B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Abacuc
  > Libro: Abacuc, Cap.: 1 2 3  

(Testo CEI74)

1
Secondo lamento del profeta: le esazioni dell'oppressore

12Non sei tu fin da principio, Signore,
il mio Dio, il mio Santo?
Noi non moriremo, Signore.
Tu lo hai scelto per far giustizia,
l'hai reso forte, o Roccia, per castigare.
13Tu dagli occhi così puri
che non puoi vedere il male
e non puoi guardare l'iniquità,
perchè, vedendo i malvagi, taci
mentre l'empio ingoia il giusto?
14Tu tratti gli uomini come pesci del mare,
come un verme che non ha padrone.
15Egli li prende tutti all'amo,
li tira su con il giacchio,
li raccoglie nella rete,
e contento ne gode.
16Perciò offre sacrifici alla sua rete
e brucia incenso al suo giacchio,
perchè fanno grassa la sua parte
e succulente le sue vivande.
17Continuerà dunque a vuotare il giacchio
e a massacrare le genti senza pietà?

(Testo TILC)

1
Il profeta supplica il Signore

12 Signore, tu sei da sempre
il mio Dio:
il Dio santo e immortale.
Signore, mia roccia,
tu hai scelto i Babilonesi e li hai resi forti
per eseguire la tua sentenza contro di noi.
13I tuoi occhi sono troppo puri
per sopportare la vista del male,
non puoi tollerare l'oppressione.
Perché allora guardi l'opera dei malvagi
e non dici niente?
Come mai taci mentre i malvagi
distruggono uomini
che sono più giusti di loro?
14Tu tratti gli uomini
come i pesci e i rettili
che non hanno un padrone.
15I Babilonesi catturano la gente
come pesci presi all'amo,
la raccolgono nelle loro reti
e ne hanno una gioia immensa.
16Offrono sacrifici alle reti,
bruciano profumi in loro onore,
perché con esse si procurano
un cibo abbondante e saporito.
17Forse per questo
tirano sempre fuori la spada,
e massacrano senza pietà i popoli?

(Testo CEI2008)

1
Secondo lamento: Dio governa gli uomini in modo iniquo?

12Non sei tu fin da principio, Signore,
il mio Dio, il mio Santo?
Noi non moriremo!
Signore, tu lo hai scelto per far giustizia,
l'hai reso forte, o Roccia, per punire.
13Tu dagli occhi così puri
che non puoi vedere il male
e non puoi guardare l'oppressione,
perché, vedendo i perfidi, taci,
mentre il malvagio ingoia chi è più giusto di lui?
14Tu tratti gli uomini come pesci del mare,
come animali che strisciano e non hanno padrone.
15Egli li prende tutti all'amo,
li pesca a strascico,
li raccoglie nella rete,
e contento ne gode.
16Perciò offre sacrifici alle sue sciàbiche
e brucia incenso alle sue reti,
perché, grazie a loro, la sua parte è abbondante
e il suo cibo succulento.
17Continuerà dunque a sguainare la spada
e a massacrare le nazioni senza pietà?

(Testo CEI74)

2
Secondo oracolo. Il giusto vivrà per la sua fedeltà

1Mi metterò di sentinella,
in piedi sulla fortezza,
a spiare, per vedere che cosa mi dirà,
che cosa risponderà ai miei lamenti.
2Il Signore rispose e mi disse:
«Scrivi la visione
e incidila bene sulle tavolette
perchè la si legga speditamente.
3E' una visione che attesta un termine,
parla di una scadenza e non mentisce;
se indugia, attendila,
perchè certo verrà e non tarderà».
4Ecco, soccombe colui che non ha l'animo retto,
mentre il giusto vivrà per la sua fede.

(Testo TILC)

2

1Mi metterò di sentinella,
in piedi sulla mia torre,
starò a spiare per vedere
quel che Dio dirà,
e come risponderà ai miei lamenti.

Risposta del Signore: il giusto e l'oppressore

2Il Signore mi rispose così:
'Scrivi quel che ti rivelo,
incidilo bene su tavolette,
a chiare lettere,
perché si leggano facilmente.
3Non è ancora giunto il momento
che questa visione si avveri,
ma alla fine tutto si realizzerà,
come previsto.
Attendila con fiducia e pazienza.
Arriverà sicuramente e non tarderà.
4Scrivi così:
L'uomo infedele a Dio morirà,
ma il giusto vivrà per la sua fedeltà.
Il traditore
che si vanta delle sue imprese
e l'uomo orgoglioso sono sempre agitati.
Spalancano la bocca
come il mondo dei morti,
e come la morte non si saziano mai.
Conquistano una nazione dopo l'altra,
assoggettano tutti i popoli.

(Testo CEI2008)

2
Risposta definitiva del Signore: il giusto vivrà per la sua fede

1 Mi metterò di sentinella,
in piedi sulla fortezza,
a spiare, per vedere che cosa mi dirà,
che cosa risponderà ai miei lamenti.
2Il Signore rispose e mi disse:
«Scrivi la visione
e incidila bene sulle tavolette,
perché la si legga speditamente.
3È una visione che attesta un termine,
parla di una scadenza e non mentisce;
se indugia, attendila,
perché certo verrà e non tarderà.
4Ecco, soccombe colui che non ha l'animo retto,
mentre il giusto vivrà per la sua fede».



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Abacuc, Cap.: 1 2 3  
inizio pagina