, farina e frumento, bovini e ovini, cavalli e carrozze, e persino esseri umani venduti come schiavi.
14'I prodotti che ti piacevano tanto
non sono più a tua disposizione;
splendore e lusso sono finiti per te;
non li ritroverai mai più!'.
15'I mercanti diventati ricchi, trafficando con Babilonia, se ne staranno lontano, atterriti dalle sue sofferenze; piangeranno e si lamenteranno, 16dicendo:
'Povera e sventurata sei tu,
Babilonia, la grande città:
vestita di tessuti preziosi,
di porpora e di scarlatto,
ornata di gioielli d'oro,
di perle e pietre preziose.
17In un attimo è svanita la tua grande ricchezza'.
'Capitani e marinai, naviganti e chiunque altro lavora sul mare, staranno anche loro ben lontani, 18guarderanno il fumo della città incendiata, e diranno: 'Non c'è mai stata una città grande come questa'. 19Si spargeranno di polvere il capo, piangeranno e si lamenteranno:
'Povera e sventurata sei tu,
Babilonia, la grande città:
tutti quelli che avevano navi in mare
si sono arricchiti grazie alla tua ricchezza.
E adesso, in un attimo, sei diventata un deserto.
20Esulta per la sua rovina, o cielo!
Esultate, voi tutti che appartenete al Signore,
esultate, apostoli e profeti di Dio,
perché Dio l'ha punita
e così vi ha reso giustizia''.
21Allora un angelo vigoroso prese una pietra grande come una macina da mulino e la scagliò in mare, dicendo:
'Così sarà precipitata Babilonia,
la grande città;
nessuno la vedrà più.
22In te non si sentirà più suonare l'arpa né cantare,
non si vedranno più né flauti né trombe.
Non ci sarà più nessun artigiano,
non si sentirà più il rumore del mulino,
23non si vedrà più la luce delle lampade,
non si udrà più voce di sposo o di sposa.
I tuoi mercanti erano i padroni del mondo,
e con le tue stregonerie hai ingannato tutte le nazioni.
24In Babilonia c'è il sangue dei profeti e dei santi,
di tutti quelli che sono stati ammazzati sulla terra'.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Apocalisse di Giovanni, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22  
inizio pagina